Skin ADV
Valdinievole OGGI
  • Cerca:
  • 17:11 - 28/11/2020
  • [protetta]
  • [protetta]
  •  

Io a queste considerazioni metafisiche sulla condotta umana degli eletti , ci ho sempre creduto poco .

Se la Costituzione prevede che il rappresentante eletto rappresenti l'elettore pur non essendone .....
CALCIO

Con soli 9 punti e reduci in settimana da un avvicendamento alla guida tecnica (via il mite Frustalupi e dentro il grintoso Riolfo), gli arancioni non possono commettere altri passi falsi, se vogliono evitare le secche della bassa classifica.

CALCIO

Che la sorte di Frustalupi fosse fortemente in bilico, era la classifica stessa a dirlo.

CALCIO

Una cosa ci teniamo a dirla: noi di Valdinievole Oggi non siamo osservatori imparziali. Siamo sportivi, ci mancherebbe altro. Ma siamo tifosi della Pistoiese e soffriamo tantissimo quando vediamo la nostra squadra arrancare in questo modo.

RALLY

Si è conclusa sull’ultima pedana d’arrivo del Campionato Italiano Rally la stagione sportiva di Simone Baroncelli e Donato Bartilucci, portacolori della scuderia Jolly Racing Team impegnati sulle strade dell’ultimo appuntamento del Tricolore 2020.

CALCIO

I campionati non si vincono né si perdono a novembre. Ma per la Pistoiese non è più tempo di lasciare punti preziosi agli avversari. Come, purtroppo, è accaduto nella scorsa gara di campionato con l' Olbia che, con tutto il rispetto per la formazione sarda, non è certo un fulmine di guerra.

RALLY

Novantadue chilometri di prove speciali, le più attese della stagione, quelle che incoroneranno i campioni nazionali.

RALLY

Ha confermato il ruolo di assoluta protagonista, la scuderia Jolly Racing Team. Il sodalizio di Larciano si è infatti congedato dall’asfalto del Rally di Pomarance con il primato conquistato nel confronto tra le scuderie partecipanti.

SPORT

Autodemolizioni Dolfi, azienda leader del settore di demolizione e smaltimento dei veicoli a motore, entra nel calcio maschile e nella pallavolo femminile, supportando Sporting Casini e Progetto Volley Bottegone.

none_o

La recensione di questa settimana da parte della libreria Mondadori di Montecatini è dedicata a un libro di Donato Carrisi.

none_o

La recensione di questa settimana da parte della libreria Mondadori di Montecatini è dedicata a un libro di Valerio Massimo Manfredi.

Vivevo la vita,
che non è infinita,
senza l’offesa
del .....
VALDINIEVOLE STORICA
di Giancarlo Fioretti

Un argomento 'scomodo' e per certi aspetti 'scabroso' per la memoria collettiva.

FILIATELIA
di Giancarlo Fioretti

Dal 10 novembre è possibile acquistare il francobollo.

SCUOLA di BALLO e DANZA ACCADEMICA MARGINE COPERTA

asd " ENERGY .....
Smarrita chiavetta usb marca Lexar bianca con tappo arancione. .....
none_o
Diffamazione, violenza privata e atti persecutori: ordinanza cautelare a carico di un giornalista

17/11/2020 - 10:28

QUARRATA - I carabinieri danno esecuzione a un'ordinanza cautelare emessa dal Tribunale di Pistoia nei confronti di un giornalista ritenuto responsabile di diffamazione a mezzo stampa, atti persecutori e violenza privata.

 

I carabinieri della stazione di Quarrata, al termine di un'attività d’indagine, coordinata dalla Procura della Repubblica di Pistoia, nella persona di Claudio Curreli, hanno infatti dato esecuzione a un’ordinanza di misura cautelare emessa dal gip del locale Tribunale nei confronti di un giornalista di una testata on-line, che impone allo stesso l’obbligo di divieto di avvicinamento ai luoghi frequentati dalla persona offesa, nonché un decreto di sequestro preventivo di Pc, tablet e smartphone, in uso all’indagato.

 

Le indagini scaturite dalle numerose querele sporte dalla persona offesa, un uomo residente a Quarrata, a partire dal 24 luglio e fino al 19 ottobre scorsi, hanno consentito di accertare l'esistenza di reiterati comportamenti molesti, posti in essere soprattutto mediante la pubblicazione di espressioni spiccatamente diffamatorie sul giornale on-line "Linea Libera” e sui social network Facebook e Twitter della stessa testata. 

 

Ulteriori riscontri investigativi sono giunti direttamente dall'indagato, in quanto alcuni degli articoli pubblicati sono stati inoltrati mediante posta certificata, agli stessi carabinieri della stazione di Quarrata. In tali articoli, sosteneva l’esistenza di favori che la persona offesa avrebbe goduto da parte dell’amministrazione comunale, nonostante l'uomo colpito dall'ordinanza fosse stato informato in forma ufficiale dallo stesso Comune dell'insussistenza di tali accuse.

 

Al professionista, pertanto, è stato prescritto il divieto di avvicinamento alla persona offesa a una distanza inferiore ai 300 metri e il divieto di comunicare con essa mediante l’utilizzo di qualsiasi mezzo. Inoltre, presso la propria abitazione, veniva effettuato il sequestro preventivo di 4 personal computer, un tablet e un telefono cellulare.

Fonte: Carabinieri
 
+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra:




17/11/2020 - 18:57

AUTORE:
vincenzo

Alla fine stanno succedendo cose prevedibilissime.

In rete si butta un sasso ed avviene come il sasso nello stagno .

Le parole si rincorrono e magari si rischia di dar credito a qualcosa che , siccome molto diffuso e concordante , diviene realtà.

Allora ci si convince di aver in mano elementi veramente solidi per agire liberamente nei confronti di terzi .

Questo episodio in cui è intervenuto sia i CC sia la Procura è isolato , mentre le realtà di questo tipo sono diffusissime .

Sembra una ipnosi collettiva quella che porta persone "comuni" a divenire spregiudicati protagonisti di aggressioni e di crociate accusatorie basate sul nulla.

Ho già visto questi comportamenti negli anni 70/80 quando portai davanti al giudice un individuo che andava in giro per la CB dicendo che mia figlia si prostituiva . Glielo avevano detto e lui non perdeva occasione per ripeterlo . A quei tempi tutto si svolgeva per radio ed il microfono faceva le veci della tastiera .

Venne condannato in quanto mia figli aveva meno di due anni .

La maldicenza credo sia dai tempi in cui qualcuno cominciò ad andare in giro a dire che madre Eva , era una poco di buono . In effetti essendo solo al mondo i figli , la cosa era pesantuccia.

Nihil novi sub sole