Skin ADV
Valdinievole OGGI
  • Cerca:
  • 09:03 - 03/3/2021
  • [protetta]
  • [protetta]
  •  

Ho 52 anni e ho seguito ininterrottamente il Festival di Sanremo da quando avevo 10 anni, nel lontano 1978.
Ricordo perfettamente quell' edizione, presentata da Maria Giovanna Elmi, l'annunciatrice-fatina .....
BASKET

Dopo il turno di riposo, sostenuto a causa del rinvio della gara interna contro Virtus Cagliari, la Nico Basket sta lavorando duramente in palestra in vista del derby di ritorno contro Firenze, che si disputerà domenica 7 marzo a San Marcellino. 

BASKET

La Giorgio Tesi Group Pistoia torna alla vittoria, conquistando due punti pesantissimi sul parquet di Cento e mettendosi alle spalle il periodo negativo con una prestazione convincente sotto tutti i punti di vista.

SCI

Ottimo bilancio per il Criterium Interappenninico che ha portato, dal 23 al 26 febbraio, sulle piste dell’Abetone quasi 300 atleti delle categorie Children da nove comitati regionali. Il Criterium è stato organizzato quest’anno dal Comitato Appennino Toscano con gli sci club Coverciano, Lanciotto e Prato Play.

CALCIO

La Serie C, campionato nel quale milita la Pistoiese e nel quale è possibile iniziare a respirare l'aria del professionismo, è da sempre un torneo di carattere regionale ma con una competitività elevata, e che in alcuni casi ha fatto registrare presenze di squadre storiche.

CALCIO

È inutile storcere il naso. Quello con l' AlbinoLeffe va considerato un punto guadagnato, e non un punto perso.

RALLY

E’ pronto al “grande salto” verso il palcoscenico più blasonato del rallismo nazionale, Thomas Paperini.

CALCIO

La Us Pistoiese 1921 ha il piacere di comunicare di essersi assicurata il diritto alle prestazioni sportive del calciatore Simone Lo Faso, che ha da poco compiuto 23 anni.

BASKET

La gara interna della Nico Basket contro Virtus Cagliari, che si sarebbe dovuta disputare sabato 27 febbraio è stata rinviata, su richiesta della squadra ospite, a data da destinarsi.

none_o

La recensione di questa settimana da parte della libreria Mondadori di Montecatini è dedicata a un libro di Laura Imai Messina.

none_o

Esce il libro "Con tutto l’amore di cui siamo capaci, il  nostro modo  di essere preti".

C’è un luogo naturale
che allontana ogni male,
e trasmette .....
VALDINIEVOLE STORICA
di Giulio Cozzani

Storia e curiosità del comune di Buggiano.

VALDINIEVOLE STORICA
di Giancarlo Fioretti
SCUOLA di BALLO e DANZA ACCADEMICA MARGINE COPERTA

asd " ENERGY .....
Smarrita chiavetta usb marca Lexar bianca con tappo arancione. .....
CUCINA E DINTORNI
di Laura Linguini
Agnes Laner: favola casearia di fine anno

28/12/2010 - 9:56

Agnes Laner: favola casearia di fine anno

"Cenone di capodanno: ingredienti per 4 persone..." avranno sperato i miei cari lettori.

E invece no, lasciamo stare i grammi, i "mescolate accuratamente a fiamma moderata", i cotto e mangiato. Questa è un'altra storia; anzi, quella che voglio raccontarvi per salutare il vecchio anno, è una vera e propria favola.

La sua protagonista sembra appena uscita da un fatato mondo di elfi, fate e folletti che con le loro magie e creazioni rendono il mondo un posto più accogliente.

Dato quindi che questa è una favola, iniziamo col piede giusto...

C'era una volta, e c'è ancora, in una terra lontana lontana che i più si erano abituati a chiamare Sudtirol, un piccolo paesino, Selva Molini, adagiato in una stretta valle ai piedi di un'impervia montagna.

In questo isolato borgo, popolato per lo più da anziani pastori e contadini, abitava Agnes Laner, una dolce signora di mezzetà ma con una faticosa e caotica esistenza sulle spalle.

Le sue giornate infatti da anni ormai scorrevano simili le une alle altre, ingolfate dai mille impegni della quotidianità: il marito, i figli piccoli, la casa da gestire, il lavoro presso la scuola elementare.

Un bel giorno però la signora Agnes arrivò alla fine di una riflessione che le gironzolava in testa ormai da un po': nonostante amasse molto ciò che era riuscita a costruirsi, alla sua vita mancava senz'altro la giusta dose di entusiasmo e magia.

Inizialmente la povera Agnes si trovò in pasticci seri, perchè non sapeva proprio come dar colore a quel deprimente grigiore.

Con tenacia e pazienza, pensò di trovar risposta nei suoi ricordi di bambina, e provò a recuperare lì qualche traccia, qualche ricodo gioioso che tanto andava cercando.

Fu proprio per caso, assaggiando del formaggio grigio che tutto iniziò a muoversi vorticosamente: nonostante mangiasse quel prodotto con regolarità da anni, perchè tipico delle sue terra, e in particolare della sua valle, chiamata Aurina, improvvisamente, dal caos delle sue memorie, uscì l'immagine di sua mamma intenta a preparare in casa il più comunemente detto Graukase, uno dei principali alimenti di sussistenza della magra vita contadina, realizzato con gli scarti provenienti dalla lavorazione del burro.

A quel punto tutto fu chiaro: anche a lei avrebbe allevato delle mucche eppoi realizzato quel formaggio speciale e antico, caduto però parzialmente nel dimenticatoio, soppiantato dall'invasione di formaggi a pasta dura.

Il Graukase viene definito il " formaggio degli eccessi" perchè ha un sapore forte, anche un po' amarognolo, un odore penetrante, dovuto a componenti fermentative ed è piuttosto brutto a vedersi; si presenta infatti un po' bitorsoluto, talvolta molle e senza crosta; può anche presentare muffe fungine grigio-verdi: ed è proprio da questa sua caratteristica che prende il nome.

Inizialmente per Agnes fu necessario frequentare una scuola specifica: lì comprese quanto difficile sia la lavorazione di questo prodotto: il Graukase infatti fa parte della famiglia dei "Sauerkase", formaggi a coagulazione acida che non prevedono l'aggiunta di caglio; non inserendo niente di esterno, tutto dipende dall'esperienza e dall'abilità del casaro.

Le fasi di lavoro poi sono particolarmente lunghe e faticose:per prima cosa va scremato il latte ovvero tolto gran parte del grasso, utilizzando una centrifuga. Successivamente il liquido residuo viene portato ad una temperatura di 30° in modo che inizi la coagulazione acida. Dopo circa 12-15 ore la temperatura viene innalzata di una ventina di gradi.

La massa viene poi filtrata, lasciata scolare, ridotta in piccoli pezzettini, salta e pepata; vengono a questo punto preparate le forme, pressando il caglio sminuzzato in cestelli di plastica. Dopo pochi giorni il prodotto può essere già consumato.

Dopo moltissima prove per lo più fallimentari, Agnes Laner riuscì a realizzare il suo sogno: accanto alla sua abitazione costruì una piccola stalla dove alloggiò sei mucche e sotto la sue abitazione, in un piccolo stanzino inutilizzato, ricavò il suo laboratorio.

Ancora oggi la dolce Agnes Laner si barcamena fra i mille impegni della vita di ogni giorno, spinta anche dalla gioia che questo faticosissimo hobby le dà.

E con la sua famiglia vive felice e contenta.

Ho avuto l'onore di conoscere personalmente e di aver visto lavorare Agnes Laner, uno dei tre produttori di Graukase tutelati con presidio Slow Food; realtà così piccole, lontane da ogni logica meramente speculativa, riescono ad andare avanti, portando avanti tradizioni secolari, solo grazie all'entusiasmo e alla tenacia dei suoi creatori.

Auguro a tutti un 2011 straripante della passione e gioia, da cui sono stata invasa a Selva Molini.

Laura Linguini

 
+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra:




29/12/2010 - 14:57

AUTORE:
maria

sei brava davvero con la penna,ma aspetto qualche tua ricetta,meglio se toscana-toscana,come spero che farai.Baci
maria