Skin ADV
Valdinievole OGGI
  • Cerca:
  • 00:10 - 31/10/2020
  • [protetta]
  • [protetta]
  •  

BASKET

Dopo due sconfitte consecutive, a San Giovanni Valdarno ed in casa contro l'imbattuta Faenza, la Nico Basket, targata Giorgio Tesi Group, tenta il riscatto ad Umbertide. Quella di domenica non sarà però certamente una gara facile.

BASKET

Nel frequentatissimo punto vendita di viale Adua di Conad, platinum sponsor del Pistoia Basket 2000 che ha recentemente rinnovato il proprio supporto alla causa biancorossa, sono stati presentati ufficialmente ai media altri due tasselli del roster della Giorgio Tesi Group Pistoia.

BASKET

Dopo aver presentato giocatrici, vecchi e nuove, che difenderanno i colori della Nico Basket Femminile, targata Giorgio Tesi Group, nella stagione 2020-2021, tocca alle più piccole del roster ovvero Clarissa Mariani e Margherita Tintori.

RALLY

Si è congedata dal Trofeo Maremma con il raggiungimento del massimo risultato, Jolly Racing Team. La scuderia valdinievolina è salita sul gradino più alto del podio della gara andata in scena a Follonica nel fine settimana grazie a Tobia Cavallini, vincitore su Skoda Fabia R5.

PODISMO

Apertura nella provincia di Pistoia per i podisti con una giornata dedicata a loro a Ponte Buggianese dove la società Montecatini Marathon ha organizzato, il Gp Run10000.

CHIUSO PER COVID
BASKET

Faenza si conferma prima forza del campionato e passa al Pala Pertini dove la Nico Basket, targata Giorgio Tesi Group, ha sempre dovuto inseguire nel punteggio.

BASKET

Nell’accogliente sede pistoiese di Per Dormire, storico sponsor del Pistoia Basket 2000 che ha da poco presentato un innovativo progetto di rebranding aziendale, sono stati presentati ufficialmente ai media l’esperto lungo statunitense Deshawn Sims e la talentuosa guardia nostrana Lorenzo Querci.

none_o

La recensione di questa settimana da parte della libreria Mondadori di Montecatini è dedicata all'ultimo libro di Antonio Manzini.

none_o

Nasce "Spazio Zero" un nuovo luogo espositivo dedicato alla alla promozione delle arti contemporanee.

Mentre stavo passeggiando
ero immerso nei pensieri,
molte .....
VALDINIEVOLE STORICA
di Giovanni Torre

Nato a Vienna nel 1747 è stato Granduca di Toscana dal 1765 al 1790.

VALDINIEVOLE STORICA
di Giovanni Torre

Sono passati 40 anni dalla promozione delle Pistoiese in categoria A.

SCUOLA di BALLO e DANZA ACCADEMICA MARGINE COPERTA

asd " ENERGY .....
Smarrita chiavetta usb marca Lexar bianca con tappo arancione. .....
none_o
Una personale di Graziano Guiso a Collodi

15/10/2020 - 12:22

Pinocchio, il burattino più famoso al mondo, è il protagonista del racconto pittorico che l’artista carrarino Graziano Guiso presenta nell’area espositiva “Sala del Grillo” del Parco di Pinocchio a Collodi dal 17 ottobre al 6 gennaio 2021.


“Pinocchio ha gli occhi verdi”, a cura di Filippo Lotti, è il titolo della personale patrocinata della Fondazione Nazionale Carlo Collodi con vernissage in programma sabato 17 ottobre 2020 alle 17 (su invito).
 
«Da molti anni la mia produzione artistica – dichiara Guiso – ha incontrato il burattino di Collodi, personaggio che ho sempre amato e al quale, oggi, ho dedicato un intero ciclo pittorico. Sono profondamente legato a questa mostra, alla quale lavoro da oltre un anno, perché intrisa di significati connessi ai miei più cari affetti familiari. Il titolo "Pinocchio ha gli occhi verdi" è un chiaro riferimento a mia moglie Daniela che ha, appunto, gli occhi verdi. Il burattino ci lega per svariati motivi e questa mostra è un omaggio a quello che ho di più caro nella vita e nell'arte».
 
«Prima che una mostra – dice Lotti –, questa è una vera e propria dichiarazione d’amore. Naturalmente per il burattino più famoso al mondo ma, senza ombra di dubbio alcuno, ancor di più verso Daniela. La boutade del titolo della mostra, “Pinocchio ha gli occhi verdi”, ne è un chiaro riferimento. Daniela ha gli occhi verdi».


In questa esposizione Graziano Guiso presenta ventitré opere tutte dello stesso formato (40x40 cm) che vanno a indagare l’universo collodiano nei momenti più salienti della fiaba.


«È una storia – continua Lotti – che rappresenta un percorso di cambiamento, di trasformazione e consapevolezza attraversando mille difficoltà per giungere infine al riscatto personale e all'accettazione di sè... in una parola simboleggia la vita”.
 
“Questa mostra si inquadra perfettamente in un percorso che ho voluto introdurre anni fa, non senza una qualche iniziale difficoltà – spiega il presidente della Fondazione Collodi, Pier Francesco Bernacchi – e che prevede un susseguirsi di mostre d’arte che indagano in rapporto dell’infanzia con Pinocchio, la cui fortuna si è estesa oltre i confini del parco stesso ed è presente anche in altre mostre che la Fondazione promuove a livello nazionale e internazionale”.  
 
“Fedele alla fiaba originale, anche nei dipinti incontriamo il reale e il fantastico, il buono e il cattivo, il bene e il male. Le composizioni, in linea con il suo fare artistico, presentano forme semplici, figure dal sapore ingenuo e puro del fanciullo ma immerse in atmosfere raffinate e rarefatte, senza luogo o tempo ma costruite saldamente dal colore e dalla luce - dice Lotti - Quella di Guiso è un'esposizione che parla di amore e vita, di percorsi da affrontare e difficoltà da superare; di un colore simbolo di speranza e bellezza, che racconta di una unione salda e forte nel tempo”. 
 
Sul catalogo, editato per l’occasione, varie testimonianze di amici artisti come - tra gli altri - Claudio Cargiolli, Enzo Tinarelli, Gianfranco Tramontin e la presentazione critica curata da Barbara Enrica Manucci che scrive: «Le opere di Guiso posseggono un’istantanea solidità che rappresenta l’uomo e la sua speranza sempre viva, nonostante le tempeste e le bufere che la vita ci prospetta. Il quadro è costituito dalla combinazione di superfici ma nessuna prevale sull’altra. Attraverso l’uso del collage/decollage e dell’uso sapiente del colore, raggiunge soluzioni formali inattese per il fruitore ma non per l’artista che si è fatto abilissimo maestro d’arte.


Graziano è un pittore–poeta che gioca con gli oggetti sempre volutamente riconoscibili, come in una vanitas, per giungere ad una composizione di forme, luci e colori. Sono elementi scelti da un repertorio noto, sono conclusi, pieni di espressività, la tecnica esperta permette la cura del particolare improvviso che si staglia sullo sfondo e si imprime nella memoria. Spesso ci confrontiamo con dettagli sconcertanti, sono elementi che, anche se dissonanti, posseggono un’inquietante atmosfera di realtà».
 
La mostra, organizzata da FuoriLuogo – Servizi per l’arte, resterà aperta fino al 6 gennaio 2021, con il seguente orario: 
·         fino al 24 ottobre dalle ore 10 alle ore 19; 
·         dal 25 ottobre al 1 novembre dalle ore 10 alle 18;
·         A novembre aperta il sabato e la domenica dalle 10 alle 17;
·         Il 5/6/7/8 e 12/13 dicembdre dalle 10 alle 17
·         Dal 19 dicembre al 6 gennaio dalle ore 10 alle 17.
·      Aperta anche 1 novembre, 8 dicembre, 25 e 26 dicembre, 1 e 6 gennaio


Per info mostra: 0572 429342

Fonte: Fondazione Nazionale Carlo Collodi
 
+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra: