Skin ADV
Valdinievole OGGI
  • Cerca:
  • 07:01 - 25/1/2021
  • [protetta]
  • [protetta]
  •  

Quello che in apparenza è un problema di oggi , e cioè di questi sacchi rossi che identificano l"APPESTATO" non è cosa nuova . Nei Promessi Sposi , la vedova con figli si raccomando' a Renzo perché .....
BASKET

Col risultato finale di 82-61, tra l’altro la Nico Basket ha ribaltato la differenza canestri (all’andata era stata sconfitta di tredici lunghezze), che potrebbe essere utile per un posto migliore nei playoff in caso di arrivo alla pari in classifica.  

CALCIO

Dopo mesi e mesi trascorsi nella vana speranza che qualcosa si muova all'orizzonte, le Società iscritte ai campionati regionali di Eccellenza hanno deciso di passare all' azione. Per questo abbiamo sentito uno dei più apprezzati e stimati dirigenti sportivi della Toscana, il Direttore Generale del Montecatini Fabrizio Giovannini.

CALCIO FEMMINILE

Colpo della Pistoiese! Ecco il centrale ErriquezEleonora Erriquez, nata il 31/01/2001 arriva in arancione in prestito dall'AudaxRufina.

BASKET

Prestazione da incorniciare per la Giorgio Tesi Group Pistoia, che infligge la prima sconfitta stagionale alla capolista Forlì dopo un secondo tempo da urlo.

BASKET

Un’altra puntata del derby tra la Giorgio Tesi Group Nico Basket e la Bruschi Basket Galli San Giovanni Valdarno è previsto per sabato 23 gennaio, al Pala Pertini di Ponte Buggianese. Palla a due alle ore 21.

BASKET

L’ala-pivot di origini lituane Laura Zelnyte è stata una delle sorprese più piacevoli di questa prima parte di stagione della Gtg Nico Basket.

SPORT

Si è svolta lunedi 18 gennaio nel salone del circolo Acli di Masiano l’assemblea ordinaria elettiva valida per il rinnovo delle cariche del consiglio provinciale Csi di Pistoia.

BASKET

La Giorgio Tesi Group Pistoia cala il poker mandando al tappeto la capolista Ferrara al termine di una prestazione di grande intensità e furore agonistico, decisa solo dopo un tempo supplementare.

none_o

La galleria Me Vannucci è lieta di partecipare ad Artefiera Playlist.

none_o

Esce a gennaio Anima liquida, terzo capitolo del progetto Breaking Book.

Valle squisita,
Valle incantata,
Valle laterale al bacino .....
VALDINIEVOLE STORICA
di Giancarlo Fioretti
FILATELIA
di Giancarlo Fioretti

Il Sovrano Militare Ordine di Malta rende omaggio all'arte moderna.

SCUOLA di BALLO e DANZA ACCADEMICA MARGINE COPERTA

asd " ENERGY .....
Smarrita chiavetta usb marca Lexar bianca con tappo arancione. .....
BUGGIANO
Firmato protocollo d'intesa: dal 2021 restauro completo di Villa Bellavista

25/9/2020 - 18:13

La Soprintendenza archeologia belle arti e paesaggio di Firenze, Pistoia e Prato, l’Opera nazionale di assistenza ai vigili del fuoco e la Fondazione Cassa di Risparmio di Pistoia e Pescia insieme per il restauro di Villa Bellavista.

 

Questa mattina presso la sede della Fondazione Caript di Pistoia, è stato siglato un protocollo d’intesa tra la Soprintendenza archeologia belle arti e paesaggio per la città metropolitana di Firenze e per le province di Pistoia e Prato, l’Opera nazionale di assistenza del personale del corpo nazionale dei vigili del fuoco e la Fondazione Cassa di risparmio di Pistoia e Pescia. 

 

Il complesso monumentale “Villa Bellavista” tornerà alla sua antica bellezza grazie all’importante progetto di restauro e valorizzazione artistica che è stato avviato oggi, al quale sono intervenuti per l’occasione il Soprintendente Andrea Pessina, che ha aperto i lavori, il presidente dell’Ona Claudio Gorelli e il presidente della Fondazione Lorenzo Zogheri. Il capo del Corpo nazionale dei vigili del fuoco Fabio Dattilo, non potendo essere presente personalmente, ha seguito la presentazione ed è intervenuto tramite videoconferenza.

 

La “Villa Bellavista” fu acquistata nel 1939 dal Ministero dell'Interno che provvide al suo restauro destinandola poi all’Opera nazionale assistenza vigili del fuoco. Nel corso della sua storia ebbe utilizzi diversi, all’interno fu creata una casa di convalescenza per i vigili del fuoco e nei pressi anche una colonia elioterapica per i figli dei vigili. Con il passaggio del fronte fu per un breve periodo un ospedale militare prima tedesco e poi alleato. Negli anni ‘50 l’antica fattoria medicea venne radicalmente trasformata e ampliata per ospitare un collegio dell’Istituto nazionale per gli orfani figli di vigili del fuoco fino al 1968, quando la struttura fu chiusa e gli orfani trasferiti in altri centri. Attualmente nei locali del piano terra è allestito un museo storico del Corpo dei vigili del fuoco.

 

La ristrutturazione di “Villa Bellavista” inizierà nel 2021 e terminerà entro l’anno 2026 restituendo così un bene di proprietà pubblica alla comunità di Buggiano e all’intera Toscana reso possibile dalla cooperazione tra le amministrazioni - pubbliche e private - Soprintendenza, l’Opera nazionale di assistenza del personale del Corpo nazionale dei vigili del fuoco e la Fondazione Cassa di risparmio di Pistoia e Pescia e dove un ruolo determinante è stato svolto dal dipartimento dei vigili del fuoco soccorso pubblico e difesa civile e dal capo del Corpo nazionale.

 
+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra:




26/9/2020 - 16:12

AUTORE:
Borghigiana

Finalmente potremo rivedere il "Palazzo di Bellavista" restaurato e riportato al suo splendore.
X me cresciuta a Borgo(da tanti anni non ci vivo più) è il ricordo delle visite in occasione della "Festa in Selva" e del pane gettato ai pesci rossi della fontana, di quando da ragazzi si entrava dentro di nascosto passando da dietro quando ormai era già abbandonato.
È un opera veramente bella e una volta recuperato e reso fruibile potrà essere importante per lo sviluppo dell economia del paese e del territorio circostante.

25/9/2020 - 21:46

AUTORE:
Non importa

Lo spero tanto... ma nutro qualche dubbio. Non si parla di importi, da qualche parte ho sentito parlare di 7 milioni di euro, che mi sembrano pochissimi, per un restauro completo, a meno che per completo non si intenda risistemarla alla meglio per evitare che caschi a pezzi... e poi ina volta restaurata cosa ci facciamo? Spero non venga abbandonata come l'annessa fattoria medicea, che fu restaurata una ventina d'anni fa e da allora da quanto mi risulta è abbandonata.