Skin ADV
Valdinievole OGGI
  • Cerca:
  • 10:06 - 25/6/2022
  • [protetta]
  • [protetta]
  •  

Io non rimpiango i vecchi tempi, siamo andati sempre a migliorare sia come qualità che come durata della vita, quindi i vecchi tempi sembrano belli solo perché avevamo 20 anni. . .

Io rimpiango .....
BASKET

Il Pistoia Basket 2000 è lieto di comunicare di aver prolungato l’accordo in essere con l’atleta Daniele Magro.

TIRO CON L'ARCO

Il 25 e 26 giugno la Asd Arcieri del Micco organizzerà a Pistoia l'edizione 2022 della Coppa Italia Master Fitarco di tiro con l'arco presso lo stadio comunale.

TIRO A SEGNO

Al poligono di Tiro a segno nazionale sezione di Lucca nei due week end centrali del mese di giugno è andato in scena il Campionato regionale federale.

RALLY

Ha di che sorridere Masino Motorsport, guardando agli ottimi riscontri ricevuti dal 9° Rally Terra di Argil, andato in scena nel weekend appena concluso e secondo appuntamento della Coppa Rally di Zona 7.

PODISMO

Il caldo di questi giorni e la vicina gara di Montecatini ha tenuto lontano i podisti la edizione 2022 del <<Trail del Capitano di ventura Spadaforte>> che si e disputato nel borgo sopra Buggiano.

BASKET

Il Pistoia Basket 2000 è lieto di comunicare di aver acquisito il diritto alle prestazioni sportive dell’atleta Jordon Malik Varnado.

PODISMO

L’Atletica Montecatini,con il patrocinio dell’ amministrazione comunale hanno voluto ricordare Raoul Bellandi,factotum di tutte le iniziative sportive della cittadina termale,organizzando una gara podistica con relativo trofeo alla memoria,giunto alla dodicesima edizione.

PODISMO

Nonostante la serata calda e afosa 230 podisti hanno dato vita alla edizione 2022 della <<Sudatina Montalese – Trofeo Memorial Alessandro Ciani Avis Comunale>> , gara podistica competitiva di km 10 e ludico motoria di km 3,800, organizzata dalla locale società Gruppo Podistico Trekking e Cammino Croce Oro Montale

none_o

Consigli di lettura di Ilaria Cecchi

none_o

Sabato 25 giugno alle ore 10 inaugura al pubblico la mostra LibereForme. 

Per te, che sei per me una fiammella,
che generasti il figlio .....
IL SEGNO DEL MESE
di Sissy Raffaelli

Il segno del solstizio d'estate.

IL MONDO IN TAVOLA
di Sissy Raffaelli

Arrosto capriccioso di tacchino

E'stato scritto e pubblicato un libro sulla presenza del grande .....
cerco bilocale affitto 300 o 350 euro zona Pescia, grazie arredato. .....
CUCINA E DINTORNI
di Laura Linguini
Il panettone: origini, fratelli e lievito madre

20/12/2010 - 14:25

Il panettone: origini, fratelli e lievito madre

 

Ormai ci siamo dentro fino al collo, negare è inutile, mostrarsi cinici e anticonformisti non risolverà la questione: dolenti o nolenti il Natale è alle porte e tutti gli obblighi che questo periodo porta con sè devono, come ogni anno, essere assolti.

Se i più in questi giorni, sfidando le intemperie atmosferiche, annaspano fra i regali natalizi, spinti dall'auspicabile obiettivo di far bella figura col minimo investimento monetario, dal canto nostro non possiamo esimerci dal trattare un argomento attinente al periodo.

E Natale fa in primis rima con panettone: questo dolce milanese, scavalcati da tempo i confini del capoluogo lombardo, è diventato il simbolo gastronomico delle festività.

 

Se agli occhi del distratto fruitore questo può sembrare un esclusivo prodotto della tradizione meneghina, è in realtà banale rintracciare sulle tavole di ogni regione un meno celebre fratello del panettone: buccellato lucchese, zelten sudtirolese, bisciola della Valtellina, pandolce genovese, mecoulin valdostano, pan speziale nato a Bologna, panforte di Siena, strufoli napoletani non sono altro che pani dolci arricchiti, solitamente con frutta secca o spezie, nati dalla volontà contadina di rendere speciale un prodotto quotidiano e di facile produzione.

 

Tornando al panettone, attorno alle sue origni si sono create romantiche leggende; la più antica e celebre attribuirebbe la sua invenzione a un giovane innamorato del Quattrocento che, per ingraziarsi il padre dell'amata, fornaio, si improvvisa pasticcere, creando un pane ricco di burro, uova, zucchero, canditi, "il pan del Toni" dal nome del fornaio.

Al di là di miti e fascinose storie, assistere alla realizzazione di questo prodotto mostra come la cucina sia un mondo magico, fatto di esperienza, passione e di preziosi segreti svelati solo a chi ha lo spessore per meritarli.

Tutto parte dal lievito naturale; la sua importanza è vitale: non solo perchè il lievito deve avere la giusta forza per sostenere un impasto carico e pesante, ma anche perchè il lievito naturale dà a qualsiasi prodotto una straordinaria complessità di profumi. Ogni maestro mantiene in vita da anni il proprio lievito, che necessita di cure e nutrimenti quotidiani, perchè la rete di microrganismi batterici è una creatura che continuamente si modifica, la cui acidità, dovuta alla fermentazione, deve essere mantenuta sotto controllo. Il pasticcere con il solo olfatto è in grado di comprendere lo stato di maturazione del lievito: gesti carichi di esperienza, profonda conoscenza delle materie prime permettono di stabilire se il lievito è pronto per essere utilizzato.

 

Per conoscere tutta la magia del lievito naturale vi consiglio di visitare il sito www.gennarino.org/lievitonatu.

Il panettone ha poi bisogno di due impasti, uno della sera e uno della mattina, con altrettante lievitazioni, le cui tempistiche possono essere comprese solo da mani di artgiani navigati.

Finita la cottura, i panettoni vengono immediatamente infilzati con un lungo ferro e appesi a testa in giù in modo che i dolci non ricadano su se stessi.

Se fino ad oggi siamo abituati a mangiare questo prodotto solo durante Natale e dintorni, è degli ultimi anni è la proposta di molti pasticceri di sdoganare definitivamente il panettone e propornendone la vendita durante tutto l'anno; fra questi c'è anche Igino Massari, proprietario della pasticceria Veneto di Brescia, il cui panettone è ritenuto da molti il migliore d'Italia.

 

Riuscirà questa liberazione a intaccare la magia che ruota attorno a questo tradizionale dolce? Non c'è forse un tempo per ogni cosa? E non è forse vero che l'attesa prolunga il piacere?

Per adesso gustiamoci neve e panettone, buon appetito.

ps Appello importantissimo a tutti coloro che hanno il desiderio di consumare prossimamente del panettone: non affogate questo povero dolce in prosecchi, spumanti secchi, champagne o simili.

Se i vini secchi e frizzanti sono ideli per aprire un pasto perchè la loro effervescenza stuzza l'appetito dei commensali, causano la morte del palato se affiancati ad un dolce.

I dessert hanno sempre bisogno di vini dolci: l'abbinamento secco-dolce provoca la mortificazione della pietanza, svilita dall'infelice accostamento, e del vino percepito in questo caso come amaro e sgradevole.

Per concludere, bevete col panettone ad esempio del moscato o un passito, una malvasia.

Fermiamo questo orrendo massacro che va avanti ormai da troppo tempo.

Laura Linguini

 
+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra: