Skin ADV
Valdinievole OGGI
  • Cerca:
  • 10:07 - 11/7/2020
  • [protetta]
  • [protetta]
  •  

Dignene bibbi!
Ammorbano il mondo questi fascistoidi, vero bibbi?
Sempre pronti a offenderci e solo perché noi siamo a favore dell'immigrazione clandestina. Se poi delinquono allora sì che questi .....
IPPICA

All’Ippodromo Snai Sesana di Montecatini Terme giovedì sera molto interessante nonché primo appuntamento della nuova settimana di luglio al Sesana di Montecatini, arricchito dalla presenza dei primi tre driver della classifica nazionale.

BASKET

Il Social Camp, rivolto a ragazzi e ragazze amanti della pallacanestro, si terràdal 13 al 27 luglio e coinvolgerà giocatori professionisti e personalità del mondo della palla a spicchi pronti ad animare un intenso palinsesto online di allenamenti, lezioni pratiche e consigli per migliorare la propria tecnica.

BASKET

La pallacanestro ha ripreso a scaldare i motori anche negli Stati Uniti. Aspettando che riprenda la stagione Nba, a partire dallo scorso 4 luglio è partita la manifestazione “The Basketball Tournament”.

BASKET

Il Pistoia Basket 2000 è lieto di comunicare di aver prolungato l'accordo in essere con l'atleta Carl Anton Delroy Wheatle.

LARCIANO

Un ritorno all’agonismo che ha assecondato le aspettative, quello che ha interessato la scuderia Jolly Racing Team sulle strade del Rally Internazionale Casentino, appuntamento salito alla ribalta delle cronache sportive nazionali nelle vesti di prima gara a calendario dopo lo stop imposto a causa dell’emergenza epidemiologica da Covid-19.

BOCCE

Decisioni federali che fanno piacere alla Bocciofila Montecatini Avis.

IPPICA

All’Ippodromo Snai Sesana di Montecatini Terme giovedì sera giovedì con le corse al trotto e il Premio Galiera As in evidenza, ovvero una prova sui 1640 metri per discreti soggetti di 3 anni.

none_o

La recensione di questa settimana da parte della libreria Mondadori di Montecatini è dedicata a un finalista del Premio Strega.

none_o

Da sabato 4 luglio fino a domenica 4 ottobre sarà possibile visitare l’esposizione "Ciao Italia!".

Quando c’è la Luna nel suo quarto
e la campagna avvolta nella .....
FILIATELIA
di Giancarlo Fioretti

Il francobollo in ricordo Amato, il giudice che scoprì le trame eversive dell'estrema destra

VALDINIEVOLE STORICA
di Giancarlo Fioretti
Smarrita chiavetta usb marca Lexar bianca con tappo arancione. .....
cerco qualsiasi mansione x impegno mia giornata sono dinamico .....
PESCIA
L’amministrazione comunale blocca in autotutela le due installazioni telefoniche di Aramo e Veneri

23/6/2020 - 23:57

Verrà bloccata con provvedimento, con una azione di autotutela, l’installazione delle due antenne di telefonia mobile di Aramo e Veneri da parte dell’amministrazione comunale. Era questo l’impegno preso dal sindaco Oreste Giurlani dopo l’incontro con i cittadini di Aramo dei giorni scorsi, durante  il quale il primo cittadino aveva dichiarato di non sapere nulla di questo iter assolutamente tecnico dell’antenna.

Partendo da questa linea e da questo impegno, la giunta Giurlani dopo giorni di verifiche e analisi sui percorsi che hanno portato a consentire la realizzazione di questi due impianti, che ancora non sono in uso, ha stabilito insieme agli uffici come procedere.

Quello che gli assessori Annalena Gliori e Fabio Bellandi, insieme al sindaco Oreste Giurlani, hanno verificato è che la procedura di autorizzazione, che non prevede discrezionalità politica, è mancante del passaggio della pubblicizzazione, come previsto dalla legge Gasparri.

In altre parole questo procedimento autorizzativo non passa dalla giunta o dal consiglio, ma viene rilasciato d’ufficio, una volta acquisiti tutti i pareri necessari che riguardano l’assenza di vincoli tecnici (paesaggistico e via dicendo), acquisito poi il relativo parere Arpat, fondamentale per la valutazione del rischio per la salute dei cittadini.

La mancata pubblicizzazione, come previsto dal decreto legge Gasparri del 2003 e modifiche successive che regola la materia, prevede un passaggio pubblico che non è stato svolto e per questo l’amministrazione comunale può bloccare l’iter, in attesa di mettersi a un tavolo con i gestori telefonici per ridefinire alcuni aspetti, fra i quali la collocazione fisica delle antenne.

Tutto questo in attesa di realizzare un piano per la telefonia mobile, mai realizzato a Pescia così come non era mai stata effettuata la pubblicizzazione dell’installazione delle antenne che sono da anni presenti.  

Con l’approvazione definitiva del piano operativo, strumento urbanistico del Comune atteso da ben 20 anni, potrà essere redatto anche il piano per la telefonia mobile, che privilegerà sicuramente l’installazione di questi impianti su area pubblica, in modo da fare ricadere su tutti i cittadini i vantaggi economici di queste antenne.

“Nei prossimi giorni, in giunta, porteremo un provvedimento di ricognizione di tutta la situazione attuale e in fase di richiesta, da mettere agli atti e procedere con la redazione del piano della telefonia che, in ogni caso, non poteva essere realizzato fino a che non fosse approvato e esecutivo il piano operativo - dice l’assessore allo sviluppo economico Annalena Gliori -. Ci scusiamo con le popolazioni di questa nostra mancanza di informazione e poco importa se a Pescia questa procedura non è stata mai attivata. D’ora in avanti con il piano della telefonia mobile il percorso sarà ancora più chiaro e trasparente. Del resto la nostra sensibilità sul tema delle emissioni elettromagnetiche non è in discussione, come dimostra il provvedimento che abbiamo adottato sul 5 G”.

Su questo tema, infatti, lo scorso febbraio la giunta municipale ha approvato una delibera che fissa una serie di principi operativi che l’amministrazione comunale seguirà nella gestione di questa fase iniziale dell’introduzione del 5G. In essa la giunta esclude la possibilità che sia fatta alcuna sperimentazione a Pescia, prima della valutazione di  tutte le analisi e gli studi sugli effetti sulla salute delle persone, preferendo in ogni caso le alternative come il cablaggio e la fibra, in attesa che vengano sciolte tutte le perplessità  sul 5G.

Fonte: Stampa Giurlani
 
+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra:




4/7/2020 - 13:00

AUTORE:
Roberto S.

Caro Vincenzo, leggo sempre con molta attenzione i tuoi commenti, senza mai riuscire a capire cio' che vuoi dire.
Mi servirebbe un traduttore simultaneo !
Comunque le antenne le metteranno , sia a Veneri che ad Aramo.
Perche' il popolo me compreso , fara' a meno del pane , ma non di internet o del cellulare !

29/6/2020 - 6:39

AUTORE:
vincenzo

normalmente , secondo le bassanini , il dirigente dell'ufficio tecnico .
Partendo dall'assessore ed arrivare a tale persona, è possibile chiedere direttamente i perché ed i come . Basta rivolgersi in segreteria.

27/6/2020 - 14:25

AUTORE:
Diegundo

Ma secondo voi se manca solo l'antenna e tutto il basamento è pronto con tanto di cartello affisso con i permessi.Chi avrà firmato tutto ciò?

24/6/2020 - 14:50

AUTORE:
donatello

Allora il Comune blocca se stesso per ca...te pregresse. Infatti si tratta o di un colpo di mano dell'Ufficio tecnico o dell'impotenza coeundi dell'ufficio legislativo , o di chi cavolo . Certo è che senza antenne , niente uso della rete , della possibilità dell'uso mobile e di tutto ciò che è connesso .
L'infantilismo del popolo bue che allo stato della tecnica non vuole l'antenne , ma il servizio attraverso le quali , si assicura.
Come votare LEGA pensando di risolvere il problema dei migranti .

24/6/2020 - 12:55

AUTORE:
Roberto S.

Il sindaco dara'il via all'antenna solo quando sara' tutto regolare come da legge prescrive.
Poi le lamentele saranno inutili.
Ognuno di noi ha cellulari e internet, quindi......

24/6/2020 - 11:11

AUTORE:
luciano

Se la società telefonica, vista la pericolosità dell'antenna e della linea, staccasse tutto, e a seguire le altre, la montagna , rimarrebbe senza copertura, le attività turistiche , in gran parte potrebbero chiudere, e gli altri abitanti si arrangino con i vecchi telefoni fissi, chi ancora ce l'ha.
Poi magari sono gli stessi che si arrabbiano perchè non và internet o perchè non riescono ad andare su facebook.....ridicoli. E il sindaco gli và dietro....in che mani siamo.