Skin ADV
Valdinievole OGGI
  • Cerca:
  • 04:09 - 20/9/2020
  • [protetta]
  • [protetta]
  •  

Giusto, salviamo la Toscana dagli incompetenti. Una regione così bella in mano a un burattino manovrato dall'alto sarebbe una sciagura. Tutta la destra è convinta di vincere, ma questa non è una .....
CALCIO

A seguito delle votazioni dell'assemblea dei soci del gruppo Cuori Arancioni, tenutasi in data 17 settembre presso la sede nei locali del bar Aurora, pubblichiamo le nuove cariche sociali valide per la stagione sportiva 2020/2021.

BASKET

Prosegue la preparazione della Nico Basket Femminile, in vista dell’esordio di sabato 3 ottobre a Bolzano, e una delle più eccitate all’idea di ricominciare a fare sul serio è sicuramente Marta Tesi, guardia del 2003.

MOTOCROSS

Il team JK Racing di Pieve a Nievole è stato impegnato in una settimana intensa con ben 3 appuntamenti di gare sul circuito Monte Coralli di Faenza. 

RALLY

Dopo nove mesi di pausa torna in gara il montecatinese Leonardo Pucci, con la sua Renault Clio RS.

BASKET

Nel programma di preparazione, sabato 12 settembre, la squadra guidata da Luca Andreoli ha effettuato un altro allenamento congiunto con la Cestistica Spezzina.

BASKET

Sara De Luca è una delle ragazze dell’Under 18 aggregate alla prima squadra.

RALLY

E’ ancora all’insegna dei riflettori nazionali che Jolly Racing Team ha archiviato il fine settimana agonistico.

BOXE

Nella giornata di sabato 12 si è svolto il collegiale regione Toscana.

none_o

Riprendono, dopo la pausa forzata, i corsi di pittura e disegno presso lo studio dell'artista pistoiese Paolo Beneforti.

none_o

La recensione di questa settimana da parte della libreria Mondadori di Montecatini è dedicata a un libro di Beppe Severgnini.

Una terra con tanta storia,
se la percorri non ti annoia,
ogni .....
VALDINIEVOLE STORICA
di Giovanni Torre

Sono passati 40 anni dalla promozione delle Pistoiese in categoria A.

VALDINIEVOLE STORICA
di Giovanni Torre

Ecco dove si trovavano i bocciodromi, allora chiamati “pallai”.

Smarrita chiavetta usb marca Lexar bianca con tappo arancione. .....
cerco qualsiasi mansione x impegno mia giornata sono dinamico .....
PROVINCIA
"Bambi" e l'istrice nel caminetto: le storie dei carabinieri biodiversità a Cireglio e Buggiano

28/5/2020 - 9:53

Nella provincia di Pistoia il reparto carabinieri biodiversità ha il delicato compito di gestire un patrimonio naturale unico nell'intero complesso dell'Appennino: le riserve biogenetiche di Abetone, Pian degli Ontani e la riserva biogenetica e Orientata di Campolino a cui si va ad aggiungere la riserva biogenetica di Acquerino, localizzata a una quota meno elevata. Le prime sono infatti caratterizzate dall’elevata altitudine e da una morfologia accidentata in cui a macereti e a balzi rocciosi si alternano depressioni di origine post-glaciale (Le Lamacce), piccoli laghi (Lago del Greppo) e pendici ricche di boschi.


L'Abetone si distingue per la presenza di storici impianti di abete bianco risultato di una mirabile attività colturale protratta per secoli, Pian degli Ontani per le faggete monumentali, derivate dalla conversione di boschi utilizzati in passato per la produzione di carbone impiegato nelle numerose ferriere della zona, Campolino per i nuclei autoctoni di abete rosso di origine glaciale di elevatissimo interesse scientifico e per alcune torbiere ricche di specie alpine situate al limite inferiore del loro areale di distribuzione. 

I carabinieri del reparto biodiversità, unitamente a quelli del gruppo carabinieri forestale, da decenni si occupano con amore e professionalità del nostro territorio, della sua fauna e della sua flora, proteggendo un patrimonio invidiatoci da tutto il mondo, assicurando, unitamente ai carabinieri della territoriale, controlli agroalimentari e nel campo della sicurezza, anche in merito all’applicazione delle misure per la protezione dal Covid-19

In quest’ambito si inquadrano due comunicati dei rispettivi reparti forestale, uno relativo al salvataggio di un’istrice e uno relativo al rinvenimento di un piccolo “Bambi”.

Cosa può esserci di più tenero e dolce di un cucciolo indifeso e apparentemente abbandonato? A maggior ragione se ci appare solo, nel mezzo di un bosco ed impaurito. E che dire se a tutto ciò si aggiunge che si tratta di un cucciolo di capriolo. Deve essere ciò che ha percepito un assistente tecnico intervenuto sulle linee telefoniche in località Stazzana, nei pressi di Cireglio nel pomeriggio di martedì 26 maggio.

Nella certezza di compiere un gesto caritatevole e di solidarietà con il piccolo di capriolo, il rinvenitore lo ha condotto ad un vicino cantiere edile, dove uno degli operai a lavoro ha avvisato i carabinieri che sono prontamente intervenuti attivando la pattuglia in servizio 1515 (numero di emergenza ambientale dei carabinieri forestali). Sono giunti sul luogo della segnalazione i carabinieri forestali del nucleo tutela biodiversità di Abetone che, dopo aver constatato le condizioni del piccolo, hanno provveduto a contattare e a consegnare il cerbiatto al centro di recupero “Associazione Amici della Terra onlus” operante per la Asl veterinaria della città metropolitana di Firenze.

Il piccolo è sicuramente in buone mani, ma il finale avrebbe potuto essere certamente più lieto. I cuccioli di animali selvatici infatti, a meno che non vengano trovati in grande difficoltà o feriti, non devono essere prelevati dal loro ambiente naturale. Quello che può essere interpretato dall’uomo come uno stato di abbandono è solo una delle condizioni tipiche della selvaticità degli animali. I cuccioli selvatici, infatti, nello specifico i più piccoli, non seguono le madri in cerca di cibo, ma rimangono in attesa del loro ritorno, nascosti nei propri rifugi. Il prelievo di un cucciolo da parte dell’uomo, seppur dettato da un profondo e sincero sentimento di tenerezza e dall’idea di soccorrerlo, provoca una separazione del piccolo dalla madre che si traduce in un periodo prolungato senza allattamento che, per i più piccoli, può causare un forte indebolimento e nella maggior parte dei casi lo destina ad un sicuro abbandono da parte della madre stessa. Infatti, l’odore derivante dal contatto dell’uomo con il cucciolo inibisce la madre ad avvicinarlo nuovamente, costringendola così all’abbandono.

Dunque, il più grande gesto di amore e di rispetto che possiamo compiere nei confronti degli animali selvatici è lasciarli laddove vengono avvistati e non toccarli, ma, nel dubbio che siano in difficoltà, contattare il numero di emergenza ambientale 1515 o il numero unico di emergenza 112 e rappresentare la situazione ai carabinieri forestali che forniranno le giuste indicazioni per la salvaguardia degli animali selvatici.

Di diversa natura invece l’intervento del gruppo carabinieri forestale: alla stazione carabinieri forestale di Pescia la sera del 28 giungeva la segnalazione di un cittadino su una “intrusione” anomala. Un istrice (Hystrix Cristata) si era infatti intrufolato nell’abitazione sita in Buggiano cercando poi riparo all’interno del forno a legna del chiamante. I carabinieri forestali intervenivano e, dopo non poche difficoltà per non traumatizzare il roditore, riuscivano, insieme a personale dell’associazione “amici della terra” a recuperarlo per affidarlo poi al servizio recupero fauna selvatica della Regione Toscana.

Fonte: Carabinieri
 
+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra: