Valdinievole OGGI La Voce di Pistoia
  • Cerca:
  • 15:07 - 14/7/2024
  • [protetta]
  • [protetta]
  •  

Già da tempo ho osservato e fatto presente la crescente insicurezza di Ponte Buggianese circa il vivere onesto e civile dei suoi cittadini, mentre invece questa insicurezza stà aumentand0 passando dai .....
BASKET

La società cestistica Gema Pallacanestro Montecatini, nata nell’estate 2023, è orgogliosa di annunciare una importante sinergia commerciale e non solo, che va ad implementare di contenuti e significati il percorso di Gema allestimenti veicoli commerciali nel mondo del basket.

PODISMO

Al centro sportivo intitolato al grande presidente della Repubblica Italiana Sandro Pertini ha preso il via l’edizione numero 6 del ‘’Trofeo Festa dell’Unità’’, gara podistica competitiva sulla distanza di km 7,500 

BASKET

Il vicepresidente di A.S. Estra Pistoia Basket 2000 Massimo Capecchi, a tutela della sua onorabilità e dell’operato portato avanti oramai da decenni all’interno del club, ritiene necessario specificare alcuni punti.

BASKET

Fabo Herons Montecatini ha il piacere di annunciare l'ingaggio del giovane play-guardia Giulio Giannozzi, classe 2005, 1,90 cm di altezza che andrà a far parte della rosa della prima squadra allenata da Federico Barsotti.

CALCIO

Gradito ritorno a Larciano per Leonardo Antonelli, esterno mancino classe 2002.

IPPICA

All’Ippodromo Snai Sesana di Montecatini Terme è stato un bel mercoledì di trotto valido per l’8^ giornata stagionale.

PODISMO

Nuova settimana top per gli scatenati podisti della Silvano Fedi, con il sodalizio biancorosso giunto a 80 successi stagionali.

BASKET

Con l’inizio dell’estate, si può considerare archiviato in maniera particolarmente positiva il primo anno di partnership fra A.S. Pistoia Basket 2000 e Gonzaga University.

none_o

Orsigna Montagna Maestra, questo il titolo della mostra fotografica di Alexey Pivovarov.

none_o

Al Castello di Cireglio, Pistoia, domenica 14 luglio, dalle ore 17.

Ferragosto nella valle
quanto caldo che mi assale.

La grande .....
ZODIACO
di Sissy Raffaelli

Oroscopo luglio 2024.

IL SEGNO DEL MESE
di Sissy Raffaelli

Segno del mese.

Se avete Perdite occulte sulle vostre tubazioni, abbiamo sempre .....
L'agenzia formativa e per il lavoro Cescot Pistoia ricerca addetto/ .....
PESCIA
Riparte a pieno l'attività culturale del circolo Arci di Vellano: si parla del cinipide sui castagni

24/5/2020 - 11:04

Riparte a pieno l'attività culturale del circolo Arci di Vellano dopo l'emergenza coronavirus  e riparte monitorando la presenza del cinipide sui castagni che ricoprono le  montagne del pesciatino e della Toscana centrale in generale. Sull'argomento, molto sentito dai coltivatori locali che producono farina di castagne di alto pregio, Roberto Franchini rende noto un documento appositamente predisposto dall'istituto lucchese per la documentazione sul castagno e la ricerca forestale, in modo di dare una risposta altamente qualificata in materia:
 
In  questa  stagione  i  castagni  stanno  emettendo  nuove  foglie  e  nuovi  getti  e come ogni anno si parla dei danni prodotti dalle galle dovute al cinipide (Dryocosmus koriphilus). Dare una valutazione sulla presenza e sui danni prodotti dal cinipide del castagno richiede però un’analisi attenta della situazione e soprattutto il tener conto di aspetti specifici variabili da areale ad areale e di alcuni dati che i ricercatori cercano di render noti al mondo dei selvicoltori e degli appassionati è imprescindibile. In primo luogo va chiarito che l’introduzione del parassitoide Torymus sinensis (l’insetto  buono  che  si  nutre  delle  larve  del  cinipide)  non  può  produrre  la  totale scomparsa del cinipide stesso, ma può solo limitarne numericamente la presenza. In natura infatti è molto difficile che il predatore ‘distrugga’ totalmente la popolazione della  sua  preda  e  ciò  per  il  semplice  motivo  che,  mancando  la  preda,  il  predatore stesso  si  estinguerebbe.  Quindi  nei  castagneti,  anche  dopo  i  lanci  del  Torymus,  le galle  saranno  sempre  presenti,  probabilmente  con  annate  o  periodi  di  maggior infezione  ed  annate  di  minor  presenza.  Si  viene  cioè  a  creare  una  canonica fluttuazione ciclica delle due popolazioni di insetti. Chiarito questo aspetto si deve aggiungere che per valutare quale sia l’effetto delle  galle  sulla  fogliazione  e  sulla  fioritura  si  deve  aspettare  ancora  qualche settimana,  infatti  è  ancora  troppo  presto,  dato  il  periodo  stagionale,  per  poter osservare la completa crescita e distensione delle foglie e quindi anche per valutare in pieno  la  posizione  e  l’effetto  che  la  presenza  delle  galle  può  avere  non  solo  sulla chioma, ma anche e soprattutto sull’allungamento dei nuovi getti (rametti). Infine  deve  essere  chiarito  un  aspetto  importantissimo,  che  purtroppo  viene spesso trascurato. Se si osservano piante coltivate in modo corretto ed in buon stato di salute, si vede che esse reagiscono molto meglio all’attacco del cinipide rispetto alle piante  che  versano  in  cattivo  stato  vegetativo.  I  meccanismi  fisiologici  che permettono ai castagni di reagire al cinipide sono tutt’ora oggetto di studio, ma è un fatto  che  allo  stato  attuale  le  zone  d’Italia  in  cui  la  coltivazione  del  castagno  è praticata con maggiore attenzione ricorrendo alle corrette potature, alla concimazione e  quando  possibile  gestendo  castagneti  siti  in  luoghi  poco  soggetti  alla  siccità,  i risultati  sono  di  gran  lunga  più  incoraggianti.  E’  quindi  molto  fuorviante  valutare l’impatto  del  cinipide  su  castagneti  in  totale  abbandono  e  siti  in  luoghi  che,  con  il cambiamento del  clima, sono ormai eccessivamente caldi e secchi. Spesso in questi luoghi  si ha  una  maggior infestazione  anche di  altre malattie,  ad  esempio il  cancro corticale. Fatalmente, in tali situazioni, anche se i lanci del Torymus sono stati fatti, si osserveranno  molte  galle  in  grado  di  danneggiare  pesantemente  le  foglie  e  i  nuovi getti. Sarebbe  molto  importante  che  gli  enti  preposti  facessero  un  serio  sforzo  per diffondere le buone pratiche di coltivazione, in mancanza delle quali, con i patogeni presenti e le condizioni climatiche attuali, lo stato di salute dei castagni, sovente, non può che risultare mediocre. 

 
+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra: