Skin ADV
Valdinievole OGGI
  • Cerca:
  • 21:01 - 25/1/2021
  • [protetta]
  • [protetta]
  •  

Quello che in apparenza è un problema di oggi , e cioè di questi sacchi rossi che identificano l"APPESTATO" non è cosa nuova . Nei Promessi Sposi , la vedova con figli si raccomando' a Renzo perché .....
BASKET

La Giorgio Tesi Group Pistoia ingrana la sesta marcia, battendo la Lux Chieti con il punteggio di 86-74 e chiudendo nel migliore dei modi il trittico del PalaTerme.

BASKET

Col risultato finale di 82-61, tra l’altro la Nico Basket ha ribaltato la differenza canestri (all’andata era stata sconfitta di tredici lunghezze), che potrebbe essere utile per un posto migliore nei playoff in caso di arrivo alla pari in classifica.  

CALCIO

Dopo mesi e mesi trascorsi nella vana speranza che qualcosa si muova all'orizzonte, le Società iscritte ai campionati regionali di Eccellenza hanno deciso di passare all' azione. Per questo abbiamo sentito uno dei più apprezzati e stimati dirigenti sportivi della Toscana, il Direttore Generale del Montecatini Fabrizio Giovannini.

CALCIO FEMMINILE

Colpo della Pistoiese! Ecco il centrale ErriquezEleonora Erriquez, nata il 31/01/2001 arriva in arancione in prestito dall'AudaxRufina.

BASKET

Prestazione da incorniciare per la Giorgio Tesi Group Pistoia, che infligge la prima sconfitta stagionale alla capolista Forlì dopo un secondo tempo da urlo.

BASKET

Un’altra puntata del derby tra la Giorgio Tesi Group Nico Basket e la Bruschi Basket Galli San Giovanni Valdarno è previsto per sabato 23 gennaio, al Pala Pertini di Ponte Buggianese. Palla a due alle ore 21.

BASKET

L’ala-pivot di origini lituane Laura Zelnyte è stata una delle sorprese più piacevoli di questa prima parte di stagione della Gtg Nico Basket.

SPORT

Si è svolta lunedi 18 gennaio nel salone del circolo Acli di Masiano l’assemblea ordinaria elettiva valida per il rinnovo delle cariche del consiglio provinciale Csi di Pistoia.

none_o

La recensione di questa settimana da parte della libreria Mondadoiri di Montecatini è dedicata a un libro di Toshikazu Kawaguchi.

none_o

La galleria Me Vannucci è lieta di partecipare ad Artefiera Playlist.

Valle squisita,
Valle incantata,
Valle laterale al bacino .....
VALDINIEVOLE STORICA
di Giancarlo Fioretti
FILATELIA
di Giancarlo Fioretti

Il Sovrano Militare Ordine di Malta rende omaggio all'arte moderna.

SCUOLA di BALLO e DANZA ACCADEMICA MARGINE COPERTA

asd " ENERGY .....
Smarrita chiavetta usb marca Lexar bianca con tappo arancione. .....
none_o
In tanti contro parole capogruppo Fratelli d'Italia: "Parole primitive, sindaco dov'è?"

18/5/2020 - 10:39

PISTOIA - Sulla vicenda del consigliere di Fratelli d'Italia Lorenzo Galligani registriamo altri interventi.

 

Il primo è di Aldo Bartoli, presidente provinciale dell'Anpi.


"Ci è stato segnalato da più parti un post pubblicato su Facebook ed eliminato dopo circa mezz'ora, che non riteniamo opportuno riproporre qui per non favorirne la diffusione. Ne è autore un consigliere comunale di Pistoia, capogruppo di Fratelli d’Italia, nel cui merito non possiamo non esprimere una ferma condanna, ma anche il nostro sconcerto di membri del Cudir (Comitato unitario per la difesa delle istituzioni repubblicane), la storica istituzione pistoiese presieduta dal sindaco. 
 
Nello scritto del giovane consigliere abbiamo, infatti, riconosciuto e rivissuto con raccapriccio la medesima ideologia e lo stesso stato d'animo che nel lontano 1937 portarono al brutale massacro di Addis Abeba e a quello di Debre Libanos: dimenticate (nel nostro Paese) stragi di migliaia di civili etiopi, musulmani e cristiani copti e alla distruzione di migliaia di capanne, come rappresaglia e repressione da parte di civili italiani, militari del Regio Esercito e squadre fasciste, a seguito del fallito attentato contro il viceré d'Etiopia Rodolfo Graziani. 
 
Identici e primitivi ci appaiono il desiderio di vendetta, l'istinto alla violenza e alla sopraffazione e il disprezzo della legalità e del diritto internazionale. Per questo invitiamo il sindaco a richiamare formalmente il consigliere a comportamenti consoni alla carica che ricopre e al rispetto della legge Mancino (25 giugno 1993, n. 205), che sanziona e condanna gesti, azioni e slogan aventi per scopo l'incitazione alla violenza e alla discriminazione per motivi razziali, etnici, religiosi o nazionali Invitiamo coloro che hanno a cuore i valori e i principi della nostra Costituzione antifascista a opporsi in ogni modo al linguaggio dell’odio, oggi così ricorrente fra coloro il cui unico scopo è la diffusione del disprezzo, della discriminazione e della violenza verso chiunque, per libera scelta o per condizione personale, non si rifaccia ad un determinato stereotipo di normalità".

 

Il secondo intervento è del gruppo Amo Pistoia.

 

"Sulla vicenda che ha visto protagonista il consigliere Lorenzo Galligani, Amo Pistoia esprime apprezzamento per il comunicato con cui il capogruppo di Fratelli d'Italia ha chiarito la propria posizione, scusandosi per quanto scritto su Facebook, considerato anche il ruolo istituzionale nella maggioranza di governo che lo stesso ricopre.
 
Pur comprendendo l'intento di condannare con forza i terroristi che hanno rapito Silvia Romano, non possono ovviamente essere avvallate le espressioni utilizzate da Galligani.
 
Amo Pistoia, quindi, si dissocia nettamente dai toni usati nel post su Facebook, i cui contenuti non sono certo consoni e vicini ai nostri pensieri e alla nostra sensibilità".
 
Quindi l'intervento del Pd.
 
"Riteniamo che, dopo la larghissima indignazione arrivata da tutta la città e anche ben oltre in merito alle uscite del capogruppo di Fratelli d'Italia sul caso Silvia Romano e contro la comunità islamica, il sindaco non possa tirarsi indietro da posizioni chiare.Riteniamo già molto grave che sia passato un giorno intero senza che abbia sentito il bisogno di chiarire o prendere le distanze: questo già basterebbe a capire molte cose.Non possono più bastare le rassicurazioni, le buone parole e gli atti votati turandosi il naso. Pistoia merita di sapere, una volta per tutte, quale sia il vero volto della maggioranza che lo governa: se quello di una destra estrema e che strizza l'occhio alla peggiore violenza verbale, oppure no.La comunità di questa città, medaglia d'argento al valore civile, ha già sopportato troppi silenzi e lasciato passare troppi atteggiamenti  promiscui.

Riteniamo necessario che il consigliere si dimetta, per rispetto alla cittadinanza, e che il sindaco cominci, almeno dopo 3 anni, a svolgere un ruolo chiaro: i silenzi per risolvere gli imbarazzi, non bastano più".
 
Questo l'intervento congiunto di Partito Democratico di Pistoia, l’Unione comunale Pd Pistoia, la Conferenza delle Donne Democratiche di Pistoia e  i Giovani Democratici di Pistoia.

 

"Stigmatizziamo e condanniamo quanto scritto dal consigliere comunale Lorenzo Galligani.
 
Sono state usate parole inaccettabili espressione di odio, violenza e rancore contro una donna, contro una religione e contro cariche dello Stato, quest’ultime definite “buffoni maledetti”.
 
Sono state usate espressioni atroci che raccontano il “sogno” di uno Stato italiano che si macchia di torture e uccisioni barbare, indegne per un qualsiasi Stato di diritto, nei confronti non solo di sequestratori e terroristi ma anche dei loro familiari “fino al sesto grado”, evidentemente colpevoli del loro patrimonio genetico, ricordando nemmeno tanto vagamente ben altri tipi di persecuzioni.
 
Il peso di queste parole è come quello di un macigno, perché espresse non solo da un adulto della nostra comunità, e questo basterebbe, ma da un membro del consiglio comunale e capogruppo di Fratelli d’Italia, principale partito di maggioranza che esprime il sindaco Alessandro Tomasi.
 
Quanto è successo costituisce una ferita profonda per l’intera comunità pistoiese, perché contrario a tutti i principi ed i valori di cui il nostro ordinamento, la nostra Repubblica e la nostra Costituzione sono portatori, ed essa necessita non solo di una decisa condanna da parte di tutti ma anche di provvedimenti ulteriori che tentino di rimarginarla.
 
Per questo, chiediamo le dimissioni del consigliere comunale Lorenzo Galligani e chiediamo al sindaco, alla giunta comunale e al consiglio comunale di prendere le dovute distanze rispetto ad espressioni violente e pensieri di odio e razzismo.
 
Vi invitiamo a sottoscrivere la raccolta firme, indetta sulla piattaforma change.org  con il nome “Dimissioni del consigliere comunale Galligani (Pistoia)”, a sostegno della richiesta di dimissioni e della richiesta di presa di distanza da parte delle autorità prima indicate. 
link della petizione: http://chng.it/Y67dkXLt ".

 

Questo infine l'intervento di Sinistra Italiana.

 

"Sinistra Italiana di Pistoia ha perseguito in questi giorni l’intento di unire forze politiche ed associazioni della Rap (Rete antifascista pistoiese) per una risposta più forte ed incisiva da organizzare contro le gravi esternazioni del consigliere comunale Galligani.

 

Sarebbe stata anche l’occasione per richiedere come Rap la riunione d’urgenza del Comitato unitario in difesa delle istituzioni repubblicane (Cudir) per stigmatizzare il comportamento del consigliere di FdI.

 

Rimaniamo convinti che la nostra proposta di chiedere le dimissioni del consigliere, rilanciata dal Pd in un petizione di cui ovviamente condividiamo il contenuto , dando indicazione per questo di sottoscriverla, avrebbe avuto più forza se promossa dalla Rete che rappresenta tutta Pistoia democratica e antifascista".

 
+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra:




24/5/2020 - 11:38

AUTORE:
vincenzo

se non fosse una cosa seria per lui è i suoi compagni di viaggio , sarebbe giusto buttarla in vacca e seppellirli tutti nel silenzio .