Skin ADV
Valdinievole OGGI
  • Cerca:
  • 18:08 - 14/8/2020
  • [protetta]
  • [protetta]
  •  

quindi zorrino dovrei sparire, inoltre io sarei di una "specie".
Non riesci a scrivere un commento che non evidenzi la tua vera indole di intollerante e fascistoide . Insomma un bel falso comunista .....
IPPICA

Le richieste di prenotazione per accedere come spettatore sugli spalti dell’Ippodromo Snai Sesana durante il Gran Premio Città di Montecatini di Ferragosto, sono andate esaurite in pochi giorni.

IPPICA

All’Ippodromo Snai Sesana di Montecatini Terme il “must” dell’estate con la corsa delle pariglie, una prova spettacolare che è una prerogativa dell’impianto della Valdinievole e da sempre attrae la curiosità degli appassionati.

BASKET

Il Pistoia Basket 2000 è lieto di comunicare che il roster della prima squadra targata Giorgio Tesi Group in vista della prossima stagione di Serie A2 sarà completato dai giovani atleti Lorenzo Querci, Angelo Del Chiaro e Joonas Riismaa. Tutti e tre sono cresciuti nel vivaio del Pistoia Basket Academy.

IPPICA

La modalità per accedere all'ippodromo Snai Sesana nella serata di sabato 15 agosto, in occasione del Gran Premio Città di Montecatini, dovrà avvenire mediante una richiesta di prenotazione.

CALCIO

Tutto pronto in casa Montecatinimurialdo per la stagione 2020/21.

CALCIO

Altri acquisti di grande qualità in casa Bioacqua Av Le Case. arrivato  dalla Meridien il forte centrocampista Alessandro Piscitelli, classe 1987. Alessandro vanta con esperienze al Cecina 2000, Monsummano e, appunto Meridien in 1^ Categoria porterà classe ed esperienza nel centrocampo della Bioacqua.

IPPICA

All’Ippodromo Snai Sesana di Montecatini Terme è iniziata la settimana più calda della stagione del trotto nazionale.

IPPICA

Grande attesa per la notturna di sabato 15 agosto all’Ippodromo Snai Sesana di Montecatini Terme con la 68^ edizione del Gran Premio Città di Montecatini.

none_o

La recensione di questa settimana della libreria Mondadori di Montecatini è dedicata a un libro di Erin Morgenstern.

none_o

Il libro racconta l’esperienza di Vicofaro.

Oggi è un giorno d’agosto.
Alla buon’ora della mattina
siamo .....
FILATELIA
di Giancarlo Fioretti

Tutto cominciò con il manuale "La scienza in cucina e l'arte del mangiar bene".

VALDINIEVOLE STORICA
di Giancarlo Fioretti

Scorza ebbe strettissimi legami con la Valdinievole e con Montecatini in particolare.

Smarrita chiavetta usb marca Lexar bianca con tappo arancione. .....
cerco qualsiasi mansione x impegno mia giornata sono dinamico .....
none_o
Esce un libro dedicato a Pescia tra Rsi e amministrazione alleata

21/4/2020 - 11:22

PESCIA - Pubblichiamo la recensione al libro scritto da Giovanni Gentile e Michela Pagni, “Pescia 1943-1945, dalla Rsi all’amministrazione militare alleata”.

Ho ricevuto dall’amico Giovanni Gentile l’ultima sua fatica letteraria scritta in collaborazione con Michela Pagni; il libro si intitola “Pescia 1943-1945, dalla Rsi all’amministrazione militare alleata” e racconta attraverso testimonianze e documenti, talora inediti, molti degli avvenimenti occorsi nella nostra città dal 25 luglio del ‘43 al giugno del ‘45, passando per la liberazione dell’8 settembre del ‘44; si descrive in particolare il periodo successivo all’armistizio dell’8 settembre del ‘43; il rapporto della città con gli occupanti tedeschi; i legami con i partigiani; i crimini, le atrocità, i rastrellamenti e le ingiustizie perpetrate ai civili inermi nell’estate del ‘44; le ritorsioni e i provvedimenti verso i fascisti pesciatini; i cannoneggiamenti e i bombardamenti alleati sulla città, elencandone le date e gli orari precisi. Tutto questo con una descrizione particolareggiata del nostro territorio, cittadino e montano.


È impressionante la quantità di notizie che gli autori hanno scovato negli archivi e nelle interviste effettuate; gli elenchi dei partigiani, dei fascisti, dei “repubblichini” e dei pesciatini uccisi sono stati completati minuziosamente.


Gli autori hanno utilizzato, se così si può dire, il “distacco” di chi vuole raccontare i fatti nella maniera in cui sono stati narrati o in cui sono emersi dai documenti consultati in archivio, senza alcun condizionamento di parte o filtro di natura personale; l’intento è stato probabilmente quello di consentire al lettore di farsi liberamente una propria idea.


Tra i capitoli trattati vorrei segnalare quello inedito sulla “Presenza dei militari tedeschi nel nostro comune”; quelli dettagliatissimi su “Gruppi e azioni partigiane” e su “Uccisioni nell’estate del 44”; il racconto delle attività del Cln di Pescia appare originale e molto interessante quando si occupa delle ramificazioni dei sottocomitati territoriali.


Inoltre gli autori ricordano la vicenda del sottotenente partigiano che salvò dalla rappresaglia due fascisti pesciatini e la vicenda della famiglia ebrea di via Oberdan che fu salvata dal “fervente fascista” del piano di sopra. Pertanto il libro sembra lanciare un messaggio, la speranza che dopo 75 anni dalla fine delle guerre (mondiale e civile) si possa avere una pacificazione ideologica in Italia e che ognuno tenga conto degli errori, delle atrocità e delle esagerazioni commesse in quel momento. La conoscenza degli episodi storici locali porta un valore aggiunto alla comprensione della Grande Storia.
 
Chi è interessato all’acquisto del libro (18€ spese postali incluse) può richiederlo direttamente all’autore tramite Facebook oppure alla mail giovanni.gentile3@tin.it; sarà nelle librerie solo dopo la presentazione a cura dell’amministrazione comunale.

 

di Alessandro Birindelli

 
+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra:




14/6/2020 - 21:53

AUTORE:
Pippo

Alla disamina molto discutibile di Bob184, poiché pregna, secondo il mio giudizio, di un revisionismo sempre più pericolosamente diffuso e proprio per questo da arginare senza se e senza ma, le rispondo appropriandomi delle parole di un grande scrittore italiano:

“Dietro il milite delle Brigate nere più onesto, più in buona fede, più idealista, c’erano i rastrellamenti, le operazioni di sterminio, le camere di tortura, le deportazioni e l’Olocausto; dietro il partigiano più ignaro, più ladro, più spietato, c’era la lotta per una società pacifica e democratica, ragionevolmente giusta, se non proprio giusta in senso assoluto, chè di queste non ce ne sono”.
(Italo Calvino)

25/4/2020 - 11:39

AUTORE:
Bob184

In Toscana si dice che ogni poggio fa piano. Chiaro che il buono ed il cattivo siano presenti ovunque e fra chiunque. Ed é una stortura della Storia attribuire al fascismo solo il male, agli antifascisti solo il bene. Ed é sintomatica di certe ideologie l'appropriazione dell'unicità del bene che, alla luce dei fatti, lascia molte più ombre che luci. Poteva essere capito ma non scusato in un regime assolutista come appunto il fascismo. Nella storia democratica della Repubblica Italiana la presenza e la comunicazione di chi si attribuisce solo meriti e valore positivo da una parte fa ridere, dall'altra fa pensare come culture assolutiste di colore differente in fondo si assomiglino tutte.