Skin ADV
Valdinievole OGGI
  • Cerca:
  • 10:06 - 05/6/2020
  • [protetta]
  • [protetta]
  •  

Il purista Roberto si scandalizza per l'uso sconsiderato della parola c. . . o.
Salvo dizionari datati in cui se ne lamenta un uso volgare sia nel definire l'organo riproduttore maschile , sia nell'uso .....
IPPICA

All’Ippodromo Snai Sesana di Montecatini Terme convegno di trotto del giovedì pomeriggio con sette corse in programma valide per la seconda uscita stagionale.

CALCIO

La società Larcianese comunica di aver raggiunto l’accordo con il l’allenatore che guiderà la squadra nella prossima stagione sportiva.

RALLY

Motori accesi al 1° Virtual Rally Valdinievole e Montalbano. Dal 1° giugno e per tutta la settimana, le strade della provincia di Pistoia saranno proiettate in un confronto che ha richiamato un plateau di partecipanti di assoluto livello. 

BASKET

La prima novità in casa Nico è la collaborazione con l’Associazione “Anna Maria Marino”, avvenuta già a fine della scorsa stagione grazie alla Dottoressa Jacqueline Magi che ne è Presidente Onorario. 

RALLY

Sull’onda dell’entusiasmo riscontrato dal primo approccio “virtuale” di molte delle realtà motoristiche più importanti a livello nazionale, le scuderie Jolly Racing Team e Art Motorsport 2.0 hanno deciso di organizzare il 1° Virtual Rally della Valdinievole e del Montalbano.

BASKET

Scegli il rossoblu di sempre. Quanto sei attaccato ai colori rossoblu? Chi è il giocatore che ti ha fatto sognare? È arrivato il momento di eleggere il giocatore rossoblu italiano di sempre.

CICLISMO

Dieci candeline, oltre 30 000 euro donati in beneficenza e tante soddisfazioni e emozioni. Parliamo dell’Avis Bike Pistoia, società ciclistica amatoriale e organizzatrice della Gran Fondo Edita Pucinskaite.

RALLY

Jolly Racing Team e Laserprom 015 annunciano che il 36° Rally della Valdinievole, anticipato al 2 e 3 maggio dalla data di origine di una settimana dopo nel calendario sportivo, viene rinviato a data da destinarsi.

none_o

La recensione della settimana da parte della libreria Mondadori è dedicata a un libro di Matteo Bussola.

none_o

Copit ha presentato, presso la sua sede di Pistoia, il volume “Archivio storico della Ferrovia Alto Pistoiese - Appendice”.

Oggi il popolo decide
col suffragio universale
quale sia la .....
FILATELIA
di Giancarlo Fioretti

Il valore filatelico sarà presentato il 24 maggio.

VALDINIEVOLE STORICA
di Giovanni Torre

Tutto ebbe inizio il 10 aprile 1912 con la partenza del Titanic dal porto di Southampton.

Smarrita chiavetta usb marca Lexar bianca con tappo arancione. .....
cerco qualsiasi mansione x impegno mia giornata sono dinamico .....
BUGGIANO
Arriva da Buggiano uno studio alternativo per combattere il Covid-19: "Blocchiamolo col movimento dei flussi d'aria"

4/4/2020 - 8:57

Uno studio innovativo e alternativo, che potrebbe introdurre nuove modalità di contrasto al Covid-19 e ridurne la diffusione. È la ricerca portata avanti dal prof. Moreno Michelotti di Buggiano, da tempo impegnato nel comparto edilizio e in quello delle invenzioni industriali. L’analisi, nata tre anni fa, riguarda soprattutto la mitigazione delle emissioni gassose in atmosfera (particolato Pm10), ma i risvolti potrebbero rappresentare un punto di partenza su cui ragionare per attenuare la diffusione del coronavirus. 
 
Il professore è convinto della simbiosi sussistente fra il particolato presente in atmosfera e il virus: “Quest’ultimo - spiega - è un microrganismo acellulare parassita, bisognoso di un ospite dove vivere, così aggressivo da aderire a tutti i materiali inorganici e organici, pertanto anche alle micro particelle di particolato misurabili in nanometri, la milionesima parte di un millimetro. Il Pm10 (particolato della dimensione di appena 10.000 nanometri) e il virus (50 nanometri) entrano in contatto ed essendo il virus duecento volte più piccolo, vi aderisce generando quello che ho definito “effetto zecca”. 
 
In tal modo il particolato potrebbe ospitare anche centinaia di virus che lo colonizzano, trasformandolo in un vero e proprio "autobus" che si libra in aria: “Viene portato dal vento e trovando l’ambiente consono per rimanere in vita potrebbe percorre anche distanze notevoli”. È per questo che il contagio deve essere aggredito in tutti i contesti: “Sia quelli interni che quelli esterni - va avanti il professore - ma soprattutto negli ambienti pubblici: negozi, studi professionali, ristoranti, bar. Ritengo che una fonte importante di trasmissione del virus avvenga proprio in questi luoghi”. 
 
Come si ostacola la diffusione allora? La soluzione di Michelotti è duplice: “Col continuo movimento del flusso interno dell’aria in modo che l’invisibile particolato/virus subisca uno stress termico e sia obbligato a seguire un percorso più lungo prima di trovare lo sfortunato ospite. In definitiva sarebbe risucchiato da un sanificatore di aria ad alta tecnologia che la purificherebbe totalmente. La seconda, un po’ più complessa, da attuarsi solo negli ambienti più importanti, si basa sul moto generato dal sovradimensionamento dell’impianto di estrazione dell’aria dal locale, che creerebbe una pressione minore di quella esterna (depressione) così che l’aria (particolato e virus) sarebbe aspirata, sanificata ed espulsa all’esterno. Gli ambienti aperti al pubblico sono già dotati di impianto di questo tipo: si tratterebbe solo di aumentare l’effetto così da generare un costante movimento dell’aria in grado di rimuove tutte le impurità di particolato e virus”.

Un altro tema di cui si dibatte è quello della sanificazione ambientale. Le amministrazioni comunali si sono divise: è utile oppure no? Anche su questo punto l'architetto Michelotti è chiaro: “Il virus aderisce a tutto dal momento che le superfici che ci appaiono lisce, per il virus sono ricche di interstizi e cavità. Da qui la necessità di sanificare tutti gli elementi: strade, facciate, marciapiedi, alberi e piante, anche con l’idropulitura e il lavaggio con semplice acqua”. 
 
Secondo Michelotti attivare questi tre semplicissimi accorgimenti potrebbe rappresentare una buona azione di contrasto al Covid-19: “Occorre la sanificazione giornaliera di tutti gli spazi pubblici e privati esterni; la predisposizione di ventil-convettori con predisposizioni alla sanificazione attuando la circolazione forzata dell’aria negli spazi interni aperti al pubblico; l’attuazione della pseudo pressione negativa per tutti gli esercizi commerciali di superficie maggiore di 200 metri quadrati e per tutti gli edifici pubblici”.
 
Il progetto generale del professore è andare oltre l’elemento squisitamente tecnico: “Il sistema potrebbe essere adottato anche in vista della futura riapertura, anche se parziale, di negozi, artigiani, fabbriche, da attuare immediatamente, ma soprattutto in vista di quando gli immunizzati guariti dal virus saranno i primi a riprendere l’occupazione. Si tratterebbe, di fatto, della sanificazione delle postazioni di lavoro”.
 
Cliccando sull'allegato in pdf si può scaricare lo studio completo realizzato dal prof. Moreno Michelotti.

 

 

di Giacomo Ghilardi



 
+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra:




8/4/2020 - 17:42

AUTORE:
vincenzo

Durante le pestilenze , quando non era chiaro quale fosse il meccanismo della diffusione , i medici avevano inventato un presidio per difendersi dal contagio .
Si muovevano con una maschera cava a forma di enorme becco di uccello , riempita di erbe medicinali .
Ognuno è libero di avere le proprie idee , ma la scienza è cosa ben diversa. Poi chissà ? Marconi inventò la radio e non era nemmeno laureato in fisica. Speriamo , ma cum grano salis

8/4/2020 - 10:54

AUTORE:
Non ha importanza

Purtroppo per il Professore, sia l'O.M.S., l'I.S.S. ed i tecnici del Ministero della Salute non la pensano come lui.

5/4/2020 - 11:29

AUTORE:
Noemi

Complimenti al professore che sta lavorando su un progetto importante, ma gli studi dell'OMS,
Non la vede proprio così sulla sanificazione delle strade ed ambienti esterni.

4/4/2020 - 14:48

AUTORE:
Elda

Quindi un acquazzone potrebbe tornare utile, mi sembra di capire.