Skin ADV
Valdinievole OGGI
  • Cerca:
  • 11:06 - 05/6/2020
  • [protetta]
  • [protetta]
  •  

Il purista Roberto si scandalizza per l'uso sconsiderato della parola c. . . o.
Salvo dizionari datati in cui se ne lamenta un uso volgare sia nel definire l'organo riproduttore maschile , sia nell'uso .....
IPPICA

All’Ippodromo Snai Sesana di Montecatini Terme convegno di trotto del giovedì pomeriggio con sette corse in programma valide per la seconda uscita stagionale.

CALCIO

La società Larcianese comunica di aver raggiunto l’accordo con il l’allenatore che guiderà la squadra nella prossima stagione sportiva.

RALLY

Motori accesi al 1° Virtual Rally Valdinievole e Montalbano. Dal 1° giugno e per tutta la settimana, le strade della provincia di Pistoia saranno proiettate in un confronto che ha richiamato un plateau di partecipanti di assoluto livello. 

BASKET

La prima novità in casa Nico è la collaborazione con l’Associazione “Anna Maria Marino”, avvenuta già a fine della scorsa stagione grazie alla Dottoressa Jacqueline Magi che ne è Presidente Onorario. 

RALLY

Sull’onda dell’entusiasmo riscontrato dal primo approccio “virtuale” di molte delle realtà motoristiche più importanti a livello nazionale, le scuderie Jolly Racing Team e Art Motorsport 2.0 hanno deciso di organizzare il 1° Virtual Rally della Valdinievole e del Montalbano.

BASKET

Scegli il rossoblu di sempre. Quanto sei attaccato ai colori rossoblu? Chi è il giocatore che ti ha fatto sognare? È arrivato il momento di eleggere il giocatore rossoblu italiano di sempre.

CICLISMO

Dieci candeline, oltre 30 000 euro donati in beneficenza e tante soddisfazioni e emozioni. Parliamo dell’Avis Bike Pistoia, società ciclistica amatoriale e organizzatrice della Gran Fondo Edita Pucinskaite.

RALLY

Jolly Racing Team e Laserprom 015 annunciano che il 36° Rally della Valdinievole, anticipato al 2 e 3 maggio dalla data di origine di una settimana dopo nel calendario sportivo, viene rinviato a data da destinarsi.

none_o

La recensione della settimana da parte della libreria Mondadori è dedicata a un libro di Matteo Bussola.

none_o

Copit ha presentato, presso la sua sede di Pistoia, il volume “Archivio storico della Ferrovia Alto Pistoiese - Appendice”.

Oggi il popolo decide
col suffragio universale
quale sia la .....
FILATELIA
di Giancarlo Fioretti

Il valore filatelico sarà presentato il 24 maggio.

VALDINIEVOLE STORICA
di Giovanni Torre

Tutto ebbe inizio il 10 aprile 1912 con la partenza del Titanic dal porto di Southampton.

Smarrita chiavetta usb marca Lexar bianca con tappo arancione. .....
cerco qualsiasi mansione x impegno mia giornata sono dinamico .....
PROVINCIA
La Pietra (Fratelli d'Italia): "Inserire anche la selvicoltura tra le attività essenziali"

1/4/2020 - 16:29

Il senatore Patrizio La PIetra (Fratelli d'Italia) chiede al ministro Patuanelli di inserire la selvicoltura tra le attività essenziali contenute nell’elenco dei codici Ateco allegato al decreto del 22 marzo.

 

"In tale elenco infatti è inserita, e quindi considerata essenziale, la commercializzazione di combustibili solidi, quali la legna, ma non l’attività del taglio boschi che invece risulta essenziale per il mantenimento della filiera e per garantire il proseguimento dell’attività di commercializzazione del combustibile.

 

Ci sono comunità legate strettamente al territorio, soprattutto territori periferici, come le nostre zone di montagna, già di per se deboli sotto il profilo produttivo.

 

In queste zone una delle attività prevalenti è il taglio del bosco che, in molti casi, rappresenta l’attività principale di molte famiglie. Anche dal punto di vista energetico. Tralascio in questa fase l’aspetto ambientale legato alla manutenzione del bosco, anche se non secondario. Come l’agricoltura anche il legno e la sua filiera devono essere considerate attività essenziali.

 

Per questi motivi ho inviato una richiesta formale al ministro Patuanelli, insieme al collega On. Luca De Carlo capogruppo in commissione ambiente, per inserire il taglio dei boschi e il relativo codice Ateco fra l’elenco delle attività essenziali".

 
+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra:




11/4/2020 - 19:32

AUTORE:
Aleandro

Ha visto che ho fatto bene a prepararmi per tempo!!!
Penso sia meglio che faccia qualcosa anche lei per le sue 4 motoseghe: prima che la facciano impazzire....
Buona Pasqua

8/4/2020 - 11:36

AUTORE:
Aleandro

Povero diavolo
che pena mi fai...

8/4/2020 - 10:25

AUTORE:
buonista

Un povero leghista in pectore . Assomma una serie di offese a partire dal considerare ogni opinione una sciocchezza e mai dire il perché.
Un pessimo approccio nei confronti degli altri , quali non esistessero .
Ho scorso tutti i suoi interventi . Non abbiamo ancora capito il suo pensiero in quanto mai espresso . Solo offese e asserzioni di non aver del tempo da perdere .
Certo diversi mesi per far manutenzione a sei motoseghe è veramente impegnativo .

7/4/2020 - 18:42

AUTORE:
Aleandro

Ho 'impressione di sapere chi è lei ed il suo "amico" Donatello ma faccio finta di niente. Non meritate il mio tempo . Le dedico due righe di una canzone di Riccardo Cocciante che esprime il mio pensiero su di lei: " Povero diavolo, che pena mi fai...
E con questo chiudo davvero, senza darle la soddisfazione di poter parlare di silvicoltura con me: sapesse quante cose imparerebbe!!!

6/4/2020 - 21:51

AUTORE:
buonista

La conclusione leghista in cui si seguita ad offendere senza niente dire è la dimostrazione di saper solo offendere . Non abbiamo letto una riga di pensiero inerente la silvicultura.

6/4/2020 - 20:07

AUTORE:
buonista

il buon aleandro scrive :

"Inutile darle ulteriori spiegazioni, visto che ascolta solo quelle che le pare."

Ma rileggendo i suoi interventi , a parte dal del pazzo (un modo come un altro di considerare il proprio prossimo) , non ha detto assolutamente niente . E poi si è arrabbiato se si è preso del leghista . Mi sembrano quei ragazzi che tutti giudichiamo omosessuali , e solo loro non lo sanno . Il leghismo è uno dei tasti "ISMI" propri di coloro che asseriscono e basta . NON HANNO DUBBI e poi accusano gli altri di ascoltare solo se stessi .
Il bue che da del cornuto all'asino ?

6/4/2020 - 18:37

AUTORE:
Aleandro

Ci sono cascato come un bischero: avevo detto di non volermi trovare in una " zorro novela" ed invece ci sono cascato in pieno. Ma rimedio subito, saluto i "due terrazzi di fuori" ( ma tanto di fuori),auguro a tutti di passare una buona Pasqua, sperando che il coronavirus se ne vada al più presto.
Avete dimostrato, se mai ce ne fosse stato bisogno, di quanto siete inutili alla società e spero che i vostri due neuroni trovino miglior alloggio.

6/4/2020 - 10:20

AUTORE:
Donatello

Mi riferisco al suo primo intervento del 1/4 in cui come segno di discussione nel merito , ella attacca dicendo che ho proferito solo scemenze e che mi debba informare dagli addetti .
Definisce scemenza che il bosco non abbia danno dal ritardo di un anno nel taglio . Magari mi dica il perché cosi' potrei essere d'accordo e correggermi . Può darsi che chi lavora e mangia di quel pane , abbia danno . Danno comune a tutte quelle attività che le leggi non consentono in questo momento . La polemica poi dal momento che la possibilità di taglio è scaduta e quindi ....
Inoltre Ella , con l'alterigia propria delle persone inadeguate , non essendo d'accordo , e pensando di essere il depositario unico di verità , definisce tutto come baggianate seguite dal consiglio di informarsi da color che sanno. Che come si evince , è LEI

6/4/2020 - 6:26

AUTORE:
buonista

Le consiglio di togliwre dal composto moto sega il suffisso moto .

5/4/2020 - 19:23

AUTORE:
Aleandro

Carissimo buonista ( ma de che...), le confermo quanto detto e aggiungo che forse abitando in una casa isolata con 4 motoseghe in cantina, ha compromesso la sua psiche.
Io non so di essere leghista, ma lei .......
Ultimamente su questo bel giornale si affacciano tipi piuttosto strani, mah!, sarà un caso.
Le lascio il piacere dell'ultima parola, ma le dico che non sono solo i terrazzi ad essere di "fuori" !!!
Buona Pasqua !
P.S.
Inutile darle ulteriori spiegazioni, visto che ascolta solo quelle che le pare.

5/4/2020 - 11:39

AUTORE:
buonista

Buon Aleandro , rinuncio a riportare il suo annuncio di inizio e la sua ostentazione di manutenzione di 6 motoseghe . Si può essere leghisti anche senza rendersene conto .
Io le motoseghe le ho in cantina e credo ci sarebbero grosse difficoltà a rimetterle in moto. Ci siamo tutti incastrati al seguito di un guitto che sbatacchia da tutte le parti cercando di non scomparire . Forse era meglio se avesse continuato a servire lo stato piuttosto che la politica.
Per presuntuoso , sono d'accordo . Presumo di conoscere il bosco abbastanza bene e di non aver proprio bisogno delle sue osservazioni .

4/4/2020 - 23:16

AUTORE:
Aleandro

Sì, avevo promesso di non rispondere, ma a me leghista non si dice !!!
Non ho iniziato io a fare l'esperto di motoseghe. Io ho semplicemente espresso la mia opinione sulla chiusura del taglio dei boschi, il resto ce l'ha messo lei. E' lei che crede di essere un grande esperto, sciorinando termini tecnici di motoseghe e quant'altro. Capisco, senza che me lo rammenti lei in quale momento difficile stiamo vivendo, ho solo esposto un problema comune a tanti: il futuro lavoro per vivere, cercando una possibile soluzione con chi è preposto a questo. Più che buonista mi sembra di molto arrogante e presuntuoso, addirittura leghista. Se ne faccia una ragione, stavolta è cascato male lei!!!

P.S. un consiglio: cambi pseudonimo.

4/4/2020 - 11:28

AUTORE:
buonista

Il buon aleandro se la piglia comoda . Deve cambiare anche le membrane alle sei motoseghe per il taglio del 2021 ?
Ognuno tirerà la propria volata cercando di sopravvivere fisicamente ed economicamente .
Ma che l'ex poliziotto venga ad insegnarci , come ella , quali siano i problemi della montagna , in questo momento in cui quattro miliardi di esseri umani sono costretti a stare in casa e ogni giorno ne muoiono migliaia e migliaia , mi sembra un problema che non dipenderà dalle sei motoseghe , dalle catene da affilare , dai sassi che rovinano la catena, dalla pianta che anche a quelli bravi sequestra la spada etc. Tondinello ? Mavcchinetta ? Lima piana per abbassate il dente di guida ?
Sistemi le sue sei motoseghe , anzi guardi nell'usato che qualcuno le sta svendendo .
Lei è partito nel suo primo intervento , pensando di essere l'unico a capire cosa sia una bietta ed essere l'unico a far cadere una pianta in salita . Non è cosi0 . Essere leghisti non assicura anche questo privilegio . Se ne faccia una ragione

3/4/2020 - 19:02

AUTORE:
Aleandro

E' evidente che ancora non ha capito il problema, anzi, da quanto scrive mi sembra che non voglia capirlo e voglia fare solo polemica.
Paragonare gli operai Hitachi ai boscaioli mi sembra quantomeno azzardato e fantasioso: non credo riceveranno il solito trattamento: ci spero ma non ci credo.
Lasciando perdere poi i boscaioli che scelgono le piante facili...
Mi piace poi quel sottile cinismo col quale dice che si troveranno, alla fine, a far compagnia a chi non troverà il proprio posto di lavoro!?
Speriamo non ci sia anche lei..
Poi insiste sul fatto che al bosco non gliene frega niente, beh, si sapeva, sarebbe stato strano il contrario. La lascio: ho cose più importanti da fare, come preparare 6 motoseghe per il prossimo taglio!!!
Prometto che non risponderò a qualsiasi cosa dirà, non voglio un'altra "zorro novela"e poi tanto continuerà a non capire.
Saluti a lei e al bosco.

3/4/2020 - 10:03

AUTORE:
buonista

Tondini che non affilano assieme a catene da ribassare etc etc ....
Per i boscaioli , riceveranno come gli altri cui non è stata consentita l'attività , gli aiuti di stato - Non vedo differenza con i dipendenti Hitachi . Per il prossimo anno , la legna da vendere sarà anche troppa , si può stare tranquilli .
Il bosco PUO' Attendere e prova ne sia l'abbandono del bosco "scomodo" con le conseguenze del caso . Si tende sempre a spostare i termini delle questioni . La robinia sta distruggendo i nostri pendii ed i bravi boscaioli tagliano solo le piante comode. Le altre crescono e crescono e distruggono . Se si dice che chi trae le proprie risorse dal bosco , avrà dei problemi , alla fine farà compagnia a chi non troverà nemmeno il proprio posto di lavoro .
Fra i rischi di infortuni (rispetto delle nnorme) e il rischio di contagio , non vedo soluzione a breve.
Ma al bosco non gliene frega niente .
La differenza fra il taglio dcenneale e quello di undici , dobbiamo credere lo rovinera'?

2/4/2020 - 19:02

AUTORE:
Aleandro

Mi pare che lei non abbia capito il problema.
Innanzi tutto la grande gelata fu nel lontano gennaio 1985, e neanche l'oliveto non ci incastra nulla , come neppure 4 motoseghe !Meno che mai la bancarotta del bosco.
Sappiamo anche che gli alberi crescono da se, ma non era questo l'argomento.
Si stava parlando di taglio del bosco per chi con i suoi prodotti ci vive ed in questo caso la legna da ardere.
Dice bene il sig. Mario a proposito del periodo del taglio, ma, conoscendo alcuni boscaioli di mestiere, so che quest'anno in molti e per varie ragioni anche meteo, non hanno finito. In questo momento e con il divieto di tagliare, il loro pensiero è cosa venderanno il prossimo inverno, con tutte le logiche conseguenze. Tagliare oltre un certo periodo (primavera inoltrata) non è più possibile, per tanti motivi che non starò ad elencare visto che lei è già esperto. Avrei tante cose da dirle e forse anche da insegnarle, ma mi fermo qui: ho da fare manutenzione alle mie 6 motoseghe.

2/4/2020 - 12:39

AUTORE:
il buonista

Signor Aleandro , Lei casca male .
A partire dal taglio degli olivi nella terribile gelata storica (circa 2000) , ho continuato , abitando in una casa isolata , a tagliare con quattro motoseghe che mi hanno sempre fatto impazzire . Il concetto che saltando un anno il taglio del bosco , il bosco vada in bancarotta è frutto di una disconoscenza totale di quanto si parla.
Certo è che il mancato taglio genera un ritardo nel "cogliere" il frutto che il bosco procura . Ma al bosco , di un anno più o meno non gliene frega proprio niente . Le piante che devono crescere crescono e quelle che hanno scarse radici su terreno roccioso non vanno avanti . La natura non ha bisogno di commentatori impreparati ed orgogliosi .

2/4/2020 - 8:19

AUTORE:
mario di nanni

Io capisco che i poltici debbano stare sui media ad ogni costo, ma il Senatore La Pietra poteva informarsi dal Sindaco di Serravalle P.se, persona squisita e dispnibile oltre che ex milite del Corpo Forestale dello Stato (oggi in pensione, il quale gli avrebbe spiegato che in Toscana, salvo casi particolari che comunquwe durano al massimo 15 giorni, il taglio delle piante nei boschi è ammesso fino al 31 marzo di ogni anno. Se poi è stato un inverno nevoso e piovoso e i boschi nei mesi di dicembre, gennaio e febbraio erano impraticabili, allora si ha una proroga di 15 giorni per il taglio e 30 giorni per levare la legna dal bosco. Dopo di ché quella legna va appezzata e fatta asciugare o seccare o maturare (il termine sceglietelo voi) per venderla a metro stero (se ve la vendono a quintale e non è bella secca e pronta all'uso, rischiate una fregatura).
Senatore La Pietra, si informi, altrimenti diventa una barzelletta anche Lei come il consigliere PD Niccolai che interviene dappertutto e su tutto, facendosi ridere dietro tutti i giorni!

1/4/2020 - 23:07

AUTORE:
Aleandro

Sig. Donatello,
tra le tante sciocchezze che ha detto in poche righe, la più grossa è quella che il taglio può attendere.
Si informi meglio da chi lo fa di mestiere e poi vediamo.
Donatello .... mi viene un dubbio.

1/4/2020 - 18:02

AUTORE:
donatello

L'ex dipendente dal ministero interni , non ha tratto molto frutto dal pensionamento .
Infatti la commercializzazione del legno da ardere non avviene certamente col legname appena tagliato . Il taglio del bosco può attendere e certamente il "prodotto" non appassirà.
Se poi si pensa a come si svolge questa attività , dubito si possa sempre garantire al lavoratore la distanza minima.
Oppure si parla senza aver minimamente conoscenza di come si svolge nel nostro appennino il taglio del bosco .