Skin ADV
Valdinievole OGGI
  • Cerca:
  • 12:10 - 23/10/2020
  • [protetta]
  • [protetta]
  •  

Siamo alla curva che procede con valori esponenziali .

L'economia annaspa , i lavoratori protetti dal divieto di licenziamento che sta per finire , il commercio in bambola e gli ospedali in ambasce .....
BASKET

Nell’accogliente sede pistoiese di Per Dormire, storico sponsor del Pistoia Basket 2000 che ha da poco presentato un innovativo progetto di rebranding aziendale, sono stati presentati ufficialmente ai media l’esperto lungo statunitense Deshawn Sims e la talentuosa guardia nostrana Lorenzo Querci.

BASKET

La sconfitta nel derby di San Giovanni Valdarno ha lasciato l’amaro in bocca a Nerini e compagne che in settimana hanno raddoppiato gli sforzi per arrivare pronte alla sfida contro Faenza.

TIRO A SEGNO

Si è conclusa al poligono di tiro a segno di Pescia, in contemporanea con il Tsn di Pietrasanta, la seconda gara regionale federale indetta dall’Uits e la prima del  dopo il Covid-19.

HOCKEY

L’Hockey Pistoia impone ancora la legge dell’Hockey Stadium di Montagnana, nel quale fino a ora gli arancioni non sono mai stati sconfitti, subissando di reti il Campagnano.

BASKET

Una sconfitta maturata nell’ultimo quarto quella della Nico Basket Femminile, targata Giorgio Tesi Group, a San Giovanni Valdarno (74-61), dopo tre quarti di grande equilibrio.

TIRO A SEGNO

Il Tsn Pescia sempre presente ai campus indetti sia dal Cip che da Aics ha voluto partecipare con i propri atleti ai rispettivi stage di avviamento e di perfezionamento al tiro paralimpico.

BASKET

Dopo tre quarti in perfetto equilibrio (21-20, 34-35 e 51-51 i parziali), la Nico Basket, targata Giorgio Tesi Group, cede nell'ultima frazione di gioco ad una combattiva San Giovanni Valdarno, che allunga nel finale e si aggiudica meritatamente due punti importanti (74-61).

BASKET

Il Pistoia Basket 2000 è lieto di comunicare il rinnovo della partnership commerciale con OriOra.

none_o

Nasce "Spazio Zero" un nuovo luogo espositivo dedicato alla alla promozione delle arti contemporanee.

none_o

La recensione di questa settimana da parte della libreria Mondadori di Montecatini è dedicata a un libro di Alessia Gazzola.

Oggi è San Michele:
è stagione delle mele
e dei chicchi d’uva .....
VALDINIEVOLE STORICA
di Giovanni Torre

Nato a Vienna nel 1747 è stato Granduca di Toscana dal 1765 al 1790.

VALDINIEVOLE STORICA
di Giovanni Torre

Sono passati 40 anni dalla promozione delle Pistoiese in categoria A.

SCUOLA di BALLO e DANZA ACCADEMICA MARGINE COPERTA

asd " ENERGY .....
Smarrita chiavetta usb marca Lexar bianca con tappo arancione. .....
VALDINIEVOLE STORICA
di Giancarlo Fioretti
Luigi Cambray Digny, l'architetto dei Lorena 'sacrificato' sull'altare del progresso

30/3/2020 - 11:48

Quando si demolisce un qualsiasi edificio di interesse storico, inevitabilmente perdiamo una parte di noi. Oggi, per azionare le ruspe, occorrono motivazioni davvero stringenti. Ma, nell' Italia degli anni Cinquanta, con la Guerra ormai alle spalle e con il boom economico a portata di mano, non si andava tanto per il sottile. Fu così, purtroppo, in ogni angolo del Paese. E Montecatini non fece eccezione. Anzi...
Se quindi dovessimo osservare delle foto della nostra città scattate nella prima metà del secolo scorso, quello che subito balzerebbe agli occhi è il gran numero di edifici in stile liberty o neoclassico che non sono sopravvissuti alle fauci fameliche dei palazzinari. Nostrani e no.
Il nome di Montecatini, allora, era sinonimo di classe, ricercatezza, bon ton. Una sorta di biglietto da visita con tanto di stemma nobiliare. Era logico che i costruttori più...intraprendenti ci si buttassero a capo fitto, avendo fiutato lauti guadagni da ogni singolo mattone messo uno sull' altro. Fu un' ecotombe per la 'vecchia' città', quasi tutta rasa al suolo per lasciar spazio ad una serie di edifici dallo sviluppo in verticale e dallo stile...molto spesso discutibile. 
L'antica basilica di Santa Maria Assunta non fece eccezione. Edificata su progetto dell' architetto Luigi de Cambray Digny in soli cinque anni ( dal 1822 al 1827), entrò prepotentemente nel dibattito fra favorevoli e contrari al suo abbattimento già sul finire degli anni Cinquanta. Una decina d' anni dopo, di questo edificio, restava solo il ricordo. Le sue ridotte dimensioni sancirono la sua condanna.
I 'demolitori' ebbero buon gioco nel convincere l' opinione pubblica che, un centro turisticamente all' avanguardia come Montecatini, non poteva permettersi di vedere i fedeli accalcati sotto i portici della pur bella Basilica del Cambray Digny poiché dentro non vi era spazio sufficente.
I picconi fecero quindi la loro azione, ed in poco tempo fu costruita l' attuale, mastodontica, Basilica. Di quella antica  si salvarono solo alcune colonne, opportunamente traslate altrove. Di Cambray Digny, suo antico costruttore, la città perse rapidamente memoria. Tipico di una città giovane come Montecatini, all' epoca protesa verso un futuro sfavillante solo in parte realizzatosi davvero.
Ma chi era quindi il conte Luigi de Cambray Digny?
Esponente di una nobile famiglia di origine alsaziana, da tempo legata alla dinastia degli Asburgo Lorena, Luigi nacque a Firenze nel 1778 e, dopo un' ottima istruzione di base, approdo' all' Accademia delle Belle Arti, ove ebbe l' opportunità di avere come docente Gaspare Maria Paoletti, chiamato dai Granduchi di Lorena a metà Ottocento a dare una sistemazione definitiva all' urbanistica degli allora nascenti Bagni di Montecatini ( di Paoletti parleremo in un' altra occasione, n.d.a.).
Paoletti ebbe un ascendente fortissimo sul suo allievo, che ben presto si convertì, come il suo maestro,  all' architettura neoclassica, tanto in auge in Francia all' epoca di Napoleone Bonaparte. 
Il riferimento alla Francia napoleonica non è del resto del tutto casuale. Gli anni a cavallo fra Sette ed Ottocento furono infatti gli anni della debordante potenza di Napoleone che, incoronatosi Imperatore dei Francesi, guidò questi ultimi alla conquista di mezza Europa. La Toscana vide quindi prima la cacciata dei Lorena, con susseguente regime francese istaurato in riva all' Arno. Poi,si poté assistere al ritorno dell' 'ancien regime' granducale, con conseguente ostracismo verso coloro che avevano fraternizzato troppo con gli occupanti dall' erre moscia...
Cambray Digny, forse in obbedienza alle sue ascendenze francesi, forse per motivi di puro opportunismo del momento, era salito sul carro dei momentanei vincitori, salvo poi venirne sbattuto a terra dall' affermarsi della Restaurazione. I Lorena, tuttavia, seppero comprendere e perdonare la momentanea infedeltà del loro antico alfiere.
Ben presto Luigi de Cambray Digny riprese il suo posto di architetto di corte, vedendosi affidare commesse in ogni angolo del Granducato. Conservò il suo ruolo di preminenza nello Scrittoio delle Regie Fabbriche ( una sorta di Ministero dei Lavori Pubblici), cimentandosi in una miriade di riforme architettoniche che ancora, a Firenze come altrove, danno bella mostra di sé.
Il cenotafio a Dante Alighieri, in Santa Croce, porta la sua firma ( le sculture invece sono di Stefano Ricci).
Sua fu anche la risistemazione degli Orti Oricellari, in Santa Maria Novella, nonché il restauro e l' adattamento dell' ex Monastero di Sant' Anna al Prato.  Cambiò volto anche alla centralissima via de' Calzaioli, al Giardino Torrigiani (Oltrarno) nonché al Campo di Marte. A Montecatini plasmo' la Basilica di Santa Maria Assunta, mentre a Livorno progetto' la Basilica dei Santi Pietro e Paolo, simile in parte alla consorella montecatinese. 
In età matura ebbe anche la soddisfazione di essere nominato Gonfaloniere di Firenze, l' equivalente del nostro sindaco.
Morì nel suo palazzo di Corso Tintori, da lui ristrutturato, nel 1843. 
Sedici anni dopo i Lorena lo raggiungeranno nell' oblio.

 
+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra: