Skin ADV
Valdinievole OGGI
  • Cerca:
  • 00:02 - 28/2/2020
  • [protetta]
  • [protetta]
  •  

Il virus è pericoloso per gli anziani.
Indossa una mascherina e chetati per un paio di giorni. Grazie
BOCCE

Rinviata per emergenza sanitaria la gara di A2 Montecatini-Orbetello. La decisione è stata presa (ed è valida per tutte le gare di serie A e A2) dalla Federazione Italiana Bocce.

RALLY

Un risultato globale in linea con le aspettative, quello conquistato dalla scuderia Jolly Racing Team sulle strade del Rally Val d’Orcia, penultimo appuntamento del campionato Raceday Rally Terra andato in scena nel fine settimana a Radicofani, in provincia di Siena.

BASKET

La Gioielleria Mancini in trasferta a Castelfranco in un campo storicamente ostico per i colori blu-amaranto, dove non sono mai riusciti a vincere.

BASKET

Iniziano questa settimana i playoff del campionato di A1 Uisp di basket del comitato Pistoia-Prato. La formula prevede che la prima classificata al termine della stagione regolare sia già qualificata, di diritto, alle Final Four, che si disputeranno a fine marzo.

RALLY

Sarà parte integrante di uno dei contesti più esclusivi del panorama rallistico “terraiolo” la scuderia Jolly Racing Team, impegnata - nel fine settimana - sui fondi del Rally Val d’Orcia.

RALLY

E’ un resoconto altamente soddisfacente, quello analizzato da Jolly Racing Team a margine della partecipazione dei propri portacolori all’Adria Rally Show, confronto che ha interessato il sodalizio valdinievolino sull’asfalto dell’Adria International Raceway, nel fine settimana. 

TIRO A SEGNO

Al poligono del Tiro a segno nazionale sezione di Carrara è andata in scena nei primi tre fine settimana di febbraio la 1a gara regionale federale del 2020.

BOXE

Il folto programma dilettantistico vedeva impegnato, all’esordio nella categoria Élite (i più bravi senza caschetto) il forte e talentoso pugile di Borgo a Buggiano Miguel Bachi.

none_o

La recensione di questa settimana da parte della libreria Mondadori di Montecatini è dedicata a un libro di Vanessa Montfort.

none_o

La recensione dci questa settimana da parte della libreria Mondadori di Montecatini è dedicata a un libro di Gian Arturo Ferrari.

Soffioni

Impalpabili infiorescenze di sambuco
soavi di luce .....
VALDINIEVOLE STORICA
di Giovanni Torre

Altopascio, 16.000 abitanti, è da considerare parte integrante della Valdinievole.

VALDINIEVOLE STORICA
di Giovanni Torre

Ricordi dell'associazione dilettantistica calcio Montecatini.

Azienda di trasporto cavalli con sede operativa in Altopascio .....
Cerco elettricista x piccolo lavoro di manutenzione citofono .....
PISTOIA
Pistoia antifascista protesta contro le strumentalizzazioni del Giorno del ricordo

10/2/2020 - 22:46

Pistoia antifascista protesta contro i negazionisti delle “complesse vicende del confine orientale”.
 
Un gruppo di antifascisti, in rappresentanza di tanta parte della città, ha manifestato oggi in piazza Duomo dietro lo striscione “Noi ricordiamo tutto... anche i crimini fascisti in Jugoslavia”, per protestare contro la strumentalizzazione del cosiddetto “Giorno del ricordo” da parte del Comune, che ha scelto di caratterizzare la giornata secondo una ricostruzione tipica della formazione politica a cui appartiene il sindaco come è risultato evidente dalla mostra dedicata all’orrendo e antistorico fumetto dedicato a Norma Cossetto, prodotto da una casa editrice vicina a Forza Nuova.
 
Meraviglia che l’Anpi di Pistoia partecipando alla commemorazione, a differenza della Fondazione valore lavoro, non abbia colto la stretta connessione fra la commemorazione stessa, anch’essa negazionista rispetto alle reali vicende del confine orientale, e il fumetto e si sia prestata a dare legittimità ad una giornata costruita ad uso e consumo di post e neofascisti.

Come si vede dalle foto allegate, dopo un po’ di tempo, è intervenuta la polizia chiedendo di chiudere lo striscione ed identificando i presenti. Tuttavia riteniamo importante la testimonianza di Pistoia antifascista che ha reso visibile anche ai giovani studenti lì convogliati da qualche docente connivente, il fatto che in città c’è chi non è disposto a subire passivamente l’uso strumentale della storia, tipico di un regime che speravamo di esserci lasciati alle spalle".

Fonte: Pistoia antifascista
 
+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra:




13/2/2020 - 22:33

AUTORE:
Gabriele

Devis, stai certo, non l'ho mai pensato!
Del resto la prosa ci contraddistingue, quasi come una firma, e le vostre non hanno NIENTE in comune, così come i CONCETTI.

Mai avuto dubbi, ed avevo ben compreso il senso del tuo discorso, è chiarissimo.
Per chi vuol capire, ovviamente.

13/2/2020 - 19:32

AUTORE:
Devis

Non volevo assolutamente mettere sullo stesso piano le foibe, l'olocausto e tutte le feste. Forse mi sono spiegato male. Ci riprovo: il 10 febbraio è una data istituita per ricordare le foibe. Esattamente come il 25 aprile è una data istituita per ricordare la liberazione d'Italia… e via discorrendo con tutte le altre date. Questa protesta dell'articolo e la relativa polemica PER ME non ha senso. Se si ricordano le stragi delle foibe in quello specifico giorno, perché qualcuno deve ricordare delle stragi fasciste? Il ricordo della Shoah e dell'Olocausto c'è stato il 27 gennaio e nessuno è andato in piazza con striscioni dicendo di ricordarsi delle foibe. Sono stragi, vanno ricordate tutte adeguatamente, ognuna nel suo giorno dedicato.

Il mio era un discorso relativo al giorno istituito e alla polemica che ne è sorta, non certo al voler equiparare stragi e feste religiose. Spero di essermi spiegato bene.

PER GABRIELE: io non sono Alias!!! In un altro articolo, quello del minorenne che ha rapinato alla stazione 2 coetanei, si è firmato col mio nome e l'ho ripreso.

13/2/2020 - 16:06

AUTORE:
Gabriele

Infatti, mettere sullo stesso piano la Befana , le Foibe , l'Olocausto ed altro è DEMENZIALE, veramente.

Ma sei sempre e solo tu a farlo, che salti da un argomento all'altro per non entrare mai nel merito (e lo capisco bene il perché)!

Te le canti e te le suoni da solo, e adesso ti insulti pure da solo... Sei alla frutta.

ripijate!

13/2/2020 - 8:44

AUTORE:
mimì

Che dire della brutta gente che seguita a commentare ? Di questa gentaglia dovremmo preoccuparci .

13/2/2020 - 8:41

AUTORE:
federigo tozzi

Il XX settembre è una data storica per l'Italia . Approfittando della guerra franco tedesca , l'Italia proditoriamente invase uno stato sovrano . Secondo il diritto , fu un atto di guerra al pari dell'invasione del Kuwait . Abbiamo strade , piazze e quant'altro a ricordare l'eroismo dei nostri bersaglieri , fotografati il giorno seguente nell'atto di infrangere le mura già sbrecciate il giorno precedente . Quindi chi vuol festeggiare festeggi .
C'è poi il xx settembre 1958 .
Li hanno chiusi , mi ricorda un film.
Occorrerebbe il giorno del ricordo ?
Chi vuol festeggiare festeggi pure !
Ma allora si potrebbe ricordare il 23 Marzo , fondazione dei fasci di combattimento ?
Tutto questo che mettere sullo stesso piano la Befana , le Foibe , l'Olocausto ed altro è DEMENZIALE

12/2/2020 - 20:26

AUTORE:
Gabriele

Tranquillo alias, sembrano tante ma sei solo tu, ed i tuoi sdoppiamenti di personalità!

12/2/2020 - 13:14

AUTORE:
mimì

quante brutte persone in questi commenti

12/2/2020 - 11:13

AUTORE:
Gabriele

Effettivamente, dopo attento esame della foto. devo constatare che 4gatt ha arrotondato per eccesso: sono solo 8!

Del resto, non necessitano di contraddittorio nemmeno loro quindi... che te lo dico a fa?

12/2/2020 - 9:47

AUTORE:
Devis

Il giorno del ricordo è stato istituito diversi anni fa (mi pare 2004) per ricordare le vittime delle foibe. Aldilà di com'è la storia, è un giorno nazionale per ricordare quegli specifici avvenimenti. Per le stragi naziste, la liberazione, i lavoratori, la befana, il Natale ecc, ci sono altri giorni sul calendario. Perché tanta polemica? Chi vuole ricordare e omaggiare le vittime delle foibe lo fa il 10 febbraio. Chi non vuole farlo non lo faccia

12/2/2020 - 8:01

AUTORE:
Matteo

I Nuovi comunisti ossia i Demoni rossi che a carnevale si travestono da antifascisti.

12/2/2020 - 7:03

AUTORE:
Dalla Pieve

Zorrino disintossicati.
Almeno provaci, fallo per chi deve leggere tutti i tuoi commenti deliranti. Un se ne può più.

12/2/2020 - 6:42

AUTORE:
Daniele

Gli antifascisti saranno i fascisti del terzo millennio.
È proprio vero !!
VERGOGNATEVI .
Ciao Bibi .

12/2/2020 - 1:28

AUTORE:
Pasquino

Sig. Giovanni, se proprio non ci riesce il problema è tutto suo. Che Dio la illumini...

11/2/2020 - 22:50

AUTORE:
Pippo

Meno che gli s... non sono soltanto 10.....e voi quanti siete? Troppi...troppi....e gli stessi di 80 anni fa....brutto periodo...questo rigurgito di bruttura

11/2/2020 - 19:52

AUTORE:
GIOVANNI GORINI

In questi commenti non vedo un qualsiasi tentativo di analisi storica dei fatti . Solo giudizi non supportati se non da convinzioni personali . E poi si parla male dei fascisti .....

11/2/2020 - 16:57

AUTORE:
Pasquino

E' avvilente dover ancora fare i conti con questi irriducibili comunisti nostalgici… Dopo oltre 70 anni di voluto oblio finalmente viene data giusta e rispettosa testimonianza a migliaia di innocenti massacrati dai partigiani comunisti di Tito solo perché italiani e questi devono ancora polemizzare sulla supposta strumentalizzazione...ma se in questi 70 anni c'è stata una continua, assillante, estenuante celebrazione dei martiri della resistenza..., loro non strumentalizzano ma "ricordano"!
Loro danno di negazionista e parlano di uso strumentale della storia "una giornata costruita ad uso e consumo di post e neofascisti" quando questo è quello che hanno sempre fatto loro! E' vero che da che mondo è mondo la storia l'hanno sempre scritta i vincitori e i vincitori sono sempre stati i "buoni" che avevano sconfitto i "cattivi", ma un po' di obiettività e di misura, oltre che di pietà umana, non guasterebbe. Per finire, una citazione indubbiamente non censurabile: «... va ricordato l'imperdonabile orrore contro l'umanità costituito dalle foibe (...) e va ricordata (...) la "congiura del silenzio", "la fase meno drammatica ma ancor più amara e demoralizzante dell'oblio". Anche di quella non dobbiamo tacere, assumendoci la responsabilità dell'aver negato, o teso a ignorare, la verità per pregiudiziali ideologiche e cecità politica, e dell'averla rimossa per calcoli diplomatici e convenienze internazionali.»
(Discorso del Presidente della repubblica Giorgio Napolitano in occasione della celebrazione del "Giorno del ricordo". Roma, 10 febbraio 2007). Pace e bene a tutti.

11/2/2020 - 15:38

AUTORE:
4 gatt

Stiamo parlando di dieci s... in una città di 90mila abitanti. Per fortuna sono degli emarginati non in grado di nuocere.

11/2/2020 - 14:51

AUTORE:
Gabriele

Dopo che, a novembre scorso, un professore di Civitanova Marche è stato sospeso per aver lamentato l'assenza di un contraddittorio durante un incontro organizzato dall'ANPI per le classi V di un liceo, parlare di "docenza connivente" è una vera ipocrisia!

Infatti alla sua richiesta di contraddittorio l'ANPI ha risposto “in una democrazia non tutte le opinioni possono essere accettate” e “quando si parla di Resistenza non occorre una controparte”.

Ogni ulteriore commento mi sembra superfluo.

Se qualcuno è incredulo può documentarsi su internet, leggendo le dichiarazioni degli studenti stessi, per esempio su

https://www.secoloditalia.it/2020/02/prof-sospeso-per-trenta-giorni-aveva-osato-criticare-uniniziativa-anpi-su-mussolini/