Skin ADV
Valdinievole OGGI
  • Cerca:
  • 23:02 - 18/2/2020
  • [protetta]
  • [protetta]
  •  

Andare a cercare i minorenni è normale secondo te zorrino ?
Gli spacciatori son sempre esistiti ma come ora mai ! Sia nei modi che nei numeri.
Tu fai come vuoi , continua pure a giustificarli , ma .....
TIRO A SEGNO

Al poligono del Tiro a segno nazionale sezione di Carrara è andata in scena nei primi tre fine settimana di febbraio la 1a gara regionale federale del 2020.

BOXE

Il folto programma dilettantistico vedeva impegnato, all’esordio nella categoria Élite (i più bravi senza caschetto) il forte e talentoso pugile di Borgo a Buggiano Miguel Bachi.

HOCKEY

Pistoia mantiene i suoi ottimi standard e nella giornata finale del Campionato nazionale di Hockey Indoor di A2

BASKET

La Gioielleria Mancini arriva da quattro sconfitte consecutive, la partita contro Ghezzano è quindi fondamentale per restare attaccati al treno play-off. 

TAEKWONDO

Due medaglie di bronzo e belle prestazioni per 6 giovani atleti (categoria cadetti) dell'Asd Taekwondo Attitude di Borgo a Buggiano alla sesta edizione dell'Insubria Cup, kermesse internazionale svolta al Pala Yamamay di Busto Arsizio (Varese).

RALLY

Una stagione sportiva da protagonista, a garantire risultati che - nel 2019 - hanno elevato la struttura ai vertici nazionali.

BASKET

Ciabattini di scena al PalaCecioni di Livorno contro la Fides, trasferta delicata per i monsummanesi reduci da tre sconfitte consecutive.

BOCCE

Niko Bassi, il giovane ventunenne toscano di Pietrasanta militante nel Villafranca Vigasio (VR) - ma a lungo protagonista anche a Montecatini - ha vinto domenica 9 febbraio, il 5° Trofeo Comune di Pieve a Nievole cat. A/B, organizzato dalla Bocciofila Pieve a Nievole.

none_o

La recensione dci questa settimana da parte della libreria Mondadori di Montecatini è dedicata a un libro di Gian Arturo Ferrari.

none_o

In mostra a Collodi le opere della pittrice milanese Veronica Menghi e dello scultore di Carrara, Francesco Siani.

Soffioni

Impalpabili infiorescenze di sambuco
soavi di luce .....
VALDINIEVOLE STORICA
di Giovanni Torre

Altopascio, 16.000 abitanti, è da considerare parte integrante della Valdinievole.

VALDINIEVOLE STORICA
di Giovanni Torre

Ricordi dell'associazione dilettantistica calcio Montecatini.

Azienda di trasporto cavalli con sede operativa in Altopascio .....
Cerco elettricista x piccolo lavoro di manutenzione citofono .....
QUARRATA
Grande successo per la mostra “I bambini ricordano”: 22 classi e oltre mille persone in visita in sole 2 settimane

10/2/2020 - 19:42

Si è conclusa ieri, con una sala Zampini gremita di persone, la mostra fotografica di Oliviero Toscani “I bambini ricordano” sulla strage di Sant’Anna di Stazzema, promossa dall’amministrazione comunale in occasione delle celebrazioni per la Giornata della memoria in ricordo delle vittime dell’olocausto e dei crimini nazifascisti. 

 

Protagonista dell’incontro conclusivo di domenica pomeriggio, dal titolo “L’ho sempre in mente. Sempre! Sempre! Sempre!” è stata la signora Adele Pardini, sopravvissuta alla strage, che ha raccontato alle centinaia di persone presenti i suoi ricordi di bambina (il 12 agosto del 1944 aveva 4 anni).

 

Lei, insieme a quattro sue sorelle e alla madre fu messa al muro dai nazisti e colpita da una raffica di mitra. La madre morì sul colpo. Adele e due sorelle, pur ferite, sopravvissero. Altre due sorelle morirono nei giorni successivi a seguito delle ferite riportate. Una, Anna, di soli venti giorni, è stata la vittima più piccola delle 560 uccise nella strage. 

 

Domenica, oltre alla signora Adele Pardini, sono intervenuti anche il segretario dell’associazione Martiri di Sant’Anna di Stazzema Graziano Lazzeri e il direttore del Parco della Pace di Sant’Anna di Stazzema Michele Morabito. All’inizio della serata è stata letta da Alessandro Rapezzi una poesia di un anonimo visitatore della mostra (si conosce soltanto il suo nome, Almario, di Prato) che, nei giorni scorsi, dopo aver visto le foto esposte e dopo aver letto le interviste dei testimoni, ha scritto una toccante poesia, che ha poi lasciato ai volontari che si sono occupati della guardiania della mostra.


L’esposizione, inaugurata lo scorso 25 gennaio, in appena due settimane di apertura ha raccolto numerosissimi visitatori: oltre un migliaio sono soltanto coloro che hanno lasciato una firma o una dedica sul registro posto all’ingresso; il numero totale dei visitatori, dunque, sarà di gran lunga superiore. Tantissime anche le classi in visita: ben 22, tra scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado, di Quarrata, ma anche di Pistoia. 
 
“La risposta di Quarrata a questo programma di iniziative – afferma il sindaco Marco Mazzanti – è stata davvero straordinaria e persino superiore alle mie aspettative. In un momento storico particolare come quello che stiamo vivendo, nel quale una senatrice a vita reduce dai campi di sterminio è costretta ad avere la scorta per le minacce antisemite ricevute, la nostra comunità ha dato un segnale importante e chiaro di condanna di ogni forma di razzismo, discriminazione, violenza e odio e di adesione ai valori della democrazia e della pace. Anche la risposta delle scuole che, in pochi giorni, hanno portato quasi 500 ragazzi, suddivisi in 22 classi, a visitare la mostra mi pare rappresenti un messaggio davvero importante. Ringrazio di cuore tutti coloro che, a vario titolo, hanno reso possibile tutto questo, singoli, enti e associazioni”. 
 
Per la realizzazione della mostra, l’apertura, la chiusura e la guardiania (effettuata solo da volontari), oltreché per l’organizzazione delle varie iniziative è stato fondamentale l’impegno di tante realtà: dall’Agesci Quarrata1 al gruppo Vignole Giovane, dallo Spi Cgil al Circolo Arci Parco Verde di Olmi, dall’Anpi all’Istituto Storico per la Resistenza di Pistoia. Il Comune di Stazzema e il Parco nazionale della pace di Sant’Anna di Stazzema hanno inoltre concesso il loro patrocinio al programma.

Fonte: Comune Quarrata
 
+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra:




11/2/2020 - 12:19

AUTORE:
vincenzo

Non ho visto la mostra e mi auguro che il ricordo porti pace e consapevolezza . Mi sono sempre chiesto e mi chiedo , quanta collaborazione e partecipazione fu da parte di fascisti che oggi parlano di olocausto nei numeri come falso storico . Per i fascisti basterebbe ricordare i cinque kili di sale e lo sfondamento delle porte delle case dei deportati .
Per sant'Anna ho sempre pensato a coperture per addossare ogni responsabilità alle SS dell'esercito tedesco .
Una delle tante autoassoluzioni -