Skin ADV
Valdinievole OGGI
  • Cerca:
  • 23:02 - 18/2/2020
  • [protetta]
  • [protetta]
  •  

Andare a cercare i minorenni è normale secondo te zorrino ?
Gli spacciatori son sempre esistiti ma come ora mai ! Sia nei modi che nei numeri.
Tu fai come vuoi , continua pure a giustificarli , ma .....
TIRO A SEGNO

Al poligono del Tiro a segno nazionale sezione di Carrara è andata in scena nei primi tre fine settimana di febbraio la 1a gara regionale federale del 2020.

BOXE

Il folto programma dilettantistico vedeva impegnato, all’esordio nella categoria Élite (i più bravi senza caschetto) il forte e talentoso pugile di Borgo a Buggiano Miguel Bachi.

HOCKEY

Pistoia mantiene i suoi ottimi standard e nella giornata finale del Campionato nazionale di Hockey Indoor di A2

BASKET

La Gioielleria Mancini arriva da quattro sconfitte consecutive, la partita contro Ghezzano è quindi fondamentale per restare attaccati al treno play-off. 

TAEKWONDO

Due medaglie di bronzo e belle prestazioni per 6 giovani atleti (categoria cadetti) dell'Asd Taekwondo Attitude di Borgo a Buggiano alla sesta edizione dell'Insubria Cup, kermesse internazionale svolta al Pala Yamamay di Busto Arsizio (Varese).

RALLY

Una stagione sportiva da protagonista, a garantire risultati che - nel 2019 - hanno elevato la struttura ai vertici nazionali.

BASKET

Ciabattini di scena al PalaCecioni di Livorno contro la Fides, trasferta delicata per i monsummanesi reduci da tre sconfitte consecutive.

BOCCE

Niko Bassi, il giovane ventunenne toscano di Pietrasanta militante nel Villafranca Vigasio (VR) - ma a lungo protagonista anche a Montecatini - ha vinto domenica 9 febbraio, il 5° Trofeo Comune di Pieve a Nievole cat. A/B, organizzato dalla Bocciofila Pieve a Nievole.

none_o

La recensione dci questa settimana da parte della libreria Mondadori di Montecatini è dedicata a un libro di Gian Arturo Ferrari.

none_o

In mostra a Collodi le opere della pittrice milanese Veronica Menghi e dello scultore di Carrara, Francesco Siani.

Soffioni

Impalpabili infiorescenze di sambuco
soavi di luce .....
VALDINIEVOLE STORICA
di Giovanni Torre

Altopascio, 16.000 abitanti, è da considerare parte integrante della Valdinievole.

VALDINIEVOLE STORICA
di Giovanni Torre

Ricordi dell'associazione dilettantistica calcio Montecatini.

Azienda di trasporto cavalli con sede operativa in Altopascio .....
Cerco elettricista x piccolo lavoro di manutenzione citofono .....
PISTOIA
Giorno del ricordo, Cgil: "Evitare le strumentalizzazioni di partito"

10/2/2020 - 14:48

La Cgil interviene sul giorno del ricordo.

 

"Le celebrazioni del 10 febbraio a Pistoia hanno ormai perso, di fatto, il carattere di eventi istituzionali per divenire espressione dell’impostazione politica di una fazione, contravvenendo allo spirito della legge istitutiva della giornata memoriale. Dopo un iniziale accordo nel 2018 fra Comune e associazioni componenti il Cudir per la realizzazione della targa “in memoria delle vittime delle foibe, dell’esodo giuliano-dalmata e delle vicende del confine orientale”, come recita l’iscrizione, già nel 2019 si era registrato l’irrigidimento dell’amministrazione nella costruzione del calendario di questa commemorazione, con le iniziative presentate al Cudir a ridosso del Giorno del ricordo, senza possibilità di intervento ma come fatto compiuto.


In quell’occasione i componenti del comitato, criticando nel metodo e nel merito le iniziative proposte dal sindaco, chiesero per il futuro una condotta nella costruzione del calendario che coinvolgesse, come era sempre avvenuto in passato a e come tuttora avviene per le altre date, gli enti culturali e storici del territorio. La risposta dell’amministrazione fu positiva ma alle parole non hanno fatto seguito i fatti.


Anzi ci siamo trovati a dover prendere atto che il Comune è passato a pratiche liberticide, come nel caso dell’evento annullato alla San Giorgio e organizzato dal Centro di documentazione, struttura di rilievo culturale nazionale. Non solo. Il Cudir è stato nuovamente convocato il 30 gennaio, con le iniziative del Giorno della memoria già svoltesi e a ridosso del Giorno del ricordo, privandolo di fatto delle sue funzioni di discussione e programmazione e snaturandone il ruolo a mero organismo sanzionatorio di scelte già compiute, oltretutto discutibili nel merito e nella qualità culturale.


Come evidenzia il mancato coinvolgimento degli enti storico-culturali locali che da due decenni portano avanti lodevoli iniziative didattiche e pubbliche sulle foibe e la storia del confine orientale, si esclude dalla partecipazione soggetti qualificati e si affida la programmazione a un partito dell’attuale maggioranza comunale, incline a considerare il 10 febbraio come sua proprietà privata. Giudichiamo quest’impostazione estremamente preoccupante, dato che l’identificazione fra partito e istituzioni fu una delle caratteristiche del regime fascista e non credevamo di dover assistere alla sua riedizione a danno di quelle repubblicane.


Per non legittimare questi metodi che ricercano un avvallo supino alle politiche culturali di un partito e a pratiche censorie abbiamo scelto di non prender parte alla seduta del Cudir di gennaio, alla celebrazione presso la targa ed alle altre attività pubblicizzate, come segno di dissenso per lo svilimento del comitato, la cui sigla significa Comitato unitario per la difesa delle istituzioni repubblicane, che con questa prassi subisce una torsione tale da snaturarne ruolo e funzioni e per la ricostruzione storica fuorviante che viene portata avanti unilateralmente dall’amministrazione".

Fonte: Cgil
 
+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra:




10/2/2020 - 15:52

AUTORE:
vogliamoci bene

I postfascisti , da anni , cercano di mettere sullo stesso piano le Foibe e l'eliminazione legale ad opera del fascismo e della rsi di cittadini italiani definiti di "razza" ebraica.
Solo la spregevole distorsione della storia , da ancora fiato a chi , ad esempio , si porta dietro la fiamma tricolore di Almirante e guarda con simpatia se non alleandosi , per i fascisti del terzo millennio .
Nessuno fa del revisionismo sulle foibe , ma la strumentalizzazione del fenomeno ad opera di postfascisti , è veramente preoccupante.