Skin ADV
Valdinievole OGGI
  • Cerca:
  • 04:04 - 06/4/2020
  • [protetta]
  • [protetta]
  •  

Certo che le tinte fosche sono spesso oltre la siepe.
Leggendo quel che gira , mi sembrano scappellotti bonari .
I posti di lavoro ?
Si fanno ferie e cassa integrazione . Si prevede di stampare .....
BASKET

È arrivata ieri pomeriggio la notizia che la Lega Basket Femminile ha deciso, come aveva già fatto per i campionati regionali, di procedere con lo stop definitivo dei campionati. È una notizia che ci fa rimanere con l’amaro in bocca, nonostante si comprenda benissimo la gravità della situazioni sanitaria che sta affliggendo l’Italia.

PODISMO

Annullata la camminata ludico-motoria "Corri e cammina insieme" prevista per il 5 aprile.

CALCIO

I vertici societari del Gsd Montecatinimurialdo hanno preso una sofferta ma inevitabile decisione sul torneo internazionale Città di Montecatini Terme, in programma come ogni anno durante il lungo weekend pasquale.

TAEKWONDO

E' di 12 medaglie il bilancio, decisamente positivo, dell'Asd Taewondo Attitude di Borgo a Buggiano al "Trofeo Lanterna".

NUOTO

La squadra Categoria dell'Asd Nuoto Valdinievole brilla al campionato regionale in vasca corta, svolto alla piscina "Bastia" di Livorno.

KARATE

Domenica a Firenze si sono svolte le qualificazioni regionali per i campionati italiani di karate specialità kata categoria seniores ed esordienti.

NUOTO

Le squadre degli Esordienti A e Categoria dell'Asd Nuoto Valdinievole, guidate dagli allenatori Stefano Giannini e Carlo Bernava, si sono ben comportate ai campionati italiani invernali di Riccione.

BASKET

La Gioielleria Mancini di nuovo in trasferta, la più lunga di questo campionato. L’impegno è di quelli proibitivi contro la capoclassifica Valdicornia di coach Blanco.

none_o

Il 26 febbraio è stata inaugurata la mostra di pittura “Expo art….tullet”.

none_o

La recensione di questa settimana da parte della libreria Mondadori di Montecatini è dedicata a un libro di Daniele Mencarelli.

Non mancava alcunchè,
ma non si sa neppur perchè
ci sembrava .....
PISTOIA STORICA
di Giancarlo Fioretti

Una vita in bilico quella di Dino Philipson, sempre in fuga da qualcosa.

VALDINIEVOLE STORICA
di Giancarlo Fioretti

L'architetto e a'antica basilica di Santa Maria Assunta.

cerco qualsiasi mansione x impegno mia giornata sono dinamico .....
Sono un giovane fotografo , mi chiamo Jacopo, e sono andato .....
MONTALE
Si è dimesso l'assessore Galardini, aveva accostato le forze dell'ordine ai fascisti

24/1/2020 - 17:16

Si è dimesso dalla carica di assessore Alessandro Galardini, al centro delle polemiche politiche dopo l'accostamento tra forze dell'ordine e fascisti. Il sindaco Ferdinando Betti si era dissociato dalle sue affermazioni e aveva già preso atto delle scuse. Galardini aveva precisato che "fascista" era rivolto non alle forze di polizia in generale, ma a chi "martella l'opinione pubblica col bisogno di sicurezza".


«Chi nutre questi pregiudizi di natura ideologica contro i servitori dello Stato, non può rappresentare le istituzioni. Rassegnare le dimissioni era l’unica cosa da fare dopo quella frase infelice». Commenta così Stefano Paoloni, Segretario Generale del Sindacato Autonomo di Polizia (Sap), la decisione dell’ormai ex assessore alla cultura Alessandro Galardini, di dimettersi dalla carica.


«Abbiamo appreso che il sindaco si è dissociato dalle esternazioni di Galardini, porgendo formali scuse al questore di pistoia. Apprezziamo il gesto sperando serva da esempio. I poliziotti e la polizia di Stato – conclude - non hanno colori e sono al servizio del paese e a garanzia delle sue leggi».

 

Questo invece il commento di Francesco Cipriani, Fratelli d'Italia.
"Preso atto delle recenti dimissioni dell'assessore alla cultura, quanto  pronunciato nei giorni scorsi dallo stesso impone una riflessione di carattere istituzionale e politico.
Ferma la rinnovata solidarietà alle forze dell'ordine nonché il legittimo esercizio del diritto di voto da parte dei rappresentanti delle istituzioni, trovo assurdo che una maggioranza politica voti contro ad una proposta del tutto condivisibile, trasversalmente: l'intitolazione di uno spazio pubblico ai caduti delle forze dell'ordine. Proprio grazie alle Forze dell'Ordine italiane infatti sono salve le garanzie del nostro ordinamento democratico.
Ognuno è libero di votare ciò che vuole proprio in virtù di quei principi costituzionali che le stesse forze dell'ordine contribuiscono a tutelare. Lascia basiti quindi il voto contrario della maggioranza".
Nell'allegato Pdf qua sotto l'intervento del Centrodestra per Montale.


 
+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra:




30/1/2020 - 9:08

AUTORE:
Lorenzo

Sono d'accordo Tommaso. Non si tratta di 'semplice' oltraggio, ma è qualcosa di ben più grave!
Ha infangato un'intera categoria , quella di chi quotidianamente rischia la vita per difendere tutti i cittadini , compreso questo gran bel komunista fasullo !
W Le forze dell'ordine. Sempre.

29/1/2020 - 19:17

AUTORE:
federigo tozzi

Ci risiamo !
Riporto una tua frase

"proprio perché espressa in confidenza, fuori da un contesto pubblico, è da ritenersi inequivocabilmente corrispondente a ciò che pensa."

E anche se fosse il suo pensiero , poiché è stato espresso in sede privata , si esclude conseguentemente ogni responsabilità .

Chi parla di querele , responsabilità etc. sono il coro delle vergini della tragedia greca.

Smettano di tranciar giudizi denigratori , perché non hanno nessun diritto in quanto hanno "origliato" .

29/1/2020 - 13:08

AUTORE:
Tommaso

Questa frase orribile ( che ovviamente andrà valutata nelle sedi giuste ) espressa dal soggetto politico piddino , proprio perché espressa in confidenza, fuori da un contesto pubblico, è da ritenersi inequivocabilmente corrispondente a ciò che pensa.
Come si può arrivare a giustificare anche chi denigra le forze dell'ordine? È evidente che il comunista mio amico alias la pensa in modo analogo.

29/1/2020 - 11:01

AUTORE:
Signore perdona loro ....

Con un certo disgusto , ho letto il PDF dove dei bla bla bla del partito dei citofonatori , con il capo che verrà rinviato (per sua scelta ?) a giudizio per reati gravissimi relativi a fatti e non parole , concludono che la strada intitolata se la meritano .
Citano anche una serie di categorie che hanno esternato il loro dissenso come se il comune di Montale fosse salito alla ribalta nazionale per un sostanziale VAFFA carpito da un microfono rimasto acceso .
Una canea di disinformati presuntosi che continuano con QUERELA non sapendo nemmeno cosa sia querela.

29/1/2020 - 8:48

AUTORE:
napoleone

la famosa frase incriminata carpita da un microfono ancora acceso , rientra in quello che riporto di seguito da internet (dizionario giuridico)

"In diritto penale, la suitas (parola latina, pron. sùitas) è la condizione nella quale la condotta di un soggetto è pienamente sua (di qui la suità) nel senso che gli appartiene per coscienza di ciò che sta facendo e volontà di farlo."

Quindi signori abbaianti , non c'è querela (vedi la voce querela) e non c'è reato .

Che poi qualcuno e forse anche il politico la pensi cosi' , sono solo fatti suoi . D'altra parte non potrebbe essere poi il solo .

29/1/2020 - 4:42

AUTORE:
sono stufo

La democrazia è bella perché consente ad ogni ignorante di sentirsi importante e poter dire quello che vuole.
La querela è atto della persona offesa e presuppone la volontà del querelato cui si attribuisce un reato .
Ignoranti , leggete su internet prima di aprir bocca

28/1/2020 - 18:38

AUTORE:
Tommaso

Hai detto bene Lorenzo , quello che ha detto questo soggetto politico PD è ciò che pensa la maggior parte dei frequentatori dei centri sociali e finti preti.
Purtroppo , dico purtroppo, è così.
Cosa sarebbe successo se lo avesse detto un politico di cx ? Apriti cielo.

28/1/2020 - 18:04

AUTORE:
giampaolo

LORENZO , almeno conosci cosa è una querela . IGNORANTE .

28/1/2020 - 6:55

AUTORE:
Lorenzo

Bibiiiii , Donatello ti dona come nuovo nome.
Anche se il mio preferito resta MARCO.
Accostare le forze dell'ordine ai fascisti è gravissimo.
Costui meriterebbe una querela .
Il fatto che molti falsi comunisti la pensino allo stesso modo la dice lunga su che tipo di persone siete.

27/1/2020 - 17:24

AUTORE:
donatello

Parli senza riflettere ma per farti piacere ti farò un esempio .
A sedere su una panchina , due persone parlano di politica ed uno dei due dice all'altro che , per esempio , il presidente della repubblica è un ladro .
Passi vicino , rizzi gli orecchi , e ascolti .
Quale reato riesci a vedere ?
Risposta : "NESSUNO" in quanto l'affermazione circa il presidente , è il pensiero di un cittadino, perfettamente lecito , rivolto ad uno che ascolta.
Altro sarebbe se questo stesso giudizio venisse espresso in maniera da ,volontariamente , farsi ascoltare da un numero imprecisato di persone.
Il giustizialismo degli ignoranti non riesce a capire che k'affermazione incriminata , è stata veicolata casualmente da un microfono ancora acceso . Questo esclude la volontarietà e quindi ogni reato ..
Smettila di sciacquarti la bocca con i comunisti e cerca di accendere il cervello .

27/1/2020 - 17:12

AUTORE:
supergulp

Lorenzo parli a vanvera .Vai a cercare su internet cosa sia la querela , e chi può sporgere querela .

27/1/2020 - 14:45

AUTORE:
Daniele

Atto di una gravità assoluta che meriterebbe un approfondimento in sede appropriata (mi auguro).
Se un tale discorso fosse stato fatto da un esponente di centro destra i kommunisti fasulli sarebbero tutti insorti con la pacatezza che li contraddistingue.
vergognoso silenzio del regime arancione.

27/1/2020 - 14:30

AUTORE:
Lorenzo

atto ignobile.
è il nuovo comunismo che avanza.
una bella querela per questo gran signore ...

27/1/2020 - 8:30

AUTORE:
arturo

per marco marco , se non temessi , come sempre di essere inseguito dai "cani" che albergano in questo foglio , esporrei il mio pensiero . Fortunatamente nel tempo e molto molto lentamente a partire dalla Celere di Scelba , i cui responsabili non erano cambiati da prima a dopo la guerra , il mondo è andato avanti .
Il sentire comune nei confronti degli organi che dovrebbero garantire uno svolgersi ottimale della nostra esistenza, non sempre corrisponde ai dettati costituzionali . Ma questa è una opinione . Ma c'è poi un episodio che è bene ricordare : i fatti del g 8 di Genova e questo non è un buon ricordo .

26/1/2020 - 20:11

AUTORE:
Marco Marco

generalizzare è sempre sbagliato, ma è ipocrita da benpensanti fare i finti indignati perché è storia arcinota che all'interno delle Forze dell'ordine e delle Forze armate ci siano molti simpatizzanti del fascismo in barba al giuramento di fedeltà alla Costituzione.

25/1/2020 - 13:53

AUTORE:
allegra compagnia

Pensiamo di essere per strada e due persone parlano fra loro . Passiamo e casualmente captiamo un discorso del tipo di quello incriminato .
Imprudenza di parlare in luogo pubblico di certi argomenti e fare certe affermazioni , e poi ?
Pensiamo tutto il male possibile di questo individuo , ma attenzione : denigrarlo è pericoloso in quanto in effetti ti basi su una conversazione PRIVATA.
Io , consigliere , comincerei a querelarti avendo la prova provata dello scritto che appare in questo foglio e che si rivolge ad numero imprecisato di persone nel quale tu , scientemente , hai diretto i tuoi giudizi . Ma per capire ci vogliono gli strumenti ....

25/1/2020 - 13:44

AUTORE:
alessandro

caro tommaso che duri fatica a capire .
La querela prevede che il querelante sia la persona che ritiene di essere stato offeso .
Il riconoscimento di una responsabilità è la volontarietà del fatto .
Si parla di un microfono rimasto acceso e quindi di qualcosa di privato che casualmente è stato intercettato da terzi .
Con questo si esclude la responsabilità in quanto manca il presupposto della volontarietà.
Ma allora Tommaso , parli perché hai la bocca (tastiera) oppure perché respiri ?

25/1/2020 - 8:31

AUTORE:
alessandro

Ferma restando la condanna per frasi del genere , occorrerebbe riflettere un attimo sulle modalità in cui è avvenuto il fatto . Si legge che : un microfono non spento , ha veicolato l'affermazione di una persona.
Il pensiero espresso da questa persona è stato ascoltato da persone cui non era diretto . Quindi gli ascoltatori indignati , avevano ascoltato una affermazione non a loro diretta . Il che esclude la volontarietà di denigrare le forze di polizia , se non nell'ambito strettamente interpersonale , il che è una lecita manifestazione del pensiero .
In sostanza è come ascoltare qualcuno che a porta chiuso , parla con altri ....
Per quanto attiene poi al diniego "toponomastico" , è indubitabile che questa funzione attiene a deliberazione di consiglio e quindi alla decisione della maggioranza.
Se la minoranza vuole imporre alla maggioranza delle decisioni , si metta cortesemente in coda ed aspetti tempi migliori .
Le provocazioni delle minoranze , sono il pane quotidiano delle stesse. Quale necessità ravvisassero in un piccolo comune di manifestare a favore delle forze dell'ordine e non ad esempio del volontariato , delle misericordie etc , è questione su cui dibattere , ma mi permetto di dubitare che tale iniziativa sarebbe partita dalla destra . Non conosco un volontariato di destra e qui mi taccio .
Insomma un brutto episodio da dimenticare , ma nemmeno di farne un affare di stato .
Nessuno ha portato sul palco mamme di bambini uccisi in un rapimento o peggio .

25/1/2020 - 0:00

AUTORE:
Lino

Non confondiamo la cacca con la cioccolata

24/1/2020 - 20:01

AUTORE:
Tommaso

Una bella querela se la meriterebbe questo esponente politico .

24/1/2020 - 19:16

AUTORE:
Daniele

Queste affermazioni possono uscire dalla bocca solamente da un personaggio che gioca a fare il comunista.
uno che parla così è vergogna di questo paese.
È un'affermazione tipica da centro sociale.

24/1/2020 - 17:42

AUTORE:
Lorenzo

Vergognoso.
Chissà quanti altri ' signori ', italiani appartenenti alla cosiddetta sinistra , la pensano in modo analogo !
Vergogna.
W le forze dell'ordine.