Skin ADV
Valdinievole OGGI
  • Cerca:
  • 00:12 - 14/12/2019
  • [protetta]
  • [protetta]
  •  

Pensare a Salvini come l'uomo del destino , lascia perplessi . Una per tutte il recente becero commento sugli amori sui cofani alla parrocchia di Vicofaro e le chiare allusioni (bagnetti) a pratiche .....
NUOTO

La squadra Categoria dell'Asd Nuoto Valdinievole si è egregiamente comportata al campionato regionale assoluto in vasca corta, al quale partecipavano i primi 26 atleti qualificati di ogni specialità.

NUOTO

Prestigioso terzo posto per Lodovico Francesconi ai campionati italiani assoluti Finp (Federazione Italiana Nuoto Paralimpico) in vasca corta.

BASKET

È ancora tempo di derby per i ciabattini, il terzo sempre in trasferta in questo girone d’andata. È la volta della Cestistica Pescia di coach Maurizio Traversi che affrontiamo per la prima volta in assoluto in campionato.

BOCCE

Presentazione del  9°turno del campionato di Serie A2, secondo di ritorno e ultimo del 2019.

PODISMO

Domenica prossima due importanti manifestazioni podistiche si svolgeranno  in Valdinievole.

TENNIS

Luca Marianantoni vive a Larciano e scrive da ventitrè anni per «La Gazzetta dello Sport» principalmente di tennis e di statistiche.

BOCCE

Sabato inizia il girone di ritorno del campionato di serie A2. Molto eloquente il verdetto del girone di andata con 4 formazioni nei piani alti della classifica, una a metà e le altre 3 nelle parti basse.

BASKET

C’è il pubblico delle grandi occasioni al PalaCardelli per la partita che potrebbe essere lo spartiacque di questa stagione per i ciabattini. Al cospetto di coach Matteoni arriva la terza forza del campionato, il Basket Calcinaia di coach Gianluca Giuntoli.

none_o

“L’isola che c’è” raccoglie gli scritti dei partecipanti a un laboratorio di scrittura autobiografica.

none_o

La recensione di questa settimana da parte della libreria Mondadori di Montecatini è dedicata a un libro di Vittorio Sgarbi.

Soffioni

Impalpabili infiorescenze di sambuco
soavi di luce .....
VALDINIEVOLE STORICA
di Giovanni Torre

Altopascio, 16.000 abitanti, è da considerare parte integrante della Valdinievole.

VALDINIEVOLE STORICA
di Giovanni Torre

Ricordi dell'associazione dilettantistica calcio Montecatini.

Cercasi coinquilina studentessa solo ragazze
Appartamento sito .....
SCUOLA di BALLO e DANZA ACCADEMICA
asd " ENERGY LATIN DANCE .....
PISTOIA
Associazioni ambientaliste: "Ci danno degli isterici ed esasperati, ma siamo noi che abbiamo fatto correggere errori"

15/11/2019 - 17:54

Una serie di associazioni ambientaliste intervengono sulle politiche ambientali del territorio.

 

"Da qualche tempo sui giornali locali le associazioni firmatarie del presente comunicato sono oggetto di pesanti critiche: ha iniziato il tiro al bersaglio il presidente del Distretto vivaistico Francesco Mati accusandoci di essere poco propositivi; a questa critica ha già efficacemente replicato Marco Beneforti, presidente del del Wwf Pistoia-Prato; lo stesso Mati ha rincarato la dose nell’intervista rilasciata a un giornale pistoiese in cui alcuni tra noi sono definiti – non si sa bene se dal giornalista o dallo stesso Mati – “feroci detrattori” e vengono accusati di “fare terrorismo e non dialogare”; per finire con il presidente Rossi che sull’organo di stampa della Regione ci rimbrotta di fare un “ambientalismo talvolta esasperato e isterico”.


Riteniamo che sia ora di fare chiarezza e di mettere alcuni puntini sulle i, a cominciare proprio dal presidente della nostra Regione Enrico Rossi. Ebbene sì, caro presidente, siamo orgogliosi di essere “talvolta esasperati e isterici”, se questo significa vigilare instancabilmente ed essere intransigenti nella tutela della salute e dell’ambiente che ne è un determinante fondamentale, informare e diffondere notizie scomode che qualcuno preferirebbe rimanessero nascoste, criticare, se occorre anche ferocemente, provvedimenti delle nostre amministrazioni che sono in contrasto con la tutela della salute e dell’ambiente.

 

Siamo orgogliosi, ad esempio, di aver contribuito a diffondere presso l’opinione pubblica i rapporti di Arpat sui livelli di contaminazione da pesticidi delle acque della piana pistoiese e di non aver perso occasione per denunciare – anche presso la giustizia amministrativa – l’illegittimità del decreto della giunta regionale 43R del 30 luglio 2018, approvato alla chetichella quando i pistoiesi si accingevano ad andare in vacanza. Con tale decreto nelle aree di salvaguardia attorno ai pozzi dell’acquedotto si autorizza l’uso di centinaia di pesticidi, tra cui addirittura alcuni principi attivi già da tempo vietati dal Ministero della Salute, nonché del glifosato, cancerogeno probabile per l’Oms e interferente endocrino per l’Efsa.

 

Se oggi la giunta ha corretto per lo meno gli errori più macroscopici commessi, vietando ciò che già il Ministero della Salute aveva da tempo vietato ed aggiungendovi il divieto del glifosato, forse un po’ di merito l’abbiamo avuto anche noi, con le nostre “esasperate e isteriche” denunce!

 

Vogliamo quindi continuare in questa opera di pungolo nei confronti delle istituzioni: proprio per questo nel nostro ultimo comunicato abbiamo ricordato agli amministratori regionali che il dimetoato (il principio attivo alla base del Rogor, tanto per intenderci) è stato recentemente revocato e non è proprio il caso che esso compaia nell’elenco dei prodotti utilizzabili in prossimità dei pozzi dell’acqua potabile. Toglietelo dunque subito, per non dover poi chiedere scusa come siete stati costretti a fare per gli altri cinque pesticidi di cui avevate permesso l’uso nonostante fossero già vietati.


Vogliamo poi tranquillizzare gli amici vivaisti: mai e poi mai li abbiamo denigrati di fronte alla pubblica opinione, o abbiamo inteso diffamarli o tantomeno compromettere la loro reputazione con calunnie o maldicenze, per cui non meritiamo proprio di essere definiti loro “detrattori”, per di più “terribili”. Informare la popolazione sui rischi connessi all’uso dei pesticidi o divulgare i rapporti di Arpat sullo stato di contaminazione delle acque nella piana pistoiese, ponendo in evidenza le criticità che Arpat stessa considera legate alle attività vivaistiche, non può in alcun modo essere considerato una forma di denigrazione nei confronti di chi esercita tali attività, quanto piuttosto uno stimolo a cercare strade nuove e diverse per porre rimedio all’attuale contaminazione dei corsi d’acqua del territorio. In particolare la contaminazione da diserbanti, che lo stesso direttore di Arpat non ha esitato a definire grave, impone che si metta mano con celerità a misure in grado effettivamente di riportare lo stato delle acque nei limiti imposti dalla normativa.

 

I convegni da noi promossi, per il livello scientifico e l’indiscutibile competenza dei relatori, potevano essere l’occasione per instaurare un dialogo costruttivo con il mondo del vivaismo: il dialogo, però, non si incentiva certo rivolgendo accuse di terrorismo a chi tra noi riferisce quanto è ormai ben noto nella letteratura scientifica internazionale circa i rischi legati all’utilizzo dei pesticidi o accusando le nostre associazioni di non collaborare: ci sembra di aver mostrato con i fatti che stiamo dando un valido contributo, anche sul piano scientifico, (vedi ad esempio il convegno del 28 settembre promosso dai giovani di Città in cammino) e continueremo a darlo, anche con iniziative programmate a breve scadenza.


Rivendichiamo poi il merito, grazie ai nostri insistenti e un tantino “esasperati” interventi, di aver smosso le acque, visto che il sindaco ha iniziato  a farsi carico della tutela delle acque destinate alla potabilizzazione con la recente ordinanza relativa ai pozzi di San Pantaleo. Tale provvedimento, sia pur parziale e non risolutivo, è un primo passo nella direzione da noi auspicata: il divieto di utilizzo di prodotti fitosanitari nell’intera area di salvaguardia dei pozzi per uso potabile, specie in presenza di comprovata vulnerabilità della falda acquifera. Per ora il divieto imposto dal sindaco si ferma ai venti metri dai pozzi, mentre nei restanti 180 metri di raggio, per effetto dell’improvvido decreto Regionale 43R (il cosiddetto Puff), si possono ancora usare centinaia di fitofarmaci, di cui alcuni anche molto tossici.

 

Adesso, come auspica anche il sindaco, tocca alla Regione a proseguire nel cammino, correggendo radicalmente la normativa relativa alla tutela delle acque, specie di quelle destinate all’uso umano.


La nostra lotta ambientalista continua fiduciosi per un  futuro migliore".

 

Il comunicato stampa è firmato da:
Ass. Acqua Bene Comune Pistoia
Ass. Alleanza Beni Comuni Pistoia 
Obiettivo Periferia
Wwf Pistoia Prato
Bio Distretto del Montalbano

 
+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra:




17/11/2019 - 11:30

AUTORE:
eolo

Peccato che tanti premi " Nobel " della provincia di Pistoia, abbiano già escluso che l'insorgenza di patologie tumorali negli abitati di Cantagrillo e Casalguidi non sia in alcun modo legata alla presenza della discarica del Cassero che si trova nelle adiacenze di questi paesi.
Sicuramente è un tipo di politica che fa quadrato e para il culo a amministratori, gestori della stessa discarica, dandoci ancora una volta l'esempio di squallore e direi di criminalità politica. La salute dei cittadini non prescinde la colore del partito. Gli imbecilli, gli incapaci, inseriti in luoghi strategici con la pedata in culo della raccomandazione, non dovrebbero ricoprire certi ruoli.
Non mi pare di aver saputo di manifestazioni importanti, mi pare di assistere a un gregge dove il cane, è a libro paga dei lupi!

16/11/2019 - 14:44

AUTORE:
Devis

Per quanto riguarda il glifosato, c'è un grosso errore in quanto affermato dagli ambientalisti: l'EFSA, nella ricerca fatta a settembre 2017 e pubblicata a dicembre dello stesso anno, ha dichiarato che non ci sono rischi per il sistema endocrino. Sarebbe corretto non dare informazioni sbagliate ai cittadini. Per quanto riguarda invece il dimetoato, dubito fortemente che possa arrivare nelle falde acquifere in quanto l'applicazione è fatta per nebulizzazione della parte aerea delle piante. Non mi risultano analisi delle acque che abbiano rilevato dimetoato. Se qualcuno sa dove trovarle, sarò ben contento di guardarle. Comunque nel 2020 il dimetoato sarà vietato ovunque in Italia e, credo, in Europa. Purtroppo per tutti, è l'unico prodotto che contrasta la mosca dell'olivo efficacemente e non lascia residui nell'olio in quanto idrosolubile (si scioglie nell'acqua di lavaggio prima della frangitura) e lipofobico (le sue molecole non si legano in alcun modo ai grassi..e l'olio è un grasso). Quindi speriamo in estati lunghe e molto calde che uccidono naturalmente le larve della mosca. Altrimenti l'olio salirà vertiginosamente di prezzo negli anni di infestazioni massiccie