Skin ADV
Valdinievole OGGI
  • Cerca:
  • 09:12 - 10/12/2019
  • [protetta]
  • [protetta]
  •  

Già un anno fa, il 23 novembre 2018, avevo inoltrata quale ultima richiesta la proposta di realizzazione della pista di Atletica Leggera nello stadio Pertini di Ponte Buggianese, diretta al Sindaco, .....
TENNIS

Luca Marianantoni vive a Larciano e scrive da ventitrè anni per «La Gazzetta dello Sport» principalmente di tennis e di statistiche.

BOCCE

Sabato inizia il girone di ritorno del campionato di serie A2. Molto eloquente il verdetto del girone di andata con 4 formazioni nei piani alti della classifica, una a metà e le altre 3 nelle parti basse.

BASKET

C’è il pubblico delle grandi occasioni al PalaCardelli per la partita che potrebbe essere lo spartiacque di questa stagione per i ciabattini. Al cospetto di coach Matteoni arriva la terza forza del campionato, il Basket Calcinaia di coach Gianluca Giuntoli.

BASKET

C'è una sola squadra in testa al campionato di A1 Uisp Pistoia-Prato. È il Racing Montecatini, che ha vinto venerdì sera a Pieve A Nievole per 50-60, dopo aver accumulato anche 20 punti di vantaggio.

BOCCE

In un settimo turno del campionato nazionale di A/2 che non ha mancato di riservare sorprese, la Montecatini Avis va ko nello scontro diretto per la salvezza in casa dell’Orbetello.

BOCCE

Anche se Giacomo Lorenzini è un tesserato veneto ciò non vuol dire che sia fuori luogo citare i suoi successi specie in regioni dove le bocce agonistiche ci sono società che vanno per la maggiore in ambito nazionale.

BOXE

Sei sono in totale nella categoria degli youth 81kg. Il sorteggio vede Bachi affrontare il pugile campano della Napoli boxe Vincenzo Terlizzi con 32 incontri e solo 5 sconfitte. Mentre Bachi ha 9 incontri e solo 1 sconfitta.

BASKET

È ancora tempo di derby per i ciabattini che affrontano un rinvigorito Bottegone Basket al PalaKing.

none_o

La recensione di questa settimana da parte della libreria Mondadori di Montecatini è dedicata a un libro di Vittorio Sgarbi.

none_o

Inaugurazione della mostra di dipinti del pittore Alessio Menicocci dal titolo "Espressioni di quiete".

Soffioni

Impalpabili infiorescenze di sambuco
soavi di luce .....
VALDINIEVOLE STORICA
di Giovanni Torre

Altopascio, 16.000 abitanti, è da considerare parte integrante della Valdinievole.

VALDINIEVOLE STORICA
di Giovanni Torre

Ricordi dell'associazione dilettantistica calcio Montecatini.

Cercasi coinquilina studentessa solo ragazze
Appartamento sito .....
SCUOLA di BALLO e DANZA ACCADEMICA
asd " ENERGY LATIN DANCE .....
PISTOIA
Viaggia in treno senza biglietto e non vuole scendere, interviene la Polfer, i sindacati lanciano l'allarme

15/11/2019 - 12:43

Il segretario provinciale del sindacato di polizia Sap, Andrea Carobbi Corso, interviene sulla polizia ferroviaria.

 

"Gli uomini della polfer pistoiese hanno statistiche degne di un reparto molto più grande; la loro attività garantisce la sicurezza dei cittadini nell’area delle stazioni ferroviarie e a bordo dei convogli. Nonostante le numerose segnalazioni risultano essere ancora troppo pochi e sprovvisti di talune dotazioni, che riteniamo essere indispensabili per lavorare in sicurezza nelle circostanze più rischiose e delicate, come per esempio le fascette in velcro, lo  spray al peperoncino, i giubbotti sottocamicia e il taser.


Il Sap lo denuncia da tempo. Nella provincia di Pistoia, sono poco meno di dieci unità le donne e gli uomini della Polfer che devono garantire sicurezza nelle 15 stazioni, ferroviarie di competenza e controllare un tratto di competenza dove ogni giorno viaggiano moltissimi pendolari e studenti.


Oltre al personale mancano anche gli strumenti indispensabili per il lavoro quotidiano: lo spray al peperoncino, i guanti antitaglio, i giubbotti sottocamicia e purtroppo sono anche completamente sprovvisti delle fascette in velcro, assolutamente utili per poter bloccare i soggetti più  esagitati e non collaborativi, costringendo gli operatori, di fatto, a intervenire a mani nude.


Questa mattina, alla stazione di Pistoia, si è verificato un episodio degno di rilievo, in cui, solo grazie alla professionalità e all’intervento della volante, che, fortunatamente ha in dotazione le fascette in velcro,  non ci sono stati grandi problemi,  se non il ritardo del convoglio su cui stava viaggiando: un cittadino straniero ha creato problemi durante un controllo e non aveva nessuna intenzione di scendere dal treno; gli operatori polfer intervenuti  sono stati costretti a chiedere “aiuto” alla volante che  utilizzando le fasce in velcro in dotazione sono riusciti nel  “trasportarlo  fuori dal treno”, senza che nessuno si facesse male. 


A parere del Ssp è indispensabile che anche le specialità, nel caso specifico la polfer, sia dotata di strumenti di lavoro e di difesa indispensabili per scongiurare il pericolo di farsi male ed evitare il corpo a corpo, con tutte le conseguenze che ciò può comportare. I poliziotti vogliono poter svolgere il servizio per i cittadini in modo professionale e sicuro;  vogliamo essere rispettati più da vivi che morti".

 

Sulla vicenda intervengono, con una nota congiunta, anche i sindacati Coisp e Fsp.

 

"Queste segreterie provinciali intendono portare all'attenzione quanto avvenuto nella mattinata odierna presso la stazione di Pistoia, ove personale del locale posto di polizia ferroviaria ha dovuto necessariamente chiedere l'ausilio della volante della questura per poter fare scendere dal treno ivi giunto un cittadino straniero di nazionalità gambiana a seguito di segnalazione da parte del capotreno per "irregolarità di viaggio". Detto ausilio è stato necessario poichè il predetto cittadino del Gambia non aveva la minima intenzione di abbandonare il suo posto a sedere, andando ad "ancorarsi" allo stesso.

 

Giunta la pattuglia della questura, il cui personale è dotato delle "fasce in velcro", riuscivano a farlo desistere dalla sua azione grazie al su citato strumento in dotazione, dopodiché procedevano a denunciarlo per resistenza a pubblico ufficiale e interruzione di pubblico servizio.

 

Queste organizazioni sindacali, alla luce di quanto sopra e per la tutela degli operatori, rappresentano la forte e urgente necessita’ di vedere assegnato tale strumento anche alle pattuglie della polizia ferroviaria che effettuano servizio di controllo del territorio, analogamente alle volanti delle questure".

Fonte: Sap
 
+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra:




17/11/2019 - 19:00

AUTORE:
Daniele

Chi usa il treno tutti i giorni non si scandalizza più. Qualcuno ha idea di quante persone così usufruisce dei mezzi pubblici tutti i giorni ? Provare per credere.

17/11/2019 - 15:50

AUTORE:
Maria

Concordo pienamente con la mancanza di "attrezzi" utili per fare il proprio lavoro da parte di agenti della Pofer e ne prendo atto-
Leggo con attenzione l'articolo in cui si legge che il passeggero privo del titolo di viaggio , non voleva scendere dal treno .
Leggo anche che all'opera della Polfer si affiancava il personale della Polizia di stato .
Arguisco di un quattro contro uno r di una resistenza passiva per non scendere dal treno .
Poi leggo i commenti dei vergognosi chiosatori che :


AUTORE: Matteo
Giù le maniiiiiiiiiiii , dalla risorsa gambiana!!
Totalmente fuori tema...

AUTORE: Dalla Pieve
Vuoi mai che l'africano agitato che scalcia, sputa, scazzotta , si faccia pure male poverino ! Sembrerebbe un testimone oculare , altrimenti di cosa sta parlando ?

7/11/2019 - 9:22
VERGOGNA
AUTORE: Greg
sottostare ai capricci di immigrati violenti. Solo in italia può accedere una cosa del genere-

Evidente che questo commentatore è uomo profondo conoscitore dei fatti che vanno dall'Islanda al Burundi , con digressioni in Giappone e isole Canarie.

Ma zitti mai ?

17/11/2019 - 9:22

AUTORE:
Greg

Gente che va a lavorare o studiare che deve sottostare ai capricci di immigrati violenti. Solo in italia può accedere una cosa del genere

16/11/2019 - 11:48

AUTORE:
Dalla Pieve

Povere forze dell'ordine costretti a lavorare senza mezzi e sopratutto con la paura di fare il proprio dovere.
Vuoi mai che l'africano agitato che scalcia, sputa, scazzotta , si faccia pure male poverino !

16/11/2019 - 11:21

AUTORE:
Matteo

Giù le maniiiiiiiiiiii , dalla risorsa gambiana!!