Skin ADV
Valdinievole OGGI
  • Cerca:
  • 00:11 - 30/11/2020
  • [protetta]
  • [protetta]
  •  

Il Consiglio comunale che si è svolto venerdì scorso, è stato di gran lunga il più significativo degli ultimi tempi.
Innanzitutto, ha mostrato il sindaco Baroncini sulla difensiva. Tanto sulla .....
PISTOIA

Mister Riolfo riesce ad invertire il trand negativo della Pistoiese, che nelle ultime cinque partite aveva racimolato appena un punto.Adesso, i tre punti ottenuti grazie ad un 2-0 che rispecchia perfettamente i valori in campo, consentono alla Pistoiese di guardare al futuro con un briciolo di ottimismo in più. 

CALCIO

Con soli 9 punti e reduci in settimana da un avvicendamento alla guida tecnica (via il mite Frustalupi e dentro il grintoso Riolfo), gli arancioni non possono commettere altri passi falsi, se vogliono evitare le secche della bassa classifica.

CALCIO

Che la sorte di Frustalupi fosse fortemente in bilico, era la classifica stessa a dirlo.

CALCIO

Una cosa ci teniamo a dirla: noi di Valdinievole Oggi non siamo osservatori imparziali. Siamo sportivi, ci mancherebbe altro. Ma siamo tifosi della Pistoiese e soffriamo tantissimo quando vediamo la nostra squadra arrancare in questo modo.

RALLY

Si è conclusa sull’ultima pedana d’arrivo del Campionato Italiano Rally la stagione sportiva di Simone Baroncelli e Donato Bartilucci, portacolori della scuderia Jolly Racing Team impegnati sulle strade dell’ultimo appuntamento del Tricolore 2020.

CALCIO

I campionati non si vincono né si perdono a novembre. Ma per la Pistoiese non è più tempo di lasciare punti preziosi agli avversari. Come, purtroppo, è accaduto nella scorsa gara di campionato con l' Olbia che, con tutto il rispetto per la formazione sarda, non è certo un fulmine di guerra.

RALLY

Novantadue chilometri di prove speciali, le più attese della stagione, quelle che incoroneranno i campioni nazionali.

RALLY

Ha confermato il ruolo di assoluta protagonista, la scuderia Jolly Racing Team. Il sodalizio di Larciano si è infatti congedato dall’asfalto del Rally di Pomarance con il primato conquistato nel confronto tra le scuderie partecipanti.

none_o

La recensione di questa settimana da parte della libreria Mondadori di Montecatini è dedicata a un libro di Donato Carrisi.

none_o

La recensione di questa settimana da parte della libreria Mondadori di Montecatini è dedicata a un libro di Valerio Massimo Manfredi.

Vivevo la vita,
che non è infinita,
senza l’offesa
del .....
VALDINIEVOLE STORICA
di Giancarlo Fioretti

Un argomento 'scomodo' e per certi aspetti 'scabroso' per la memoria collettiva.

FILIATELIA
di Giancarlo Fioretti

Dal 10 novembre è possibile acquistare il francobollo.

SCUOLA di BALLO e DANZA ACCADEMICA MARGINE COPERTA

asd " ENERGY .....
Smarrita chiavetta usb marca Lexar bianca con tappo arancione. .....
PESCIA
Liceo Lorenzini primo al concorso «Rileggiamo l’articolo 3 della Costituzione»: ieri la premiazione a Roma

15/11/2019 - 11:06

«In una scuola che dedica alla Costituzione solo una parte residuale della programmazione, gli studenti, i docenti e i dirigenti scolastici qui presenti sono quantomeno eroi». Con queste parole, Renato Parascandolo, presidente dell’associazione Articolo 21, ha aperto la cerimonia di premiazione del concorso «Rileggiamo l’articolo 3», che ha avuto luogo giovedì 14 novembre nella sala conferenze Aldo Moro del Ministero della Pubblica Istruzione, in viale Trastevere a Roma.


Protagonista della premiazione la delegazione del liceo Lorenzini di Pescia, che con la classe VB Scienze Umane, si è aggiudicata la vittoria, confrontandosi con centinaia di studenti e 129 istituti a livello nazionale. A rappresentare la scuola, il dirigente scolastico Maria Rosa Capelli, il prof. Giorgio Scrofani referente e coordinatore del progetto, e le rappresentanti di classe Giulia Palandri e Asya Sforzini.  

 

«Chi lascia al mondo la facoltà di decidere in sua vece – scrivono le ragazze della 5B – non ha bisogno di altre facoltà se non dell’imitazione. E tra tutte le cose che puoi fare, tra tutti i miracoli che tu in quanto specie potrai compiere, la prima per importanza è l’uomo stesso, sei tu. Quando guardi in te, non vedi solo un uomo, vedi l’umanità che vive in te e attraverso di te. Non esistono uomini singoli. Solo le bestie e gli dei vivono da soli, e anche quando sei solo non lo sei mai davvero: dentro di te c’è un altro uomo, ci sei tu con te stesso». 


Il concorso è stato promosso dall’associazioneArticolo 21, da anni impegnata a difendere e promuovere il diritto alla libertà di pensiero e di stampa, e dal Miur. Tra i nomi componenti la giuria spiccano quelli di Luigi Berlinguer, Salvatore Settis, Remo Bodei e Giuliano Amato. Numerose le personalità del mondo della Rai, del giornalismo e della cultura presenti alla cerimonia. Il dirigente Miur Paolo Sciascia ha porto il benvenuto e i saluti del ministro Fioravanti, che importanti impegni istituzionali hanno tenuto lontano dall’evento. La premiazione è stata dedicata alla memoria del filosofo Remo Bodei, membro della giuria del concorso scomparso lo scorso 7 novembre. Bodei, nel ricordo di Parascandolo, è stato tra i pochi filosofi a preferire le aule delle scuole ai talk show televisivi.


«Noi giornalisti non siamo sempre in grado di comprendere la corretta gerarchia dei problemi – ha ammesso Roberto Natale, presidente della Federazione nazionale della stampa – L’istruzione è il tema che meno interessa la nostra informazione. Quanto più si abbocca a campagne che si basano non sull’osservazione e la soluzione di problemi reali ma sulla seduzione dell’opinione pubblica, tanto maggiore è la possibilità che si creino climi di odio». La responsabilità non può essere demandata esclusivamente alla politica o all’informazione ufficiale: «Nei tempi di Facebook – ha proseguito Natale – tutti siamo comunicatori. Tutti abbiamo la responsabilità di non usare le parole come clave». In questa lotta contro la barbarie la scuola riveste un ruolo irrinunciabile di fucina democratica e tanto più è ardua la lotta tanto più audace deve farsi la sua voce. In questo senso la Scuola ha un compito politico, non partigiano come la accusano alcuni, ma di formazione della coscienza democratica e libertaria dei cittadini. Le ragazze del Lorenzini lo hanno dimostrato.
 
di Giorgio Scrofani

 
+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra: