Skin ADV
Valdinievole OGGI
  • Cerca:
  • 05:11 - 19/11/2019
  • [protetta]
  • [protetta]
  •  

Inops, potentem dum vult imitari, perit. In prato quondam rana conspexit bovem et tacta invidia tantae magnitudinis rugosam inflavit pellem: tum natos suos interrogavit, an bove esset latior. Illi .....
BASKET

Ben 50 minuti di gioco ci sono voluti per decretare il vincitore di questa splendida partita che ha visto i ciabattini capitolare al PalaEinaudi.

KARATE

Avrà inizio il prossimo venerdì 22 novembre alle ore 14 per concludersi domenica nel tardo pomeriggio la rassegna sportiva organizzata dalla Fesik (Federazione educativa sportiva italiana karate) presso il Palaterme.

TIRO A SEGNO

Dall’8 al 10 novembre si sono svolti presso il poligono di Tiro a segno di Napoli il Trofeo delle Regioni e la “fase nazionale” del Campionato Giovanissimi.

BOCCE

Non chiamatelo sport per pensionati: praticare uno sport significa passione, impegno e una dose non indifferente di sacrificio, questo vale sia per gli sport che vanno per la maggiore come il calcio, sia per i cosiddetti sport minori fra i quali le bocce.

VOLLEY

Stupendo inizio di campionato per Montebianco che batte 3 a 1 la giovane ma già molto competitiva compagine di Prato

BOCCE

Al termine di una prestazione generale al limite della sufficienza. Con alcuni atleti sottotono, ai termali è mancata la concentrazione e grinta agonistica, pur senza togliere i meriti agli atleti anconetani, alcuni punti buttati al vento, nel corso dell’incontro, avrebbero potuto marcare con più risalto il divario con le altre formazioni del girone”.

KARATE

Tante soddisfazioni per il karate Ninja Club all’open di San Marino, la palestra con sedi a Pescia e Larciano ha ottenuto due ori e quattro medaglie di bronzo.

BOCCE

Successo a Monsummano per Giacomo Lorenzini, valdinievolino di Ponte Buggianese, star delle bocce agonistiche nazionali tesserato per la Bocciofila Vigasio-Villafranca (Fib Verona).

none_o

La recensione di questa settimana da parte della libreria Mondadori è dedicata a un libro di Francesco Sole.

none_o

Il quarantennale di attività creativa di un artista come Franco Del Sarto non può certo rimanere inosservato.

Soffioni

Impalpabili infiorescenze di sambuco
soavi di luce .....
VALDINIEVOLE STORICA
di Giovanni Torre

Altopascio, 16.000 abitanti, è da considerare parte integrante della Valdinievole.

VALDINIEVOLE STORICA
di Giovanni Torre

Ricordi dell'associazione dilettantistica calcio Montecatini.

Cercasi coinquilina studentessa solo ragazze
Appartamento sito .....
SCUOLA di BALLO e DANZA ACCADEMICA
asd " ENERGY LATIN DANCE .....
PESCIA
Una conferenza a 30 anni dalla caduta del Muro

8/11/2019 - 14:57

Dopo il passaggio in consiglio comunale, con i voti a favore della maggioranza, che ha sancito l’adesione del Comune di Pescia al Coordinamento nazionale enti locali per la pace e i diritti umani, arriva la prima iniziativa legata alla “Giornata della Libertà” e alla “Giornata nazionale di mobilitazione contro tutti i muri”.

“E’ il 30° anniversario della caduta del Muro di Berlino e ci sembrava giusto partire da questo passaggio epocale per riflettere sull’importanza di eliminare le barriere e le contrapposizioni fra i popoli e le persone- commenta Guja Guidi , che ha portato il provvedimento in approvazione-. Sono valori importanti che cerchiamo di mettere in evidenza in ogni occasione”.  

Il primo appuntamento di questo nuovo corso  è appunto la conferenza che si tiene sabato 9 novembre, alle ore 16,30 al Palagio (piazza del Palagio, 7) dal titolo “30 anni dalla caduta del Muro 1989-2019”.

Dopo i saluti del sindaco Oreste Giurlani, ci saranno gli interventi di Guja Guidi, vicesindaco e assessore alla cultura, che si intitola “Non più muri, irroriamo le radici della pace”, cui seguirà  la  relazione di Giorgio Scrofani ha come titolo “Dentro il muro: Ossessioni e proiezioni dell’alterità in un mondo diviso”

“Un muro non è fatto solo di mattoni e di calce - dirà, fra le altre cose, Giorgio Scrofani -. È innanzitutto una barriera, insidiosa e inizialmente irriconoscibile, che eleviamo tutt’intorno a noi, di continuo, tra «noi» e «loro». Il muro di Berlino crollava, come limite invalicabile tra due mondi, il 9 novembre del 1989, ma altri muri sono sorti da allora e altri ancora non sono mai caduti. Nel VII libro della Repubblica, Platone raccontava di una caverna e di un gruppo di prigionieri che per tutta la vita avevano assistito alla proiezione di immagini su un muro, spettatori inconsapevoli di uno spettacolo teatrale. Quei prigionieri siamo noi, lo siamo sempre stati. Più insidiosi dei muri di pietra sono quelli impalpabili delle opinioni errate, delle ondate d’odio; sono quelli che ci impediscono di attuare la Costituzione; quelli su cui si infrangono le speranze dei migranti; quelli, infine, che ci impediscono di cogliere l’intima unità del genere umano, il «noi» sotteso al «loro»”.

Fonte: Stampa Giurlani
 
+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra: