Skin ADV
Valdinievole OGGI
  • Cerca:
  • 20:10 - 14/10/2019
  • [protetta]
  • [protetta]
  •  

Tutto condivisibile , tutto giusto . . . . ma. . .
Siamo perfettamente d'accordo che , nei limiti di quello che possiamo sapere circa l'attuale fase di una azione che nei confronti di Armeni ed ora .....
CALCIO

Non poteva iniziare con una notizia più bella la nuova stagione del Montecatinimurialdo. A seguito dell’attività svolta nella stagione 2018/2019, il comitato regionale Toscana della Figc ha confermato alla società biancoceleste il riconoscimento di scuola calcio Élite.

BOCCE

Una brutta partenza per la Montecatini Avis guidata dal presidente Moreno Zinanni tornata (diciamo così) sconfitta sui campi degli amici pievarini all’esordio in campionato per 5 set a 3 dalla formazione pesarese del Corbordolo.

BOXE

Il pugile Miguel Bachi ha partecipato ai campionati toscani lo scorso settembre passando direttamente il turno non avendo avversari in Toscana. Egli passa diretto agli interregionali dove ha combattuto sabato 12/10.

BASKET

La Gioielleria Mancini gioca l’anticipo della terza giornata di campionato in trasferta a Lucca contro quella Libertas affrontata e battuta in Coppa Toscana fra le mura amiche.

NUOTO

Ottimi risultati e record personali per 4 atleti dell'Asd Nuoto Valdinievole al campionato europeo juniores (under 18) di Salvamento per club, svolto a fine settembre a Riccione, al quale hanno partecipato 53 società (19 italiane) in rappresentanza di 9 nazioni. 

BOCCE

E’ iniziata la stagione agonistica 2019-2020 e alla Montecatini Avis non sfugge la prima vittoria.

Podismo
CALCIO

Un tesserato del Montecatinimurialdo tra i ragazzi più meritevoli della provincia per l’impegno profuso nel calcio come nello studio, premiato con una prestigiosa borsa di studio.

none_o

La recensione di questa settimana da parte della libreria Mondadori di Montecatini è dedicata a un libro di Valentina Dallari.

none_o

Si apre venerdi 4 ottobre, alle ore 17,  a Pescia,  la mostra di Giorgio Adochi, noto artista di fama internazionale.

Soffioni

Impalpabili infiorescenze di sambuco
soavi di luce .....
VALDINIEVOLE STORICA
di Giovanni Torre

Altopascio, 16.000 abitanti, è da considerare parte integrante della Valdinievole.

VALDINIEVOLE STORICA
di Giovanni Torre

Ricordi dell'associazione dilettantistica calcio Montecatini.

Sono aperte le iscrizioni per il corso di pittura per adulti .....
BUONASERA sono in possesso di diploma di adb e oss sono attualmente .....
VALDINIEVOLE
Padule, M5S: "Ascoltiamo ambientalisti", Forza Italia: "Valorizzare Centro ricerca", Sì Toscana: "Gravi decisioni"

9/10/2019 - 17:49

I Meetup M5S di Pieve a Nievole, Monsummano Terme, Chiesina Uzzanese, Larciano e Fucecchio intervengono sul Padule.

 

Ascoltiamo il grido di allarme del mondo ambientalista. I Meetup del M5S dei paesi della Valdinievole limitrofi del Padule evidenziano la situazione di drammatica assurdità creatasi nella gestione del Padule, area umida interna più importante d’Europa.

 

L’assessorato, con scopi che non condividiamo, operando a discapito di aspetti turistici e ambientalisti, propone di fatto uno “spezzatino di competenze” che stravolgerà il territorio. L’urgenza dipende dal fatto che il consiglio regionale sarà molto presto chiamato a decidere sul rinnovo della convenzione per la gestione delle aree protette del Padule, da 30 anni ormai garantita dal Centro di ricerca".


"Sia rinnovata senza ulteriori indugi la convenzione con il Centro di ricerca, documentazione e promozione del Padule di Fucecchio, realtà che ha gestito per anni l’area protetta in modo corretto e guadagnandosi l’apprezzamento del mondo scientifico e del pubblico”. Così il presidente del gruppo regionale del Movimento 5 stelle Giacomo Giannarelli in un ordine del giorno presentato martedì in consiglio.

 

“Chiediamo – spiega – sia riconsiderato il progetto di smembramentosopra richiamato, peraltro già criticato da docenti universitari ed esperti di riconosciuto valore”. Insomma per Giannarelli occorre dare “continuità all’esperienza di gestione del Centro di ricerca, che vede la partecipazione di soggetti pubblici, tra cui i maggiori municipi del comprensorio, il dipartimento di Biologia dell’Università di Firenze, uno staff qualificato di professionisti tra esperti e guide e un elevato numero di volontari”.

 

Il Padule di Fucecchio è incluso tra i siti di importanza comunitaria e le zone di protezione speciale. “Stiamo parlando – insiste Giannarelli – di un’area dove sono presenti circa 2mila ettari di habitat palustri di rilevante Interesse naturalistico: tra le altre cose – prosegue – lì da circa vent’anni sostano, svernano e nidificano uccelli acquatici. Eppure, solo un decimo del padule ricade all’interno di un’area protetta. Da alcuni anni inoltre l’esistenza del Centro di ricerca e documentazione è messa in discussione: questo potrebbe significare il gettare un importante lavoro svolto e spalancare le porte a modelli di gestione privi di qualsiasi attenzionenei riguardi della conservazione”.

 

Giannarelli mette anche in guardia rispetto al futuro destino della riserva naturale. “Dovesse andare in porto l’operazione ventilata – spiega – le amministrazioni locali sarebbero costrette a cedere di fatto porzioni di territorio nelle mani di associazioni venatorie, che da tempo aspirano a gestire quei luoghi. Credo invece sia molto importante – sottolinea Giannarelli – che l’unica area pubblica protetta resti nella disponibilità di tutti”. Intanto un primo passo in avanti è stato fatto: “Il presidente del consiglio regionale Eugenio Giani – conclude – ci ha assicurato che invierà una lettera all’assessore Federica Fratoniaffinché non firmi alcuna modifica riguardante il Padule di Fucecchio prima del prossimo consiglio”.

 

Per i rappresentanti del M5S in Valdinievole la nuova convenzione deve proiettare nel futuro anche rinnovate aspirazioni di buona gestione e di incremento dei flussi diturismo qualificato e ecosostenibile; migliaia di persone (numero in crescita anno dopo anno) che le guide del Centro di ricerca accompagnano alla scoperta di questa meraviglia naturale. Un flusso che rischia di venire affidato in balìa di personaggi senza alcuna competenza scientifica, in uno spezzatino clientelare.

«Il protocollo di intesa sulla gestione delle riserve naturali del Padule di Fucecchio e del Lago di Sibolla preveda espressamente, anche eventualmente valutando la possibilità di stipulare una convenzione unica e univoca per l’intero sistema, il coinvolgimento nelle attività legate al Protocollo di intesa delle organizzazioni ambientaliste e degli esperti del Centro di ricerca, documentazione e promozione del Padule di Fucecchio, così da scongiurare ogni rischio di marginalizzazione del loro ruolo prezioso e di compressione quanti-qualitativa delle loro attività»: è con questa istanza che il capogruppo di Forza Italia nell’assemblea toscana Maurizio Marchetti.


Attraverso una specifica mozione appena depositata in consiglio regionale, Marchetti si fa portavoce delle preoccupazioni delle organizzazioni ambientaliste e dei cittadini in genere riguardo alle prospettive di segmentazione gestionale del sistema di aree umide conseguente all’applicazione del protocollo di intesa per la gestione del sistema delle riserve naturali del Padule di Fucecchio e del Lago di Sibolla di cui all’All. A della delibera di giunta regionale 703 del 25/06/2018, documento che coinvolge nella valorizzazione delle Riserve, oltre alla Regione Toscana, la Città metropolitana di Firenze, le Province di Pistoia e di Lucca, i Comuni di Fucecchio, Ponte Buggianese, Cerreto Guidi, Chiesina Uzzanese, Pieve a Nievole, Monsummano Terme, Larciano, Lamporecchio, e Altopascio per quanto concerne il Lago di Sibolla.


I timori di una «compressione e marginalizzazione delle attività didattico-scientifiche qualificate» manifestati da cittadini e comitati non sono peregrini, ad avviso di Marchetti che infatti nel suo atto ricorda «l’evento Sibolla Horror organizzato dal Comune di Altopascio nell’ottobre 2018 con i primi fondi regionali introiettati per la gestione e valorizzazione del Lago ubicato nel suo territorio, con proiezione di film dell’orrore», mettendo nero su bianco l’intento «di dover evitare, da parte dei vari enti locali coinvolti nel Protocollo, il replicarsi di simili destinazioni dei fondi dedicati alla valorizzazione del bene naturalistico, presupponendo che intenzione autentica del legislatore sia la qualificazione di ambiente e fruizione dello stesso in senso didattico-scientifico».


Sì ma come? Contando su chi da anni opera in quelle aree con dedizione e competenza: «Mentre il Lago di Sibolla risulta solo saltuariamente valorizzato sotto il profilo della fruizione didattica, scientifica e formativa, il Padule di Fucecchio può contare fin dall’alba degli Anni Novanta del secolo scorso sull’attività qualificata del Centro di Ricerca, Documentazione e Promozione del Padule di Fucecchio». Marchetti evidenzia i «timori che le organizzazioni ambientaliste e gli esperti del Centro stanno manifestando per il futuro delle loro attività, temendo una progressiva compressione e marginalizzazione del loro ruolo prezioso e anzi da amplificare ed agevolare nell’intero Sistema delle riserve naturali del Padule di Fucecchio e del Lago di Sibolla».


Per questo impegna la Regione a rassicurarli attraverso formalizzazioni ufficiali, magari anche valutando forme convenzionali o comunque cristallizzando l’inclusione di queste realtà entro il Protocollo.

 

“Senza alcuna pubblicità domani sarà firmata una convenzione, presso la Regione Toscana, con cui si pone fine alla ventennale e virtuosca gestione unitaria del Padule di Fucecchio da parte del Centro di ricerca di Castelmartini. Fratoni e Rossi hanno deciso di dividere la Riserva con i suoi beni, il Centro Visite e l’Osservatorio faunistico tra Consorzio di Bonifica e i piccoli comuni di Larciano e Ponte Buggianese”, dichiara Tommaso Fattori, capogruppo di Sì Toscana a Sinistra. 

“Come Sì Toscana a Sinistra abbiamo sempre avuto a cuore le sorti di questa fondamentale area umida, perorando, con diversi atti consiliari e incontri, una soluzione condivisa e unitaria che riconoscesse il meritorio lavoro dei volontari, degli esperti e delle guide del Centro di Ricerca, unico organismo che negli anni ha garantito tutela e valorizzazione di questo territorio a fronte di una latitanza dell’ente gestore, ovvero proprio la Regione Toscana”.
“Chiediamo con forza di fermare tutto, mantenendo gli impegni presi dal Presidente Rossi per avviare un confronto aperto, basato su dati tecnici e non influenzato da piccoli interessi di bottega”.
“L’Assessore Fratoni si candida ufficialmente al premio “Attila”, mettendo nel curriculum la distruzione di un’esperienza eccezionale. La strada da intraprendere sarebbe quella opposta, ossia procedere all’ampliamento dell’area protetta e consolidare una gestione unitaria. Quella del Padule è una zona umida d’importanza eccezionale, purtroppo ad oggi protetta solo per il 10% della sua estensione”. 
“Da domani, se la convenzione sarà firmata, vinceranno le lobby della caccia e dei proprietari terrieri e perderà l’interesse pubblico” termina Fattori. 
 
+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra:




10/10/2019 - 19:28

AUTORE:
AUGUSTO

Lei Marchetti non sa' neanche di che parla,mi meraviglio che Forza Italia tolleri certi comunicati e poi venga a chiedere il voto ai cacciatoti,si vergogni.........

9/10/2019 - 20:48

AUTORE:
MARIO

Dogana e Ciclodromo 2 fallimenti senza precedenti,soltanto per questo la giunta di Ponte Sindaco in primis dovrebbero vergognarsi.