Skin ADV
Valdinievole OGGI
  • Cerca:
  • 02:07 - 15/7/2020
  • [protetta]
  • [protetta]
  •  

RALLY

E' pronto ad accendere i motori della Skoda Fabia R5, Thomas Paperini. Il pilota pistoiese, atteso al debutto sulla vettura, sarà parte integrante della Coppa Città di Lucca.

IPPICA

All’Ippodromo Snai Sesana di Montecatini Terme sabato in notturna con una riunione di corse interamente riservata ai gentlemen.

IPPICA

All’Ippodromo Snai Sesana di Montecatini Terme giovedì sera molto interessante nonché primo appuntamento della nuova settimana di luglio al Sesana di Montecatini, arricchito dalla presenza dei primi tre driver della classifica nazionale.

BASKET

Il Social Camp, rivolto a ragazzi e ragazze amanti della pallacanestro, si terràdal 13 al 27 luglio e coinvolgerà giocatori professionisti e personalità del mondo della palla a spicchi pronti ad animare un intenso palinsesto online di allenamenti, lezioni pratiche e consigli per migliorare la propria tecnica.

BASKET

La pallacanestro ha ripreso a scaldare i motori anche negli Stati Uniti. Aspettando che riprenda la stagione Nba, a partire dallo scorso 4 luglio è partita la manifestazione “The Basketball Tournament”.

BASKET

Il Pistoia Basket 2000 è lieto di comunicare di aver prolungato l'accordo in essere con l'atleta Carl Anton Delroy Wheatle.

LARCIANO

Un ritorno all’agonismo che ha assecondato le aspettative, quello che ha interessato la scuderia Jolly Racing Team sulle strade del Rally Internazionale Casentino, appuntamento salito alla ribalta delle cronache sportive nazionali nelle vesti di prima gara a calendario dopo lo stop imposto a causa dell’emergenza epidemiologica da Covid-19.

BOCCE

Decisioni federali che fanno piacere alla Bocciofila Montecatini Avis.

none_o

La recensione di questa settimana da parte della libreria Mondadori è dedicata a un libro di Valentina Petri.

none_o

La recensione di questa settimana da parte della libreria Mondadori di Montecatini è dedicata a un finalista del Premio Strega.

Quando c’è la Luna nel suo quarto
e la campagna avvolta nella .....
VALDINIEVOLE STORICA
di Giovanni Torre

La vittoria doveva essere scontata per Firenze, ma non andò così.

FILIATELIA
di Giancarlo Fioretti

Il francobollo in ricordo Amato, il giudice che scoprì le trame eversive dell'estrema destra

Smarrita chiavetta usb marca Lexar bianca con tappo arancione. .....
cerco qualsiasi mansione x impegno mia giornata sono dinamico .....
PROVINCIA
Allarme di Confcommercio: "Tari sempre più cara per le imprese pistoiesi"

12/9/2019 - 20:13

Torna in prima linea il tema della Tari, la tariffa per lo smaltimento dei rifiuti che si conferma una delle imposte più gravose per le imprese pistoiesi.
 
L’indagine di Confcommercio imprese per l’Italia – attraverso l’Osservatorio tasse locali, lo strumento permanente dedicato alla raccolta e all’analisi di dati e informazioni sull’intero territorio relative alla tassa rifiuti (Tari) pagata dalle imprese del terziario – conferma la continua crescita su tutto il territorio nazionale della tassa, nonostante una significativa riduzione nella produzione dei rifiuti stessi, e ripropone evidenti divari di costo nello stesso territorio tra le medesime categorie economiche a parità di condizioni.
 
Un’immagine questa che si ripropone attuale a Pistoia e nelle aree della Piana e della Montagna – secondo la ricerca svolta da Confcommercio Pistoia e Prato – dove la maggior parte dei Comuni ha introdotto aumenti alla tariffa per il 2019. 
 
La situazione più preoccupante è proprio quella del comune capoluogo, dove si stima un aumento sulla Tari pro capite fino al 30% rispetto al 2018 per le utenze non domestiche. Fra queste a pagare da sempre  il prezzo più alto sono ristoranti, bar, pizzerie ma anche ortofrutta, pescherie, fiori e piante, edicole, tabaccherie: per loro gli aumenti nell’ultimo anno sono superiori al 15% con costi insostenibili per le piccole e medie imprese.
 
Se da una parte le agevolazioni introdotte – fortemente volute in passato da Confcommercio – riescono ad alleggerire la tariffa, dall’altro richiedono un impegno notevole da parte degli operatori che per ottenerle devono operarsi in contesti non sempre semplici (come accade per la raccolta del vetro nel centro storico). 
 
A questo si somma il livello di qualità del servizio offerto che secondo OpenCivitas – sito promosso dal Dipartimento delle Finanze e dalla Sose per determinare i fabbisogni standard delle amministrazioni locali – posiziona Pistoia nel 2018 sotto la sufficienza (con punteggio 4), nella media regionale.
 
Cresce la Tari anche a Serravalle Pistoiese – per le categorie menzionate oltre al 5% rispetto al 2018 – dove il costo del servizio si conferma fra i più cari della provincia. Ciò che colpisce ancora di più è la differenza della tariffa pagata da un ristorante – 22,50 euro al metro quadro – rispetto a quello a cui è soggetta la stessa attività di Quarrata – 17,41 euro al metro quadro – nonostante la loro vicinanza.
 
Lo stesso accade in Montagna dove si sono verificati aumenti sia per le imprese di Abetone che per quelle di Cutigliano che, pur essendo sotto un’unica amministrazione comunale, si trovano ancora a pagare tariffe diverse.


La situazione si ripete identica per San Marcello Piteglio: nell’ex territorio comunale di Piteglio – l’area con i costi più alti della montagna – un bar paga 12,11 euro per rifiuti prodotti al metro quadro, contro i 7,86 euro di chi ha la stessa attività nell’ex territorio comunale di San Marcello.
 
Si tratta di esempi che rimandano a un quadro travagliato e poco omogeneo che continua a penalizzare le attività economiche e che frena il loro sviluppo.


Per Confcommercio la fotografia rimandata dall’indagine locale è preoccupante, ancora di più se si considera che dal 1 gennaio dello scorso anno Comuni avrebbero dovuto avvalersi delle risultanze dei fabbisogni standard nella determinazione dei costi relativi al servizio di smaltimento dei rifiuti.
 
Servono risposte urgenti per avviare una profonda revisione dell’intero sistema che rispetti il principio europeo ‘chi inquina paga’ e tenga conto delle specificità di determinate attività economiche delle imprese del terziario, al fine di prevedere esenzioni o agevolazioni per le aree che di fatto non producono alcun rifiuto e sulle quali invece continua ad essere calcolata integralmente la tassa.

Fonte: Confcommercio
 
+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra: