Skin ADV
Valdinievole OGGI
  • Cerca:
  • 02:09 - 21/9/2019
  • [protetta]
  • [protetta]
  •  

Quello che lo stato postbellico , sia con le disposizioni transitorie , sia con la legge Scelba e con la legge Mancino , nnon ha saputo o potuto gestire , rifugiandosi certi movimenti dietro all'art. .....
NUOTO

Grande festa nella sala consiliare del Comune. Il sindaco Oreste Giurlani, il vicesindaco Guja Guidi, l’assessore allo sport Fabio Bellandi e il presidente del consiglio comunale Vittoriano Brizzi hanno incontrato il presidente della Cogis Nuoto Doriana Degl’Innocenti, gli allenatori, una buona rappresentanza di genitori degli atleti.

TIRO A SEGNO

È stata una giornata divertente e molto istruttiva, caratterizzata da un forte clima emotivo per i giovani tiratori pesciatini, i quali hanno messo in campo tutto il loro impegno per guadagnare i vertici delle classifiche.

CALCIO

Mercoledì 18 settembre con fischio d'inizio alle ore 20,30 al "Cei" sarà disputata la seconda gara del triangolare di Coppa Italia tra Larcianese e Ponte Buggianese.

BASKET

Ultimo turno del girone per la Gioielleria Mancini, che affronta il Vela Viareggio nel Palazzetto di Camaiore. Partita ininfluente ai fini del risultato visto il pass per i quarti di finale già ottenuto dai ciabattini con la vittoria contro Pescia.

IPPICA

All’Ippodromo Snai Sesana di Montecatini Terme le corse tornano con la programmazione del pomeriggio a pochi giorni dalla chiusura della stagione. 

CALCIO

Sabato 21 settembre si terrà la presentazione della società e delle formazioni partecipanti all’attività indetta dalla Figc a carattere dilettantistico e giovanile.

KARATE

Sabato scorso in occasione della giornata Play for Joy che si è svolta a Larciano in piazza Togliatti presso i giardini della scuola media, il Karate Ninja Club con Martina Russi e Matteo Formichini ha presentato la nuova stagione sportiva.

none_o

Sarà inaugurata sabato 21 settembre, alle ore 17, la mostra dal titolo “Montecatini Garden Spa of Europe".

none_o

Brandani Gift Group partner mostra “I bambini messaggeri di unione e armonia”, all’interno del festival Oci Ciornie.

Soffioni

Impalpabili infiorescenze di sambuco
soavi di luce .....
VALDINIEVOLE STORICA
di Giovanni Torre

Altopascio, 16.000 abitanti, è da considerare parte integrante della Valdinievole.

VALDINIEVOLE STORICA
di Giovanni Torre

Ricordi dell'associazione dilettantistica calcio Montecatini.

Sono aperte le iscrizioni per il corso di pittura per adulti .....
BUONASERA sono in possesso di diploma di adb e oss sono attualmente .....
none_o
Strappa la borsetta in corso Roma a una donna che accusa un malore: arrestato 24enne

11/9/2019 - 14:53

MONTECATINI - Nei giorni scorsi, la sala operativa del commissariato di pubblica sicurezza di Montecatini Terme veniva contattata da un operatore di polizia libero dal servizio, il quale chiedeva ausilio poiché stava prestando soccorso a una donna che aveva appena subito lo scippo della propria borsa.

 

La donna, che veniva soccorsa anche da personale sanitario richiesto sul posto dall’operatore a seguito di un malore e, ancora sotto shock, riferiva che pochi istanti prima aveva subito il furto della propria borsetta mentre si trovava in compagnia del marito in corso Roma, a opera di un giovane che si dileguava a piedi e che veniva inseguito per un breve tratto dalla stessa vittima. La donna forniva alla polizia una sommaria descrizione nell’immediatezza dei fatti e nella mattinata successiva sporgeva formale denuncia presso questi uffici.


Sulla base delle notizie fornite dalla parte offesa, venivano immediatamente visionate le telecamere della circolazione stradale, una delle quali situata a pochi metri dal luogo del fatto, allo scopo di verificare l’eventuale ripresa.


Le immagini estrapolate permettevano di visionare l’intera dinamica del reato: lo scippo veniva perpetrato da un giovane corrispondente alle descrizioni fornite dalla parte offesa che, con fare sospetto, teneva sotto controllo la coppia e approfittando che gli stessi si erano fermati sul marciapiedi di corso Roma, si avvicinava alle loro spalle e, con un gesto fulmineo, strappava  la borsa che la donna teneva nella mano sinistra e si dava alla fuga in direzione opposta imboccando velocemente la vicina via Dante Alighieri.


Dalle informazioni acquisite, l’attenzione degli investigatori si incentrava su un cittadino albanese di anni 24, poiché avente caratteristiche fisico-somatiche uguali all’autore del reato, peraltro soggetto già noto agli uffici investigativi in quanto pregiudicato per reati contro il patrimonio.


L’ininterrotta attività di ricerca consentiva di rintracciare il suddetto indiziato nel pomeriggio del giorno successivo in questa piazza del Popolo, dove veniva fermato dal personale operante.


Successivamente accompagnato presso questi uffici, l’albanese, a seguito delle contestazioni, ammetteva gli addebiti riferendo di aver gettato la borsa sotto un’auto dopo lo scippo perché inseguito dalla parte offesa e di non averla più ritrovata successivamente. Nonostante i numerosi inviti ad indicare il luogo per rinvenire la borsa, lo stesso si mostrava per nulla collaborativo anzi arrogante nei confronti degli operatori.


La perquisizione dava esito positivo in quanto veniva rinvenuta addosso allo stesso una consistente somma di denaro, un telefono cellulare ed un involucro contenente marijuana, posti sotto sequestro poiché probabile provento della vendita degli oggetti contenuti nella borsa scippata (collane e bracciali in oro).


La parte offesa, in sede di individuazione fotografica, riconosceva il fermato quale autore materiale dello scippo subito.


Sulla scorta degli evidenti elementi di conformità tra le immagini estrapolate e la personalità dell’indagato, l’abbigliamento indossato al momento del fermo, uguale a quello indossato nell’esecuzione del delitto, dei gravi indizi di colpevolezza, della gravità del delitto commesso, trattandosi peraltro di donna anziana affetta da malattie cardiache con evidente difficoltà a deambulare ed inoltre del rischio della reiterazione dei medesimi reati, veniva adottato a suo carico il fermo di polizia giudiziaria e su disposizione del pm Grieco associato presso la casa circondariale di Pistoia.


Nella giornata successiva il gip del Tribunale di Pistoia convalidava il fermo ed emetteva ordinanza di misura cautelare degli arresti domiciliari.

Fonte: Questura di Pistoia
 
+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra:




13/9/2019 - 12:35

AUTORE:
Zorro dei poveri

Non capir niente è dono di natura . Approfittarsene è patologia.
Che cavolo c'entra in un articolo serio di un problema serissimo che non trova soluzione in tutto il mondo questo atteggiamento infantile ?
Fra i "motori" del mondo , quali l'energia , il commercio mondiale , la mafia etc . etc. uno dei più importanti è la produzione , distribuzione ed assunzione di droghe . E alla luce di questo , si fa dello spirito ? Speriamo solo che la "roba" bussi alla vostra porta e poi ne riparliamo ...
Vergogna

13/9/2019 - 9:20

AUTORE:
Zorro dei poveri

Gabriele ? Zitto mai ? Scrivere senza sapere è di casa a Pistoia e provincia.
Il dispositivo di arresti domiciliari è atto del gip che si applica in relazione a precisi parametri ed a giudizio del magistrato ad OGNI CITTADINO che rientri in questi .
La scelta della detenzione domiciliare che spesso è in alternativa al carcere , è dovuta alla carenza di posti nelle medesime. Abbiamo avuto multe dalla UE per questa carenza. Quando poi si chiede a gran voce per il "presunto reo" il carcere , è per avere una pena immediata ...
Il costo della detenzione domiciliare , è poi sostenuto normalmente dall'arma dei CC che devono visitare e controllare che il DETENUTO sia presente nel domicilio , si trovi c/o un eventuale datore di lavoro , che segua ad orari il percorso stabilito e via andare . Non parliamo poi che il reo non abbia modo di aver cibo , servizi sociali etc .Quindi l'idea del gratis non è esatta .

12/9/2019 - 10:06

AUTORE:
Don Diego de la Vega

Caro Valdinievolino,
Lo zorrino, poverino,
ora sta zitto, nel cantuccino.
Pieno di arroganza
Rifiuta considerare la mattanza
Che africani, albanesi ad altri irregolari
Compiono su altri, ma non su lui.

Magari

Avesse un minimo di equilibrio
Sfoglierebbe qualche vecchio libro
Per imparare, se capace,
ad essere più riflessivo e meno loquace.

Ora spettiamo la sua comprensione
In ogni dove e per qualsiasi azione
C’è da chiedersi cosa direbbe
Se il crimine lo riguarderebbe

(prima che Z(uzzerellone) critichi l'evidente svarione lessicale, sarà bene impari cosa significa "licenza poetica")

12/9/2019 - 10:03

AUTORE:
Gabriele

I domiciliari potrebbero anche andare bene, almeno non lo dobbiamo pure mantenere a ufo, però all'americana, con la cavigliera elettronica, altrimenti è un atto di fede e, di solito, mal riposta...

12/9/2019 - 8:06

AUTORE:
Marco

...a proposito, qualcuno bisognerebbe che gli insegnasse a scrivere...

12/9/2019 - 7:38

AUTORE:
Nick

...agli arresti domiciliari.... ma vaf......
Ma dove vuoi andare con questi giudici.....

11/9/2019 - 18:26

AUTORE:
Valdinievolino

...e lo Zorro dei poveri non è ancora Intervenuto ?