Skin ADV
Valdinievole OGGI
  • Cerca:
  • 06:02 - 25/2/2020
  • [protetta]
  • [protetta]
  •  

Taci allora, che è meglio, visto che per tua stessa ammissione non sai di che parli.

A parte i cani e bipedi (forse son polli, come quelli che ci credono?) che non c'entrano niente, sei proprio .....
BASKET

La Gioielleria Mancini in trasferta a Castelfranco in un campo storicamente ostico per i colori blu-amaranto, dove non sono mai riusciti a vincere.

BASKET

Iniziano questa settimana i playoff del campionato di A1 Uisp di basket del comitato Pistoia-Prato. La formula prevede che la prima classificata al termine della stagione regolare sia già qualificata, di diritto, alle Final Four, che si disputeranno a fine marzo.

RALLY

Sarà parte integrante di uno dei contesti più esclusivi del panorama rallistico “terraiolo” la scuderia Jolly Racing Team, impegnata - nel fine settimana - sui fondi del Rally Val d’Orcia.

RALLY

E’ un resoconto altamente soddisfacente, quello analizzato da Jolly Racing Team a margine della partecipazione dei propri portacolori all’Adria Rally Show, confronto che ha interessato il sodalizio valdinievolino sull’asfalto dell’Adria International Raceway, nel fine settimana. 

TIRO A SEGNO

Al poligono del Tiro a segno nazionale sezione di Carrara è andata in scena nei primi tre fine settimana di febbraio la 1a gara regionale federale del 2020.

BOXE

Il folto programma dilettantistico vedeva impegnato, all’esordio nella categoria Élite (i più bravi senza caschetto) il forte e talentoso pugile di Borgo a Buggiano Miguel Bachi.

HOCKEY

Pistoia mantiene i suoi ottimi standard e nella giornata finale del Campionato nazionale di Hockey Indoor di A2

BASKET

La Gioielleria Mancini arriva da quattro sconfitte consecutive, la partita contro Ghezzano è quindi fondamentale per restare attaccati al treno play-off. 

none_o

La recensione di questa settimana da parte della libreria Mondadori di Montecatini è dedicata a un libro di Vanessa Montfort.

none_o

La recensione dci questa settimana da parte della libreria Mondadori di Montecatini è dedicata a un libro di Gian Arturo Ferrari.

Soffioni

Impalpabili infiorescenze di sambuco
soavi di luce .....
VALDINIEVOLE STORICA
di Giovanni Torre

Altopascio, 16.000 abitanti, è da considerare parte integrante della Valdinievole.

VALDINIEVOLE STORICA
di Giovanni Torre

Ricordi dell'associazione dilettantistica calcio Montecatini.

Azienda di trasporto cavalli con sede operativa in Altopascio .....
Cerco elettricista x piccolo lavoro di manutenzione citofono .....
VALDINIEVOLE
Legambiente: "In Padule non è una guerra ai cinghiali, ma all'ambiente, Regione blocchi l'intervento"

16/8/2019 - 12:19

Legambiente ainterviene dopo la notizia della caccia ai cinghiali nell'area protetta del Padule.

"La notizia sugli abbattimenti di cinghiali dei prossimi giorni, all'interno dell'area naturale protetta “La Monaca-Righetti”, rappresenta un fatto nuovo di enorme gravità, comprensibile a qualsiasi persona dotata di un minimo buon senso: la caccia all'interno delle aree protette. Lo scorso anno, quando iniziò a delinearsi questo scellerato progetto, parlammo di situazione da “scherzi a parte”, ma adesso sembra che siamo finiti in un film dell'orrore, dai tratti piuttosto reali. E questo per vari motivi tutti estremamente allarmanti.

La prima cosa che balza agli occhi è la totale improvvisazione dell'intervento, da realizzarsi in un'area sensibile e attualmente in modo particolare, a causa degli effetti dei cambiamenti climatici e del periodo: -facciamo presente che ancora possono essere in atto tarde nidificazioni e comunque queste aree, a differenza del resto del “Padule”, mantengono delle zone allagate che danno rifugio agli acquatici, compresi gli uccelli già in migrazione e provenienti da territori lontani migliaia di chilometri. Infatti nell'articolo, si dice che “.. nessuno al momento sa fornire un numero preciso di passaggi di ungulati nella zona..”, il che lascia intendere che non non sia stato fatto ancora uno studio accurato della situazione a pochi giorni dall'intervento già deciso; e questo fatto contrasta fortemente con le linee guida per la gestione del cinghiale nelle aree protette, prodotte dal Ministero dell'Ambiente e dall'Ispra.

In queste ultime si prescrive uno studio accurato, prima di decidere gli interventi, in quanto le aree possono essere occupate dagli ungulati anche soltanto nel periodo venatorio, per poi traferirsi in altre zone. Nel nostro caso la zona che confina in gran parte con le aree protette, è rappresentata da canneti quasi ininterrotti estesi diverse centinaia di ettari, dove gli animali possono facilmente nascondersi.

E un'altra affermazione riportata nell'articolo di ieri, che farebbe sorridere se non fosse per la gravità della situazione, è quella che “... con un paio di battute di caccia i cinghiali si impauriscano e scappino da soli...”. Questo è quanto, secondo gli organizzatori, succederà in un'area estesa oltre 100 ha e in buona parte occupata da canneti allagati.Ma invece, secondo noi, quello che succederà è che sicuramente scapperanno gli uccelli acquatici, anche protetti, sensibili come tutti sanno al disturbo antropico.

E viene perciò da chiedersi: cosa è stato fatto da quando noi già diversi anni fa, tramite il circolo di Legambiente Valdinievole, abbiamo proposto un piano per prevenire i danni degli ungulati, prendendo spunto da iniziative sperimentate con successo, in altre aree della Toscana? E assolutamente incomprensibile, infine, risulta l'affermazione dell'assessore regionale Fratoni riportata nell'articolo, dove si dice che stanno procedendo a gara per l'utilizzo anche delle gabbie/trappola fuori dell'area protetta.

Pare evidente, ancora una volta, che l'intervento segua una logica contraria al buon senso e ad ogni prescrizione tecnica sensata: prima si spara all'interno delle aree protette e poi si mettono le gabbie all'esterno.Per questo, tutto ciò premesso,

Chiediamo alla Regione Toscana, insieme al Comune di Ponte Buggianese, alla polizia provinciale di Pistoia, al Consorzio di Bonifica e all'Ambito Territoriale di caccia:

- che venga immediatamente bloccato l'intervento, in quanto rischia di spaventare solo la fauna protetta presente in un periodo non lontano dalle aperture della caccia, previste anche grazie alla deroga concessa come ogni anno dalla Regione Toscana;

- che invece l'intervento venga effettuato solo all'esterno delle aree protette e preferibilmente con mezzi non cruenti, magari dopo aver effettuato attività di studio e monitoraggio, in grado di garantire interventi appropriati;- che solo dopo, siano previsti interventi all'interno delle aree protette, ed esclusivamente con metodi non cruenti e in periodi al di fuori di quello venatorio, compatibili con le attività di conservazione svolte all'interno delle aree in oggetto.

Nel caso si proceda a effettuare battute di caccia all'interno delle aree protette suddette, che violino le normative vigenti in materia, valuteremo l'opportunità di intraprendere azioni legali a tutela della fauna presente, danneggiata dal disturbo incautamente provocato".

Fonte: Legambiente
 
+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra: