Skin ADV
Valdinievole OGGI
  • Cerca:
  • 13:11 - 13/11/2019
  • [protetta]
  • [protetta]
  •  

Per una volta sono d'accordo con ALIAS!
I licenziamenti per maternità non esistono, come gli assegni postdatati. . .
Sono già garantiti da ben altre leggi!
Esistono invece lettere di licenziamento .....
KARATE

Tante soddisfazioni per il karate Ninja Club all’open di San Marino, la palestra con sedi a Pescia e Larciano ha ottenuto due ori e quattro medaglie di bronzo.

BOCCE

Successo a Monsummano per Giacomo Lorenzini, valdinievolino di Ponte Buggianese, star delle bocce agonistiche nazionali tesserato per la Bocciofila Vigasio-Villafranca (Fib Verona).

BASKET

Il primo canestro della serata è di Tesi poi Bellini lo imita con un bel coast ti coast. Una bomba da tre di Navicelli e un canestro di Bellini danno il primo strappo alla partita (11-4) e coach Blanco ricorre al minuto di sospensione. 

NUOTO

Grande successo per la tradizionale rassegna di inizio stagione dell'Asd Nuoto Valdinievole, svolta alle piscine intercomunali di Larciano-Lamporecchio, alla quale hanno partecipato oltre 300 atleti.

BOCCE


Nella giornata delle vittorie casalinghe (reali, o potenziali per lunghi tratti), un sono pareggio segna il cammino nel campionato della raffa, Il pari, vibrante, nervoso, tirato, combattuto in campo e psicologicamente un pizzico anche fuori.

ARTI MARZIALI

La settima edizione di Luctor si svolgerà presso il Palavinci di Montecatini Terme (di fronte all'ippodromo Sesana).

TIRO A SEGNO

Il Trofeo d’inverno, è articolato su due prove regionali con finale programmata al Tiro a Segno di Milano. Questo primo incontro, ha avuto luogo al poligono di Pistoia, mentre il secondo verrà svolto al poligono di Siena.  

BOCCE

Dopo la settimana di sosta dovuta alle festività di Ognissanti è in programma il 4° turno di questo interessante campionato di Serie A2. Nel girone tosco-marchigiano finalmente anche l’Avis ha vinto l’incontro che l’opponeva alla blasonata Oikos Fossombrone, peraltro squadra modesta e alla portata dei termali.

none_o

La recensione di questa settimana da parte della libreria Mondadori è dedicata all'ultimo libro di Fabio Volo.

none_o

Quest'anno l'evento è patrocinato anche dall'assessorato alla cultura e al turismo del Comune di Napoli. 

Soffioni

Impalpabili infiorescenze di sambuco
soavi di luce .....
VALDINIEVOLE STORICA
di Giovanni Torre

Altopascio, 16.000 abitanti, è da considerare parte integrante della Valdinievole.

VALDINIEVOLE STORICA
di Giovanni Torre

Ricordi dell'associazione dilettantistica calcio Montecatini.

SCUOLA di BALLO e DANZA ACCADEMICA
asd " ENERGY LATIN DANCE .....
Sono aperte le iscrizioni per il corso di pittura per adulti .....
none_o
Circolo Arci Vellano: "Strade in totale abbandono, serve una manifestazione di protesta"

7/8/2019 - 18:26

PESCIA - Il presidente del circolo Arci di Vellano, Sandro Maltagliati, scrive una lettera alla prefettura, alla Provincia e al Comune.

 

"Lo scrivente circolo, facendosi interprete delle giuste e vibrate proteste degli abitanti dei paesi della montagna pesciatina serviti dalle strade provinciali,  vuole  richiamare l'attenzione delle istituzioni, e più precisamente della prefettura, della Provincia di Pistoia e del Comune sullo stato di totale abbandono nel quale versano queste uniche vie di comunicazione tra le frazioni stesse e la pianura, dove sono ubicati la città di Pescia e tutti i servizi essenziali per la comunità.


Nonostante questo annoso problema sia stato più volte evidenziato all'amministrazione provinciale, a tutt'oggi nessun intervento è stato eseguito, mentre la situazione è in continuo peggioramento tanto da creare un serio pericolo per tutti i mezzi che percorrono sia la Mammianese che la Val di Forfora.

 

I rovi e le piante hanno ormai invaso la carreggiata costringendo auto e moto a procedere al centro della stessa con difficoltà negli scambi con altri mezzi, la segnaletica stradale è quasi totalmente nascosta, i muri di contenimento soffocati dall'erba e i ponti aggrediti dalle infestanti al punto tale da non essere più visti come tali.

 

A tutto questo occorre aggiungere le piante non più potate da decenni con i rami che sfiorano le vetture e che si troncano al passaggio dei camion, creando uno stato di fatto più simile alla giungla equatoriale rispetto all'immaginario collettivo delle colline e montagne toscane.

 

La situazione del manto stradale presenta una pericolosità inaudita con diffuse e continue buche di dimensioni enormi sia per l'ampiezza che per la profondità, ancora più pericolose per coloro che si muovono in moto o in bicicletta.


Le reti di contenimento poste alle pareti che costeggiano le strade sono piene di massi staccati dalle pareti stesse e, in alcuni tratti, addirittura aperte con il pericolo che i massi possano invadere, da un momento all'altro, la carreggiata causando gravi incidenti.


Non vi è ricordo dell'avvenuta pulizia delle banchine per lo scorrimento  e la regimazione dell'acqua piovana che, durante i temporali, invade tutta la carreggiata trascinando rami e detriti che nessuno si prende l'incarico di togliere.

 
I muri laterali alla strada sono stati abbattuti in tanti punti durante molteplici incidenti stradali: francamente non si capisce dove siano finiti i soldi pagati appositamente dalle assicurazioni e perchè non siano mai stati ripristinati una volta incassato il dovuto.


Pur consapevoli delle difficoltà economiche nelle quali versa la Provincia, non possiamo tacere sulle responsabilità che hanno gli amministratori nei confronti dei cittadini nel garantire servizi efficaci per i quali vengono pagate tasse e balzelli inverosimili: in questo caso, assistiamo invece ad una sconsolante fuga quotidiana dalle proprie responsabilità, al punto tale da creare situazioni di reale pericolo per l'incolumità pubblica e recare danni incalcolabili per l'intera economia turistica del comprensorio.


Riteniamo non eccessivo definire la situazione attuale simile a quella verificatesi per particolari calamità naturali dove si è  dovuti intervenire in emergenza: chiediamo di considerare la gravità delle condizioni della viabilità e di valutare la necessità di far intervenire la Protezione civile nazionale, altre strutture simili o attivare interventi particolari al fine di ripristinare il minimo di sicurezza e di decoro in una parte così importante del territorio, nel rispetto di chi ci abita, ci lavora  e ha deciso, a costo di notevoli sacrifici, di viverci.


Fermo restando la situazione attuale, inviteremo tutte le associazioni del volontariato presenti sul territorio a valutare concretamente la necessità di dare vita a una grande manifestazione unitaria di protesta, anche eclatante, per richiamare l'attenzione pubblica in generale intorno a questi problemi che si trascinano di anno in anno, senza trovare una valida soluzione".

Fonte: Circolo Arci Vellano
 
+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra: