Skin ADV
Valdinievole OGGI
  • Cerca:
  • 11:06 - 01/6/2020
  • [protetta]
  • [protetta]
  •  

Grande bibbi !!
Dignene!!
Te si che sai scrivere bene .
Ortografia e soprattutto i tuoi contenuti sono un modello da seguire.
manganello e maledizione virulenta per tutti.
Siamo amici vero??
BASKET

La prima novità in casa Nico è la collaborazione con l’Associazione “Anna Maria Marino”, avvenuta già a fine della scorsa stagione grazie alla Dottoressa Jacqueline Magi che ne è Presidente Onorario. 

RALLY

Sull’onda dell’entusiasmo riscontrato dal primo approccio “virtuale” di molte delle realtà motoristiche più importanti a livello nazionale, le scuderie Jolly Racing Team e Art Motorsport 2.0 hanno deciso di organizzare il 1° Virtual Rally della Valdinievole e del Montalbano.

BASKET

Scegli il rossoblu di sempre. Quanto sei attaccato ai colori rossoblu? Chi è il giocatore che ti ha fatto sognare? È arrivato il momento di eleggere il giocatore rossoblu italiano di sempre.

CICLISMO

Dieci candeline, oltre 30 000 euro donati in beneficenza e tante soddisfazioni e emozioni. Parliamo dell’Avis Bike Pistoia, società ciclistica amatoriale e organizzatrice della Gran Fondo Edita Pucinskaite.

RALLY

Jolly Racing Team e Laserprom 015 annunciano che il 36° Rally della Valdinievole, anticipato al 2 e 3 maggio dalla data di origine di una settimana dopo nel calendario sportivo, viene rinviato a data da destinarsi.

BASKET

Pur essendo nell’aria ormai da settimane, la notizia della chiusura anticipata dei campionati è stata una bella botta su un duplice piano: sanitario, poiché ha denotato che la situazione sanitaria anziché migliorare stava peggiorando.

BASKET

È arrivata ieri pomeriggio la notizia che la Lega Basket Femminile ha deciso, come aveva già fatto per i campionati regionali, di procedere con lo stop definitivo dei campionati. È una notizia che ci fa rimanere con l’amaro in bocca, nonostante si comprenda benissimo la gravità della situazioni sanitaria che sta affliggendo l’Italia.

PODISMO

Annullata la camminata ludico-motoria "Corri e cammina insieme" prevista per il 5 aprile.

none_o

La recensione della settimana da parte della libreria Mondadori è dedicata a un libro di Matteo Bussola.

none_o

Copit ha presentato, presso la sua sede di Pistoia, il volume “Archivio storico della Ferrovia Alto Pistoiese - Appendice”.

Grazie di cuore a tutto il personale sanitario, in prima linea .....
FILATELIA
di Giancarlo Fioretti

Il valore filatelico sarà presentato il 24 maggio.

VALDINIEVOLE STORICA
di Giovanni Torre

Tutto ebbe inizio il 10 aprile 1912 con la partenza del Titanic dal porto di Southampton.

cerco qualsiasi mansione x impegno mia giornata sono dinamico .....
Sono un giovane fotografo , mi chiamo Jacopo, e sono andato .....
PROVINCIA
Montalbano, regole più rispettose di ambiente e salute: presentate proposte contro prodotti fitosanitari a 10 sindaci

9/7/2019 - 9:41

L’associazione Bio-distretto del Montalbano ha inviato nel febbraio scorso ai 10 Comuni del Patto del Montalbano (Capraia e Limite, Carmignano, Cerreto Guidi, Lamporecchio, Larciano, Monsummano Terme, Poggio a Caiano, Quarrata, Serravalle Pistoiese e Vinci) una proposta di regolamento che contiene regole più incisive per la tutela della salute della popolazione e dell’ambiente.

 

"A parte qualche timido e indiretto segnale positivo, non abbiamo ricevuto nessuna formale risposta, né nessuna richiesta di incontro. Nel frattempo i temi ambientali sono balzati agli onori della cronaca, alcuni processi hanno visto la condanna dei produttori di alcuni fitofarmaci, i dati sulle condizioni ambientali indotte dall’utilizzo di fitofarmaci in alcune zone del Montalbano e limitrofe (per esempio lo stato delle acque nella Piana di Pistoia) sono sempre più allarmanti e con regolarità riceviamo segnalazioni e lamentele da parte dei cittadini rela vamente all’utilizzo di fitofarmaci senza il completo rispe o delle normative vigente.

La proposta del Bio-distretto vuole essere un contributo fattivo alla tutela del nostro territorio e alla salvaguardia della salute della popolazione. Esso si colloca perfettamente in linea con le intenzioni e i propositi del "Manifesto per il futuro del Montalbano", approvato dai consigli comunali dei Comuni del Patto del Montalbano, che tra gli obiettvi e le azioni prioritarie chiede di attivare procedure per limitare l'uso dei fitofarmaci e di intraprendere azioni che definiscano delle distanze minime da insediamenti, strade, scuole, corpi idrici, ecc. Inoltre il manifesto sollecita di bandire nei regolamenti di polizia rurale i preparati di sintesi ritenuti più nocivi alla salute.

L’art. 32 della Costituzione Italiana sancisce che “la Repubblica tutela la salute come fondamentale diritto dell'individuo e interesse della collettività”. Invece il territorio del Montalbano è pesantemente oppresso dall'uso dei pesticidi e la situazione è preoccupante! Chiediamo ai sindaci di procedere rapidamente all’integrazione della proposta del Bio-distretto nei loro regolamenti.

Con l'adozione di questa proposta di regolamento si affronta la coesistenza sul territorio dell'agricoltura biologica, dell'agricoltura biodinamica e dell'agricoltura naturale, che si vogliono incentivare, con l'agricoltura convenzionale di cui si vuole agevolare la conversione, configurando una importante misura da pubblicizzare e condividere, in grado di prevenire rischi e minacce per la salute degli abitan e per l'incolumità ambientale di tutto il territorio e contemporaneamente di farne crescere l'economia dando lustro all'agricoltura naturale, alla biodiversità, al paesaggio e all'eco-turismo che una scelta cosi importante possono efficacemente far evolvere.

La proposta del regolamento del Bio-distretto o disciplina l’utilizzo dei prodotti fitosanitari nelle aree agricole ed extra agricole e prevede tra l’altro il divieto per l’utilizzo di qualunque prodo o fitosanitario, non ammesso per l’agricoltura biologica, a distanze inferiori di 50 metri da strade pubbliche e piste ciclabili, parchi gioco per bambini, giardini pubblici, ospedali, centri per anziani, centri spor vi, edifici scolas ci, stru ure sanitarie, cimiteri, borghi abita e abitazioni in genere ecc.

Verranno tutelate anche le coltivazioni amatoriali e le aziende biologiche: è fatto obbligo agli operatori confinanti di utilizzare sui confini delle fasce tampone larghe almeno dieci metri, non col vando nulla o utilizzando esclusivamente fertilizzanti e prodotti fitosanitari ammessi in agricoltura biologica. La fascia tampone dovrà assolutamente garantire che nessun trattamento chimico contamini le produzioni confinanti.

Sarà vietata l’irrorazione di prodo fitosanitari tossici o nocivi per gli organismi acqua ci e comunque con effe nega vi per l’ambiente acqua co nella fascia di almeno 200 metri di distanza da corsi d’acqua, sorgenti, fiumi, pozzi, canali e altri corpi idrici.Vicino ai pun di prelievo di acque destinate al consumo umano eventuali trattamenti convenzionali non ammessi in agricoltura biologica manterranno un’area di rispetto di 200 metri dal punto di captazione dell’acqua.

La presente proposta è stata elaborata da cittadini del Montalbano (agricoltori e non) con l’aiuto di agronomi, geologi, biologi, poli ci ed amministratori.

L’associazione Bio-distretto o Montalbano si rende disponibile a incontrare gli amministratori locali (sindaci, assessori, consiglieri comunali) al fine di discutere in de aglio la proposta e di instaurare una eventuale collaborazione rela vamente ad a vità di formazione ed informazione per gli operatori agricoli e per la popolazione".



Fonte: Bio-distretto del Montalbano
 
+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra:




9/7/2019 - 10:25

AUTORE:
Lorenzo

I cittadini chiedono semplicemente di non essere uccisi dal comportamento folle e scellerato di molti vivaisti pistoiesi che mettono avanti i propri profitti alla salute delle persone.
I cittadini rivolgono ancora di più questa richiesta ai politici e all'assessore competente PD della Regione Toscana, che a quanto pare , tra una deroga e l'altra , non vieta l'utilizzo di questi prodotti cancerogeni.
La ASL cosa sta facendo?
Mi auguro che chi ha sbagliato la paghi , prima o poi e con tutti gli interessi.
Con la salute non si scherza!