Skin ADV
Valdinievole OGGI
  • Cerca:
  • 23:09 - 21/9/2019
  • [protetta]
  • [protetta]
  •  

Quello che lo stato postbellico , sia con le disposizioni transitorie , sia con la legge Scelba e con la legge Mancino , nnon ha saputo o potuto gestire , rifugiandosi certi movimenti dietro all'art. .....
NUOTO

Grande festa nella sala consiliare del Comune. Il sindaco Oreste Giurlani, il vicesindaco Guja Guidi, l’assessore allo sport Fabio Bellandi e il presidente del consiglio comunale Vittoriano Brizzi hanno incontrato il presidente della Cogis Nuoto Doriana Degl’Innocenti, gli allenatori, una buona rappresentanza di genitori degli atleti.

TIRO A SEGNO

È stata una giornata divertente e molto istruttiva, caratterizzata da un forte clima emotivo per i giovani tiratori pesciatini, i quali hanno messo in campo tutto il loro impegno per guadagnare i vertici delle classifiche.

CALCIO

Mercoledì 18 settembre con fischio d'inizio alle ore 20,30 al "Cei" sarà disputata la seconda gara del triangolare di Coppa Italia tra Larcianese e Ponte Buggianese.

BASKET

Ultimo turno del girone per la Gioielleria Mancini, che affronta il Vela Viareggio nel Palazzetto di Camaiore. Partita ininfluente ai fini del risultato visto il pass per i quarti di finale già ottenuto dai ciabattini con la vittoria contro Pescia.

IPPICA

All’Ippodromo Snai Sesana di Montecatini Terme le corse tornano con la programmazione del pomeriggio a pochi giorni dalla chiusura della stagione. 

CALCIO

Sabato 21 settembre si terrà la presentazione della società e delle formazioni partecipanti all’attività indetta dalla Figc a carattere dilettantistico e giovanile.

KARATE

Sabato scorso in occasione della giornata Play for Joy che si è svolta a Larciano in piazza Togliatti presso i giardini della scuola media, il Karate Ninja Club con Martina Russi e Matteo Formichini ha presentato la nuova stagione sportiva.

none_o

La recensione di questa settimana da parte della libreria Mndadori è dedicata al libro vincitore del Premio Campiello.

none_o

Sarà inaugurata sabato 21 settembre, alle ore 17, la mostra dal titolo “Montecatini Garden Spa of Europe".

Soffioni

Impalpabili infiorescenze di sambuco
soavi di luce .....
VALDINIEVOLE STORICA
di Giovanni Torre

Altopascio, 16.000 abitanti, è da considerare parte integrante della Valdinievole.

VALDINIEVOLE STORICA
di Giovanni Torre

Ricordi dell'associazione dilettantistica calcio Montecatini.

Sono aperte le iscrizioni per il corso di pittura per adulti .....
BUONASERA sono in possesso di diploma di adb e oss sono attualmente .....
none_o
Abbattuta la ciminiera del Minnetti, le amare riflessioni di un cittadino

21/4/2019 - 8:23

PIEVE A NIEVOLE - Il 19 aprile scorso è scomparso un altro pezzetto di storia di Pieve a Nievole. Infatti la bella ciminiera del Minnetti è già stata quasi del tutto smontata o per dirla in modo crudele, distrutta e polverizzata. Al momento rimane solo un ultimo troncone che resisterà solo quanto le feste di Pasqua, non di più.

 

Chissà quante persone la mattina spalancando le finestre di camera saranno rimaste interdette perché nel panorama consueto c’era qualcosa che non andava e non riuscivano a capacitarsi che qualcuno s’era portato via quella specie di dito teso verso il cielo, nitido ricordo di una Pieve a Nievole ruggente, nido d’uomini d’azione, capaci di dare lavoro a tante persone, spesso a contadini che diventavano operai, impiantando fabbriche, laboratori e officine.


Il raddoppio della ferrovia ora si è portato via questo simbolo diventato ormai insignificante per quasi tutti gli abitanti e forse anche per i volatili di padule che a causa dei lavori hanno ripreso baracche e burattini e sono tornati nel loro ambiente più idoneo.


Nel pomeriggio del 19 passando nei pressi col mio macinino, sono sobbalzato al volante quando la persona accanto a me ha esclamato: “C’è una gru e degli operai che stanno smantellando la ciminiera”! Che quel fattaccio prima o poi doveva accadere era risaputo da tutti, ma che lo facessero proprio il giorno del mio compleanno, non era davvero un regalo gradito. Ma che io sappia nessun comitato è sorto per difendere la ciminiera condannata ad essere atterrata. Forse per salvarla bastava mettere una foto sui ‘social’, chissà quanti avrebbero abboccato.


Ho provato lo stesso disappunto di quando nella piazza detta ‘dei Peori’ fu cancellato quello che rimaneva della fabbrica Cosimini e chiamai di corsa un fotografo perché immortalasse quell’evento. Allora ero nel pieno delle mie forze; ora i capelli bianchi s’arruffano al vento. Il progresso chiede sacrifici e fa da schiacciasassi su tutti i sentimenti. Ma come mai ora tutti belano che il mondo è in pericolo?, che acqua e aria non sono più quelle di un volta? Forse qualche riflessione collettiva in più, non guasterebbe proprio.

 

di Leo Bertocci

 
+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra:




24/4/2019 - 13:45

AUTORE:
Massimiliano

Venuto a conoscenza del prossimo abbattimento della storica ciminiera dell'area Minnetti e coniderata la sua vicinanza al sindaco Diolaiuti, Lei aveva l'opportunità di intercedere affinché questa testimonianza dell'operosita' dei pievarini non venisse distrutta. Troppo facile piangere adesso sul latte versato

24/4/2019 - 7:07

AUTORE:
Alberto Tampellini

Caro Leo, ti sono nel cuore. Col garbo gentile di sempre ci fai prendere coscienza di una amara verità: avremmo potuto fare meglio. Tutti.
Purtroppo sembra che a tutelare edifici storici o di interesse particolare per quello che testimoniano - la ciminiera dell'industriosità imprenditoriale, la vecchia stazione ferroviaria dello sviluppo cittadino, l'antica fontana di Fra Carlo, ma anche i pochi alberi secolari rimasti - ci debbano pensare sempre gli altri perché scomoda a tutti mettere limiti alla iniziativa dei privati o denunciare azioni inopportune. Il nostro amato paese dovrà sopportare un'altra privazione che lo rende ancora più anonimo e omologato a qualsiasi altra periferia urbana.
Speriamo almeno che la sensibilità ferita ci possa rendere più attenti per il futuro.