Skin ADV
Valdinievole OGGI
  • Cerca:
  • 10:04 - 21/4/2019
  • 563 utenti online
  • 26887 visite ieri
  • [protetta]

Una persona necessita cure oncologiche. I Sanitari del D. H. prescrivono
un'iniezione post terapia che, anche se passata gratuitamente dal S. S. N.
costa fra 1, 500. oo e 2, 000. oo euro. La persona .....
TIRO A SEGNO

Nei primi due week end del mese di aprile, presso il poligono del Tiro a segno nazionale di Lucca ha avuto luogo la terza prova regionale con le armi ad aria compressa e la prima prova regionale con le armi a fuoco.

BASKET

Saranno quattro giorni a tutto basket quelli del ponte del 25 aprile a Monsummano Terme dove si svolgerà la quarta edizione del Trofeo Città di Monsummano.

VOLLEY

Il consiglio di amministrazione del Centro Tecnico Territoriale Monsummano, dichiara di aver terminato il rapporto di collaborazione con il tecnico Antonio Galatà, dopo due annate piene di soddisfazioni.

VOLLEY

La Serie D/Under 18 del Centro tecnico territoriale Monsummano esce sconfitta dal PalaGiglioli di Ponte a Elsa (Empoli) e arretra di una posizione nel girone A del campionato senior di volley femminile, a due giornate dal termine della regular season.

BASKET

La Gioielleria impegnata nell’ultima gara della regular season contro il Cus Pisa. Partita ininfluente per i ragazzi di coach Matteoni mentre gli universitari sono alla ricerca dei punti per la qualificazione ai play-off.

NUOTO

Sono stati tanti i nuotatori che hanno partecipato alla seconda edizione della Maratona del nuoto, manifestazione organizzata dalla Cogis Pescia, che gestisce a livello agonistico la piscina del Marchi, dove si è svolto l’evento.

BOCCE

Grande spettacolo sabato scorso presso il bocciodromo coperto di Pieve a Nievole, purtroppo non altrettanto entusiasmante il risultato dell’incontro di sapore amaro per la Montecatini Avis, sconfitta dalla formazione emiliana della Rinascita Budrione.

NUOTO

Prestigioso traguardo raggiunto da Aurora Bianucci dell'Asd Nuoto Valdinievole al campionato indoor di fondo di Riccione.

none_o

La recensione di questa settimana da parte della libreria Mindadori è dedicata a un libro di Stephen King.

none_o

La mostra è dedicata al maestro Arrigo Conti: “Lawn Tennis Torretta – Stile ed eleganza”.

E si vive di ricordi, di sogni
impressi nel sinuoso corpo
dell’Ombrone .....
VALDINIEVOLE STORICA
di Giovanni Torre

Altopascio, 16.000 abitanti, è da considerare parte integrante della Valdinievole.

VALDINIEVOLE STORICA
di Giovanni Torre

Ricordi dell'associazione dilettantistica calcio Montecatini.

BUONASERA sono in possesso di diploma di adb e oss sono attualmente .....
Buonasera a tutti per informazioni o preventivi per rimettere .....
MONSUMMANO
Atti persecutori nei confronti di una volontaria 26enne: arrestato giovane richiedente asilo

20/3/2019 - 10:16

Nel pomeriggio di ieri i carabinieri del Norm hanno arrestato M.T., 26enne richiedente asilo maliano, domiciliato a Monsummano, per atti persecutori nei confronti di una 26enne pistoiese, dipendente del 118 e volontaria della Misericordia.

 

La vicenda nella quale è coinvolto il giovane si protrae da qualche mese. Il ragazzo, aveva conosciuto la vittima a uno dei tanti corsi nei quali si incontrano operatori del volontariato e ha maturato evidentemente una passione non corrisposta che però è degenerata in un comportamento persecutorio e ossessivo.

 

Nonostante le avance fossero state respinte chiaramente da subito, il giovane ha cominciato a tempestare  la vittima di messaggi  e ad attenderla sia fuori della sede del 118 ove la giovane opera, sia della sede della Misericordia di Pistoia della quale era frequentatore anche lo stesso  maliano ma dalla quale è stato allontanato proprio a causa del suo comportamento.

 

Finora non erano state adottate misure cautelari nei confronti del giovane e la vittima aveva già sporto denuncia in varie occasioni. L’attuale normativa dice chiaramente che l’atto persecutorio si configura quando la vittima è costretta a mutare drasticamente le sue normali abitudini di vita con la conseguente condizione di un perdurante stato di ansia  ed insicurezza. Ed è quanto è successo alla giovane pistoiese che da quando sono cominciate le morbose attenzioni del maliano, il quale più di una volta ha dichiarato che la desiderata unione con la vittima sarebbe “voluta da Dio”, ha limitato al minimo indispensabile i suoi spostamenti, facendosi sempre accompagnare da familiari e conoscenti.

 

Ieri nella tarda mattinata l’ennesimo appostamento del 26enne maliano di fronte agli uffici del 118 all’ex ospedale pistoiese del Ceppo è stato interrotto dalla pattuglia del Norm che lo ha prelevato e condotto negli uffici di viale Italia dove è stato dichiarato in arresto per atti persecutori d’intesa con la procura. Dopo la formalizzazione degli atti il 26enne è stato trasferito  al Santa Caterina.

Fonte: Carabinieri
 
+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra:




20/3/2019 - 17:44

AUTORE:
Antonio V.

Temo che questo sia solo l'inizio...
Noi non sappiamo nulla di queste persone, ma una cosa è certa, hanno sicuramente un concetto diverso della donna (atteggiamenti, ahimè, non nuovi per noi, visti i tanti episodi di violenza verso le donne commessi anche dai cari "uomini" nostrani).
Qui, però, il punto è un altro. Come ho accennato prima, noi di questi uomini - o giovani uomini - non sappiamo nulla. Arrivano in Italia e chiedono asilo. Poi il sistema di accoglienza si "prende cura" di loro (si fa per dire, ovviamente).
Da quel momento queste persone, per consuetudine - o, più semplicemente, per evitare di essere accusati di razzismo - vengono considerate automaticamente degli angeli "scesi dal cielo".
Questi ragazzi andrebbero educati e guidati a lungo prima di essere inseriti, a cuor leggero, come volontari a stretto contatto con anziani, disabili o, peggio ancora, con bambini.
Avere presentato una domanda di asilo, non cancella la vita precedente. Se uno era un assassino, rimarrà tale. Se un altro era un violento, lo resterà e prima o poi manifesterà la sua vera natura. Ugualmente, se qualcuno non aveva rispetto delle donne al loro Paese - per cultura o altro -, perché dovrebbero cambiare le loro abitudini semplicemente avanzando una domanda di asilo?
Episodi di violenza o di spaccio di stupefacenti commessi da questi cosiddetti "richiedenti asilo" sono, oramai, all'ordine del giorno, anche qui in Valdinievole.
Aiutiamoli ad integrarsi, ma prima di inserirli in ambienti così delicati, aspettiamo almeno che che abbiano completato un percorso minino (ovviamente senza "demeriti") e gli sia stato riconosciuto lo status...
Saluti.