Skin ADV
Valdinievole OGGI
  • Cerca:
  • 02:02 - 16/2/2019
  • 507 utenti online
  • 34040 visite ieri
  • [protetta]

Mi consenta di entrare nella discussione fra lei ed il signor Il Democratico, anche se solo come semplice appassionato di Storia. La filosofia comunista, enunciata da Carlo Marx, trovò la sua prima .....
CALCIO

Domenica alle ore 15 lo stadio "Idilio Cei" ospiterà la gara tra viola e azzurri, valida per la ventunesima giornata del Campionato di Promozione.

VOLLEY

Dopo due sconfitte consecutive, comunque messe in preventivo contro la prima e la seconda del girone A, la Serie D/Under 18 del Centro tecnico territoriale Monsummano vuole tornare a vincere contro la Pallavolo Valdiserchio.

CALCIO E BASKET

Folta presenza di stampa e pubblico per la conferenza stampa di presentazione della cena congiunta con il Montecatini Terme Basketball in favore dell’Ospedale Pediatrico Meyer.

Podismo
VOLLEY

Arriva alla quindicesima giornata la prima sconfitta piena sul parquet di casa del PalaCardelli per la Serie D/Under 18 del Centro tecnico territoriale Monsummano. Montebianco Pieve a Nievole vince 3-0.

BOCCE

Si è concluso con la indiscutibile vittoria della collaudata coppia Matteo Franci e Fabio Matalucci della Montecatini Avis il 25°Trofeo Città di Monsummano Terme.

BASKET

Incontro di cartello nel bunker di Calcinaia dove i ciabattini fanno visita alla formazione di coach Giuntoli.

BOCCE

Ottima prestazione della Bocciofila Pieve a Nievole che, sulle sue corsie nel pomeriggio di sabato, passa i due turni eliminando sia la Monsummanese che la Migliarina di Viareggio.

none_o

La recensione di questa settimana da parte della libreria Mondadori è dedicata a un libro di Robert Galbraith.

none_o

La recensione di questa settimana da parte della libreria Mndadori di Montecatini è dedicata a un libro di Heddi Goodrich.

E si vive di ricordi, di sogni
impressi nel sinuoso corpo
dell’Ombrone .....
VALDINIEVOLE STORICA
di Giovanni Torre

Altopascio, 16.000 abitanti, è da considerare parte integrante della Valdinievole.

VALDINIEVOLE STORICA
di Giovanni Torre

Ricordi dell'associazione dilettantistica calcio Montecatini.

BUONASERA sono in possesso di diploma di adb e oss sono attualmente .....
Buonasera a tutti per informazioni o preventivi per rimettere .....
VALDINIEVOLE
Province e riassetto istituzionale, l'appello di un gruppo di cittadini e politici di centrosinistra

6/12/2018 - 9:51

Pubblichiamo un comunicato stampa a firma di: Franco Pazzaglini, Simona Querci, Tommaso Del Guasta, Pietro Neri, Carlo Franceschi, Laura Contini, Giuliano Calvetti, Errigo Carbone, Rossella Chietti, Siliana Biagini, Claudio Giardi, Roberto Agnoletti, Andrea Acciai, Sandro Del Mastio, Patrizia Gallo, Mario Scelta, Mario Bonelli, Luciani Mazziati, Arcangela Cortese.

"Qualche giorno fa a Montecatini si è svolto un confronto-dibattito alla presenza di Valerio Fabiani e del presidente della Provincia Rinaldo Vanni riguardo lo stato attuale delle Province e ipotesi su un futuro riassetto istituzionale. Vorremmo sottoporre queste riflessioni scaturite dal dibattito e secondo noi degne di nota.

 

Rilevato e sottolineato l'errore di aver fatto una legge prima della riforma costituzionale per abrogare le Province, errore aggravato da non aver pensato a un eventuale piano B per uscire dal possibile impasse. Errori su errori che hanno portato una vera emergenza che ha la necessità di essere affrontata di petto e soprattutto non emarginata, come fatto in questi anni, emergenza, soprattutto, su due fondamentali servizi per la comunità, come le scuole superiori e le strade.

 

Dal confronto è emerso che si può lavorare su due fronti: il primo, quello naturale e nazionale proponendo una nuova legge di riassetto, ritornando magari a parlare di accorpamento e di aree metropolitane e, al tempo stesso, sull'argomento  far scoprire le carte dell'attuale maggioranza, che, se non ha già cambiato idea, naviga nelle sue componenti su sponde opposte: il ripristino del suffragio universale per la Lega e l'abolizione per i 5 Stelle. Si deve chiedere a gran voce chiarezza in tal senso. 

 

L'altro fronte nasce e dalla consapevolezza che non tutte le Regioni si sono comportate come la nostra. Soprattutto a Nord le Province hanno mantenuto competenze e risorse sia economiche che umane. Da noi la Regione è stata, diciamo, “più realista del re”, pertanto, visto che la essa è ancora governata da una maggioranza amica, è opportuno promuovere e proporre una nuova ridefinizione del ruolo delle Province, riaffidando a esse risorse e magari anche parte delle competenze.

 

A questo va allacciato anche una nuova visione univoca sui comuni piccoli o medio piccoli, perché la fusione non è decollata, e non sembra più la panacea di tutti i mali. È necessario portare avanti una discussione che tenga conto delle diversità geografiche, logistiche, dei vari Comuni, senza proporre a tavolino fusioni a freddo, ma costruendo proposte a seconda delle peculiarità.

 

La Regione anche in questo caso potrebbe farsi carico, come ha fatto per servizi fondamentali rifiuti e acqua, di tracciare una strada che, pur mantenendo le forme istituzionali dei Comuni raggruppi i servizi in aree più ampie e magari omogeneizzare anche quegli Ato che oggi hanno confini un po’ troppo difformi gli uni dagli altri.

 

Da questi spunti nasce questo contributo che ha la pretesa di fare da stimolo a una discussione più ampia, ma in tempi il più possibili ristretti, e che porti alla stesura di un documento da poter presentare, sostenere, promuovere e far approvare dall'assemblea regionale".

 
+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra:




9/12/2018 - 11:24

AUTORE:
mario

secondo me l'unica riforma delle provincie sarebbe la sua toale cncellazione che sarebbe dovuta avvenire già al momento della costituzione delle regioni e per la quale sono (o erano) d'accordo in molti: PD (o una sua parte) Forza Italia (con i suoi gazebo) M5S (non si candidavano nemmeno)Confindustria e soprattutto tanti cittadini che chiedono una semplificazione della pubblica amminisrazione. Inoltre all'estero questa suddivisione dei poteri non ha uguali e infatti noispendiamo per l'amministrazione dello stato come Spagna Francia e Germania messi insieme

6/12/2018 - 11:14

AUTORE:
Torre Giovanni

Cari signori le province tutte vanno eliminate e direi anche le regioni carrozzoni senza soldi rimaste in vita come posti di lavoro.
Toscana-Umbria e Marche sarebbe l'ideale ancora meglio se in cambio dell'Unbria ci fosse l'Emilia Romagma.