Skin ADV
Valdinievole OGGI
  • Cerca:
  • 19:10 - 16/10/2018
  • 968 utenti online
  • 60856 visite ieri
  • [protetta]

Cara Europa non si capisce perché Sei contraria al governo italiano eletto democraticamente dal popolo, se porta il defifit al 2, 4% quando anche la Francia a annunciato che lo porterà al 2, 8%. .....
LAMPORECCHIO

Domenica 21 ottobre (inizio ore 9) alle piscine intercomunali di Larciano-Lamporecchio, in località Centocampi, si svolgerà la classica rassegna di inizio stagione dell'Asd Nuoto Valdinievole.

BOCCE

Colpaccio al debutto per la Montecatini AVIS nella trasferta di Scandicci dove si impone con il punteggio di 3-0 e che oltre a  conquistare  tre punti pesanti,  hanno dato prova di un  ottima prestazioni di gioco,e  ha messo in evidenza grande compattezza di gruppo. 

BASKET

I ciabattini impegnati nel primo derby stagionale di campionato contro un Chiesina che si presenta alla sfida scottato dall’ultima bruciante sconfitta subita a Capannoli contro Valdera.

CALCIO

La Toscana inciampa col Vaud nella seconda gara del girone di qualificazione della UEFA Regions Cup complicando non di poco i piani di qualificazione alla fase finale del torneo.

VOLLEY

Sabato 13 ottobre alle 18, sul parquet del palazzetto dello sport di piazza Pertini, il Centro tecnico territoriale Monsummano inizia l'avventura nel campionato regionale di Serie D di volley. 

TIRO A SEGNO

Si è svolta presso la sezione del Tiro a Segno di Cascina (PI) la Fase Regionale del Campionato Giovanissimi, rivolta a ragazzi e ragazze nati negli anni 2007 e 2008.

BOCCE

Grande affermazioni di Matteo Franci in coppia con il giovanissimo  Niccolò Lambertini a Villafranca di Verona

Podismo
none_o

La recensione di questa settimana da parte della libreria Mondadori di Montecatini è dedicata a un libro di Rebecca West.

none_o

La mostra, dal titolo “Le carrozze a Montecatini…la tradizione continua”, è a cura di Roberto Pinochi e Bruno Fortina.

MONTAGNA PISTOIESE

L’animo nevoso che d’inverno
dipinge .....
VALDINIEVOLE STORICA
di Giovanni Torre

Altopascio, 16.000 abitanti, è da considerare parte integrante della Valdinievole.

VALDINIEVOLE STORICA
di Giovanni Torre

Ricordi dell'associazione dilettantistica calcio Montecatini.

Sono aperte le iscrizioni al corso di pittura metodo MARTENOT, .....
Il gruppo ametista Ringrazia l'amministrazione in quanto è stata .....
PIEVE A NIEVOLE
Intitolata una strada ad Argentina Bonetti Altobelli: dedicò la vita all'attività politica e sindacale

3/8/2018 - 14:29

Ha il nome di una donna la nuova strada aperta nella zona industriale di recente realizzazione su via Ponte Monsummano all'incrocio con via Cantarelle, una di quelle donne che hanno fatto la differenza nella lotta per l'emancipazione femminile e la difesa dei diritti dei più deboli, donne che hanno cambiato la storia e di cui la storia ha perso memoria.  
 
Argentina Bonetti Altobelli, nata a Imola il 2 luglio 1866, laureatasi in giurisprudenza a Bologna nel 1886 dedicò la sua vita all'impegno nell'attività politica e sindacale spinta da una viva e incontenibile etica della libertà che la portò ad opporsi alle ingiustizie e a lottare contro di esse entrando a far parte della commissione esecutiva della Camera del lavoro e sposando così l’ideale socialista.


Fautrice di molte battaglie per l'emancipazione femminile, compresa quella per il divorzio, Argentina Altobelli dedicò buona parte del suo impegno al miglioramento delle condizioni dei più umili, primi tra tutti i lavoratori e le lavoratrici della terra, battendosi sul terreno dei diritti, delle normative e dei miglioramenti salariali e lottando affinché i lavoratori avessero assicurata la vecchiaia.


Una donna che non abbassò mai la testa nemmeno di fronte al fascismo quando il regime sciolse il sindacato da lei diretto costringendola a lasciare Bologna. Di tutta risposta Argentina rivolse un attacco diretto a Mussolini a mezzo stampa definendolo "fascista proletario", "sicario pagato dagli agrari... tiranno della reazione... flagellatore dei deboli... assassino dei tuoi fratelli" e rifiutando il ruolo di sottosegretario all'agricoltura che Mussolini le offrì dopo l'omicidio di Giacomo Matteotti con l'intento di rappacificarsi con riformisti e socialisti. Argentina preferì “arrugginire come una lama nel fodero” schierandosi tra gli oppositori al fascismo.

"La storia che si studia sui libri di scuola è fatta di uomini, ma il corso della storia lo hanno cambiato anche tante donne valorose, tra cui Argentina Bonetti Altobelli che della lotta per i diritti degli umili e dei diseredati ne fece uno scopo di vita e della quale dobbiamo aver memoria", commenta il sindaco Gilda Diolaiuti.

Fonte: Comune Pieve a Nievole
 
+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra:




9/8/2018 - 12:32

AUTORE:
Giuseppe

Anche la sindaca Diolaiuti in vista delle elezioni del 2019 prova a chiamare a raccolta il popolo della sinistra intitolando una strada ad una sconosciuta comunista.Basterà' per essere rifletta dopo i danni sulla viabilità alternativa al raddoppio della ferrovia?

9/8/2018 - 11:15

AUTORE:
Massimo Biancalani

L'ignoranza la fa da padrone. Argentina Bonetti Altobelli è sempre stata socialista ed è sempre rimasta dalla parte dei riformisti. Cara Daniela, i comunisti erano altri, certamente non lei. Mi complimento con l'amministrazione di Pieve a Nievole, da cittadino di Monsummano, per la lodevole iniziativa, purtroppo sempre troppo rara; quella di intitolare strade o piazze a donne e socialiste.

8/8/2018 - 18:29

AUTORE:
Daniela

Tanti i Pievarini ai quali intitolare una strada a Pieve ma la sindaca chi sceglie? Una comunista di Bologna che nessuno conosce e che niente ha che vedere con il territorio.Scusi Diolaiuti ma quanto manca perché se ne vada?