Skin ADV
Valdinievole OGGI
  • Cerca:
  • 04:10 - 18/10/2018
  • 1034 utenti online
  • 39059 visite ieri
  • [protetta]

Cara Europa non si capisce perché Sei contraria al governo italiano eletto democraticamente dal popolo, se porta il defifit al 2, 4% quando anche la Francia a annunciato che lo porterà al 2, 8%. .....
VOLLEY

Dopo Serie D, Under 18 e Under 16, anche il gruppo Under 14 del Centro tecnico territoriale Monsummano conquista i primi tre punti della stagione all'esordio nel campionato di categoria di volley.

VOLLEY

Non poteva cominciare meglio il campionato di Serie D di volley femminile per il Centro tecnico territoriale Monsummano, che presenta una formazione giovanissima composta da tutte atlete Under 18. 

BASKET

Si è tenuta Sabato 13 Ottobre, in una gremitissima sala delle sezione soci Coop, la cerimonia di consegna delle borse di studio Shoemakers per l'anno scolastico 2017-2018. 

MONTECATINI

Pioggia di medaglie per il tennis giovanile montecatinese. I due circoli, Sporting Club e Torretta piazzano i propri atleti sul gradino più alto della Regione. Il circuito Sabatini ha visto come vincitori per lo Sporting Club : Isabel Bentivegna, Nocito Linda, Pierotti Alessio mentre a Morosi Filippo va il Master. 

CALCIO

Prestigiosa affermazione in un torneo di livello per gli Esordienti B anno 2007 dei Giovani Granata Monsummano. Dopo aver vinto il gironcino di qualificazione a settembre (battendo Capezzano Pianore e Bellaria Cappuccini Pontedera, e pareggiando con il Livorno).

LAMPORECCHIO

Domenica 21 ottobre (inizio ore 9) alle piscine intercomunali di Larciano-Lamporecchio, in località Centocampi, si svolgerà la classica rassegna di inizio stagione dell'Asd Nuoto Valdinievole.

BOCCE

Colpaccio al debutto per la Montecatini AVIS nella trasferta di Scandicci dove si impone con il punteggio di 3-0 e che oltre a  conquistare  tre punti pesanti,  hanno dato prova di un  ottima prestazioni di gioco,e  ha messo in evidenza grande compattezza di gruppo. 

BASKET

I ciabattini impegnati nel primo derby stagionale di campionato contro un Chiesina che si presenta alla sfida scottato dall’ultima bruciante sconfitta subita a Capannoli contro Valdera.

none_o

La recensione di questa settimana da parte della libreria Mondadori di Montecatini è dedicata a un libro di Rebecca West.

none_o

La mostra, dal titolo “Le carrozze a Montecatini…la tradizione continua”, è a cura di Roberto Pinochi e Bruno Fortina.

MONTAGNA PISTOIESE

L’animo nevoso che d’inverno
dipinge .....
VALDINIEVOLE STORICA
di Giovanni Torre

Altopascio, 16.000 abitanti, è da considerare parte integrante della Valdinievole.

VALDINIEVOLE STORICA
di Giovanni Torre

Ricordi dell'associazione dilettantistica calcio Montecatini.

Sono aperte le iscrizioni al corso di pittura metodo MARTENOT, .....
Il gruppo ametista Ringrazia l'amministrazione in quanto è stata .....
MONTECATINI
Il generale Mori racconta al Tettuccio il terrorismo

13/6/2018 - 10:04

Venerdì 15 giugno il generale Mario Mori sarà ospite del Rotary Club Pistoia-Montecatini Terme “Marino Marini” al Caffè storico delle Terme all’interno dello stabilimento Tettuccio di Montecatini Terme per presentare il suo ultimo libro “Oltre il terrorismo”.


L’ex capo del Sisde e fondatore del Ros dei carabinieri presenterà un saggio di approfondimento sul terrorismo odierno, focalizzato in particolare sulla matrice islamista del fenomeno. Il libro ripercorre infatti la genesi del fenomeno terroristico, dai “pensatori del Jihad” d’inizio Novecento fino al Califfo Abu Bakr Al Baghdadi e agli altri principali protagonisti, analizza i meccanismi all’origine della minaccia in Europa e Medio Oriente e rilegge l’evoluzione storica dei principali gruppi armati, proponendo al lettore soluzioni pratiche su come affrontare, contenere e superare d’ora in avanti questi sempre più pericolosi elementi eversivi.


L’incontro, moderato dal giornalista Mediaset Marco Baronti, avrà luogo a partire dalle ore 17:30, al termine del quale Mori risponderà alle domande e curiosità del pubblico con il consueto firmacopie.


L’ingresso è libero.

Fonte: Rotary Club
 
+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra:




17/6/2018 - 12:34

AUTORE:
Max

"La cosa imbarazzante riguarda il Rotary Club che, vista la fresca sentenza sulla trattativa Stato-mafia, poteva con buon senso annullare tale evento in attesa che la giustizia completasse il suo percorso."
Sig. Gausi, non è una questione morale, è una questione giuridica!!!
La "morale" non è fortunatamente uguale per tutti perchè condizionata da fattori sociali, religiosi, culturali, familiari, etc. che contestualizzati portano a "schierarsi" su una posizione piuttosto che un'altra. Insomma una sorta di tifo calcistico da cui è difficile uscirne indenni.
Parla di imbarazzo in un paese dove si permette ad assassini accertati alias terroristi delle BR (tra questi diversi sono stati assicurati alla Giustizia proprio dal Generale Mario Mori se non lo sapesse), di parlare, presentare libri, esternare le proprie amenità anche nelle Università e Lei ha il coraggio di definire imbarazzante una iniziativa dove si presenta un libro che parla di Terrorismo (scritto da chi è una autorità in questo campo). Questa persona è INNOCENTE fino a sentenza definitiva passata in giudicato (purtroppo Contrada docet ci dovrebbe insegnare qualcosa), non risulta aver ucciso nessuno, assolta con formula piena già due volte per vicende similari e connesse. Le ricordo che il Generale è stato collaboratore del Generale Dalla Chiesa, ha fondato i ROS ed è riuscito grazie a Magistrati avveduti a sconfiggere il Terrorismo, amico intimo (lui sicuramente a differenza di quanti oggi lo dicono e non possono provarlo) dei Giudici Falcone e Borsellino e l'elenco potrebbe essere lunghissimo... Forse io e Lei parliamo di una persona diversa perchè forse non sa che è stato proprio il Generale Mori ad arrestare il Capo dei Capi.... No, nel nostro splendido paese è molto "più figo" dare fiato a figli di mafiosi accertati, condannati per calugna caduta in prescrizione 15 gg dopo la sentenza di Palermo, alle voci di corridoio e potremo continuare oltre, invece che ad una persona che con FATTI e non parole ha contribuito alla sicurezza di noi tutti.
Caro Sig. Gausi ci sarebbe stato senz'altro stato imbarazzo se anche una libera Associazione si fosse "aggregata al pensiero comune imperante", pensiero non suffragato da fatti ma solo da discorsi, non permettendo ad una grande persona oltre che grande professionista di chiarire e informare su un fenomeno, il Terrorismo, a cui purtroppo dovremo abituarci. Un Saluto

17/6/2018 - 12:02

AUTORE:
Max

Sig. Luciano, forse non si ricorda di quello che accadeva al Tribunale di Palermo quando nel mirino dei suoi "colleghi" c'era Giovanni Falcone? Si proprio Magistrati e Politicanti da quattro soldi (si ricorda la trasmissione Samarcanda e le "uscite" del buon Leoluca Orlando?). E' a conoscenza che pochissimi giorni fa il Tribunale di Roma in sede civile ha smontato e dichiarata inesistente la suddetta trattativa? Dico solamente che la storia, spesso e volentieri è molto più semplice di quello che appare e a forza di dire che una persona è colpevole ci si crede anche se forse non è proprio così. Si ricorda quante persone hanno subito lo stesso trattamento e poi non hanno avuto nemmeno le scuse? Contrada Le dice niente? Tortora? Se vuole Le faccio un elenco....
Io francamente ho dei seri dubbi su questa indagine, purtroppo penso e sono quasi certo che la Corte di Appello di PALERMO.... avrà la stessa linea e solo la Cassazione potrà mettere la parola fine a questa farsa italiana. Saluti

15/6/2018 - 9:01

AUTORE:
Alboino Gausi

Sig. Max non c'entra niente che si possa arrivare (e non è detto!) fino in Cassazione.
Intanto c'è una sentenza di primo grado e quindi la presunzione d'innocenza viene già notevolmente intaccata perché in altri casi si sta dietro le sbarre in attesa dell'appello (se richiesto) e addirittura del 3° grado.
Comunque è vero che il generale Mori ha il diritto di andare dove vuole.
La cosa imbarazzante riguarda il Rotary Club che, vista la fresca sentenza sulla trattativa Stato-mafia, poteva con buon senso annullare tale evento in attesa che la giustizia completasse il suo percorso.

14/6/2018 - 17:33

AUTORE:
Luciano

Quindi sig. Max la trattativa stato-mafia è un'invenzione di qualche magistrato in cerca di notorietà ??? Io la storia la ricordo benissimo e purtroppo le ricordo che molti uomini delle forze dell'ordine e della magistratura sono morti a causa di altri uomini dello stato! Il Gen. Mori aspetterà il terzo grado di giudizio,e questo stato non è riuscito a proteggere il Gen. Dalla Chiesa, Giovanni Falcone, Paolo Borsellino e molti altri, ma anzi probabilmente ha congiurato contro di loro, mi aspetto di tutto.

14/6/2018 - 14:09

AUTORE:
Max

Egregio Sig. Luciano, come ha ben scritto è meglio che non dica altro. Ma fortunatamente ancora in questo paese si può scrivere e dire quello che si pensa anche quando si conosce poco l’ordinamento giuridico e soprattutto la storia di questo paese. Se questo è possibile è grazie e soprattutto a tanti servitori dello stato che con il loro lavoro e sacrificio ci hanno permesso e ci permettono di vivere in libertà. Dovrebbe rileggerai la storia e comprenderebbe che tanti servitori dello Stato sono stati uccisi fisicamente dalle Mafie o dal Terrorismo, altri sono stati uccisi socialmente proprio da quello Stato A cui hanno giurato fedeltà. Penso e sono certo che il Generale Mario Mori possa annoverarsi tra questi ultimi, ma sono sicuro che alla fine la sua tempra e la pazienza gli daranno ragione. Intanto aspettiamo perché se non lo sa, Le faccio presente che fino al terzo grado di giudizio una persona è innocente “Enzo Tortora docet”, ma forse Lei non se lo ricorda o fa finta di non ricordare quanti Tortora sono passati per le maglie della Casta

13/6/2018 - 22:51

AUTORE:
Luciano

Il 20 aprile 2018 Mario Mori è stato condannato a 12 anni di reclusione dalla Corte di Assise di Palermo, con la sentenza del processo "Trattativa Stato-Mafia".
Non dico altro.....