Skin ADV
Valdinievole OGGI
  • Cerca:
  • 20:08 - 20/8/2018
  • 1398 utenti online
  • 42276 visite ieri
  • [protetta]

Il gruppo ametista nel suo piccolo sta portando avanti questa proposta in aiuto del Commercio per i cittadini che vanno in pensione Ho già lo sono e che continuano a gestire un'attività, i contributi .....
CICLISMO

Fu un campione delle due ruote. Toscano doc, nato nella città del Giglio e dei Medici, Pietro Linari era di quelli che con la bicicletta alzavano la polvere. 

BASKET

La famiglia di Andrea Cardelli, con l'organizzazione dell'amico Matteo Zamboni, è riuscita a organizzare il 2° Torneo di Basket 3 vs 3 all'area verde attrezzata Riani, detto il "campino" anche quest'anno.

BOCCE

La Federazione ha pubblicato le regole che saranno adottate nei Campionati di Serie A e A2 a partire dal 13 ottobre 2018 data di inizio.

IPPICA

All’Ippodromo SNAI Sesana serata dedicata alla solidarieta’ per il Comune di Amandola, colpito dal terremoto nell’agosto 2016, e per l’atleta 13enne paraolimpico specialità Dressage Denis Coku. A cornice tante attivita’ collaterali per tutte le eta’, mentre in pista le Pariglie e il Trotto montato hanno dato spettacolo.

IPPICA

Un lungo giovedì per l’ippodromo Snai Sesana, iniziato la mattina alle Terme Tettuccio.

PODISMO
BASKET

Torna anche quest’anno a Ponte Buggianese il Basketball Summer festival, otto giorni di partite tra una selezione di squadre universitarie Statunitensi che disputeranno gli incontri presso il Palapertini, struttura apprezzata già negli anni scorsi dalla kermesse sportiva.

BASKET

Sarà una stagione impegnativa quella che andranno ad affrontare i ciabattini con il proprio settore giovanile. Infatti per la prima volta gli Shoemakers schiereranno una formazione in ogni campionato giovanile.

none_o

La recensione di questa settimana da parte della libreria Mondadori di Montecatini è dedicata a un libro di Rebecca West.

none_o

La mostra, dal titolo “Le carrozze a Montecatini…la tradizione continua”, è a cura di Roberto Pinochi e Bruno Fortina.

MONTAGNA PISTOIESE

L’animo nevoso che d’inverno
dipinge .....
VALDINIEVOLE STORICA
di Giovanni Torre

Altopascio, 16.000 abitanti, è da considerare parte integrante della Valdinievole.

VALDINIEVOLE STORICA
di Giovanni Torre

Ricordi dell'associazione dilettantistica calcio Montecatini.

Offresi uomo di 64 anni tuttofare , per piccoli lavori in casa, .....
Marcella Bertocci Masso fisioterapista, Insegnante Master Yoga, .....
VALDINIEVOLE
Tubone, ci siamo: lavori al via nel 2019, in due anni un impianto da 50 km per un costo di 200 milioni di euro

17/5/2018 - 20:17

È la volta buona per il tubone: l'opera, di cui si parla da anni, sarà finalmente portata a termine e consentirà lo smaltimento dei reflui civili degli undici comuni della Valdinievole. L’ha annunciato l’assessore regionale all’ambiente Federica Fratoni che, insieme ad Alessandro Mazzei dell’Autorità idrica toscana e a Giancarlo Faenzi di Acque SpA, ha incontrato in municipio a Ponte Buggianese i sindaci del territorio per informarli sullo stato di avanzamento del progetto. 

 

I lavori partiranno nel 2019 e si concluderanno due anni più tardi. L’impianto, lungo una cinquantina di chilometri, sarà diviso in due rami: il primo da Pescia a Pieve a Nievole, il secondo fino Santa Croce sull’Arno. È previsto anche un collettore che da Chiesina Uzzanese, passando per Ponte Buggianese, raggiungerà Pieve a Nievole dove si aggancerà al tubone; in questo modo, sarà definitivamente scongiurata la costruzione del nuovo depuratore ad Anchione. L’intervento prevede dieci lotti e avrà un costo complessivo di circa 200 milioni di euro, 70 dei quali per il tratto della Valdinievole.


L'opera consentirà la dismissione degli impianti attualmente attivi in Valdinievole, ormai troppo piccoli, costosi, e non più in grado di far fronte alle necessità. I reflui civili verranno depurati presso l’impianto di Santa Croce sull’Arno e le acque saranno utilizzate per la fase produttiva dalle industrie del distretto del cuoio in sostituzione di quella proveniente da falda.

 

“È un doppio beneficio ambientale – spiega Federica Fratoni – vengono risolti più problemi con un’unica soluzione. Il progetto fa parte dell’accordo di programma che nasce per dare una risposta al distretto produttivo del cuoio, uno dei più grandi della Toscana”.

 

Il tubone, inoltre, garantirà maggiori possibilità di sviluppo per le imprese del territorio, che avranno modo di allargarsi e di allacciarsi al nuovo impianto.


Il piano riguarda un territorio molto ampio: oltre alla Valdinievole, sono interessate la Valdera, la Valdelsa e il Comprensorio del cuoio. Per Alessandro Mazzei, direttore dell’Autorità idrica, è il momento della soddisfazione: “Un impegno amministrativo durato anni e terminato nel modo giusto: significa che il lavoro è stato condotto positivamente”.

 
“Vediamo compiersi un disegno strategico immaginato a lungo - commenta il vice presidente di Acque SpA, Giancarlo Faenzi – lasceremo alle nuove generazioni un sistema di depurazione al passo coi tempi. Siamo impegnati a fondo per realizzare il tubone con tempistiche certe e in piena sinergia con tutti i soggetti istituzionali coinvolti”.

 

di Giacomo Ghilardi

 
+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra:




18/5/2018 - 14:13

AUTORE:
Nicola

Questi pur di vincere fanno di tutto di più , non vogliono mollare la guida dell amministrazione comunale perché per la mentalità che hanno, Loro sono i proprietari in assoluto e nessuno ci deve mettere il naso.
Il Tesi come fa' senza lo stipendio da Sindaco che non è mica poco è....

18/5/2018 - 13:49

AUTORE:
PIPPOLO

Ma basteranno i denari oppure sarà come al solito?
Saluti

17/5/2018 - 22:49

AUTORE:
Alessandro

Questa e' la novella dello stento...ora dopo anni e anni ( il sindaco uscente per due campagne elettorali) che si sosteneva che andava fatto il depuratore in padule e solo un ramo del tubone si rendono conto che e' meglio tornare al progetto iniziale dei due rami.
Si parla che cosi' si scongiura il progetto del depuratore ma sono loro che avevano voluto e sostenuto il depuratore. In quesi anni sono stati spesi soldi dei cittadini inutilmente per non fare niente neppure i lavori promessi in padule.Ora che siamo di nuovo alle elezioni per sostenere il candidato sindaco pd tesi ripartano tutti in tromba con la promessa di risolvere il problema. Pontigiani svegliatevi e non vi fate fregare come sempre. Queste promesse sono promesse di pulcinella. Questi non sono capaci ad amministrare purtroppo.