Skin ADV
Valdinievole OGGI
  • Cerca:
  • 07:10 - 16/10/2018
  • 1867 utenti online
  • 60856 visite ieri
  • [protetta]

Cara Europa non si capisce perché Sei contraria al governo italiano eletto democraticamente dal popolo, se porta il defifit al 2, 4% quando anche la Francia a annunciato che lo porterà al 2, 8%. .....
BOCCE

Colpaccio al debutto per la Montecatini AVIS nella trasferta di Scandicci dove si impone con il punteggio di 3-0 e che oltre a  conquistare  tre punti pesanti,  hanno dato prova di un  ottima prestazioni di gioco,e  ha messo in evidenza grande compattezza di gruppo. 

BASKET

I ciabattini impegnati nel primo derby stagionale di campionato contro un Chiesina che si presenta alla sfida scottato dall’ultima bruciante sconfitta subita a Capannoli contro Valdera.

CALCIO

La Toscana inciampa col Vaud nella seconda gara del girone di qualificazione della UEFA Regions Cup complicando non di poco i piani di qualificazione alla fase finale del torneo.

VOLLEY

Sabato 13 ottobre alle 18, sul parquet del palazzetto dello sport di piazza Pertini, il Centro tecnico territoriale Monsummano inizia l'avventura nel campionato regionale di Serie D di volley. 

TIRO A SEGNO

Si è svolta presso la sezione del Tiro a Segno di Cascina (PI) la Fase Regionale del Campionato Giovanissimi, rivolta a ragazzi e ragazze nati negli anni 2007 e 2008.

BOCCE

Grande affermazioni di Matteo Franci in coppia con il giovanissimo  Niccolò Lambertini a Villafranca di Verona

Podismo
PODISMO
none_o

La recensione di questa settimana da parte della libreria Mondadori di Montecatini è dedicata a un libro di Rebecca West.

none_o

La mostra, dal titolo “Le carrozze a Montecatini…la tradizione continua”, è a cura di Roberto Pinochi e Bruno Fortina.

MONTAGNA PISTOIESE

L’animo nevoso che d’inverno
dipinge .....
VALDINIEVOLE STORICA
di Giovanni Torre

Altopascio, 16.000 abitanti, è da considerare parte integrante della Valdinievole.

VALDINIEVOLE STORICA
di Giovanni Torre

Ricordi dell'associazione dilettantistica calcio Montecatini.

Sono aperte le iscrizioni al corso di pittura metodo MARTENOT, .....
Il gruppo ametista Ringrazia l'amministrazione in quanto è stata .....
MONSUMMANO
Bocciata in consiglio cittadinanza onoraria a magistrato Di Matteo, M5S: "Motivazioni generiche e fumose"

16/5/2018 - 14:14

Il Movimento 5 Stelle interviene dopo la bocciatura in consiglio della cittadinanza onoraria al magistrato Di Matteo.


"Si è conclusa con una bocciatura la proposta per il conferimento della cittadinanza onoraria al magistrato Antonino Di Matteo (in foto) presentata dal Movimento 5 Stelle e da Monsummano Terme Bene Comune nel consiglio comunale svoltosi il 15 maggio scorso.

 

Fumata nera dunque per quel riconoscimento che i consiglieri d’opposizione avevano chiesto di conferire a favore di colui che in questi ultimi anni rappresenta il simbolo più noto della lotta contro la mafia come anche la recente sentenza sulla cosiddetta “Trattativa Stato-mafia” ha confermato.

 

Questa è la dimostrazione di quanto concretamente vengano considerati alcuni valori fondamentali che non dovrebbero essere in alcun modo condizionati da simpatie o interessi personali o di partito pur declinandoli nelle varie sensibilità.

 

Segnali divergenti si erano già registrati negli incontri avvenuti prima del consiglio tra i vari capigruppo. Il Partito Democratico aveva addirittura ritenuto, per il tramite del suo segretario nonché presidente del consiglio, di discuterlo in fondo alla lista dei punti all’ordine del giorno nella mal celata speranza che ci fossero meno persone possibili a seguire la seduta consiliare.

 

Ma nonostante ciò il consiglio comunale si è acceso proprio al momento della discussione della suddetta proposta che è stata avviata con le dichiarazioni dei proponenti sulle motivazioni oggettive della loro richiesta che però non sono state colte dai consiglieri di maggioranza. In verità la motivazione di questa bocciatura è emersa con l’intervento del sindaco Rinaldo Vanni dove sono stati criticati alcuni aspetti che a suo avviso indicavano un obiettivo meramente politico smascherando così il suo disagio in quanto la proposta era giunta dall’opposizione e in particolare dal Movimento 5 Stelle.

 

Il resto della maggioranza ha così insistito con il voler rimandare e modificare il conferimento della cittadinanza onoraria a un’istituzione anziché alla singola persona dando motivazioni generiche e fumose. Tutto questo ovviamente non solo in contrastato con le dichiarate priorità della solidarietà a magistrati del calibro di Di Matteo ma anche con quanto avvenuto finora nei numerosi Comuni che hanno già deliberato la stessa proposta e che, soprattutto, erano in quel momento governati dal Pd. Come se non bastasse si è assistito al nervoso tentativo del presidente del consiglio di bloccare la replica del consigliere Cioni mostrando ancora una volta la sua nota faziosità.


A questo punto, come ha sintetizzato il consigliere Conti alla fine del dibattito, non si può che prendere atto della linea scelta dalla maggioranza del consiglio la quale vota all’unanimità di respingere il conferimento della cittadinanza lasciando un’amara delusione a coloro che ci hanno creduto e che hanno visto sprecare un’occasione di vicinanza umana all’uomo Di Matteo e un messaggio politico e culturale contro alla comunità contro la piaga mafiosa".

Fonte: Movimento 5 Stelle
 
+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra:




17/5/2018 - 11:12

AUTORE:
Alboino Gausi

dalle dichiarazioni del Sindaco ascoltate in prima persona si evince che il motivo di questa bocciatura è sostanzialmente dovuta al fatto che la proposta sia pervenuta dalle opposizioni.
Ma forse il consigliere Conti ha toccato un ulteriore nervo scoperto quando ha citato la vicenda che ha visto la distruzione delle intercettazioni che vedevano coinvolto anche l'allora Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano che, guarda caso, era ed è del PD.

16/5/2018 - 23:07

AUTORE:
Giuseppe

..ormai si sta consumando per la nostra Amministrazione l "ultima cena".. siamo ormai alla frutta.. e spero che nel prossimo anno ci sia un netto cambiamento...

16/5/2018 - 17:14

AUTORE:
Luciano

I consiglieri di Forza Italia non potevano che lasciare l'aula.......