Skin ADV
Valdinievole OGGI
  • Cerca:
  • 07:10 - 16/10/2018
  • 1883 utenti online
  • 60856 visite ieri
  • [protetta]

Cara Europa non si capisce perché Sei contraria al governo italiano eletto democraticamente dal popolo, se porta il defifit al 2, 4% quando anche la Francia a annunciato che lo porterà al 2, 8%. .....
BOCCE

Colpaccio al debutto per la Montecatini AVIS nella trasferta di Scandicci dove si impone con il punteggio di 3-0 e che oltre a  conquistare  tre punti pesanti,  hanno dato prova di un  ottima prestazioni di gioco,e  ha messo in evidenza grande compattezza di gruppo. 

BASKET

I ciabattini impegnati nel primo derby stagionale di campionato contro un Chiesina che si presenta alla sfida scottato dall’ultima bruciante sconfitta subita a Capannoli contro Valdera.

CALCIO

La Toscana inciampa col Vaud nella seconda gara del girone di qualificazione della UEFA Regions Cup complicando non di poco i piani di qualificazione alla fase finale del torneo.

VOLLEY

Sabato 13 ottobre alle 18, sul parquet del palazzetto dello sport di piazza Pertini, il Centro tecnico territoriale Monsummano inizia l'avventura nel campionato regionale di Serie D di volley. 

TIRO A SEGNO

Si è svolta presso la sezione del Tiro a Segno di Cascina (PI) la Fase Regionale del Campionato Giovanissimi, rivolta a ragazzi e ragazze nati negli anni 2007 e 2008.

BOCCE

Grande affermazioni di Matteo Franci in coppia con il giovanissimo  Niccolò Lambertini a Villafranca di Verona

Podismo
PODISMO
none_o

La recensione di questa settimana da parte della libreria Mondadori di Montecatini è dedicata a un libro di Rebecca West.

none_o

La mostra, dal titolo “Le carrozze a Montecatini…la tradizione continua”, è a cura di Roberto Pinochi e Bruno Fortina.

MONTAGNA PISTOIESE

L’animo nevoso che d’inverno
dipinge .....
VALDINIEVOLE STORICA
di Giovanni Torre

Altopascio, 16.000 abitanti, è da considerare parte integrante della Valdinievole.

VALDINIEVOLE STORICA
di Giovanni Torre

Ricordi dell'associazione dilettantistica calcio Montecatini.

Sono aperte le iscrizioni al corso di pittura metodo MARTENOT, .....
Il gruppo ametista Ringrazia l'amministrazione in quanto è stata .....
MONSUMMANO
Il Movimento 5 Stelle propone la cittadinanza onoraria al p.m. Di Matteo. "Premiare la lotta contro la mafia"

12/5/2018 - 11:33

Movimento 5 Stelle scrive: "Con proposta presentata a fine Ottobre 2017 dai consiglieri comunali Rodolfo Cioni e Alberto Natali (Movimento 5 Stelle) e dei consiglieri Marco Conti e Alessandro Bianchini (Monsummano Bene Comune), l’amministrazione di Monsummano Terme ha istruito la pratica di conferimento della cittadinanza onoraria. L’iniziativa ha lo scopo di dare un forte segnale di vicinanza e partecipazione alla lotta all’illegalità, senza dubbio una fondamentale priorità dell’attuale amministrazione, e che si concretizzerà con la deliberazione emanata in Consiglio Comunale, la quale povrà essere, o meno, approvata. Questa convocazione arriva in un periodo di importanti risultati proprio contro la lotta alla mafia come si evince dalla storica sentenza del 20 Aprile scorso della Corte di Assise di Palermo, che condanna, dagli 8 ai 28 anni di reclusione, gli imputati coinvolti nella così detta “Trattativa Stato-Mafia” risalente agli anni 90. Ci sono voluti 5 anni di durissimo e costante lavoro coordinato dal pool di magistrati che hanno visto protagonista proprio il p.m. DI MATTEO, vittima anche di minacce di morte, secondo alcune intercettazioni, da parte del boss Totò RIINA e sotto scorta da tempo. Proprio per questa sua dedizione alla Giustizia e il suo spiccato coraggio e senso del dovere, il magistrato Nino DI MATTEO diventa un riferimento anche per i suoi collaboratori per una lotta incondizionata e senza paura contro tutto il sistema delle mafie in Italia. A dimostrazione della gratitudine e della solidarietà espressa nei suoi confronti ma simbolicamente estesa a tutti coloro che rischiano la vita per la Giustizia, sono stati già tantissimi i comuni che hanno preceduto Monsummano Terme in questa scelta. Da nord a sud del paese infatti, sono decine le cittadinanze conferite a DI MATTEO (alcuni esempi sono: Messina, Agrigento, Trani, Chieti, Modena, Bologna, Reggio Emilia, Milano, Pescara, Viterbo, Grosseto, Torino, Livorno, Roma), molto spesso votate all’unanimità a prescindere dall’orientamento politico e sociale, visto l’importantissimo e sensibile tema che ha coinvolto e condizionato l’intera Nazione. La lotta alla mafia è stata ed è ancora di fatto un priorità per l’Italia, che dopo i terribili e sanguinosi anni degli attentati e delle stragi non può limitarsi solo a ricordare i tanti Coraggiosi e le tante Vittime protagonisti di una delle pagine peggiori della nostra storia passata e presente, ma deve anchesostenere chi oggi combatte questo flagello sociale e culturale facendo sentire l’unione e la vicinanza anche attraverso questi piccoli ma forti gesti. Tutto sommato pare però che i presupposti non siano positivi poiché il Presidente del Consiglio, e segretario PD, ha imposto la discussione solo come ultimo punto della seduta consiliare, a dimostrazione della scarsa considerazione concessa alla proposta".

 
+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra:




14/5/2018 - 10:29

AUTORE:
Alboino Gausi

ma nel titolo non manca qualcuno?