Skin ADV
Valdinievole OGGI
  • Cerca:
  • 06:08 - 15/8/2020
  • [protetta]
  • [protetta]
  •  

quindi zorrino dovrei sparire, inoltre io sarei di una "specie".
Non riesci a scrivere un commento che non evidenzi la tua vera indole di intollerante e fascistoide . Insomma un bel falso comunista .....
IPPICA

Le richieste di prenotazione per accedere come spettatore sugli spalti dell’Ippodromo Snai Sesana durante il Gran Premio Città di Montecatini di Ferragosto, sono andate esaurite in pochi giorni.

IPPICA

All’Ippodromo Snai Sesana di Montecatini Terme il “must” dell’estate con la corsa delle pariglie, una prova spettacolare che è una prerogativa dell’impianto della Valdinievole e da sempre attrae la curiosità degli appassionati.

BASKET

Il Pistoia Basket 2000 è lieto di comunicare che il roster della prima squadra targata Giorgio Tesi Group in vista della prossima stagione di Serie A2 sarà completato dai giovani atleti Lorenzo Querci, Angelo Del Chiaro e Joonas Riismaa. Tutti e tre sono cresciuti nel vivaio del Pistoia Basket Academy.

IPPICA

La modalità per accedere all'ippodromo Snai Sesana nella serata di sabato 15 agosto, in occasione del Gran Premio Città di Montecatini, dovrà avvenire mediante una richiesta di prenotazione.

CALCIO

Tutto pronto in casa Montecatinimurialdo per la stagione 2020/21.

CALCIO

Altri acquisti di grande qualità in casa Bioacqua Av Le Case. arrivato  dalla Meridien il forte centrocampista Alessandro Piscitelli, classe 1987. Alessandro vanta con esperienze al Cecina 2000, Monsummano e, appunto Meridien in 1^ Categoria porterà classe ed esperienza nel centrocampo della Bioacqua.

IPPICA

All’Ippodromo Snai Sesana di Montecatini Terme è iniziata la settimana più calda della stagione del trotto nazionale.

IPPICA

Grande attesa per la notturna di sabato 15 agosto all’Ippodromo Snai Sesana di Montecatini Terme con la 68^ edizione del Gran Premio Città di Montecatini.

none_o

La recensione di questa settimana della libreria Mondadori di Montecatini è dedicata a un libro di Erin Morgenstern.

none_o

Il libro racconta l’esperienza di Vicofaro.

Oggi è un giorno d’agosto.
Alla buon’ora della mattina
siamo .....
FILATELIA
di Giancarlo Fioretti

Tutto cominciò con il manuale "La scienza in cucina e l'arte del mangiar bene".

VALDINIEVOLE STORICA
di Giancarlo Fioretti

Scorza ebbe strettissimi legami con la Valdinievole e con Montecatini in particolare.

Smarrita chiavetta usb marca Lexar bianca con tappo arancione. .....
cerco qualsiasi mansione x impegno mia giornata sono dinamico .....
MONTECATINI
Un'altra vasta operazione contro lo spaccio: 10 arresti di pusher italiani, tunisini, nigeriani e albanesi

17/4/2018 - 14:43

Si è conclusa con dieci arresti per spaccio di stupefacenti l’operazione “Hashiri 2”, portata avanti dai carabinieri di Montecatini Terme; altri tre destinatari del provvedimento cautelare sono, invece, ancora ricercati. Il blitz delle forze dell’ordine è partito alle prime luci dell’alba di lunedì ed è proseguito fino a tarda sera. I fermati sono di nazionalità nigeriana, marocchina, albanese e italiana. Le indagini hanno accertato che i malviventi, sebbene fossero domiciliati anche in altre province, agivano prevalentemente a Montecatini Terme e in particolare nei pressi delle stazioni ferroviarie, nella zona di via Marruota e del parco di via Cividale. 

“Non vi era una vera e propria spartizione del territorio – ha spiegato il comandante Enrico Vellucci – anche se il parco Cividale e via Marruota erano le zone dove operavano maggiormente i gruppi di albanesi e marocchini; via Lucchese, vicino al supermercato Esselunga, era presidiata dai nigeriani, mentre gli spacciatori italiani agivano alla stazione di piazza Italia e nell’area del Sert”.

L’attività investigativa ha accertato almeno cinquecento passaggi di dosi fra spacciatori e acquirenti, ha consentito di sequestrare 6.500 € e alcuni grammi di sostanze stupefacenti, in particolare cocaina ed eroina. È stata individuata, inoltre, un’abitazione di via Mascagni utilizzata per il confezionamento delle dosi. L’eroina veniva nascosta all’interno di piccole capsule che gli spacciatori facevano ingoiare ai clienti nel tentativo di sfuggire ai controlli.

La collaborazione e le segnalazioni dei cittadini sono stati fondamentali per giungere alla conclusione delle indagini, così come i pedinamenti e le intercettazioni telefoniche. Nel 2016 il lavoro dei carabinieri di Montecatini Terme aveva portato all’arresto per spaccio di altre tredici persone. “Un'operazione decisiva per individuare i soggetti fermati ieri, che si erano sostituiti a quelli precedentemente arrestati", ha concluso il comandante Vellucci.

 

di Giacomo Ghilardi

 

(nell'allegato Pdf qua sotto il comunicato stampa integrale dei carabinieri)



 
+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra:




17/4/2018 - 19:53

AUTORE:
Maurizio

Lo spaccio a Montecatini c'è sempre stato però mi chiedo ma il dott. Sindaco e l ex onorevole vivono in città o da qualche altra parte? Non vedono che schifo di gente c'è in giro?? Ho vissuto qualche anno in centro e mi ricordo che la sera specialmente d inverno bisognava guardarsi le spalle neanche fossi in una banlieue parigina. Se ci siete battete un colpo..

17/4/2018 - 15:47

AUTORE:
roberto ferroni

Troppo facile, ed inutile, lasciarsi andare al filone xenofobo. Anche perché se di xenofobia si deve parlare bisogna vedere chi è che disprezza usi e costumi di un popolo per imporne di propri. Certo che ci sono moltitudini di cittadini stranieri integrati. L'altro giorno una signora di provenienza dall'Africa nera si è alzata dal suo posto per permettere a mia moglie e me di sedere accanto e non su posti intervallati da altri. Ma certo, questa manovalanza spacciatrice non ha ragione di essere qui, di operare fra noi, d'imporre il proprio costume criminale quasi che noi indigeni dovessimo accettare supinamente. E se simili delinquenti di nazionalità italiana non si può fare altro che rinchiuderli nelle patrie galere, questi dovrebbero essere almeno espulsi dall'Italia, a prescindere da quanto tempo sono qui residenti, a prescindere da permessi vari che, in funzione delle violazioni delle leggi e del danno che recano a terzi dovrebbero essere immediatamente revocati. No al razzismo, sempre e comunque, ma non facciamoci pecoroni e lasciare che altri lo esercitino su di noi.