Skin ADV
Valdinievole OGGI
  • Cerca:
  • 00:10 - 03/10/2022
  • [protetta]
  • [protetta]
  •  

Quando in una famiglia monoreddito con mutuo da pagare, arrivano bollette per 400 euro e l infrazione sommata alla speculazione , riduce lo stipendio del 15% , quanti mesi si può reggere ?

Fra quanti .....
RALLY

La bandiera a scacchi del 43° Rally Città di Pistoia ha sventolato nel pomeriggio odierno di nuovo in centro città e lo ha fatto insieme a quella del Cile. 

PODISMO

Domenica 9 ottobre nella frazione di Ramini nel comune di Pistoia si corre la quarantunesima edizione <<ATTRAVERSO IL VERDE DEI VIVAI PISTOIESI>>sulla distanza di km 12 per i competitivi e di km 4 e 12 per i partecipanti alla ludico motoria interamente pianeggiante attraverso i vivai della zona.

BASKET

Inizia il primo storico campionato di Serie C per la Gioielleria Mancini che nel debutto stagionale affronta il Progetto Pallacanestro Prato, anch’esso neopromosso

CALCIO

Domenica alle ore 15:30 lo stadio "Idilio Cei" ospiterà la seconda gara del Campionato di Promozione  tra i viola e i rossoblu pratesi, guidati in panchina dal giovane mister Federico Montagnolo.

BASKET

Tutto pronto in casa Gema per il debutto nel campionato di serie B 2022/23, dopo quaranta giorni di precampionato intenso, condito da molte amichevoli e allenamenti di grande intensità.

BASKET

Mtvb Herons Basket è lieta di poter annunciare di aver tesserato il giocatore Emmanuel Adeola, ala di 2 metri, nigeriano di formazione italiana.

SCHERMA

Inizia nel migliore dei modi la stagione per la Scherma Pistoia 1894 e non solo per i risultati.

TIRO A SEGNO

Il Tiro a segno di Pescia, si era presentato ai campionati nazionali con tanta voglia di vincere e, moltissimi erano i presupposti per affermarsi in tal senso, ma forse  è stata questo premessa che ha, come dire, allentato le principali motivazioni.

none_o

Lo Spazio Pistoia (via Curtatone e Montanara 20/22), Federico Bria inaugura la mostra Detriti.

none_o

Il nuovo e intrigante libro, A ciascuno la sua prigione, è stato pubblicato dalle edizioni Porto Seguro di Firenze.

Per te, che sei per me una fiammella,
che generasti il figlio .....
IL SEGNO DEL MESE
di Sissy Raffaelli

Bilancia: 23 settembre al 22 ottobre.

IL MONDO IN TAVOLA
di Sissy Raffaelli

Oggi rivisiteremo una squisitezza romana utilizzando una pasta fantasiosa.

E'stato scritto e pubblicato un libro sulla presenza del grande .....
cerco bilocale affitto 300 o 350 euro zona Pescia, grazie arredato. .....
VALDINIEVOLE
Oggi la giornata contro la violenza sulle donne: in 9 mesi 54 accessi in codice rosa al pronto soccorso di Pescia

24/11/2017 - 22:42

Nella giornata internazionale contro la violenza sulle donne l’azienda sanitaria locale e la Società della salute della Valdinievole ricordano che nel nostro territorio ogni donna vittima di violenza può trovare accoglienza, riconoscimento, ascolto e sostegno.


Grazie alla creazione di una rete fra Asl, Società della salute, istituzioni, forze dell’ordine e associazioni, oggi anche la zona Valdinievole, che fa parte della rete del Codice rosa regionale, garantisce azioni e servizi integrati mirati alla prevenzione e al contrasto alla violenza di genere. Una donna vittima di violenza può rivolgersi, oltre che alle forze dell’ordine, all’Asl, ai consultori territoriali, al Centro antiviolenza Liberetutte di Montecatini, agli assistenti sociali del territorio presenti nei centri socio-sanitari di Pescia, Montecatini e Monsummano.


In particolare, le donne vittime di violenza che entrano in ospedale, possono contare su un team specializzato e appositamente formato: praticamente tutti i medici e gli infermieri, in particolare nei pronti soccorsi, sono in grado di attivare il percorso del “codice rosa”.


La Regione, recentemente, ha promosso una riorganizzazione della retee codice rosa individuando un coordinatore aziendale (la dottoressa Valeria Dubini, per quanto riguarda la Ausl Tc) a cui afferiscono le varie figure professionali e istituzionali di ogni territorio. È stato nominato anche un referente territoriale aziendale (Isabella Lapi), con il compito di coordinare i team multidisciplinari in raccordo con le zone.


Dall’inizio dell’anno fino al mese di settembre sono stati 54 gli accessi al pronto soccorso di Pescia in “Codice Rosa”, mentre in tutto il 2016 sono stati 88. La maggior parte degli accessi sono avvenuti a causa di maltrattamenti, ma ci sono anche casi di abusi e di stalking.


“Questi dati – afferma il Direttore della Sds della Valdinieole Claudio Bartolini – sono certamente preoccupanti, ma è anche vero che oggi, rispetto al passato, sono di più le donne che hanno il coraggio di denunciare. Questo perché da una parte c’è la consapevolezza della presenza sul territorio di istituzioni in grado di intervenire, dall’altra c’è una maggior capacità da parte degli operatori di leggere correttamente alcuni segnali”.


Dal 2014, con la firma dell’intesa territoriale su strategie di prevenzione e contrasto alla violenza di genere, le donne che nel territorio della Valdinievole sono vittime di violenza possono contare su una rete di soggetti che insieme collaborano per dare un aiuto immediato, protratto nel tempo e soprattutto efficace. Nello scopo di sconfiggere e prevenire la violenza di genere, quel protocollo riunisce tutta una serie di soggetti che a vario titolo sono coinvolti in caso di abusi e violenze sulle donne: forze dell’ordine, tribunale, procura, questura, azienda sanitaria, Società della salute della Valdinievole, tutti i Comuni della Valdinievole, Provincia di Pistoia, ufficio scolastico provinciale, associazione 365 giorni al femminile, Cam (Centro ascolto uomini maltrattati) e tutte le sigle sindacali.


“È grazie all’importante collaborazione che si è istaurata nel territorio con tutti i soggetti coinvolti - afferma il presidente della Sds Pier Luigi Galligani - che oggi siamo capaci di intercettare situazioni di abuso e allontanare immediatamente una donna, insieme ai figli, da un ambiente familiare violento”.


Il protocollo adottato prevede che una volta partita la segnalazione, che spesso viene dalle forze dell’ordine o all’interno dell’ospedale per un accesso al Pronto Soccorso, la donna venga allontanata dalla situazione di violenza e accolta all’interno di uno dei rifugi protetti gestiti dall’associazione 365 giorni al femminile, o in una delle strutture del Ceis, dove da tempo è stato attivato il progetto “Amami” (Accoglienza madri e minori), realizzato dalla Sds della Valdinievole per assistere in un luogo protetto donne con bambini piccoli che si trovano in una grave situazione di emergenza (per la mancanza di un'abitazione, per le violenze subite, per la perdita del lavoro).

“Insieme all’inserimento all’interno dell’ambiente protetto – spiega il direttore Bartolini – per la donna viene garantita l’attivazione di un percorso psicologico che possa sostenerla e aiutarla a superare le violenze subite e ad acquistare una propria autonomia. La Sds ovviamente si prende cura anche dei figli delle donne vittime di violenza, per i quali vengono attivati percorsi di assistenza psicologica ad hoc. Venir fuori da situazioni di violenza fisica e psicologica, che a volte si protraggono per anni, non è semplice, ma gli strumenti per farlo ci sono e chi è vittima non deve aver paura di chiederci aiuto”.

Fonte: Società della Salute
 
+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra: