Skin ADV
Valdinievole OGGI
  • Cerca:
  • 10:07 - 25/7/2017
  • 439 utenti online
  • 24254 visite ieri
  • [protetta]

Buongiorno, volevo, per una volta poter dare una testimonianza di BUONA SANITA'.
Nel mese di maggio, mi sono recata all'Ospedale San Jacopo di Pistoia per un intervento programmato. Sono stata ricoverata .....
BOCCE

Domenica 23 luglio ulteriore bella edizione della 57° edizione della Coppa Parodi.

IPPICA

All’Ippodromo Snai Sesana occhi puntati sul trotto montato in programma alla 4^ corsa, come Premio Centro ippico Corte degli Angeli, che conferma quanto sia strepitoso l’anno per la brava Rebecca Dami.

NUOTO

L'associazione sportiva Nuoto Valdinievole si è fatta onore al campionato regionale estivo di categoria, massima rassegna toscana che chiudeva la stagione 2016/2017 a livello regionale alla quale hanno preso parte 38 società.

CALCIO SERIE D MONTECATINI
CICLISMO

Due appuntamenti attendono le portacolori del team Giusfredi Bianchi per il prossimo fine settimana.

Podismo
CALCIO SERIE D MONTECATINI
Podismo
none_o

La recensione di questa settimana da parte della libreria Mondadori di Montecatini è dedicata al libro vincitore del Premio Strega.

none_o

Anche per questo anno Massa e Cozzile ospiterà la seconda edizione di “Arte a Massa e Cozzile”.

Comunque

Chissà se saprò
trovare le note
poste nell'ombra .....
PERSONAGGI DELLA VALDINIEVOLE
di Giovanni Torre

Sirio, classe 1932, nasce in via del Cassero a Montecatini.

VALDINIEVOLE STORICA
di Giovanni Torre

Ivo nacque a Monsummano Terme, allora provincia di Lucca.

Marcella Bertocci Masso fisioterapista, Insegnante Master Yoga, .....
Sono aperte le iscrizioni a 15 giovani per il corso gratuito .....
PERSONAGGI DELLA VALDINIEVOLE
di Giovanni Torre
La storia di Castruccio Castracani, il più grande condottiero lucchese

9/7/2017 - 12:15

Qualche tempo fa domandai a un mio amico lucchese il suo pensiero sul celebre personaggio Castruccio Castracani. Mi rispose che, a suo modo di leggere la storia, costui fu un bandito che operava nel proprio interesse, come dire un disonore per Lucca. Di tutt’altro avviso lo storico fiorentino Niccolò Machiavelli, nato 188 anni dopo Castruccio il quale, a suo giudizio, fu un illustre condottiero paragonabile a Filippo di Macedonia o, se preferite, a Scipione di Roma ed ancora migliore di questi se avesse avuto come patria la Macedonia o Roma al posto di Lucca.


Come nascita, sempre il Machiavelli ci informa che Dianora, sorella del canonico di San Michele Antonio Castracani, trovò nell’orto questo neonato coperto con dei pampini di vite e lasciato in quel luogo da una persona anonima. I due decisero di allevarlo come un figlio sperando di farne un prelato, ma questa ipotesi fu abbandonata perche Castruccio era attratto dal maneggio delle armi. I Castracani, di parte ghibellina, furono cacciati nel 1300 quando Lucca era nelle mani dei guelfi neri comandati da Bonturo Dati. Come esule si trasferì a Pisa e quindi in Inghilterra dove uccise un uomo in un duello d’onore, seguì la relativa fuga in Francia, Verona e Venezia successivamente entrò a far parte delle truppe di Uguccione della Faggiuola, signore di Arezzo e Pisa.


A questo punto iniziò la sua ascesa inarrestabile anti fiorentina, nel 1315 nella battaglia di Montecatini e nel 1325 in quella di Altopascio, ottenne due vittorie strepitose in quanto l’avversario aveva dei numeri superiori nei riguardi della coalizione ghibellina lucchese. Ad Altopascio dette spettacolo scegliendo il momento giusto per attaccare il potente esercito guelfo capitanato da Cardona. I suoi alleati furono i Bonacolsi signori di Mantova, Cangrande Della Scala signore di Verona, Azzo Visconti e i suoi cavalieri di Milano e i bravissimi dragoni aretini del vescovo Tarlati determinanti ,come i milanesi, nell’esito della battaglia vinta sui mercenari fiorentini composto da 15.000 fanti e 2.500 cavalieri. Dopo la vittoria ad Altopascio, Castruccio inseguì i fiorentini fino a Peretola con l’idea di stanare gli abitanti fermando il corso dell’Arno a Lastra a Signa, operazione sconsigliata dal vescovo di Arezzo Tarlati in quanto Firenze era una città importante con circa 100.000 abitanti.

 

Castruccio morì a 47 anni nel 1328, decesso causato da una grave e repentina malattia contratta nella riconquista di Pistoia, l’altra ipotesi sarebbe quella dell’avvelenamento. La sua morte pose fine al dualismo con Lucca riportando la grande Firenze al ruolo di città egemone in Toscana, il duca di Lucca fu l’unico condottiero ad avere riportato i fiorentini a più miti consigli riuscendo dove Arezzo-Siena e Pisa, in tempi diversi, saranno meno fortunati. Concludendo, devo sottolineare all’amico lucchese che lo definì un bandito, che Castruccio è stato il personaggio più importante di Lucca, città che si è limitata a intitolargli un viale cittadino mentre, a mio giudizio, avrebbe meritato molto di più, probabilmente l’intera cinta muraria cittadina di Km.4,233. Niccolò Machiavelli docet!

di Giovanni Torre

 
+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra:




11/7/2017 - 16:40

AUTORE:
Giovanni Torre

Veda Sig.Ferroni i tempi non sono cambiati del tutto,i soldati di oggi fedeli ad una patria li hanno poche nazioni e i" mestieranti",sempre di oggi, li ritroviamo ai posti di comando dell'umanità.
Anche la cartellonistica che conduce alla Pievaccia di Serra Pistoiese,a cura pro loco di Marliana,lo definisce come il mio amico di Lucca tralasciando che la causa dell'assedio fu preceduto dalla morte di due ghibellini al soldo lucchese con relativa vendetta del grande condottiero.
Castruccio si può definire come si vuole ma resta comunque uno con gli attributi regolamentari per i tempi in cui ha vissuto,l'unico che mise la museruola agli altri banditi fiorentini.
La saluto.

10/7/2017 - 20:33

AUTORE:
Roberto Ferroni

Caro Torre, come non dar torto al suo amico lucchese. E non perché il Castruccio le suonò di santa ragione alla mia amata Firenze ma perché a quei tempi di soldati fedeli ad una Patria, comunque intesa, non ce ne erano. Oltretutto, le usanze del tempo permettevano, oltre il mercenarismo, il saccheggio come parziale o totale compenso per i servigi militari resi. Sarà stato anche un fine stratega ma l'essenza é e rimane per lui e con lui tutti quelli del medioevo che facessero lo stesso "mestiere" che i risvolti di convenienza personale, e da qui al banditismo il passo è molto corto, erano predominanti. Mi lasci aggiungere che é sempre un gran piacere leggerLa.