Skin ADV
Valdinievole OGGI
  • Cerca:
  • 19:04 - 18/4/2021
  • [protetta]
  • [protetta]
  •  

Italia Viva dà il via alla sua 'offensiva di primavera', indicando ai cittadini della provincia di Pistoia i referenti di zona del Partito. I co-cordinatori provinciali Lisa Innocenti ed Enrico Dami, .....
CALCIO

Questa sera alle 20,30 allo stadio Piola di Novara, la Pistoiese cercherà di dare continuità alla sua recente striscia positiva di risultati.

BASKET

Poca storia al Pala Pertini di Ponte Buggianese dove la GTG Nico Basket è riuscita a costruire un cospicuo vantaggio già dalle prime battute. Un vantaggio che poi è diventato larghissimo nel secondo tempo, con sei giocatrici in doppia cifra, fino al 86-56 conclusivo

BASKET

Dopo l’amara trasferta di Cagliari, c’è grande desiderio di rivincita in casa Nico Basket, targata Giorgio Tesi Group, che nel fine settimana incontrerà un’altra formazione affamata di punti determinanti in chiave salvezza.

HOCKEY

Sarà una partita di vertice tra sardi e toscani che attualmente occupano il primo e secondo posto nel girone, una gara difficile per gli arancioni che troveranno un Cus Cagliari in piena forma dopo aver strapazzato Brescia in trasferta e motivatissimo a tenersi la prima posizione.

RALLY

L’Automobile Club Pistoia torna a proporre l’iniziativa, dedicata ai propri licenziati sportivi, del campionato provinciale Aci Pistoia – “Memorial Roberto Misseri”, riservato ai soci titolari di licenza Aci Sport.

CICLISMO

La Vini Zabu' ha annunciato ufficialmente la sua rinuncia alla partecipazione al prossimo Giro d'Italia.

CALCIO

Il 13 aprile scorso Romolo Tuci ha spento 90 candeline. Per i più giovani, questo nome dal sapore arcaico forse non significa nulla. I più attempati, invece, lo ricordano con affetto, magari col soprannome di ‘Cagnolo’.

RALLY

Nuovo impegno per Pavel group, nel fine settimana che sta arrivando, al 54° Rallye Elba, prima prova del Campionato Italiano Wrc.

none_o

Consigli di lettura di Valentina.

none_o

La recensione di questa settimana da parte della libraria Mondadori di Montecatini è dedicata a un libro candidato al Premio Strega.

Palle ferme e nervi saldi
o si diventa tutti matti,
e alla .....
VALDINIEVOLE STORICA
di Giancarlo Fioretti

La parabola umana e artistica di Leda Rafanelli abbraccia tutto il Novecento.

VALDINIEVOLE STORICA
di Giulio Cozzani

Storia e curiosità del comune di Buggiano.

Vendo terreno edificabile Massa e Cozzile grande circa 10 000m2 .....
SCUOLA di BALLO e DANZA ACCADEMICA MARGINE COPERTA

asd " ENERGY .....
CASTELLA DELLA VALDINIEVOLE
di Giovanni Torre
La storia di Uzzano e del suo borgo, dall'anno 1000 ai tempi più recenti

28/5/2017 - 14:45

La storia di Uzzano iniziò nel periodo longobardo, popolazione germanica che migrò verso l’Italia tra il II e il VI secolo. Il nome di Uzzano è probabilmente di origine romana e significa Audianus in riferimento ad un podere donato ad un militare non più in servizio.


I primi documenti che riguardano Uzzano sono datati intorno all’anno 1000. La proprietà era di una famiglia lucchese, di stirpe longobarda, i signori di Uzzano e di Montichiari e Vivinaia, entrambe sul colle di Montecarlo.


Nel 1202 il comune ottenne una sua autonomia pur restando sempre sotto la giurisdizione lucchese fino al XIV secolo quando Firenze si sostituì a Lucca nel dominio dei comuni della Valdinievole.


Questa sudditanza durò per secoli fino al 1847 quando Uzzano ritornò con i lucchesi perché il Ducato di Lucca fu incorporato dal Granducato di Toscana trasformandosi in compartimento poi divenuto provincia con l’unità d’Italia.


La valdinievole,escluso le fiorentine Larciano e Lamporecchio, è stata in provincia di Lucca per 67 anni dal 1861 al 1928 ,anno in cui passò alla neonata provincia di Pistoia.


Nel 1963 Chiesina Uzzanese chiese ed ottenne l’autonomia riducendo il comune di Uzzano sia nel numero degli abitanti che nella superficie, 7.8 Km quadrati contro i 7.2 di Chiesina Uzzanese.


Pur nelle sue ridotte dimensioni comunali, Uzzano ha comunque diverse interessanti testimonianze artistiche a cominciare dalla chiesa dei Santi Jacopo e Martino (XII-XIII secolo) con un’acquasantiera romanica, un fonte battesimale in marmo ( XVI secolo), una statua rinascimentale di S.Antonio Abate attribuita a Giovanni della Robbia, un pulpito in legno (XVI secolo) della scuola di Bartolomeo Ammannati, per finire un ciclo di affreschi di scuola fiorentina ed uno del (XV secolo) attribuito al quotato pittore fiorentino Neri di Bicci.

di Giovanni Torre

 
+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra: