Skin ADV
Valdinievole OGGI
  • Cerca:
  • 23:06 - 03/6/2020
  • [protetta]
  • [protetta]
  •  

È vero bibbi sono poverino , ma non mi devi abbandonare per questo.
Ci provo a far ridere ma non riesco mai ad eguarglirti. Tu sei irraggiungibile bibbi. Tu sei il mio punto di riferimento, il mio .....
CALCIO

La società Larcianese comunica di aver raggiunto l’accordo con il l’allenatore che guiderà la squadra nella prossima stagione sportiva.

RALLY

Motori accesi al 1° Virtual Rally Valdinievole e Montalbano. Dal 1° giugno e per tutta la settimana, le strade della provincia di Pistoia saranno proiettate in un confronto che ha richiamato un plateau di partecipanti di assoluto livello. 

BASKET

La prima novità in casa Nico è la collaborazione con l’Associazione “Anna Maria Marino”, avvenuta già a fine della scorsa stagione grazie alla Dottoressa Jacqueline Magi che ne è Presidente Onorario. 

RALLY

Sull’onda dell’entusiasmo riscontrato dal primo approccio “virtuale” di molte delle realtà motoristiche più importanti a livello nazionale, le scuderie Jolly Racing Team e Art Motorsport 2.0 hanno deciso di organizzare il 1° Virtual Rally della Valdinievole e del Montalbano.

BASKET

Scegli il rossoblu di sempre. Quanto sei attaccato ai colori rossoblu? Chi è il giocatore che ti ha fatto sognare? È arrivato il momento di eleggere il giocatore rossoblu italiano di sempre.

CICLISMO

Dieci candeline, oltre 30 000 euro donati in beneficenza e tante soddisfazioni e emozioni. Parliamo dell’Avis Bike Pistoia, società ciclistica amatoriale e organizzatrice della Gran Fondo Edita Pucinskaite.

RALLY

Jolly Racing Team e Laserprom 015 annunciano che il 36° Rally della Valdinievole, anticipato al 2 e 3 maggio dalla data di origine di una settimana dopo nel calendario sportivo, viene rinviato a data da destinarsi.

BASKET

Pur essendo nell’aria ormai da settimane, la notizia della chiusura anticipata dei campionati è stata una bella botta su un duplice piano: sanitario, poiché ha denotato che la situazione sanitaria anziché migliorare stava peggiorando.

none_o

La recensione della settimana da parte della libreria Mondadori è dedicata a un libro di Matteo Bussola.

none_o

Copit ha presentato, presso la sua sede di Pistoia, il volume “Archivio storico della Ferrovia Alto Pistoiese - Appendice”.

Oggi il popolo decide
col suffragio universale
quale sia la .....
FILATELIA
di Giancarlo Fioretti

Il valore filatelico sarà presentato il 24 maggio.

VALDINIEVOLE STORICA
di Giovanni Torre

Tutto ebbe inizio il 10 aprile 1912 con la partenza del Titanic dal porto di Southampton.

Smarrita chiavetta usb marca Lexar bianca con tappo arancione. .....
cerco qualsiasi mansione x impegno mia giornata sono dinamico .....
RICORDI DI VALDINIEVOLE
di Giovanni Torre
Storia, vita, vite e ricordi di via del Salsero a Montecatini

12/3/2017 - 13:50

Per i montecatinesi tutto quello che è sotto la ferrovia viene definito facente parte della zona Sud, termine troppo dispersivo in quanto ci sono notevoli differenze tra le zone veramente al Sud: Biscolla e Gallo, e quelle a ridosso della linea ferroviaria.


Detto questo voglio raccontare, in breve, come era la vita ed i personaggi della parte terminale di via del Salsero negli anni 50'. Qui si trovava il casello di entrata-uscita dell’unica corsia dell’autostrada A11 FI-Mare: code spaventose quando terminavano le corse serali al Sesana.

 

A poca distanza avevamo il biscottificio Cellini che dava lavoro a tanti pasticceri, c’era la Trattoria Ferroni gestita dai fratelli Ferrino e Bruno accaniti scommettitori sulle probabili possibilità del piccione di non farsi impallinare nell’adiacente Tiro a Volo. Bruno era un reduce della guerra in Grecia e, quando acquistò una fiammante 500 verdolina, mi convinse ad una gita a Montevettolini dove arrivammo con fatica perché l’auto puzzava da tutte le parti: morale aveva lasciato il freno a mano tirato da Montecatini.


Continuando in via del Gallo, una ”redola” sterrata poi divenuta la vera circonvallazione cittadina, fu aperto, nel 1950, un pastificio denominato ”Pastificio di Montecatini”, voluto dall’imprenditore livornese Renzo Castiglioli con una quarantina di lavoratori, non pochi per quei tempi. Ricordo che al consueto pranzo, in fabbrica, in occasione della ricorrenza della patrona dei pastai S.Caterina da Siena, abbiamo avuto l’onore di essere serviti da un giovane cameriere chiamato Sirio Maccioni... il seguito lo conoscete tutti.


Ritornando in via del Salsero, come non ricordare la latteria Dal Poggetto dove, nel campo accanto, si svolgevano le partite tra i ragazzi di Via del Salsero contro quelli di via Marruota. Centravanti nostrano Dino Di Vita, poi il Molino Cecchi e, nelle adiacenze, la cartotecnica Kartos dei Pancioli, undustria a livello nazionale con tanti, tanti, dipendenti.


Oggi tutte queste attività sono sparite e sostituite dalle richieste del mondo moderno, vedi Bingo in via del Gallo o varie pizzerie in via del Salsero. Rimane comunque il ricordo indelebile di quei tempi e dei vari personaggi “bagnaioli” che si dettero da fare per ricostruire l’Italia del dopoguerra.

 di Giovanni Torre

 
+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra:




13/3/2017 - 14:47

AUTORE:
roberto ferroni

Da immigrato "extra comunitario", visto che vengo addirittura da fuori provincia e non solo Comune, é un piacere leggere ricordi che, spesso, cadono nel dimenticatoio, come se non facessero parte della vita della comunità. Vorrei controllare un'informazione pervenutami da altri "vecchi" valdinievolini, e cioè che via del Salsero in effetti era sulle due sponde, appunto del torrente Salsero, ora coperto.
Il passato, bello o brutto che sia stato, serve a costruire una parte del presente, con le esperienze e le memorie. Basta saper prendere il meglio ed evitare il ripetersi del peggio.

12/3/2017 - 22:49

AUTORE:
Giovanni Torre

Caro Sig.Alfeno, la ringrazio per le parole di gradimento precisando che non ho 90 anni ma qualcosa di meno essendo nato nel 1940.

Io ho scritto di una Montecatini di periferia degli anni 1950-60 ,di una Montecatini dove ci si voleva più bene.di una Montecatini che viveva di turismo ed era il luogo di riferimento di tutta la valdinievole.

Mi auguro di esserci ancora nel 2030,a 90 anni,per poter scambiare con lei i ricordi sulla vita e personaggi del mondo attuale,lontano anni luce dal periodo da me descritto.

Cordialmente.

12/3/2017 - 15:08

AUTORE:
Alfeno Biondi

Ciò che Lei riporta alla nostra attenzione non ha il sapore della nostalgia, che in ogni caso non è cosa deleteria ma una condizione dell’animo, ma sono i ricordi del nostro, potremmo dire, “Piccolo mondo antico” di cui anche io, seppure presumo con alcuni anni di meno, ho fatto parte.
Fare rivivere storie, personaggi e luoghi è cosa buona, e conoscere il percorso fatto fin qui attraverso le esperienze vissute può esserci utile a capire quale strada sarebbe meglio imboccare da ora in avanti.
Attraverso la sua narrazione mi parrebbe di intuire che la sua età si aggirasse attorno ai 90 anni, e quindi complimenti per la sua memoria, lucidità e voglia di raccontare.
Io ne avrei una ventina di meno e i miei ricordi datano a partire dal 1958, anno in cui la mia famiglia si trasferì dal Colle di Buggiano a Montecatini in Via della Vigna, oggi Via Castellacci, in una casa a ridosso dei binari che oggi non c’è più.
Sono stato dunque, anche rifacendomi al suo racconto, un ragazzo di frontiera fra il nord e il sud di Montecatini e fra la vita di città e quella di campagna.
In Via Castellacci a parte gli edifici, c’era una fabbrica di cartone oggi sostituita da edifici abitativi, non è cambiato poi molto. Ora come allora la strada va a sbattere contro il muro che la separa dalla ferrovia e, nel suo tratto ovest, contro la rete del palazzetto dove un tempo c’era il campo di calcio.
Dunque ci sono cose che il tempo ha migliorato ed altre che il tempo ha lasciato irrisolte.
Comunque grazie Sig. Giovanni per il suo contributo di memoria che è sempre prezioso.
Cordialmente
Alfeno Biondi