Skin ADV
Valdinievole OGGI
  • Cerca:
  • 13:06 - 28/6/2022
  • [protetta]
  • [protetta]
  •  

Della brava gente del dopoguerra ?
A partire da Giuliano , Finocchiaro Aprile Portella delle Ginestre , i profughi giuliani tenuti come bestie ?
E poi i bimbi con gli zoccoli perche, :' i bravi proprietari .....
TIRO CON L'ARCO

Grande successo organizzativo con un'affluenza raddoppiata rispetto all'edizione 2021, infatti sono stati 250 gli arcieri in gara provenienti da tutta Italia in rappresentanza di oltre 100 società sportive.

BASKET

Il Pistoia Basket 2000 è lieto di comunicare di aver prolungato l’accordo in essere con l’atleta Carl Anton Delroy Wheatle.

CALCIO

Da sempre gli amici di Fabrizio Giovannini ne festeggiano il compleanno nella splendida location della Fattoria il Poggio di Montecarlo.

RALLY

Anche a Reggello, nel Valdarno Fiorentino, AutoSole 2.0 ha trovato soddisfazione, proseguendo la striscia positiva di risultati con Nicola Fiore e Alessio Natalini, che con la Skoda Fabia R5 hanno finito al quinto posto assoluto.

BOCCE

Nel Campionato di promozione categoria A bella vittoria della compagine biancoceleste in riva al Trasimeno, in una giornata torrida dove l’aria era irrespirabile, i ragazzi del Presidente Moreno Zinanni dopo un inizio claudicante del Torneo sembrano aver trovato la quadratura del cerchio gioco di pregevole livello e la conquista del secondo posto in classifica.

BASKET

Il Pistoia Basket 2000 è lieto di comunicare di aver prolungato l’accordo in essere con l’atleta Daniele Magro.

TIRO CON L'ARCO

Il 25 e 26 giugno la Asd Arcieri del Micco organizzerà a Pistoia l'edizione 2022 della Coppa Italia Master Fitarco di tiro con l'arco presso lo stadio comunale.

TIRO A SEGNO

Al poligono di Tiro a segno nazionale sezione di Lucca nei due week end centrali del mese di giugno è andato in scena il Campionato regionale federale.

none_o

Mostra fotografica “Clues of enchant” della molisana Giovanna Di Lauro.

none_o

Costellazione: 5 passi tra creazione e memoria: dieci opere-faro del maestro.

Per te, che sei per me una fiammella,
che generasti il figlio .....
IL SEGNO DEL MESE
di Sissy Raffaelli

Il segno del solstizio d'estate.

IL MONDO IN TAVOLA
di Sissy Raffaelli

Arrosto capriccioso di tacchino

E'stato scritto e pubblicato un libro sulla presenza del grande .....
cerco bilocale affitto 300 o 350 euro zona Pescia, grazie arredato. .....
MONSUMMANO
Bene Comune smonta pezzo per pezzo il resoconto di metà mandato fatto dal sindaco: "Solo propaganda e fumo degli occhi"

6/3/2017 - 11:49

Monsummano Terme Bene Comune interviene sul resoconto di metà mandato fatto dal sindaco.

 

"Il resoconto di metà mandato dell’amministrazione comunale spazia tra la propaganda e la confusione utile a gettare fumo negli occhi.

 

Tanto per cominciare si fa propri risultati che sono il frutto esclusivo dell’intervento dei privati ossia gli investimenti nel nuovo stabilimento Polli e nel settore termale della Grotta Giusti.

 

Ci si vanta poi della nuova scuola Arinci ma si evade le richieste di chiarimenti sui problemi che l’affliggono tra cui un’elevata dispersione di calore e un mancato intervento di adeguamento sismico.

 

Le strade e i marciapiedi sono in una situazione che tutti conoscono eppure si preferisce favoleggiare su grandi opere che mancano di copertura finanziaria tra cui una famosa Cintolese Nova utile in primis agli interessi di chi ritiene tale località un proprio feudo.

 

Montevettolini, Monsummano Alto e Bizzarrino sono lasciati a loro stessi nonostante le continue sollecitazioni ricevute sia in consiglio che da parte dei cittadini. La Grotta Parlanti è diventata solo un’area di transito abbandonata mentre via Grotta Giusti è segnata da scelte scellerate del passato a cui non si cerca di rimediare facendo sì che siano presenti scheletri di costruzioni di per sé già inaccettabili per un’area collinare e turistica.

 

In proposito si ha anche intenzione di vendere l’ex sede delle scuole Arinci col probabile risultato di un’ulteriore speculazione edilizia utile a deturpare ancora di più la parte alta del centro abitato. Inoltre c’è da chiarire che fine farà il “Centro Isola dei ragazzi” ivi presente.

 

Sugli impianti sportivi la situazione è ben nota con una gestione che ha dovuto usufruire di una smisurata proroga alla Convenzione mentre ad oggi la stessa amministrazione non può dirsi soddisfatta viste le multe che ha dovuto infliggergli.


I risparmi decantati si stanno scaricando tutti sui servizi essenziali con una manutenzione penosa della viabilità, dei cimiteri e del verde pubblico e con una riduzione delle offerte culturali e formative, in particolare per il Museo della città e del territorio come per il teatro stesso.

 

Il Comune stesso è ridotto a un guscio semivuoto. La riduzione dei dirigenti è dovuta a tre pensionamenti di cui uno nel 2011 e uno nel 2012 mentre un dirigente non è stato confermato nel 2009. In questo mandato si è quindi passati da due a un dirigente che firma tutto ed è responsabile di tutto con le conseguenti riflessioni del caso.


I 4 milioni d’investimenti poi non si comprendono visto che dal 2014 ci sono stati una ventina d’interventi e i due maggiori (via Brogi e sala convegni di piazza del Popolo) hanno comportato una spesa che ammonta a circa 260mila euro, quindi ben lontani dai milioni sbandierati.


Ci si è invece dimenticati di segnalare i meravigliosi regali fatti ai monsummanesi e ai loro figli. In primis l’ennesima posticipazione della chiusura della discarica del Fossetto a cui non ci si è minimamente opposti con buona pace del Padule di Fucecchio che vedrà cresce una bomba ambientale dalle conseguenze future inimmaginabili. Sempre sulla stessa lunghezza d’onda si è garantito a Publiambiente un processo di fusione con le aziende del pratese e del fiorentino assicurando una totale resa del Comune agli interessi della finanza che farà incetta del servizio scaricando il tutto sulle bollette dei monsummanesi. Stesso discorso sull’acqua con la totale prostrazione agli interessi del gestore che non solo continua ad aumentare le tariffe ma le rimodula a proprio piacimento rendendo l’acqua una merce e non un diritto.


Non parliamo poi della collaborazione con i comuni della Valdinievole espressasi col definitivo fallimento delle gestioni associate. Unica cosa positiva, grazie alla disfatta referendaria del 4 dicembre scorso, l’arenamento di quel processo d’Unione deciso a porte chiuse tra sindaci e amministratori raccatta poltrone.


Quindi a Monsummano si può parlare di tutto tranne che di un miracolo. Il fatto poi che l’espansione demografica sia dovuta a una presunta bassa tassazione è solo una barzelletta. Il vero fattore determinante è un costo delle abitazioni più basso rispetto ad altri comuni della provincia frutto anche di una discutibile politica di cementificazione degli ultimi anni.  

Quello che in verità serve a Monsummano è una programmazione di ampio respiro che deve andare di pari passo con un contrasto alle politiche nazionali e locali di depauperamento della cosa pubblica a vantaggio d’interessi privati e clientelari".

Fonte: Monsummano Terme Bene Comune
 
+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra:




10/3/2017 - 11:22

AUTORE:
tauride

Volevo ricordare le letture le facciamo e le approfondiamo. ll punto che gli italiani hanno perso un'occasione unica ed irripetibile per cambiare qualcosa (lo dice uno che non ha un appartenenza politica).Ribadisco che non abbiamo colto la sfida di tentare di cambiare qualche previlegio e quindi rimamdo "Ai posteri ardua sentenza"

9/3/2017 - 13:44

AUTORE:
Marco

Magari prima di meditare sarebbe anche bene informarsi circa le varie porcate che c'erano dietro la promessa farlocca di diminuire il numero dei senatori, abolire il cnel e poco altro... Se il loro scopo primario fosse stato quello di fare queste cose, senz'altro giuste, non le avrebbero messe all'interno di un unico quesito ma le avrebbero scorporate in più quesiti dove il cittadino avrebbe avuto facoltà di scegliere.
Invece no... Tutto nello stesso calderone cercando di "truffare" i più sempliciotti che ancora oggi credono a Babbo Natale...

9/3/2017 - 11:06

AUTORE:
tauride

Volevo ricordare che con la sconfitta del referendum del 4 dicembre (a prescindere dal pensiero politico) ci troviamo sul groppone 315 senatori , il CNL, gli stipendi dei consiglieri regionali fuori controllo e le province.Ora non era il caso per una volta cogliere l'occassione e snellira un tantino la casta?
La legge elettorale si doveva fare in due giorni secondo i fautori del No. Ebbene siamo nella palude assoluta. "Meditate, gente, meditate"

6/3/2017 - 20:55

AUTORE:
Maurizio

A proposito del museo della città e del territorio un mio parente francese voleva visitarlo nel week end ma purtroppo sia sabato che domenica era chiuso senza nemmeno un avviso esposto sul portone. Nonostante la batosta del 4 dicembre certi personaggi non abbassano la cresta....