Skin ADV
Valdinievole OGGI
  • Cerca:
  • 04:01 - 31/1/2023
  • [protetta]
  • [protetta]
  •  

Fare l'assessore al bilancio a Montecatini. . . senza fare un tasso!
AUTOMOBILISMO

La F1 Italiana è la gara più popolare in Italia.

BASKET

La Gioielleria Mancini inaugura il girone di ritorno con la difficilissima trasferta a Prato contro il Prato Basket Giovane, attualmente al terzo posto in classifica. La Cronaca della partita Vettori apre la partita con una bomba, Lorenzo Bogani accorcia e Pinna impatta dalla lunetta ma Vettori piazza un’altra bomba.

SCI

Gradito ritorno sulle nostre montagne del comprensorio sciistico di Abetone e della val di Luce di una tappa dello Ski Tour 2022-2023.

SCI

Ha preso il via in questi giorni la 41° edizione di Pinocchio sugli sci, la rassegna giovanile di sci alpino più amata d’Italia e tra le 5 più importanti al mondo.

BASKET

Gli studenti dell'Istituto professionale di Stato per l'enogastronomia e l'ospitalità alberghiera "Ferdinando Martini" di Montecatini Terme saranno ospiti domenica 29 gennaio al Palaterme in occasione della partita del campionato di Serie B Old Wild West tra Fabo Herons Montecatini e Legnano Knights.

CICLISMO

E' iniziata nel migliore dei modi la stagione 2023 del Team Corratec che si sta mettendo in mostra nella Vuelta a San Juan a confronto con squadre e corridori di alto livello.

NUOTO

Alla piscina Marchi di Pescia, gestita dalla società sportiva Co.g.i.s Montale, si è svolta domenica 22 gennaio la ventesima edizione del Campionato interregionale di nuoto che ha visto Pescia come protagonista della prima tappa, in attesa di spostarsi in altre città.

PODISMO

In una giornata fredda e piovosa si è svolta nel borgo medioevale di Montevettolini nel comune di Monsummano Terme (Pistoia) una gara podistica.

none_o

Dal 27 gennaio al 10 febbraio da Artistikamente (via Porta al Borgo 18), è in programma una mostra di Franco Bovani.

none_o

A Monsummano Terme la nuova mostra personale di Frank Federighi "Caricature".

La mamma albergava nella casa che cura,
aveva le doglie, non .....
IL SEGNO DEL MESE
di Sissy Raffaelli

Il segno del mese.

IL MONDO IN TAVOLA
di Sissy Raffaelli

Rapini saltati alla Puccini.

Abbiamo aperto il 2023 con la selezione di due nuovi posti di .....
Buonasera. Cerchiamo addetto al ricevimento con buona conoscenza .....
MONTECATINI
L'Accademia della Crusca in visita al liceo Salutati: incontro con gli studenti tra grammatica e prospettiva scientifica

10/2/2017 - 12:10

Lorena Rocchi, Argia Romano e Clarissa Mazzei ci inviano il resoconto di un incontro svoltosi al liceo Salutati.

 

"La mattina dello scorso 8 febbraio, il liceo “Coluccio Salutati” ha avuto l’onore di ospitare il professor Francesco Sabatini, presidente onorario dell’Accademia della Crusca, il quale ha tenuto, presso l’aula Gamma, un gradevolissimo incontro di due ore con gli studenti delle quarte e della VC dell’indirizzo scientifico e con quelli della VB dell’indirizzo economico-sociale, sviluppando con loro riflessioni incrociate sul tema “Hai bisogno di una lingua forte per pensare”.


Il professore ha presentato questo stesso titolo, ponendo l’attenzione sull’uso dell’aggettivo “forte”, che sottolinea l’importanza di una salda preparazione nella lingua prima, ovvero l'italiano, con una particolare attenzione allo studio della grammatica in una prospettiva per così dire scientifica, ovvero in modo che esso segua il naturale funzionamento del cervello, dal momento che intercorre un rapporto strettissimo tra lingua e pensiero.


Il professore ha parlato, infatti, di un’osservazione del meccanismo della lingua da "acquisizione" spontanea, ossia azione automatica in zone del cervello dove c'è già la grammatica della lingua, ad "apprendimento", ovvero azione  stimolata dallo studio. La lingua non è, dunque, qualcosa di astratto e di difficile collocazione: essa si imprime in alcune parti del nostro cervello già a partire dalla nascita, attraverso un’acquisizione diretta, con un processo automatico, passando dalle nostre orecchie come onda sonora e diventando una dotazione dell’individuo, che col tempo può crescere. Il motivo dello studio della grammatica della lingua, invece, consiste nel fatto che le capacità di leggere e scrivere non possono essere acquisite direttamente tramite il canale uditivo, ma presuppongono un apprendimento.


Ne deriva una lingua "forte", cioè capace di pensare al "massimo volume", di pensare tutto ciò che vogliamo comunicare, ma a livello avanzato. La lingua, del resto, è lo strumento più acuto di riflessione e qualunque pensiero, che sia quello di un filosofo, di un dotto o di un bambino che scopre pian piano il mondo, ha bisogno della conoscenza della lingua per essere formulato: più questa è vasta, più la capacità di pensiero viene accresciuta.

 

Merita poi riflettere sul fatto che la lingua permette la comunicazione con il mondo, fungendo da collante, ed il linguaggio verbale è l’unico che caratterizza unicamente la specie umana, sebbene ogni popolo abbia il proprio codice linguistico.


L’uso della lingua scritta, inoltre, può essere straordinario: in esso vengono usati gli occhi per riflettere e pensare, è possibile soffermarsi sulle parole, per collegarle le une alle altre e fissare un intero tessuto di parole, cogliendo il significato e il complesso intreccio che scorre sotto lo sguardo, per sciogliere il quale diventa necessaria la conoscenza della grammatica, che è proprio la scienza della lingua “graffiata” e quindi scritta. Questo diventa, dunque, il vero compito della scuola.


La lingua scritta, tuttavia, non esisterebbe, se circa cinquemila anni fa l’uomo non avesse inventato l’alfabeto, insieme di segni convenzionali che rappresentano i suoni della lingua; sono così nate le parole, inizialmente per rispondere alla necessità religiosa di avere delle preghiere fissate e dunque scritte, in seguito per andare a rappresentare le percezioni, tutto ciò che si riceve dai sensi, primo fra tutti il tatto.


Nonostante la linguistica sia notevolmente recente, già in epoca antica molti filosofi e grammatici indiani avevano riflettuto sul linguaggio e in occidente un ruolo centrale in questo campo era stato svolto da Aristotele; tuttavia solo Linneo iniziò a parlare dell’essere umano come “homo sapiens”, in quanto unico animale della famiglia dei primati a possedere la capacità di identificare ciò che vede attraverso la lingua. Dal momento in cui l’uomo iniziò a decodificare i segni come suoni, attraverso il processo di apprendimento della lingua scritta, definito meraviglioso dal professor Sabatini, l’“homo sapiens” è diventato “homo sapiens sapiens”.


Resta da chiarire, a questo punto, in cosa consista la virtù della lingua: oltre ad essere il linguaggio più preciso, la lingua mette a disposizione parole e solo attraverso di esse è possibile spiegare il significato di altre parole. Questa è la potenza esclusiva della lingua, laddove non è possibile spiegare un disegno attraverso un altro disegno, né la musica attraverso altra musica.                        

 

Tale capacità è detta metalinguistica e consiste nell’uso della lingua per riflettere e spiegare la lingua stessa. Essa dipende dalla natura materiale della lingua: le parole sono fatte di suoni e con essi possiamo ottenere infinite combinazioni, infinite parole, che vanno a creare un repertorio sterminato.


A chiudere la riflessione è stato significativo il richiamo al XXVI Canto del Paradiso, in cui, nel colloquio tra Dante e Adamo, quest’ultimo dice al poeta fiorentino “Opera naturale è ch’uom favella;/ ma così o così, natura lascia/ poi fare a voi secondo che v’abbella.”


Per gli studenti delle classi quarte la conferenza ha avuto valore di lezione propedeutica alle attività di alternanza scuola-lavoro che si svolgerà prossimamente in collaborazione con la Fondazione Collodi, ma per tutti è stata un’occasione notevole di riflessione e di crescita che ha lasciato ai ragazzi un argomento sul quale hanno continuato a parlare perfino all’uscita di scuola con un entusiasmo graditissimo ai loro docenti e non solo.

Nel pomeriggio dello stesso giorno il professor Sabatini ha tenuto un corso di formazione dal titolo “Neologismi nella comunicazione di oggi” per i docenti di lettere del Salutati e di altre scuole della Provincia di Pistoia. Anche in tale contesto ha affrontato il tema dell’importanza dell’educazione linguistica e, in particolare, della grammatica e dello studio delle tipologie testuali, non necessariamente legate a testi letterari. Gli insegnanti di italiano hanno un compito importantissimo, ovvero quello di formare i ragazzi con varie strategie che valorizzino pur sempre la pratica della lettura e della scrittura e lo studio di una grammatica valenziale che sarà di aiuto a che essi riescano ad interpretare qualsiasi tipo di testo che incontreranno nel loro percorso di studi e lavorativo".

 
+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra: