Skin ADV
Valdinievole OGGI
  • Cerca:
  • 12:10 - 20/10/2021
  • [protetta]
  • [protetta]
  •  

Partiamo dalla rivista La difesa della razza nata a seguito delle leggi sulla difesa della razza del 1938.
Il fondatore e direttore era l ideologo Telesio Interlandi.

Giorgio Almirante , delfino .....
JU JITSU

Lo scorso  16 ottobre al Palatorrino di Roma si sono svolti i campionati italiani di Brazilian Ju Jitsu della Federazione Italiana Grappling Mixed Martial Arts, dove  ha partecipato l'iscritto al Sap Manuel Loiacono, 24enne.

HOCKEY

Fine settimana vincente per la società pistoiese.

BASKET

Ha dovuto rimontare almeno due volte la Gema, ma lo ha fatto nel momento clou della partita vinta a Pontassieve 68-75 con un allungo nell’ultima frazione da 26 punti segnati e appena 16 subiti.  

BASKET

Torna il Campionato a Monsummano ed è debutto casalingo per la Gioielleria Mancini che affronta il Basket Calcinaia per l’incontro valevole per la seconda giornata di campionato.

BASKET

Dopo la sconfitta patita nel derby contro San Giovanni Valdarno nel primo turno di campionato, la Nico Basket, targata Giorgio Tesi Group, porta a casa due punti importanti contro un’altra formazione solida e quotata come Umbertide.

PUGILATO

Il borghiggiano miguel bachi nella serata di ieri sera a Firenze a disputato un match molto duro dopo sette mesi di inattività.Si trova affrontare il pugile della sempre avanti Firenze drillon thaci con molta più esperienza, match parte subito acceso da entrambi gli angoli con ritmo elevato!

RALLY

L’ufficialità è arrivata dopo il Rally Città di Pistoia, ultima manche a calendario.

CALCIO A 5

Due serate all’insegna del divertimento e della passione calcistica. Sono questi gli ingredienti che hanno caratterizzato le due serate della 2° edizione del “Trofeo delle associazioni”.

none_o

Consigli di lettura di Maria Valentina Luccioli.

none_o

Le opere della giovane pittrice pesciatina Bartò prendono la volta della Spagna.

Erano pochi, erano violenti,
gridavano “boia chi molla”, .....
VALDINIEVOLE STORICA
di Giancarlo Fioretti

Viene considerato uno degli esponenti più significativi della Scuola Pistoiese.

VALDINIEVOLE STORICA
di Giancarlo Fioretti

La parabola umana e artistica di Leda Rafanelli abbraccia tutto il Novecento.

cerco bilocale affitto 300 o 350 euro zona Pescia, grazie arredato. .....
cerco casa in affitto euro 300 350 al mese
VALDINIEVOLE STORICA
di Giancarlo Fioretti
La vita di Angiolo Mazzoni, un grande architetto del regime che fu

15/1/2017 - 13:43

Per un uomo che aveva consacrato tutta la sua vita al Fascismo era impossibile reinventarsi un futuro in Italia dopo la sua caduta. Perchè, in definitiva, Angiolo Mazzoni Del Grande era il Fascismo stesso, almeno nella disciplina che lo aveva reso famoso: l'architettura.

 

Figlio di una nobile famiglia bolognese, nacque all'ombra delle Due Torri nel 1894 e sin da ragazzino palesò uninteresse grandioso verso l'arte ed il disegno. L'approdo alla facoltà di architettura fu quindi una scelta naturale oltrechè obbligata. La stretta connessione che, ai primi del Novecento, vi era fra laprogettazione teorica e pratica, mlo portò anche a compiere approfonditi studi di ingegneria, che nella sua parabola professionale gli risulterannoi utilissimi.

 

La sua giovinezza, tuttavia, fu caratterizzata essenzialmente, non tanto dalla vita universitaria, quanto piuttosto dalla carneficina della Prima Guerra Mondiale. L'Italia entrò nel conflitto con le speranze di una ragazzina al ballo del suo diciottesimo compleanno. Ne uscì con le delusioni di una pluridivorziata di mezza età...

 

Dopo Caporetto e Vittorio Veneto l'Italia era cambiata. Aveva perso la sua verginità politica ed intellettuale ed avevca abbracciato l'ideologia totalitaria del Fascismo. Angiolo Mazzoni fu travolto da questo turbine ideologico. Si innamorò delle dottrine mussoliniane sin dagli esordi sansepolcristi (dal nome della sala milanese ove il Fascismo fu fondato, detta appunto San Sepolcro).

 

Fresco di laurea, trasportò nell'architettura gli ideali artistici del Regime nascente, che si rifacevano al futurismo in generale e al razionalismo applicato alle materie plastiche e figurative. Divenne l''aedo' del nuovo corso, almeno in fatto di realizzazioni edilizie. Grazie al suo ingresso nelle Ferrovie dello Stato come Ingegnere capo, riuscì a mettere in pratica le sue idee nellacostruzione di molti poli ferroviari sparsi in tutta Italia. Fra questi ricordiamo i suoi interventi nelle nuove costruzioni di Roma, Milano, Messina e Firenze.

 

La sua attività professionale fu poi 'prestata'anche al Ministero delle Poste e Telecomunicazioni, realizzando gli uffici postali di Agrigento, Grosseto, Sabaudia, Latina Palermo e Trento.

 

Per ciò che concerne Montecatini Terme, Mazzoni fu chiamato dal Duce in persona a realizzare la nuova stazione di Montecatini-Monsummano. Sino agli anni Trenta, infatti, l'unica stazione presente in città era quella del Centro, con le due palme importate dalla nuova colonia della Libia che già svettavano maestose. Montecatini era tuttavia una città turistica di primissimo livello. I treni 'vomitavano' sulle banchine ferroviarie migliaia e migliaia di turisti l'anno, molti dei quali erano, dagli anni Venti in poi, associati ai Dopolavoro fascisti.

 

All'epoca non c'era l'autostrada né tantomeno la motorizzazione di massa. Tutti, ma proprio tutti, arrivavano a Montecatini col treno. E con loro anche le merci e le vettovaglie per i numerosissimi alberghi. La piccola piazza antistante alla stazione Centro era costantemente congestionata. Ed una volta che il Duce ebbe a passare di qui, si dice, si convertì ben presto alla teoria della necessità di una nuova stazione che affiancasse la vecchia. Fu scelto all'uopo un tratto di linea ferroviaria nei pressi della località di Mezzomoglio. All'epoca quella striscia di terreno apparteneva al confinante Comune di Pieve a Nievole, con il quale si addivenne a un accordo che prevedeva lo scambio di alcune porzioni territoriali, così da far ricadere la nuova stazione entro i confini di Montecatini.

 

Mazzoni Del Grande, in poche ore, partorì un progetto grandioso che ancora è sotto gli occhi di tutti. Seppe interpretare al meglio i dettami razionalisti, creando spazi polifunzionali che fecero della stazione di Montecatini non solo un approdo ferroviario bensì un punto di aggregazione della città. Ebbe anche l'accortezza di usare, per i rivestimenti, materiale locale, come le pietree della cava della Maona ed il marmo di Monsummano.

 

Lo stile 'ventennio' dell'edificio era evidente e totalizzante, tanto che a guerra finita e a fascismo archiviato, furono in molti a chiederne l'abbattimento. In molte zone d'Italia, infatti, soprattutto nei primissimi mesi dopo la guerra, si registrò una furia iconoclasta verso tutto ciò che sapeva di fascismo. Ne fecero le spese, oltre che le costruzioni di Mazzoni, anche le opere pittoriche di Sironi, di Ardengo Soffici e persino di Ottone Rosai.

 

Quanto a Mazzoni, egli rimase fedele alla sua idea sino alla fine. Aderì alla Repubblica Sociale ma capì che quel mondo era al tramonto. Già dai primi anni del Quaranta, aveva iniziato a vendere le sue proprietà immobiliari a Bologna, Roma e Firenze. Quando crollò sotto i colpi della storia (intesa in senso hegheliano...), riuscì a espatriare in Colombia. In Sudamerica, finita la guerra, si stavano recando migliaia e migliaia di nazisti, fascisti, collaborazionisti francesi, belgi, croati, ucraini ed estoni. Non dico 'ex' fascisti, 'ex' nazisti o altro, poichè i regimi sudamericani erano tutti di stampo autoritario e gradivano molto l'arrivo di questi....profughi fuggiti da un mondo che 'non ci vuole più', usando non a caso le parole di un grande successo di Battisti.

 

In Colombia e in tutta l'America Latina Mazzoni continuò la sua opera, sia nell'ambito dell'edilizia pubblica che privata. Visse indisturbato fra il tintinnar di sciabole dei generali da operetta colombiani per moltissimi anni, rientrò sporadicamente in Italia, ove tornò a stabilirsi verso gli inizi degli anni Settanta. Morì a Roma nel 1979.


 Di Mazzoni del Grande, ricordiamo LIBRO, LUOGO, LASCITO MORALE.

 

LIBRO: A. Forti: Angiolo Mazzoni, architetto fra fascismo e libertà, Edam Firenze 1978 (disponibile Bibl. della Facoltà di Architettura, Firenze)

LUOGO. Piazza Italia a Montecatini. La 'nostra' Stazione. Perchè l'arte non ha partito.

LASCITO MORALE: Mai rinnegare...  

 

di Giancarlo Fioretti

 
+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra:




16/1/2017 - 21:33

AUTORE:
domenico

Scusatemi non dico di usare il correttore ortografico, ma leggere prima quello che si pubblica mi sembra doveroso nei confronti dei lettori. Errori di battitura e di grammatica in serie..... Poi sto legame strettissimo tra ideologia fascista ( deprecabile) e buona architettura mi sembra un tantino forzato. Scrivere inoltre che il buon Mazzoni abbia redatto il progetto della Stazione in poche ore mi sembra un tantino esagerato. Suvvia! D'accordo che nel ventennio i treni arrivavano in orario ma per progettare un edificio qualche settimana ci voleva tutta....

16/1/2017 - 17:19

AUTORE:
roberto ferroni

Tornasse indietro e visitasse la sua opera bagnaiola rimarrebbe sconvolto da come é stata ridotta, sia nelle strutture che nelle frequentazioni.

16/1/2017 - 11:09

AUTORE:
Giovanni

L'autostrada A11 è datata 1928 per il tratto che arrivava fino a Lucca(nel 1933 a Migliarino) quindi era preesistente alla costruzione della stazione ferroviaria ad opera di Mazzoni del 1937.
Nello spostamento dei confini della zona del Mezzomiglio(1934),Pieve a Nievole non ci fece di certo un'affare,in cambio le fu data la zona del Vergaiolo.