Skin ADV
Valdinievole OGGI
  • Cerca:
  • 08:09 - 18/9/2020
  • [protetta]
  • [protetta]
  •  

Far buon uso della democrazia ? Certo che io non pubblico niente . E' altri che pubblica quello che legge sulla posta del blog.
L'ossessione del nero è una costante dei personaggi che trovano ricetto .....
MOTOCROSS

Il team JK Racing di Pieve a Nievole è stato impegnato in una settimana intensa con ben 3 appuntamenti di gare sul circuito Monte Coralli di Faenza. 

RALLY

Dopo nove mesi di pausa torna in gara il montecatinese Leonardo Pucci, con la sua Renault Clio RS.

BASKET

Nel programma di preparazione, sabato 12 settembre, la squadra guidata da Luca Andreoli ha effettuato un altro allenamento congiunto con la Cestistica Spezzina.

BASKET

Sara De Luca è una delle ragazze dell’Under 18 aggregate alla prima squadra.

RALLY

E’ ancora all’insegna dei riflettori nazionali che Jolly Racing Team ha archiviato il fine settimana agonistico.

BOXE

Nella giornata di sabato 12 si è svolto il collegiale regione Toscana.

IPPICA

All’Ippodromo Snai Sesana riunione di trotto del sabato sera che non solo ha chiuso il trittico stagionale dei “classici” appuntamenti, ma ha celebrato in tutto e per tutto la figura storica dell’ippica italiana di Nello Bellei.

BASKET

Primo allenamento congiunto per la Nico Basket Femminile, guidata da Luca Andreoli, che è scesa sul campo della Cestistica Spezzina per un test di ottimo livello tecnico e tattico con una delle formazioni più competitive del girone sud di serie A2. 

none_o

Riprendono, dopo la pausa forzata, i corsi di pittura e disegno presso lo studio dell'artista pistoiese Paolo Beneforti.

none_o

La recensione di questa settimana da parte della libreria Mondadori di Montecatini è dedicata a un libro di Beppe Severgnini.

E’ un caldo asfissiante
che schianta le piante,
e un temporale
le .....
VALDINIEVOLE STORICA
di Giovanni Torre

Sono passati 40 anni dalla promozione delle Pistoiese in categoria A.

VALDINIEVOLE STORICA
di Giovanni Torre

Ecco dove si trovavano i bocciodromi, allora chiamati “pallai”.

Smarrita chiavetta usb marca Lexar bianca con tappo arancione. .....
cerco qualsiasi mansione x impegno mia giornata sono dinamico .....
MONTECATINI
Raddoppio ferroviario, comitato "Maisopraelevata": "Non tutti sono d'accordo con opzione rialzata"

1/1/2017 - 16:11

Comunicato stampa a cura del comitato "Mai sopraelevata".

 

"A seguito del comunicato del segretario regionale Fit-Cisl Stefano Boni, che esprimeva le proprie preoccupazioni per il rallentamento nella definizione dei progetti di raddoppio ferroviario tra Montecatini e Lucca, causati dalle richieste di un attraversamento in sopraelevata da parte dell'amministrazione comunale di Montecatini, sono apparse sulla stampa repliche da parte del consigliere Morini e del comitato "Montecatiniunasola". 


Come comitato "Mai sopraelevata" vogliamo rispondere a tali repliche e mettere in evidenza alcune inesattezze. 1) I cittadini di Montecatini non sono tutti d'accordo per la sopraelevata, tant'e` che esistono due comitati contrari a tale soluzione. 2) Non ci risulta che l'amministrazione comunale e/o comitati di cittadini abbiano fornito a Rfi un progetto di "sopraelevata fattibile", si spera che non venga intesa come tale la proposta presentata in aprile alla Misericorda. 3) Il consigliere Morini dice che le ipotesi alternative alla sopraelevata "si sono disciolte come neve al sole": cio` non e` assolutamente vero, in quanto l'ipotesi piu` realizzabile e` quella presentata, per il momento solo come studio di fattibilita` (insieme con quello relativo a una soluzione sopraelevata), da RFI al Sindaco, per il raddoppio a raso con sottopasso in via Marruota, cavalcavia al Palazzetto dello Sport e attraversamenti pedonali dovunque. 4) Il ritardo contingente sulla presentazione del progetto non e` in effetti dovuto all'amministrazione comunale, ma e` del tutto ragionevole che RFI si trovi in difficolta nell'elaborare un progetto riguardo al quale anche il suo amministratore delegato ha espresso piu` volte forti perplessita`. 5) Troviamo incomprensibile l'affermazione di "Montecatinunasola" che i costi della sopraelevata sono "compatibili" con quelli della soluzione a raso: in ogni caso la sopraelevata ha costi superiori al raddoppio a raso di qualche decina di milioni di Euro. 6) "Montecatiniunasola" afferma che l'impatto della sopraelevata, se realizzata con strutture leggere, non sara` peggiore del passaggio a raso: l'impatto sarebbe invece devastante ed e` impossibile realizzare una sopraelevata ferroviaria a doppio binario su cui passano treni anche merci con strutture "leggere", perche' questo contrasta con concetti strutturali di base, in quanto non si tratta di una linea tranviaria o di una ferrovia urbana. 7) Infine, il rumore di una sopraelevata non e` equivalente a quello di una linea a raso, ma in genere superiore, in base alle nostre misurazioni a Lastra a Signa, come documentato nel nostro sito: il fatto che due quantita` non superi un limite non implica che siano uguali. 8) "Montecatiniunasola" sostiene che il fermo linea di almeno due anni per la realizzazione della sopraelevata sarebbe falso, sulla base di cio` che dicono i loro "tecnici": e` una affermazione del tutto arbitraria e che non sembra avere alcuna connessione con la realtà".

 
+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra:




2/1/2017 - 10:22

AUTORE:
Giancarlo Frediani

Ho letto l'articolo del segretario regionale FIT-CISL Stefano Boni ed adesso quello del comitato "Mai sopraelevata" e mi domando: questo illustre signore sino a ieri dov'era. Io ho partecipato a quasi tutti gli incontri e, non l'ho mai trovato e/o sentito. sarà uno di quelli che parla dal suo scranno? Devo dire la verità, non mi sembra che abbia fatto un figurone. Dividere la città in due, mah?
Giancarlo Frediani

2/1/2017 - 10:13

AUTORE:
Luciano Goffredi

Leggo il comunicato di “Mai sopraelevata” e, visto che ognuno può dire tutto ed il contrario di tutto ed anche fare libere trasposizioni storiche dei fatti realmente avvenuti, proverò anche io ad esprimere la mia opinione:
1) Sicuramente non tutti i cittadini di Montecatini saranno favorevoli alla sopraelevata, i due comitati “contro” lo testimoniano ma, sarebbe appunto interessante sapere quanti sono a favore e quanti contrari. Questa è democrazia e non demagogia. Vi è un fatto però che dovrebbe essere preso in considerazione da tale comitato: tutto il consiglio comunale, dicesi tutto, ha votato per il NO AL RASO. Il consiglio comunale attuale, sino alle prossime elezioni, rappresenta tutta la città votante. Se qualcuno non si sente rappresentato mi spiace per lui. Fondi un partito, un movimento e cerchi elettori che siano disponibili a farsi rappresentare dai comitati per il raso e con chi è d’accordo con loro;
2) Al vostro comitato non risulta che l’amministrazione comunale abbia fornito a RFI un progetto. Beh, io credo che non dovesse essere l’amministrazione comunale a farlo anche se il progetto dell’arch. Cianciosi che fu portato all’attenzione di RFI era una buona traccia su cui lavorare. Se poi RFI non voleva prendere in considerazione il problema, non si capisce perché si sia impegnata a fare un progetto alternativo al raso da presentare entro la fine di ottobre. I progetti di RFI sono forse come i loro treni,…… molto lenti ed alcune volte….non arrivano ma, i cittadini sapranno aspettare o prenderanno il treno successivo;
3) Il consigliere Morini, dice una grande verità, comprensibile che non possa piacere a tutti tanto meno al comitato “mai sopraelevata” che ha il sacrosanto diritto di esprimere il proprio parere. Questo non significa che siano dalla parte della ragione. Mi sembra anche che il Genio Civile, mi pare di aver capito ma, il condizionale è d’obbligo, finalmente, si sia pronunciato, non per il no al raso ma per il “a Montecatini non si scava”, quindi tutte le ipotesi dei sottopassi verrebbe meno. Sarà possibile però che il comitato “mai sopraelevata” faccia altre proposte, magari prima di carnevale perché come si sa, a carnevale ogni scherzo vale e, sul raddoppio non si può scherzare;
4) Per una volta concordo: l’amministrazione comunale non ha colpa alcuna a fronte della mancata presentazione da parte di RFI del progetto alternativo. RFI non è in difficoltà ed il suo Amministratore Delegato può esprimere le sue perplessità come fanno tutti. Dopo, saranno costretti, volenti o nolenti, a confrontarsi con la città ed allora, vedremo cosa dirà l’Amministratore Delegato di RFI il quale, pontifica sempre da lontano ma, non incontra mai i cittadini e soprattutto fa il suo mestiere: fare veloce, fare soldi e non preoccuparsi dei disastri che potrebbe combinare nelle città. I cittadini di Montecatini per voce dei loro rappresentanti hanno detto no. Forse, è il caso che si soffermi a pensare meglio a ciò che dice ed a curare di più l’aspetto urbanistico di questa città, da troppo tempo divisa;
5) Concordo con “MontecatiniUnasola, i costi sono compatibili con il raso e se voi avete documentazione che dimostra il contrario, chiedete un incontro pubblico con i cittadini e spiegate perché e se MontecatiniUnasola mente;
6) Anche in questo caso mi sembra che MontecatiniUnasola abbia ragione. Con strutture leggere che comunque reggerebbero l’attuale traffico di trasporto merci, si potrebbe costruire una sopraelevata con una struttura leggera in tempi molto rapidi. Se invece RFI avesse cambiato idea e volesse incrementare il trasporto merci, parliamone ma, non è questo che ha detto. Ha detto invece che il trasporto merci sarebbe rimasto lo stesso. Non è vero? Lo dica chiaramente. Ho la spiacevole sensazione che l’Amministratore Delegato di RFI parli quando dovrebbe star zitto e stia zitto quando dovrebbe parlare ma, è libero di far chiacchere quando e quanto vuole, forse trovarsi contro un consiglio Comunale, un’amministrazione comunale e parte dei cittadini di Montecatini Terme dovrebbe indurlo, non a capire ma, a riflettere;
7) Il problema dell’insonorizzazione è veramente un problema da affrontare ma, nel 2017 questi problemi soro tutti risolvibile e non è giusto dire cose che non corrispondono a verità e possono trarre in inganno i lettori. Mi ripeto, perché non fate un incontro pubblico, magari potrebbe partecipare un tecnico che potrebbe dare risposte ai quesiti posti. E’ forse questa la paura del comitato “Mai a raso”? Si confronti, aiuta sempre:
8) Il fermo della linea per due anni è uno spauracchio che serve a impaurire le persone ma, nessuno, dicesi nessuno ha mai affrontato il problema e, se non si fanno progetti, non si fanno planing operativi e si continua a far chiacchere da bar. Rimando tutto al punto precedente: assemblea pubblica e, magari, ci sarà qualcuno ben preparato che saprà indicarci i tempi effettivamente necessari ed io dubito che sarebbero quelli che indica RFI ma, mai dire mai;
so per certo che il comitato “mai sopraelevata” non sarà con me d’accordo, legittimo ma, essendo un vecchio Montecatinese, ho a cuore la città e soprattutto il suo futuro e penso che un confronto sarebbe utile soprattutto se ci fossero tecnici del settore e non uno o più laureati qualsiasi, anche se blasonati.
Luciano Goffredi