Skin ADV
Valdinievole OGGI
  • Cerca:
  • 00:06 - 04/6/2020
  • [protetta]
  • [protetta]
  •  

È vero bibbi sono poverino , ma non mi devi abbandonare per questo.
Ci provo a far ridere ma non riesco mai ad eguarglirti. Tu sei irraggiungibile bibbi. Tu sei il mio punto di riferimento, il mio .....
CALCIO

La società Larcianese comunica di aver raggiunto l’accordo con il l’allenatore che guiderà la squadra nella prossima stagione sportiva.

RALLY

Motori accesi al 1° Virtual Rally Valdinievole e Montalbano. Dal 1° giugno e per tutta la settimana, le strade della provincia di Pistoia saranno proiettate in un confronto che ha richiamato un plateau di partecipanti di assoluto livello. 

BASKET

La prima novità in casa Nico è la collaborazione con l’Associazione “Anna Maria Marino”, avvenuta già a fine della scorsa stagione grazie alla Dottoressa Jacqueline Magi che ne è Presidente Onorario. 

RALLY

Sull’onda dell’entusiasmo riscontrato dal primo approccio “virtuale” di molte delle realtà motoristiche più importanti a livello nazionale, le scuderie Jolly Racing Team e Art Motorsport 2.0 hanno deciso di organizzare il 1° Virtual Rally della Valdinievole e del Montalbano.

BASKET

Scegli il rossoblu di sempre. Quanto sei attaccato ai colori rossoblu? Chi è il giocatore che ti ha fatto sognare? È arrivato il momento di eleggere il giocatore rossoblu italiano di sempre.

CICLISMO

Dieci candeline, oltre 30 000 euro donati in beneficenza e tante soddisfazioni e emozioni. Parliamo dell’Avis Bike Pistoia, società ciclistica amatoriale e organizzatrice della Gran Fondo Edita Pucinskaite.

RALLY

Jolly Racing Team e Laserprom 015 annunciano che il 36° Rally della Valdinievole, anticipato al 2 e 3 maggio dalla data di origine di una settimana dopo nel calendario sportivo, viene rinviato a data da destinarsi.

BASKET

Pur essendo nell’aria ormai da settimane, la notizia della chiusura anticipata dei campionati è stata una bella botta su un duplice piano: sanitario, poiché ha denotato che la situazione sanitaria anziché migliorare stava peggiorando.

none_o

La recensione della settimana da parte della libreria Mondadori è dedicata a un libro di Matteo Bussola.

none_o

Copit ha presentato, presso la sua sede di Pistoia, il volume “Archivio storico della Ferrovia Alto Pistoiese - Appendice”.

Oggi il popolo decide
col suffragio universale
quale sia la .....
FILATELIA
di Giancarlo Fioretti

Il valore filatelico sarà presentato il 24 maggio.

VALDINIEVOLE STORICA
di Giovanni Torre

Tutto ebbe inizio il 10 aprile 1912 con la partenza del Titanic dal porto di Southampton.

Smarrita chiavetta usb marca Lexar bianca con tappo arancione. .....
cerco qualsiasi mansione x impegno mia giornata sono dinamico .....
VALDINIEVOLE STORICA
di Giancarlo Fioretti
Quando la morte rende immortali: la storia di Alfredo Sforzini, martire antifascista

24/7/2016 - 13:34

A Pescia l'eredità più tangibile del ventennio fascista è, senza dubbio, l'edificio che, attualmente, ospita i locali dell'Archivio di Stato. Costruito verso la metà degli anni Venti all'inizio del nuovo viale Garibaldi, il palazzetto era in realtà la Casa del Fascio pesciatina. Questo suo utilizzo si protrasse sino alla liberazione della città ed alla fuga degli ultimi repubblichini.

A guerra conclusa, l'edificio è rimasto in piedi, passando al Demanio dello Stato. Più di una voce di dissenso si levò tuttavia nel dopoguerra soprattutto da parte di coloro che il fascismo lo avevano combattuto davvero. La loro richiesta era quella di raderlo al suolo o, almeno, di modificarne radicalmente la struttura. Trattandosi però di un fabbricato dalle elevate qualità artistiche, furono giustamente messe da parte simili tentazioni distruttive.

Fu fatto di meglio. Visto che la vendetta è un piatto che va servito freddo, la piazzetta che dal lato sud confina con il palazzetto in questione fu intitolata alla memoria del partigiano Alfredo Sforzini, nato a Castelvecchio nel 1914 e martirizzato dagli invasori nazisti a Cavour nel dicembre del '43. Ed oggi accade così che la targa che riporta il nome di Sforzini si trovi orientata proprio verso il palazzo dall'ingombrante passato. Come se si trattasse di un gesto di sfida, l'ennesimo del comandante partigiano verso la protervia nazi-fascista.

Originario della Svizzera pesciatina, Alfredo dovette subito confrontarsi con l'asprezza del suo territorio d'origine. Molti castagni, molti boschi, ma pochi campi da coltivare e, soprattutto, nessuna industria. Scendere a valle fu una scelta obbligata, come lo fu per quasi tutta la generazione nata in quel periodo.

Dopo aver svolto vari lavori saltuari, Alfredo trova la sua 'vocazione' in un impiego presso un bar. Per un giovane abituato alla campagna, trovarsi a contatto con i prodotti che, al tempo, rappresentavano una moda (basta pensare al vermouth Martini, al Cinzano o ai dolci della Perugina) fu un'emozione unica, una sorta di ingresso nella modernità.

Confidò a più di un amico la volontà di mettersi in proprio, il desiderio di aprire anche lui un bar alla moda, quando i tempi fossero stati maturi.

Ed invece la guerra manda all'aria tutti i suoi piani. La sua classe d'età è fra le prime ad essere richiamata.

Partecipa alla campagna di Jugoslavia, dove ottiene i gradi di caporale. Torna in Italia. Con il suo reparto, i Cavalleggeri del Monferrato, viene dislocato in Piemonte.L'8 settembre lo sorprende lì ma non lo pone di fronte a nessun dilemma. Per Sforzini la scelta partigiana è l'unico riscatto possibile per la sua generazione. Sale in montagna. Si aggrega alla IV Brigata Garibaldi, operante in val Montuoso. Anche la scelta garibaldina non è casuale, ma il frutto di un'adesione ai principi di libertà e democrazia rappresentati allora dal Pci, di cui le Brigate Garibaldi erano un'emanazione. Il Piemonte, allora, era invaso dai nazisti, che con l'aiuto di molti reparti della Guardia Nazionale Repubblicana, controllavano le città. Sui monti e nelle campagne si erano costituite molte bande partigiane, che vedevano uniti sia partigiani del luogo che soldati del centro e sud  Italia che non erano riusciti a tornare a casa. Le valli dell'alto torinese videro poi caratterizzarsi figure partigiane eroiche, come quella di Isacco Artom o come quella del comandante Fassino, padre dell'ex sindaco di Torino. O come quella di Alfedo Sforzini

L'aver lavorato molto tempo in un Caffè, aveva reso Alfredo perspicace ed intraprendente. Per questo fu nominato capo dei servizi d'Informazione della Brigata. Il suo compito era insomma quello di raccogliere informazioni sul nemico e, per farlo, non si poteva certo restare sui monti.

Un giorno, scese a Cavour ed entrò nell'osteria La Verna Nuova. Contava di reperire notizie sul nemico, quando il nemico se lo trovò addosso. Era accaduto che un suo ex compagno d'armi, che dopo l'Armistizio era passato con Salò, lo avesse riconosciuto, indicandolo ai tedeschi.

Fu torturato in ogni modo ma non parlò. Fu condannato a morte e, quando il camion con il prigioniero giunse nell'abitato di Cavour, i nazisti si fermarono per poter impiccare il giovane ad un balcone vicino alla piazza principale. Alfredo non dette ai suoi aguzzini la soddisfazione di ucciderlo. Si pose da solo il cappio intorno al collo e si lanciò nel vuoto.

Morendo sì, ma raggiungendo l'immortalità per coloro che credono nella Pace e nella Democrazia.

Per questo Eroe con la E maiuscola, LIBRO, LUOGO, LASCITO MORALE.
LIBRO: La Resistenza spiegata a mia figlia, di Alberto Cavaglion.

LUOGO: Piazza Sforzini a ....Livorno. Lì una lapide degli anni Cinquanta racconta la storia della medaglia d'oro alla memoria Alfredo Sforzini.
LASCITO MORALE: La morte può essere un'affermazione di vita.

 

di Giancarlo Fioretti

 
+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra:




24/7/2016 - 17:23

AUTORE:
antipolitico pontigiano

Onore e rispetto per un eroe locale!