Skin ADV
Valdinievole OGGI
  • Cerca:
  • 16:11 - 30/11/2021
  • [protetta]
  • [protetta]
  •  

La zona è stata ripulita ritrovando decoro e sicurezza , per chi potesse preoccuparsi per gli " svantaggiati " a propria disposizioni ci sono enti , associazioni e uffici sociali disponibilissimi nel .....
BASKET

La nona giornata di campionato rappresentava una grossa insidia per la Gema di Marco Del Re: il pronostico è stato rispettato, c'è stato da sudare molto contro una Synergy Valdarno capace di rimontare dal -17 fino al 55-54 di metà terzo quarto. 

SERRAVALLE

Sabato 27 Novembre, alla presenza di diverse autorità locali e del Presidente Nazionale UNVS Francesca Bardelli si è svolta presso la sala convegni del ristorante Barbarossa a Serravalle P.se la XII edizione della “Giornata del Veterano Sportivo”.

BASKET

Sono state diramate le convocazioni per il raduno di Pesaro della Nazionale Under 18 Femminile (5-8 Dicembre). L'allenatore Giovanni Lucchesi ha convocato Margherita Tintori (classe 2006) come atleta in sostituzione.

BASKET

C’è grande soddisfazione in casa Nico Basket per la vittoria contro l’Alma Basket Patti di Sabato sera (85-72). Le ragazze hanno regalato al Presidente Nerini due punti importanti, che portano le rosanero a quota sei in classifica, ma soprattutto una partita spettacolare con tante azioni in velocità e canestri ad elevato tasso di difficoltà.

BASKET

Grande vittoria della Giorgio Tesi Group che ha superato l'Alma Patti col punteggio di 85-72. Dopo la vittoria in trasferta di Napoli le rosanero hanno saputo dare continuità al loro gioco e far divertire le tante persone presenti al Pala Pertini.

BASKET

E’ tempo di derby al PalaBorrelli dove la locale formazione della Cestistica Audace Pescia sfida la capolista Gioielleria Mancini. Pronti via e Bellini sgancia la bomba dall’angolo, i pesciatini tentano di reagire ma Chiti colpisce dalla media e coach Ialuna ricorre al minuto di sospensione.

CALCIO

Alle 14,30 allo stadio Mariotti, il Montecatini Valdinievole ospiterà il Castelnuovo Garfagnana in un match che si preannuncia decisivo per le sorti dei colori biancocelesti. Mister Mucedola non potrà contare sullo squalificato Gabriele Isola. 

SPORT

Sabato 27 novembre dalle ore 17 presso la sala convegni del ristorante Barbarossa, via Castellani, 4, Serravalle Pistoiese, si terrà la XII edizione della giornata del veterano dello sport - Premio Atleta dell’anno 2020.

none_o

La recensione di questa settimana a cura della libreria Mondadori di Montecatini è dedicata a un libro di Matteo Bussola.

none_o

Consigli di lettura di Maria Valentina Luccioli

Era un bambino come i bambini,
molto carino, coi ricciolini;
andava .....
LA TOSCANA IN TAVOLA
di Sissy Raffaelli

Un piatto delle montagne lucchesi.

IL SEGNO DEL MESE
di Sissy Raffaelli

Segno fisso di acqua, domiciliato in Plutone e Marte.

E'stato scritto e pubblicato un libro sulla presenza del grande .....
cerco bilocale affitto 300 o 350 euro zona Pescia, grazie arredato. .....
VALDINIEVOLE STORICA
di Giancarlo Fioretti
Le melodie celestiali di Bernardo Pasquini, principe della musica barocca

26/6/2016 - 11:49

La Pace di Cateau Cambresis del 1559 sancì il predominio assoluto della Spagna sull'intera penisola italiana. L'arte, la cultura ed il modo di vivere iberico, penetrarono quindi alle nostre latitudini, in modo profondo ed incisivo. La musica, come è ovvio, non fece eccezioni. La Spagna era da tempo diventata la patria del Barocco, in tutte le sue declinazioni, compresa l'espressione musicale, che ben si adattava alle celebrazioni ed alle liturgie ecclesiastiche. Il binomio monarchia-Chiesa Cattolica era infatti il fattore dominante del potere spagnolo, che dell'alleanza trono-altare aveva fatto il principale strumento di governo.

 

Chi voleva far musica nel Seicento quindi, doveva per forza cimentarsi con questo tipo di melodia. E Bernardo Pasquini, virtuoso musicista nato a Massa nel 1637, non fece eccezione, dedicandosi interamente alle composizioni barocche ed allo studio dell'organo da chiesa e del clavicembalo.

 

Apprese i primi rudimenti musicali dal maestro di Uzzano Mariotto Bocciantini, che gli forni le basi per affrontare i futuri impegni lontano dalla Valdinievole. Abbandonò infatti la terra natìa ben presto, intorno all'età di vent'anni. Varcò gli Appennini per approdare a Ferrara, ove un suo zio prete fu in grado di inserirlo nell'Accademia della Morte, ove ricoprì il ruolo di organista principale. Ferrara non era più il paradiso culturale estense di ariostesca memoria. Pur tuttavia era sempre una città dal pubblico esigente e dalla condizione economica al di sopra della media dell'epoca.

 

La sua fama cresce in maniera esponenziale, giungendo ben presto sulle rive del Tevere. All'ombra del Cupolone Pasquini giunse infatti nel 1657 per assumere l'incarico di organista presso la Chiesa di Santa Maria in Vallicella, detta comunemente Chiesa Nova.

 

Si trattava di un edificio interamente ristrutturato da pochi anni, sorto praticamente ex novo sulle fondamenta della chiesa adiacente all'oratorio di San Filippo Neri, il santo passato alla storia per l'invito che faceva agli orfanelli "state buoni se potete". In quell'epoca, i musicisti da organo avevano un'importanza basilare nel panorama culturale di una città. I prelati titolari delle chiese più importanti facevano a gara per accaparrarsi gli organisti migliori, un po'come oggi fanno i presidenti delle società calcistiche con i giocatori più talentuosi. Approdò quindi al prestigioso organo di Santa Maria Maggiore, in contemporanea con la titolarità dell'organo dell'Ara Coeli. Divenne infatti organista del Senato e del Popolo Romano, che aveva nella celebre Ara Coeli, con la sua celeberrima scalinata, la sua sede storica.

 

A Roma ebbe amicizie importanti, fra cui quella della famiglia Chigi e della famiglia Borghese. La sua bravura e la sua abilità compositiva rapirono anche l'interesse di Cristina di Svezia, la regina scandinava che dopo la sua conversione al cattolicesimo e la sua abdicazione, risiedeva a Roma. Nella città eterna, l'ex regina si dedicò alla carità per soddisfare la sua anima ed alla cultura per dare linfa al suo spirito. Cristina dette un impulso immenso alla poesia, al teatro ed alla musica. Pasquini divenne uno dei suoi idoli, e per lui si spalancarono le porte dell'Accademia dell'Arcadia, cui la regina sovraintendeva.


Suonò immergendosi nelle più auliche melodie sino alla morte, che lo colse  nel 1710.
Per meglio inquadrare Bernardo Pasquini, un LIBRO, un LUOGO , un LASCITO MORALE.
LIBRO: Virgilio Virgili, Bernardo Pasquini, musicista del XVII secolo, Editore Nucci, Pescia, 1908.. Il comune di Massa e Cozzile ha provveduto ad una ristampa anastatica.
LUOGO: La basilica di San Lorenzo in Lucinia, ove possiamo ammirare il suo monumentale sepolcro.
LASCITO MORALE: La passione di una vita non si abbandona mai.

 

di Giancarlo Fioretti

 
+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra:




28/6/2016 - 0:32

AUTORE:
Alessandro Riccomi

Tanto per integrare, il precettore di Bernardo Pasquini fu il sacerdote Mariotto Bocciantini da Montecarlo, pievano di Uzzano dal 1660 al 1675.

26/6/2016 - 12:12

AUTORE:
Giovanni Farnocchia

correggete il titolo