Skin ADV
Valdinievole OGGI
  • Cerca:
  • 22:02 - 25/2/2020
  • [protetta]
  • [protetta]
  •  

ecco quello che si intende per DESTRACCIA che cita fb .
BASKET

La Gioielleria Mancini in trasferta a Castelfranco in un campo storicamente ostico per i colori blu-amaranto, dove non sono mai riusciti a vincere.

BASKET

Iniziano questa settimana i playoff del campionato di A1 Uisp di basket del comitato Pistoia-Prato. La formula prevede che la prima classificata al termine della stagione regolare sia già qualificata, di diritto, alle Final Four, che si disputeranno a fine marzo.

RALLY

Sarà parte integrante di uno dei contesti più esclusivi del panorama rallistico “terraiolo” la scuderia Jolly Racing Team, impegnata - nel fine settimana - sui fondi del Rally Val d’Orcia.

RALLY

E’ un resoconto altamente soddisfacente, quello analizzato da Jolly Racing Team a margine della partecipazione dei propri portacolori all’Adria Rally Show, confronto che ha interessato il sodalizio valdinievolino sull’asfalto dell’Adria International Raceway, nel fine settimana. 

TIRO A SEGNO

Al poligono del Tiro a segno nazionale sezione di Carrara è andata in scena nei primi tre fine settimana di febbraio la 1a gara regionale federale del 2020.

BOXE

Il folto programma dilettantistico vedeva impegnato, all’esordio nella categoria Élite (i più bravi senza caschetto) il forte e talentoso pugile di Borgo a Buggiano Miguel Bachi.

HOCKEY

Pistoia mantiene i suoi ottimi standard e nella giornata finale del Campionato nazionale di Hockey Indoor di A2

BASKET

La Gioielleria Mancini arriva da quattro sconfitte consecutive, la partita contro Ghezzano è quindi fondamentale per restare attaccati al treno play-off. 

none_o

La recensione di questa settimana da parte della libreria Mondadori di Montecatini è dedicata a un libro di Vanessa Montfort.

none_o

La recensione dci questa settimana da parte della libreria Mondadori di Montecatini è dedicata a un libro di Gian Arturo Ferrari.

Soffioni

Impalpabili infiorescenze di sambuco
soavi di luce .....
VALDINIEVOLE STORICA
di Giovanni Torre

Altopascio, 16.000 abitanti, è da considerare parte integrante della Valdinievole.

VALDINIEVOLE STORICA
di Giovanni Torre

Ricordi dell'associazione dilettantistica calcio Montecatini.

Azienda di trasporto cavalli con sede operativa in Altopascio .....
Cerco elettricista x piccolo lavoro di manutenzione citofono .....
MONTECATINI -
Patrimonio culturale restaurato da Fondazione Credito Valdinievole pronto a essere esposto all'Accademia Scalabrino

25/2/2016 - 14:42

Il Credito Valdinievole, Banca di credito cooperativo di Montecatini Terme e Bientina, e la Fondazione Credito Valdinievole restituiscono alla città e ai turisti la possibilità di godere di uno straordinario patrimonio culturale. E' un vero e proprio laboratorio d'arte, infatti, quello acquisito dall'Accademia d'arte Dino Scalabrino e appena restaurato.


“La collezione – spiega Alessandro Belloni, presidente del Credito Valdinievole – nata da donazioni, dispone di un importante patrimonio tra dipinti, grafica e sculture. L'ex albergo La Villa delle Ortensie in viale Diaz, che dal 1970 ospita questi capolavori, tornerà a essere un punto di riferimento per la cultura cittadina, richiamando visitatori da tutta Italia e dall'estero”.


“Questo progetto – prosegue Valentino Pieri, presidente della Fondazione Credito Valdinievole - trova un riferimento fondamentale nella “Primavera classica” di Galileo Chini, un artista con un profondo legame con Montecatini: grazie alle generose donazioni fatte dalla famiglia, la Fondazione dispone di numerose opere di questo straordinario autore. Grazie alla valutazione di Paolo Bellucci, abbiamo deciso di dare vita a uno spazio assai dinamico, con un'accentuata presenza di strumenti multimediali. Sappiamo infatti che, in realtà simili alla nostra, dopo l'entusiasmo iniziale, mostre assai statiche hanno registrato pochi visitatori, dopo l'euforia iniziale".

 

Ecco come sarà organizzata la Villa delle Ortensie, dopo il restauro. Il piano interrato sarà interamente destinato a deposito delle opere, piccolo laboratorio per la manutenzione, locale per l’eventuale server, e magazzini di varia natura. Sarà collegato, per la movimentazione delle opere, con il piano terreno, mediante un elevatore di grandi dimensioni. Al piano terreno, gli spazi espositivi saranno destinati all’esposizione delle opere più significative della collezione, che si avvicenderanno per gruppi con una cadenza annuale.


“Oltre alla “Primavera Classica” - continua Belloni -  che sarà esposta in modo permanente all’ingresso, in uno spazio con doppio volume in modo da essere vista anche dal primo piano, le altre opere esposte, tra pittura e scultura, non saranno più di 25-30. Considerando che questa sezione comprende un centinaio di pezzi, le singole opere saranno visibili ogni 4/5 anni.

 

Il giardino sarà ricostruito come pensato e progettato dall’architetto Pietro Porcinai, e sarà a tutti gli effetti uno spazio integrato con le sale attigue.  Questi spazi, grazie alla contigua presenza di un locale per la preparazione di cibi e di servizio bar, saranno utilizzati per eventi di varia natura che, al di fuori del normale orario di apertura, potranno ulteriormente vivacizzare l’attività del complesso.

 

Al primo piano, lo spazio espositivo sarà destinato a mostre temporanee della durata di circa 3/4 mesi con opere prevalentemente della collezione della Fondazione con possibili ed eventuali inserimenti di opere provenienti dall’esterno o realizzate su temi e soggetti interni. Sullo stesso piano, a integrazione dello spazio espositivo per l’attività didattica saranno presenti una sala per proiezioni (la mattina con una scolaresca e il pomeriggio con cicli a tema, una saletta con un video di grandi dimensioni dove si potranno vedere in “immagine” tutte le opere della collezione, una biblioteca con punti di lettura e consultazione e una saletta con postazioni Internet).

 

Lo spazio soppalco sarà destinato ad attività didattica. Inoltre, gli spazi espositivi sui vari piani avranno anche una caratterizzazione temporale andando da quella del piano terreno, con la collezione classica, a quella del sottotetto, il massimo del contemporaneo, con l’attività didattica e i laboratori.  Ovviamente per esposizioni ed esigenze particolari i vari spazi si potranno congiungere per ospitare un unico evento. 

“Nei vari livelli espositivi – conclude Pieri -  le opere saranno affiancate da schermi video che potranno in base alle esigenze, attraverso immagini o filmati approfondire gli argomenti trattati.  Oltre che nella biblioteca, il materiale di lettura e consultazione sarà disponibile in modo diffuso nei vari spazi che si potranno trovare nell’intero complesso.  L’insieme di queste esposizioni, attività e programmazione permetteranno al visitatore occasionale di non trovare mai all’interno della Fondazione la stessa situazione della precedente visita, mentre il frequentatore abituale avrà una continuità operativa su cui poter contare per una sua maggiore formazione culturale”.

Fonte: Credito Valdinievole
 
+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra: