Skin ADV
Valdinievole OGGI
  • Cerca:
  • 10:06 - 27/6/2022
  • [protetta]
  • [protetta]
  •  

Apprezzo molto la sensibilità del signor GABRIELE nel suo intervento "RISPETTO DEL22/ 6 u. s. e RIMPIANTI DEL 24/ 6 u. s. " e lo ringrazio.
Poichè, da quanto ho capito, è un signore anziano .....
BOCCE

Nel Campionato di promozione categoria A bella vittoria della compagine biancoceleste in riva al Trasimeno, in una giornata torrida dove l’aria era irrespirabile, i ragazzi del Presidente Moreno Zinanni dopo un inizio claudicante del Torneo sembrano aver trovato la quadratura del cerchio gioco di pregevole livello e la conquista del secondo posto in classifica.

BASKET

Il Pistoia Basket 2000 è lieto di comunicare di aver prolungato l’accordo in essere con l’atleta Daniele Magro.

TIRO CON L'ARCO

Il 25 e 26 giugno la Asd Arcieri del Micco organizzerà a Pistoia l'edizione 2022 della Coppa Italia Master Fitarco di tiro con l'arco presso lo stadio comunale.

TIRO A SEGNO

Al poligono di Tiro a segno nazionale sezione di Lucca nei due week end centrali del mese di giugno è andato in scena il Campionato regionale federale.

RALLY

Ha di che sorridere Masino Motorsport, guardando agli ottimi riscontri ricevuti dal 9° Rally Terra di Argil, andato in scena nel weekend appena concluso e secondo appuntamento della Coppa Rally di Zona 7.

PODISMO

Il caldo di questi giorni e la vicina gara di Montecatini ha tenuto lontano i podisti la edizione 2022 del <<Trail del Capitano di ventura Spadaforte>> che si e disputato nel borgo sopra Buggiano.

BASKET

Il Pistoia Basket 2000 è lieto di comunicare di aver acquisito il diritto alle prestazioni sportive dell’atleta Jordon Malik Varnado.

PODISMO

L’Atletica Montecatini,con il patrocinio dell’ amministrazione comunale hanno voluto ricordare Raoul Bellandi,factotum di tutte le iniziative sportive della cittadina termale,organizzando una gara podistica con relativo trofeo alla memoria,giunto alla dodicesima edizione.

none_o

Costellazione: 5 passi tra creazione e memoria: dieci opere-faro del maestro.

none_o

Consigli di lettura di Ilaria Cecchi

Per te, che sei per me una fiammella,
che generasti il figlio .....
IL SEGNO DEL MESE
di Sissy Raffaelli

Il segno del solstizio d'estate.

IL MONDO IN TAVOLA
di Sissy Raffaelli

Arrosto capriccioso di tacchino

E'stato scritto e pubblicato un libro sulla presenza del grande .....
cerco bilocale affitto 300 o 350 euro zona Pescia, grazie arredato. .....
VALDINIEVOLE
Maltrattamenti alle fasce deboli: nel 2014 più di 80 casi al pronto soccorso di Pescia

20/5/2015 - 14:39

Cresce il numero delle “sentinelle” e l’integrazione operativa tra i servizi anche in Valdinevole contro il fenomeno dei maltrattamenti nei confronti delle fasce più deboli della popolazione: non solo donne e minori, ma anche anziani e disabili, omosessuali ed extracomunitari.
 
A due anni dall’attivazione del percorso “Codice Rosa” anche nel territorio della Valdinevole gli operatori sanitari e i volontari puntano tutto sulla prevenzione. Dall’inizio di questa’anno a oggi, al fine di far emergere sempre di più i cosiddetti casi sommersi, altre 33 persone sono state formate nell’ambito delle associazioni di volontariato:  a loro volta, formeranno altri volontari al fine di diffondere una maggiore sensibilità e capacità di osservazione del fenomeno della violenza, e a sviluppare  una maggiore conoscenza dei servizi e delle risorse del territorio a cui indirizzare le vittime.
 
Nuove “sentinelle” saranno quindi attive all’interno delle Pubbliche Assistenze, Misericordie e Croce Rossa della Valdinevole che dal corso formativo, organizzato dagli operatori sanitari di Ausl3, in collaborazione con la Società della Salute, il Comune di Montecatini, l’Asvalt e il centro Antiviolenza Liberetutte, hanno appreso anche gli aspetti giuridici e legali legati al fenomeno della violenza. 
 
La “Stanza Rosa” in pronto soccorso. Anche presso il pronto soccorso dell’ospedale SS Cosma e Damiano di Pescia - di cui è responsabile il dottor Fabio Daviddi - è attivo da due anni il percorso “Codice Rosa” riservato alle vittime di violenza:  prevede che la alla persona che ha subito maltrattamenti sia attribuito un codice criptato, che permette di avviare una procedura immediata di accoglienza, rapidità e riservatezza. La persona è poi condotta nella “stanza rosa”: uno specifico ambulatorio dove avviene la valutazione clinica ma, soprattutto, è un ambiente che assicuraprotezione alla vittima: proprio dalla “stanza rosa” inizia il percorso che potrà condurre la vittima anche ad un eventuale inserimento in una struttura se non potrà fare ritorno a casa. Gli operatori referenti del Codice Rosa nel pronto soccorso di Pescia sono la dottoressa Francesca Pacini, la coordinatrice infermieristica Vinci Zaira e l’infermiera Clementina Melchiorre.
 
“Ogni volta che una persona maltrattata giunge in pronto soccorso vengo subito informata per la presa in carico della situazione che prevede l’attivazione dei servizi territoriali con l’obiettivo da un lato di garantire alla vittima tutti gli aiuti necessari e dall’altro di velocizzare le procedure di denuncia presso le forze dell’ordine competenti", spiega la coordinatrice del Codice Rosa della Valdinevole dottoressa Sabrina Melosi.
 
Sinergia operativa. Oltre al pronto soccorso gli altri servizi coinvolti nel gruppo operativo del “Codice Rosa” sono i reparti aziendali di ostetricia e ginecologia, pediatria, i consultori, il servizio sociale della Società della Salute, la salute mentale infanzia e adolescenza e la collaborazione attiva con il centro antiviolenza della Valdinevole Liberetutte.


Grazie al protocollo d’intesa per la realizzazione di una task force interistituzionale per la prevenzione e il contrasto del fenomeno della violenza nei confronti le fasce deboli (Percorso Operativo Codice Rosa) firmato tra Ausl3, la Procura della Repubblica, la Questura di Pistoia e il Comando Provinciale dei carabinieri - nel 2014 - è garantita l’assegnazione e l’apertura del fascicolo entro 24 ore dalla segnalazione del caso e ai fini dell’accertamento del reato gli operatori sanitari consegnano tutta la documentazione (cartella clinica integrata, referti, eventuali foto di lesioni, ecc…). 
 
I casi. Gli accessi al pronto soccorso di Pescia con il “Codice Rosa” nel 2014 hanno riguardato 76 adulti (71 per maltrattamenti, 4 per abusi sessuali e 1 di stalking) di cui 8 uomini che vivevano in situazioni di malatrattamento in famiglia, e 6 casi di anziani anch’essi presi in carico a seguito di maltrattamenti; 12 minori (tutti per maltrattamento). Nel primo trimestre del 2015 si sono verificati 16 casi (15 hanno riguardato gli adulti e un minore).
 
“Sono in aumento le situazioni a rischio che riguardano gli anziani e che al momento sono sottostimate – fa sapere la dottoressa Melosi - ed è per questa ragione che, all’ultimo corso di formazione, abbiamo analizzato quali possono essere gli indicatori di maltrattamento, e quindi gli eventuali segnali, e le modalità di intervento per questa specifica fascia della popolazione”.

In foto: stanza del pronto soccorso all'ospedale di Pescia 

Fonte: Asl
 
+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra: