Skin ADV
Valdinievole OGGI
  • Cerca:
  • 17:08 - 12/8/2022
  • [protetta]
  • [protetta]
  •  

Caro Visconte, oltre carenze linguistico logiche , Ella sbaglia anche sull allusione alla bugia .
Il concorso non è a Pracchia ma a
Le Piastre .
Quanti strafalcioni in in paio di righe !!!!
IPPICA

All’Ippodromo Snai Sesana trotto di Montecatini Terme è tutto pronto per la serata di Ferragosto e per la 70a edizione del 'Gran Premio Città di Montecatini'.

CALCIO

Sono gli ultimi giorni di riposo quelli che stanno vivendo i giovani calciatori biancocelesti delle annate 2006, 2007, 2008 e 2009.

CALCIO

Ci sono persone il cui umore viene addirittura influenzato dal risultato di una partita, e sorge spontanea quindi la domanda: perché agli italiani piace così tanto il calcio?

PODISMO

Ancora appuntamenti nella montagna pistoiese per i podisti.

RALLY

Prosegue a ritmi serrati la programmazione stagionale di Jolly Racing Team ed arrivano ulteriori conferme in merito alla bontà del progetto.

BASKET

Per i ciabattini non era sufficiente avere la squadra senior in Serie C, non erano nemmeno sufficienti le sei squadre Under e tutte le categorie del minibasket, la squadra Uisp nonché il superteam Overlimits.

PODISMO

In una splendida giornata si è corso a Maresca la gara podistica competitiva di km 10 <> organizzata dalla Asd Sci Montagna Pistoiese in collaborazione con il circolo ricreativo Unione Tafoni e la collaborazione tecnica della Silvano Fedi Pistoia.

BASKET

Gli Shomakers chiudono il mercato in entrata con l’innesto del giovane Matteo Lepori ad affiancare Andrea Navicelli in cabina di regia ed è reduce dalla stagione 2021-2022 dove ha centrato la promozione in serie B con la maglia degli Herons Montecatini.

none_o

Premio di poesia Maria Maddalena Morelli "Corilla Olimpica" - Città di Pistoia, giunto alla sua V Edizione.

none_o

Al via una mostra inedita di opere tratte dal taccuino di un villeggiante inglese.

Per te, che sei per me una fiammella,
che generasti il figlio .....
IL MONDO IN TAVOLA
di Sissy Raffaelli

La ricetta dei carciofi spettinati

ZODIACO
di Sissy Raffaelli

Oroscopo di agosto

E'stato scritto e pubblicato un libro sulla presenza del grande .....
cerco bilocale affitto 300 o 350 euro zona Pescia, grazie arredato. .....
VALDINIEVOLE
Beppe Fiore (La Destra): "Governatore Rossi complice della desertificazione nella sanità in provincia"

2/11/2014 - 18:18

Comunicato stampa a cura di Beppe Fiore (La Destra): "In Toscana la carica di Governatore pare avere il sapore dell'immunità secondo il principio per cui se tutto va bene è merito della Regione mentre, in caso contrario, la colpa viene scaricata su chi ha eseguito gli ordini.

Non erano ancora stati ripescati i cadaveri delle due vittime dell'ultima alluvione in Maremma e Rossi tuonava contro i Consorzi di Bonifica ma, nei giorni successivi, i Magistrati indagavano i Sindaci. Riguardo poi alla "voragine" nell'ASL di Massa, il Granduca ha tentato di "crocifiggere" i Direttori Generali e la ditta che ha redatto i bilanci. Anche qui un buco nell'acqua, il Tribunale di Massa ha assolto prima Delvino e poi Scarafuggi mentre quello di Milano ha provveduto ad assolvere la ditta in questione condannando la Toscana anche alle spese processuali ammontanti ad alcune decine di migliaia di euro dei toscani e NON di Rossi!! Risultato: ancor oggi, il verosimile sperpero di alcune centinaia di milioni dei contribuenti non ha un responsabile o per lo meno non lo si può nominare.

Ed è proprio sulla Sanità che il nostro eroe picchierà sempre più duro. E' di questi giorni la notizia della riproposizione di un progetto caro da tempo al Granduca: la riduzione delle ASL toscane. Tre ASL, FI-PI-SI, corrispondenti alle attuali Aree Vaste nonchè sedi universitarie. Come ammesso dall'Enrico regionale, il risparmio degli stipendi della dozzina di direttori generali ed amministrativi che verrebbero congedati, è in effetti del tutto insignificante, una goccia nell'oceano del bilancio sanitario regionale mentre il dato saliente sarebbe la solita famigerata "razionalizzazione". In pratica la sublimazione del percorso di "dirigismo sanitario" in atto da tempo. A comandare la sanità continua ad essere solo il Granduca che riduce a tre i suoi fidati luogotenenti cui assegnare il controllo di territori più ampi, con un'enorme circolazione di denaro oltre agli "interessanti" rapporti con le università mediche ormai in ostaggio. In pratica tre "Vassalli" tramite i quali esercitare in maniera più completa e diretta il proprio enorme potere.

L'aspetto però in grado di colpire maggiormente i cittadini è quello del riordino dei servizi sanitari. Ad ognuna di queste tre nuove ASL faranno capo infatti alcuni ospedali e diverse strutture ambulatoriali. Il "signore locale", su indicazione della Regione, avrà la facoltà di rivoluzionare periodicamente, a suo insindacabile giudizio, l'organizzazione di servizi e personale sterzandoli ove riterrà più strategica la loro collocazione creando inevitabilmente, data la congiuntura sfavorevole, figli e figliastri tanto tra gli operatori quanto soprattutto tra i pazienti.

Così non è difficile pensare, in tempi relativamente brevi, ad un'accelerazione del processo, già oggi ben evidente, di progressiva desertificazione della sanità provinciale a favore di FI, PI e SI. Non a caso questo scenario prevede la soppressione dei primari ospedalieri. In tutta la regione ne rimarranno solo tre per ogni specializzazione: uno per ogni mega-asl. Nuove aberranti figure di "succube di lusso" con il ruolo di realizzare quella che a Firenze si scrive razionalizzazione ma che in provincia si legge macelleria sociale!!

Vengono i brividi a pensare al ben gramo destino che si sta così preparando sia per il nosocomio pistoiese ma ancor più per il nostro ospedale valdinievolino già in grave debito d'ossigeno. Al suo confronto, il tanto vituperato ruolo attuale di "depandance per la servitù" del S.Jacopo ci sembrerà un paradiso perduto. Dovrebbe poi mettere in allarme il combinato disposto di questa ultima trovata del Granduca con le parole, di certo non casuali, di Nardella in una trasmissione di pochi giorni fa. L'attuale sindaco di FI faceva capire come un problema serio necessario di rapida soluzione, fosse la carenza di posti letto di lungodegenza e per le cure intermedie che, tra l'altro, costano molto meno di quelli per acuti. 

Non sarà mica che, sotto sotto, accarezzino l'idea di concentrare la ricettività per acuti il più possibile in prossimità del centro confinando lungodegenza e cure intermedie in periferia? Ed in tal caso cosa ci sarebbe di più periferico del Cosma e Damiano?

In questo che potrebbe rivelarsi il terremoto finale per l'assistenza sanitaria in Valdinievole sarà bene che il sindaco di Pescia in primis ma anche gli altri sindaci che poggiano il loro illustre deretano sui costosi scranni della (inutile!) Società della Salute e della (altrettanto inutile!) Provincia, si diano una mossa, altro che Consulta Sanitaria pesciatina!! Una scaltra trovata, stile confessionale del G.F., in cui disinnescare la protesta in fiumi di sterili parole totalmente ininfluenti sulle strategie granducali."

Fonte: Beppe Fiore
 
+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra: