Skin ADV
Valdinievole OGGI
  • Cerca:
  • 10:08 - 26/8/2019
  • [protetta]
  • [protetta]
  •  

Commentatore anonimo che mi sta in cagnesco, assurdo ed inutile provocatore da tastiera, ascolti a me che una sera, leggendo questo quotidiano , mi ero trovato a confrontarmi con un piccolo nano assatanato. .....
BOCCE

La bocciofila di Pieve a Nievole non scherza e sarà il centro delle bocce nazionali sabato 31 agosto e domenica 1 settembre. No sarà la gara tradizionale a livello regionale ma due nazionali con ben 256 atleti provenienti dall’intera penisola.

RALLY

Terminato in questi giorni di ferie il lavoro preparatori della Pistoia Corse e dell’Aci Pistoia per l’edizione dei quaranta anni del Rally Città di Pistoia.

TIRO A SEGNO

Come da tradizione, il giorno di Ferragosto all’interno del parco Sandro Pertini in piazza della Libertà a Chiesina Uzzanese è andata in scena la 39a Gara canora di uccelli da richiamo, organizzata dall’associazione Fiera degli uccelli di Chiesina Uzzanese.

CALCIO

Il tempo delle vacanze è terminato per la Larcianese che alle ore 17,30 di domenica 18 agosto si ritroverà prima in sede e poi sul terreno dello stadio "Cei" per l'inizio della preparazione al prossimo campionato.

CALCIO A 5

Non è ancora chiaro quale sarà il campionato d'appartenenza, visto che la società biancoceleste è più che mai in lizza per un ripescaggio in Serie C2, in compenso in casa MontecatiniMurialdo per quanto riguarda la prima squadra di calcio a 5 sono chiarissime le idee in vista la nuova stagione.

BASKET

Il Pistoia Basket 2000 è lieto di comunicare di aver acquisito il diritto alle prestazioni sportive dell'atleta Jean Myriam Jozef Salumu.

PODISMO

In una calda serata di agosto e con una numerosa partecipazione di podisti, si è svolta nella località di Vangile in occasione della festa rionale, la tredicesima edizione del <<Trofeo Vangile in Festa>>, sulla distanza di km 8,800.

IPPICA

All’Ippodromo Snai Sesana e’ stata una edizione del Gran Premio Citta’ di Montecatini di grande successo. Circa 13.200 persone, infatti, hanno assistito allo spettacolo che l’impianto del trotto della Valdinievole ha offerto con tante attrattive e attività di intrattenimento culminato con lo spettacolo pirotecnico a fine convegno. Presente anche il Ministro Gian Marco Centinaio.

none_o

La recensione di questa settimana da parte della libreria Mondadori di Montecatini è dedicata a un libro di Madeleine St John.

none_o

La recensione di questa settimana da parte della libreria Mondadori di Montecatini è dedicata all'ultimo libro di Elif Shafak.

E si vive di ricordi, di sogni
impressi nel sinuoso corpo
dell’Ombrone .....
VALDINIEVOLE STORICA
di Giovanni Torre

Altopascio, 16.000 abitanti, è da considerare parte integrante della Valdinievole.

VALDINIEVOLE STORICA
di Giovanni Torre

Ricordi dell'associazione dilettantistica calcio Montecatini.

BUONASERA sono in possesso di diploma di adb e oss sono attualmente .....
Buonasera a tutti per informazioni o preventivi per rimettere .....
none_o
Il padre di Massimo: "Non vendetta, ma giustizia per una vittima innocente"

30/10/2014 - 9:32

PONTE BUGGIANESE - Di seguito pubblichiamo la toccante lettera scritta da Massimiliano Massimi, padre del diciassettenne morto in un incidente stradale.

 

"Sono il Luogotenente Massimiliano Massimi, Comandante della stazione carabinieri di Pescia, il padre di Massimo, uno splendido ragazzo di diciassette anni che mi è stato portato via improvvisamente nell’ incidente stradale accaduto il 23 ottobre a Ponte Buggianese.

 

Scusatemi se vi disturbo, ma seppure terribilmente provato dalla immensa tragedia che ha colpito profondamente la mia famiglia, sento la necessità di esprimere i nostri più sentiti ringraziamenti per l’affetto, la solidarietà, il corale amore, la partecipata vicinanza che parenti, amici di famiglia, amici di Massimo, concittadini pontigiani, dirigenti, insegnanti, compagni di scuola, istruttori e compagni di sport, rappresentanti e vertici delle istituzioni civili, militari e religiose, rappresentanti dell’Ordine Francescano Secolare, dell'Opus Dei, del Lions Club, Rotary Club, della Croce Rossa Italiana e dell’Accademia Collegio dei Nobili, colleghi dell’Arma con le loro famiglie, di tutte le forze di Polizia e dei corpi dello Stato, delle associazioni combattentistiche d’Arma, delle associazioni di volontariato , ma soprattutto la immensa folla di gente di ogni ceto ed età provenienti da tutti i luoghi in cui ho prestato il mio servizio. Grazie veramente a tutti di cuore. Per me e la mia famiglia è stato di gran conforto vedere tantissime persone stringerci così amorevolmente attorno.

 

Mio figlio Massimo, il Principino, come affettuosamente lo chiamavano in famiglia, è riuscito a farci sentire il suo amore attraverso tutti voi. Massimo era un bravo ragazzo, educato, intelligente, solare, sempre con quel suo sorriso, che mi rimarrà impresso nel cuore e nella memoria, che nel momento in cui lo rimproveravo per dei discorsi o atteggiamenti che non corrispondevano all’educazione che gli abbiamo impartito, lui mi spiazzava dicendomi: papà, sei antico. Subito dopo mi spiegava, con la sua innata simpatia, che il mondo si era evoluto e che nella vita, qualche volta bisognava dare sfogo anche alle emozioni che si provavano in quel determinato momento, uscendo dai canoni rigidi che gli avevo imposto.

 

Non sono mai stato un grande appassionato di social network, al contrario di mio figlio, ma mi hanno detto che in questi giorni la sua pagina di face book è inondata di messaggi di solidarietà, cordoglio e affetto ma anche di qualcuno che vuole vendetta. No, questo non deve assolutamente avvenire. La vendetta è del Signore così recitano le sacre scritture. Io, rappresentante dello Stato e della legge, non posso, non debbo, non voglio vendetta, ma solo giustizia. Per mio figlio Massimo, come per tante altre innocenti vittime, io chiedo solo giustizia.

 

La sua giovane ma intensa vita, non deve essere stata troncata invano. Mi batterò con tutte le mie forze, con il sostegno del mio Principino dal cielo, facendo appello a tutti coloro che conosco e hanno la massima responsabilità legislativa ed esecutiva nella nostra Repubblica, perché legiferino senza perdere ulteriore tempo, l’ipotesi delittuosa dell’omicidio stradale. 

 

In quasi trenta anni di onorata carriera, diverse volte, sono stato latore di notizie simili a quella che ho ricevuto io la serata del 23 ottobre. In queste indicibili circostanze ho sempre cercato di usare il massimo tatto, la pietas che in questi tragici momenti non solo è necessaria ma soprattutto doverosa. Questo perché già nel 1995 la mia famiglia aveva subito un analogo evento a quello che ci ha colpito più recentemente. Il 9 giugno di quell’anno, il fratello di mia moglie. Maurizio Poggetti di 29 anni, nel comune di Montecarlo (LU), nei pressi della fattoria del Teso, c’era stato strappato anche lui inaspettatamente. Da quel momento ho maturato dentro di me che in simili circostanze è necessario spogliarsi dell’autorità e mostrare il lato umano dello Stato. Forse proprio per questo motivo, anche quando l’increscioso compito non mi riguardava direttamente perché non avvenuto nella mia sfera giurisdizionale ma in quella immediatamente limitrofa o comunque nell’ambito della Valdinievole, i miei colleghi mi hanno chiesto di coadiuvarli in questo arduo compito.

 

Anche nel momento della tragedia di Massimo, con mia moglie e mia figlia, abbiamo deciso tutti contemporaneamente di donare i suoi organi, perché quando apprendevamo di simili sciagure dai telegiornali mentre magari stavamo cenando tutti e quattro insieme, commentavamo favorevolmente, specialmente Massimo, quel bellissimo gesto di solidarietà dei congiunti anche nell’estremo dolore. Così ci è venuto spontaneo farlo e siamo riusciti nel nostro intento donando soltanto le sue cornee perché per gli altri organi non era più possibile. Vivremo nella consapevolezza che un altro essere umano potrà vedere attraverso gli splendidi occhi del nostro principino.

 

Alla messa del funerale di Massimo abbiamo richiesto esplicitamente, attraverso i celebranti, che le offerte raccolte fossero destinate alla Pubblica Assistenza Croce Oro di Ponte Buggianese. L’intero ricavato di Euro 2.013,79 è stato trasformato in un assegno bancario circolare, che nei prossimi giorni consegneremo ai responsabili di quella meritoria associazione, perché la utilizzino nella loro attività in ricordo di mio figlio. 

 

Ora un ultimo pensiero lo voglio rivolgere alle popolazioni della Valdinievole, e in particolare ai cittadini di Pescia e Uzzano. Carissimi, in questi giorni sono lontano dal mio dovere ma ci sono i miei collaboratori a cui vi potete tranquillamente rivolgere con la massima fiducia perché sono militari professionalmente capaci e addestrati ad affrontare ogni situazione ed esigenza. Come sempre, ed ora ancora di più, l’Arma di Pescia è a vostra completa disposizione. Pronta e solerte per rispondere a tutte le situazioni e i bisogni della cittadinanza. Io in questo momento devo continuare a elaborare l’immenso dolore che mi ha colpito, devo essere vicino a mia moglie e a mia figlia e ai miei parenti, ma vi giuro solennemente che tra pochi giorni sarò nuovamente il Comandante della vostra stazione Carabinieri. Ve lo devo. Lo devo all’Arma dei Carabinieri che mi conferito questo bellissimo incarico. Lo devo soprattutto al mio principino che era, è e dovrà essere sempre orgoglioso di suo padre e del ruolo che svolge nella società. Grazie ancora a tutti per l’effetto e l’amore che avete dimostrato a questo servitore dello Stato, alla sua famiglia, ma soprattutto a Massimo".

 
+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra:




31/10/2014 - 10:20

AUTORE:
Dr. Vincenzo Ippolito

E' innaturale che un giovane lasci la vita terrena. E' inconcepibile che un ragazzo così giovane venga strappato alla vita senza averla vissuta.
Il contenuto di una lettera così bella, scritta con il cuore e con la mente tocca la sensibilità di tutti e il dolore che traspare da ogni riga può essere rapportato soltanto all'essere gentiluomo quale è il Luogotenente Massimi. La Famiglia per quanto deturpata dalla sconvolgente realtà esiste ed è importante prosegua nel percorso terreno. Forza Massimiliano, Forza Monica, aiutatevi l'un l'altro proseguendo nel messaggio d'amore che ci avete trasmesso e che per noi tutti che soffriamo con Voi è anche una lezione di Vita. Massimo ci ha preceduti ma da Lassù vuole che la Sua Meravigliosa Famiglia affronti la vita quotidiana nel Suo Soave ricordo e nella speranza della Serenità per coloro che ne fanno parte oggi e ne faranno parte in futuro.

30/10/2014 - 21:20

AUTORE:
Paola - Montecatini Terme

Ho letto questa lettera con le lacrime agli occhi...e' troppo bella. Massimo, il "Principino", come affettuosamente lo avete sempre chiamato in Famiglia, e' sicuramente orgoglioso di Suo Padre che, con il cuore a pezzi e' riuscito a scrivere un messaggio del genere ! Massimo, questo fiore che stava sbocciando, dall'espressione solare, simpatico, pieno di energia, vuole che piano piano ricominciate a vivere. Fatelo per Lui che nella Sua breve brevissima esistenza terrena ha avuto la fortuna di avere / vivere in una Famiglia così bella, così affettuosa. Lui sarà il Vostro Angelo Custode 🎈🎈🎈👦🎈🎈🎈💒